Venerdì 25 gennaio ore 21: “Adipochine e tumore mammario: ruolo

annuncio pubblicitario
COMUNICATO STAMPA
ACCADEMIA DI MEDICINA DI TORINO
Dimostrato il legame tra obesità e tumore alla mammella
Venerdì 25 gennaio ore 21: “Adipochine e tumore mammario:
ruolo della leptina”
Diverse evidenze cliniche ed epidemiologiche supportano il legame esistente tra obesità e
carcinoma mammario, soprattutto nel periodo della post-menopausa. Venerdì 25 gennaio
2013 alle ore 21, presso l’Aula Magna dell’Accademia di Medicina di Torino in via Po 18
(1° piano), si terrà la seconda seduta del 2013 dell’Accademia di Medicina di Torino dal
titolo “Adipochine e tumore mammario: ruolo della leptina”. Relatore sarà il professor
Sebastiano Andò (Direttore del Dipartimento di Farmacia e Scienze della Salute e della
Nutrizione dell'Università degli Studi della Calabria), che sarà presentato dal Socio
dell'Accademia professor Giuseppe Poli. Le sedute sono pubbliche. Info:
www.accademiadimedicina.unito.it.
Diverse evidenze cliniche ed epidemiologiche supportano il legame esistente tra obesità e
carcinoma mammario. Gli studi condotti dal gruppo di ricerca del professor Andò, ripresi
dalle più diffuse riviste di divulgazione scientifica negli Stati Uniti, hanno chiarito il nesso
molecolare alla base del legame esistente tra obesità e tumore mammario. In particolare,
tali studi hanno dimostrato come la leptina, una adipochina prodotta principalmente dal
tessuto adiposo, ha un ruolo cruciale nella produzione locale di estrogeni,
nell’amplificazione dello stesso segnale estrogenico e nel crosstalk con fattori di crescita
che cumulativamente stimolano la carcinogenesi mammaria. Pertanto, nella condizione di
obesità in post-menopausa, quando i livelli degli estrogeni circolanti sono bassi, la leptina
ne può potenziare l’azione e quindi simulare gli effetti di un livello alto di estrogeni. La
leptina stimola le fasi precoci di crescita dei tumori mammari primari inducendo un
incremento della e-caderina, una nota proteina di adesione omotipica. Inoltre, la leptina fa
da tramite tra le cellule mammarie cancerose e il microambiente in cui si trovano, costituito
soprattutto da adipociti, cellule del sistema immunitario e fibroblasti associati al cancro
(CAFs), che giocano un ruolo cruciale nella progressione del tumore. A livello del
microambiente tumorale si crea un circolo vizioso: la leptina stimola la crescita, la motilità
e l’invasività delle cellule tumorali, ma le cellule tumorali a loro volta producono una serie
di fattori di crescita che stimolano la proliferazione e la migrazione dei CAFs e la
successiva produzione di leptina. Infine gli studi del professor Andò hanno proposto alcuni
approcci terapeutici che interferendo con le azioni della leptina possono ritardare la
progressione del tumore mammario. Tali risultati rivestono particolare interesse per le
prospettive terapeutiche del tumore mammario, soprattutto nelle donne obese.
L’addetto stampa
Accademia di Medicina di Torino
Pierpaolo Berra
Scarica
Random flashcards
CRANIO

2 Carte oauth2_google_d7270607-b7ab-4128-8f55-c54db3df9ba1

Prova Lavoro

2 Carte nandoperna1

Generatore elettrica

2 Carte oauth2_google_edd7d53d-941a-49ec-b62d-4587f202c0b5

DOMENICA 8 DICEMBRE

4 Carte oauth2_google_6fa38c4a-fb89-4ae3-8277-fdf97ca6e393

Triangoli

2 Carte oauth2_google_d2543822-c1b0-4efc-972b-1e120768c5d0

creare flashcard