Kalamos Ensemble in concerto Lunedì 6 • Longi, rocche del Crasto

annuncio pubblicitario
Kalamos Ensemble in concerto
Lunedì 6 • Longi, rocche del Crasto (Miglino)
Martedì 7 • Ucria, parco urbano
Formato da cinque giovani musicisti di Galati Mamertino, Kalamos Ensemble sta
sviluppando un progetto musicale centrato sulla riscoperta e valorizzazione dello
strumentario siciliano della tradizione, con particolare attenzione alla famiglia dei fiati
pastorali, e sul recupero del canto popolare nelle sue espressioni più originali. Di
particolare rilievo è il repertorio costituito da temi strumentali e canti, monodici e
polivocali, che si colloca su un territorio musicale al confine fra memoria e
reinvenzione. Del tutto originale si configura in particolare la riscrittura dei generi
strumentali di tradizione, in grado di esaltare appieno i diversi tagli tonali e le peculiari
qualità timbriche della zampogna a paro, dei flauti e delle ance pastorali. Nel
programma sono previsti pastorali, balletti, tarantelle, canti d’amore, suite strumentali,
filastrocche, canti di trebbiatura e di mietitura.
Miglino, Longi
Il pianoro di Miglino, posto su un’insellatura delle rocche del Crasto, a quota 1223 metri s.l.m.,
si dispone in un magnifico paesaggio alpestre, sempre immerso in una straordinaria luce,
sorvolato da grandi rapaci e “vissuto” da pastori e animali al pascolo. Le prominenze rocciose
(pizzo Aglio, pizzo San Nicola e la sommità del Crasto con i suoi m 1315) compongono un
ambiente rupestre di grande suggestione, che ospita fauna selvatica e flora interessantissime, e
si apre alle più alte e boscose cime dei Nebrodi, alle vallate del Rosmarino e del Fitalia, al mar
Tirreno su cui si profilano le Eolie colorate d’azzurro. Sorgenti d’acqua fresca, muretti o
rustiche abitazioni in pietra costituiscono i segni della permanenza dell’uomo, dopo
l’abbandono di antiche e leggendarie città (Krastos, Demenna…) di cui emergono tracce qua e
là sepolte dal tempo.
Parco urbano, Ucria
Situato a monte dell’abitato, nella contrada Pilato, oggi detta di Sant’Antonio del Prato, il
rigoglioso parco è un’interessante zona boscosa, attrezzata con viali e panchine che innervano
l’intera area a verde con muretti e pavimentazioni ottenuti con la calda pietra locale. È
realizzato in un suggestivo scenario naturale (m 800 s.l.m.), in una zona di cerniera fra i ripidi
fianchi vallivi, punteggiati da insediamenti e fertili campagne, e le rarefatte sommità montane.
Queste ultime sono caratterizzate da morbidi pianori, con residui di un antico mantello boscoso,
e da vaste superfici nude, utilizzate a pascolo o destinate alla coltivazione di cereali, su cui per
secoli si è fondata l’economia tradizionale.
Scarica
Random flashcards
geometria

2 Carte oauth2_google_01b16202-3071-4a8d-b161-089bede75cca

blukids

2 Carte mariolucibello

Present simple

2 Carte lambertigiorgia

DOMENICA 8 DICEMBRE

4 Carte oauth2_google_6fa38c4a-fb89-4ae3-8277-fdf97ca6e393

Triangoli

2 Carte oauth2_google_d2543822-c1b0-4efc-972b-1e120768c5d0

creare flashcard