SCHEDA INSEGNAMENTO- requisiti trasparenza

advertisement
SCHEDA INSEGNAMENTO- requisiti trasparenza
1. NOMINATIVO DELL'INSEGNAMENTO
PSICOLOGIA GENERALE E DELLE DIFFERENZE (MPSI/01)
2. CREDITI ASSOCIATI ALL'INSEGNAMENTO
12 CFU
3. CORSO DI LAUREA:
Scienze e tecniche psicologiche
4. ANNO DI CORSO
primo
5. NOMINATIVO DOCENTE
Sara Invitto
6. CURRICULUM DEL DOCENTE
Ricercatore confermato di Psicologia Generale presso l'Università del Salento.
Attualmente insegna Psicologia generale e di Personalità per il CdL si Scienze e Tecniche
Psicologiche
e Psicologia della Visione per il CdL in Ottica e Optometria.
Temi di ricerca vertono sulle nuove rappresentazioni legate alla maternità e alla visione e
apprendimento.
Psicologa e Psicoterapeuta S.I.AB.
7. PROGRAMMA
Il corso intende sostenere gli studenti nell’acquisizione di coordinate concettuali e metodologiche in
grado di orientare e organizzare l’azione professionale in funzione delle relazioni, dei contesti e
degli scopi per cui è attivata, nei diversi contesti applicativi della psicologia generale e sperimentale
il corso analizzerà i seguenti argomenti:
- metodologia della ricerca in psicologia: empirismo, misurazioni, campione, stabilire la causalità a
livello cerebrale;
- neuroscienze e comportamento: i neuroni, i neuroni specchio, trasmissione elettrica e chimica
sinaptica, organizzazione del sistema nervoso, tecniche di visualizzazione in vivo.
- sensazione e percezione: la visione (con particolare riferimento a visione e apprendimento ed alle
tecniche di visual training), l'udito (percezione del suono e percezione musicale), il tatto, il dolore,
equilibrio, postura e movimento;
- memoria: codifica, immagazzinamento, recupero, forme multiple di memoria, disturbi di
memoria;
- apprendimento: apprendimento e comportamentismo, Pavlov, apprendimento del linguaggio negli
animali,
condizionamento operante, apprendimento implicito
- pensiero e linguaggio: linguaggio e comunicazione, il bilinguismo, concetti e categorie, giudizio e
decisione, problem solving;
- coscienza: conscio e inconscio, sonno e attività onirica, sostanze psicoattive, stati alterati di
coscienza, l'ipnosi;
intelligenza: definizione e misurazione dell'intelligenza, intelligenze multiple, intelligenza e geni
(DNA)
- emozione e motivazione esperienza emozionale, ontogenesi e filogenesi del comportamento
emozionale, funzione delle emozioni, emozioni e istinti;
- sviluppo: prenatalità, sensazioni prenatali, ambiente prenatale, fasi di sviluppo sensoriale e
percettivo;
- personalità: teorie di personalità, misurazione dei tratti di personalità, l'approccio psicodinamico,
l'approccio umanistico-esistenziale, l'approccio socio-cognitivo, teorie del Sé
- contemporaneità e nuove tecniche di concepimento: bioetica e teorie sulla personalità legate alla
PMA
Una parte del programma sarà affidata al Prof. Genuario Belmonte che analizzerà dal punto di vista
etologico ed evoluzionistico i seguenti argomenti:
Il comportamento degli animali. Cause prossime e remote, comportamenti semplici e complessi.
Comportamenti innati ed appresi. Percezione dell’ambiente, i recettori sensoriali. Tipologia delle
risposte agli stimoli, sincronizzazione con le variazioni ambientali prevedibili e orologi interni
(cronobiologia, ritmi circadiani, ultradiani e infradiani). Genetica del comportamento.
Conflitti e Sostituzioni.
Cultura, apprendimento
Imprinting, Assuefazione, Affaticamento, Esperienza.
Comportamenti legati alla riproduzione e loro evoluzione: corteggiamento, scelta sessuale,
competizione spermatica e sessuale, accudimento della prole e investimento parentale.
Atteggiamenti coesivi e importanza della parentela, territorialità e aggressività, ritualizzazionee
comunicazione. Tipi di aggregazione e associazioni.
Il comportamento sociale: collaborazione, ripartizione dei compiti e caste, coordinamento e
comunicazione. Altruismo ed Egoismo. Rassegna delle principali tipologie di manifestazione della
socialità tra gli animali: gregarismo, gruppi, società con suddivisione temporanea dei compiti,
società con caste, colonialità.
8. RISULTATI DI APPRENDIMENTO ATTESI
I risultati di apprendimento attesi concernono la capacità di organizzare in quadri teorici e
metodologici sistematici e coerenti le teorie inerenti lo studio della mente e del comportamento.
Tale competenza si dovrà evincere in particolare nell'analisi di progetti e articoli sperimentali e di
esperienze pratiche di osservazione e di ricerca nell'ambito degli argomenti legati alla Psicologia
generale e alla sua caratteristica multidisciplinare.
9. TESTI DI RIFERIMENTO
Daniel Schacter, Daniel Gilbert, Daniel Wegner Psicologia Generale Zanichelli 2010
S.Invitto All'origine era Franco Angeli 2005
J.Alcock Etologia. Un approccio evolutivo Zanichelli 2007
testo opzionale di riferimento: M.Gazzaniga, Human, quel che ci rende unici, Raffaello Cortina
Editore, 2009
9.1. PROGRAMMI D'ESAME PARZIALI
Gli studenti con riconoscimento di CFU nel settore disciplinare M-PSI/01, ai quali è
conseguentemente richiesto di sostenere l'esame per un numero di CFU inferiore a 12, si atterranno
al seguente schema di programma, definito in ragione del numero di CFU residui da acquisire.
Tali studenti svolgeranno esclusivamente la prova d'esame orale.
1 CFU: cap. 1 e cap.2 del testo Daniel Schacter, Daniel Gilbert, Daniel Wegner Psicologia
Generale Zanichelli 2010
2 CFU: cap. 1 , 2, 3,4 del testo Daniel Schacter, Daniel Gilbert, Daniel Wegner Psicologia
Generale Zanichelli 2010
3 CFU: cap. 1 , 2, 3,4, 5, 6 del testo Daniel Schacter, Daniel Gilbert, Daniel Wegner Psicologia
Generale Zanichelli 2010
4 CFU:cap. 1 , 2, 3,4, 5, 6,7,8 del testo Daniel Schacter, Daniel Gilbert, Daniel Wegner Psicologia
Generale Zanichelli 2010
5 CFU:1 , 2, 3,4, 5, 6,7,8,9,10 del testo Daniel Schacter, Daniel Gilbert, Daniel Wegner Psicologia
Generale Zanichelli 2010
6 CFU. 1 , 2, 3,4, 5, 6,7,8,9,10,11,12 del testo Daniel Schacter, Daniel Gilbert, Daniel Wegner
Psicologia Generale Zanichelli 2010
7 CFU: 1 , 2, 3,4, 5, 6,7,8,9,10,11,12,13 del testo Daniel Schacter, Daniel Gilbert, Daniel Wegner
Psicologia Generale Zanichelli 2010
8CFU: Daniel Schacter, Daniel Gilbert, Daniel Wegner Psicologia Generale Zanichelli 2010
primi due capitoli del testo S. Invitto All'origine era Franco Angeli 2005
9CFU: Daniel Schacter, Daniel Gilbert, Daniel Wegner Psicologia Generale Zanichelli 2010
S.Invitto All'origine era Franco Angeli 2005
10 CFU: Daniel Schacter, Daniel Gilbert, Daniel Wegner Psicologia Generale Zanichelli 2010
J.Alcock Etologia. Un approccio evolutivo Zanichelli 2007
11 CFU: Daniel Schacter, Daniel Gilbert, Daniel Wegner Psicologia Generale Zanichelli 2010
S.Invitto All'origine era Franco Angeli 2005
J.Alcock Etologia. Un approccio evolutivo Zanichelli 2007
10. PROPEDEUTICITA'
11.ORARI E LUOGO DI RICEVIMENTO DEL DOCENTE
Ricevimento martedì dalle 9,00 alle 11,00
Altri giorni su appuntamento, fissato tramite e mail
Studio del docente: Palazzo Parlangeli – via Stampacchia - stanza 43/A (IV piano)
Indirizzo e-mail: [email protected]
bacheca elettronica (avvisi, materiali e letture relative all’insegnamento): pagina docente su
https://www.scienzedellaformazione.unisalento.it/home_page
12.ORGANIZZAZIONE DELLA DIDATTICA
Il corso prevede 72 ore di lezioni frontali,
Le prime lezioni avranno una funzione introduttiva al corso. Se ne presenteranno gli obiettivi,
l’articolazione, la metodologia di lavoro, i testi, i criteri di valutazione, le modalità di verifica.
successivamente, attraverso visione di filmati e ausili multimediali si entrerà nel vivo degli
argomenti del Corso.
Per affrontare temi specifici all'interno delle lezioni (i.e., psicofisiologia della musica, visual
training ed etologia) ci sia avvarrà di docenti esterni per sottolineare la multidisciplinarietà
affrontata all'interno dell'insegnamento di Psicologia Generale e di Personalità.
13. FREQUENZA
Come da regolamento didattico, la frequenza alle lezioni è obbligatoria.
Saranno attivate modalità sistematiche di controllo della frequenza
La frequenza di almeno il 75% delle lezioni è condizione indispensabile per poter sostenere l'esame
Gli studenti a cui la Facoltà riconosce lo status di studente lavoratore sono esentati dall'obbligo
14. EVENTUALI ATTIVITÀ DI SUPPORTO ALLA DIDATTICA
Attività interne all'orario delle lezioni. Seminari conclusivi di sintesi
Attività in orario ulteriore:
Colloqui individuali con il docente o tutor dedicati a supporto della didattica frontale (su
appuntamento).
15. METODO DI VALUTAZIONE
L'esame prevede un accertamento scritto e un esame orale
Criteri di ammissione all'esame
E' richiesta la prenotazione (esclusivamente on line, tramite la procedura informatizzata di Ateneo)
con almeno 7 giorni di anticipo rispetto alla data di inizio appello).
Lo studente che non dovesse superare l'esame deve attendere almeno 30 giorni prima di sostenere
nuovamente l'esame.
Sono ammessi a sostenere la prova d'esame gli studenti che presentano all'atto della prova
documentazione circa la propria identità e il possesso dei requisiti previsti dal Corso, secondo le
modalità previste (certificazione dell'obbligo presenza o condizione studente lavoratore,
annullamento debito formativo, ove presente, ecc.).
L'orario dell'appello va inteso come indicante l'apertura della sessione di esame.
In fase iniziale, viene fatto l'appello nominale degli studenti prenotati. Qualora i vincoli logistici lo
imponessero - stabilito il calendario dei lavori, con la ripartizione degli studenti in fasce orarie. Gli
studenti risultanti assenti perdono la facoltà di partecipare alla prova.
Data e modalità di pubblicazione dei risultati e della verbalizzazione e dei colloqui integrativi viene
indicata prima dell'inizio della prova.
17.DATI STATISTICI
Si rimanda ai report pubblicati sul sito del Corso di Laurea
18. DATE DI INIZIO E TERMINE DEL CORSO
Inizio: novembre 2010, giorno d’inizio per come definito dal calendario didattico della Facoltà
Termine: gennaio 2011.
19. CALENDARIO PROVE DI ESAME
Si rimanda al sito di Facoltà
Scarica