Medicina sociale 3

annuncio pubblicitario
Medicina sociale …
Prof. Giovanna Tassoni
Istituto di Medicina legale – Università degli Studi di Macerata
•La Prevenzione è un insieme di attività,
interventi ed opere attuate con il fine
prioritario di promuovere e conservare lo
stato di benessere ed evitare l’insorgenza
delle malattie
Classificazione della
prevenzione
Prevenzione Primaria: diminuzione della
incidenza, si attua sulla suscettibilità
Prevenzione secondaria: fase preclinica,
diminuzione della prevalenza
Prevenzione terziaria: disabilità
(guarigione, limitazione delle
conseguenze fisiche e sociali,
complicanze etc
Prof. ……………….
Istituto di Medicina legale – Università degli Studi di Macerata
Prevenzione primaria
Promozione della salute: aumento
delle capacità di difesa individuale
e indurre comportamenti individuali
positivi
Prevenzione delle malattie:
rimuovere o correggere i fattori di
rischio e le cause di malattie
Prof. ……………….
Istituto di Medicina legale – Università degli Studi di Macerata
Definizioni di prevenzione
primaria
Insieme di interventi attività ed
opere
che
attraverso
il
potenziamento dei fattori utili alla
salute e l’allontanamento o la
correzione dei fattori causali delle
malattie, tendono al conseguimento
di uno stato di benessere fisico,
sociale dei singoli e della collettività
o
quanto
meno
ad
evitare
l’insorgenza di condizioni morbose
Prof. ……………….
Istituto di Medicina legale – Università degli Studi di Macerata
Livelli di prevenzione primaria
Primo livello: potenziamento dei fattori utili alla
salute
Secondo livello: allontanamento e correzione
dei fattori di rischio e causali di malattie
Terzo livello: selezione e trattamento degli stati
o condizioni di rischio
Quarto livello: accertamento diagnostico
precoce di malattie in fase iniziale asintomatica
(screening)
Prof. ……………….
Istituto di Medicina legale – Università degli Studi di Macerata
malattie infettive :vaccinazioni, disinfezione, sterilizzazione,
controllo acque potabili e alimenti ecc.
malattie croniche :educazione alimentare, campagne contro
droga, alcool e fumo, norme antinquinamento ambientale
incidenti ed infortuni : limiti di velocità, cinture di sicurezza,
uso del casco, educazione stradale, protezione infortuni sul
lavoro, normativa per impianti elettrici ecc
.
Prevenzione secondaria
Si effettua su soggetti apparentemente sani
REQUISITI DEI PROGRAMMI DI
SCREENING
• Rilevanza sociale della patologia
• Efficacia del trattamento
• Disponibilità di servizi per
l’approfondimento diagnostico
• Esistenza di uno stadio preclinico
• Disponibilità di un test attuabile e
privo di rischio
• Individuazione dei soggetti da
trattare nelle fasi successive
Criteri per eseguire uno screening
• 1) criteri legati alla malattia:
• gravità,deve essere nota la sua storia naturale, deve
avere un periodo di anticipazione diagnostica
• 2) criteri legati al trattamento:
• deve esistere un efficace trattamento terapeutico,
devono esistere le risorse per il trattamento
• 3) criteri legati al test di screening:
• Semplice e di facile esecuzione, affidabile, valido
(predittivo, specifico e sensibile)
Educazione sanitaria
Intervento che, attraverso
l’appropriazione critica di nozioni
corrette di tipo sanitario e/o
sociale, tende a fornire e/o
modificare, consapevolmente e
durevolmente,un adeguato
comportamento nei confronti dei
problemi connessi alla tutela della
salute individuale e collettiva
Prof. ……………….
Istituto di Medicina legale – Università degli Studi di Macerata
Scopo della educazione
sanitaria
Acquisizione di comportamenti
corretti per la salute e la modifica
di quelli errati, assunzione di
atteggiamenti nuovi e
cambiamento di quelli negativi
Prof. ……………….
Istituto di Medicina legale – Università degli Studi di Macerata
Azioni pratiche
Informazione
Formazione
Prof. ……………….
Istituto di Medicina legale – Università degli Studi di Macerata
Caratteristiche dell'intervento informativo:
unidirezionale e passivo,efficacia limitata
Caratteristiche dell'intervento formativo:
bidirezionale e attivo
Ruolo del SSN
Interventi di comunicazione
Interventi educativi:
Individuazione di fattori di rischio
Definizione degli obbiettivi pertinenti ai
bisogni
Preparazione del programma
Attuazione del programma
Verifica e valutazione
dei dati
Prof. ……………….
Istituto di Medicina legale – Università degli Studi di Macerata
La
Prevenzione
terziaria
interviene sulle complicanze di una
malattia già in atto ed irreversibile.
oppure al termine di una malattia,
dopo la guarigione,
mediante
l’attuazione di tutte le misure di
ordine
medico,
sociale
e
psicologico atte a ridurre danni ed
invalidità
.
Controllo periodico e cura delle malattie
croniche
Riduzione della sofferenza
Ricerca della creazione di condizioni di vita il
più possibile vicina a quella degli individui
sani
Miglioramento della qualità della vita
Allungamento del periodo di sopravvivenza
Scarica
Random flashcards
geometria

2 Carte oauth2_google_01b16202-3071-4a8d-b161-089bede75cca

blukids

2 Carte mariolucibello

biologia

5 Carte patty28

CIAO

2 Carte oauth2_google_78a5e90c-1db5-4c66-ac49-80a9ce213cb9

Generatore elettrica

2 Carte oauth2_google_edd7d53d-941a-49ec-b62d-4587f202c0b5

creare flashcard