- i rancatori

annuncio pubblicitario
torre Delago
Via Spigolo Piaz (2790 m.)
Regione:Trentino Alto Adige
Gruppo montuoso:Catinaccio
Dislivello:140 m.
Tempo di percorrenza:2 h. 30'
Difficolta:IV
Materiali:2 mezze corde da 50 metri, 10 rinvii, pochi friends medio-grandi, cordini, fettucce.
La chiodatura è buona e sicura lungo tutto il percorso e le soste sono sempre su fittoni con catena
Attacco:
Dal rifugio Re Alberto I, raggiungere la base delle torri per breve traccia di sentiero. Una serie di
facili roccette gradonate conduce, in diagonale verso sinistra, su una comoda cengia poco sopra la
forcella tra la Torre Piaz e la torre Delago: qui, a pochi metri dal filo dello spigolo, è attrezzata una
sosta su resinati.
Descrizione:
1° TIRO:
Salire verticalmente la bella placca a destra dello spigolo sul versante del rifugio. Dopo i primi
metri facili e su ottimi appigli, raggiungere un ripiano e, in corrispondenza di una fessurina,
traversare leggermente a destra per superare il muro successivo dove è un po' meno verticale.
Un'ultima breve placchetta conduce alla sosta presso un aereo e spettacolare terrazzino proprio sul
filo dello spigolo, qui molto sottile e verticale (30 m, III+ e IV).
2° TIRO:
Con un passo molto esposto si passa sul tetro ed ombroso versante di val di Tires: afferrando gli
appigli un po' consumati sul filo dello spigolo, si rimonta un primo salto verticale (2 ch) per poi
tornare sul versante del rifugio su rocce più facili ed appigliate.
Un'ultimo breve tratto in fessura permette di superare un muretto e di arrivare alla comoda sosta
sovrastante (25 m, IV, III e IV-).
3° TIRO:
Per bel diedro fessurato si sale a raggiungere il filo dello spigolo, qui decisamente più appoggiato e
facile, sino alla sosta (25 m, IV- e III-).
4° TIRO:
Risalire con decisione la fessura verticale che incide il salto successivo (utili friend medio-grandi).
Al termine della fessura traversare a destra e scalare una bella placca verticale di roccia bianca e
ben appiggliata che termina al terrazzino di sosta (30 m, IV).
5° TIRO:
Rimontare senza difficoltà rilevanti le ultime rocce che conducono sulla cresta terminale.
Prestando molta attenzione alla roccia instabile, traversare a destra, superare un aereo ponticello
formato da alcuni massi incastrati, e raggiungere il primo anello di calata posto su un minuscolo
terrazzino di fronte alla torre Stabler.
Discesa
Con una corda doppia da 40 m (o due da 20) scende alla sottostante forcella tra la torre Delago e la
torre Stabler (in realtà la forcella è un ponte formato da un masso incastrato nello stretto camino).
Con un'altra doppia sempre da 40 metri sul versante del rifugio (anche questa doppia è divisibile in
due), si scende nello stretto e strapiombante camino formato dalle due torri sino al suo termine su
breve cengia.
Un'ultima doppia riconduce infine nei pressi dell'attacco della
Scarica
Random flashcards
CRANIO

2 Carte oauth2_google_d7270607-b7ab-4128-8f55-c54db3df9ba1

Present simple

2 Carte lambertigiorgia

Prova Lavoro

2 Carte nandoperna1

biologia

5 Carte patty28

DOMENICA 8 DICEMBRE

4 Carte oauth2_google_6fa38c4a-fb89-4ae3-8277-fdf97ca6e393

creare flashcard