Mauthausen

annuncio pubblicitario
MAUTHAUSEN
Muthausen è una località dell’Alta Austria, presso Linz, nelle cui vicinanze era sito un campo di
concentramento per prigionieri durante la prima guerra mondiale. Il regime nazista lo trasformò
nella seconda guerra mondiale in campo di sterminio. Famosa è la sua “scala della morte” di 186
gradini che i deportati usavano per scendere nella cava. Inseguiti lungo la scala reggendo sulle
spalle una pesantissima pietra, i deportati correvano sotto le bastonate dei “Kapò” e i colpi di calcio
di fucile delle SS. Nel marzo del 1942 entrò in funzione anche una camera gas che funzionò
ininterrottamente tre volte alla settimana giorno e notte dal 1942 ai primi mesi del 1945. A
Mauthausen e nei campi adesso collegati persero complessivamente la vita circa 150,000
internati. La storia di Mauthausen è strettamente collegata all’Anschluss, quando l’Austria si unì
alla Germania. Da quel momento la sua storia si legò all’intero sviluppo dei campi di
concentramento, che divennero da subito elemento fondante del sistema nazista basato sul
terrore. Essa si può dividere in quattro momenti principali. Nella prima fase (che si concluse nella
tarda estate del 1939) vennero rinchiusi a Mauthausen criminali tedeschi e austriaci con il triangolo
verde. Questi prigionieri saranno poi chiamati “i soci fondatori” del lager e saranno riconoscibili dal
numero di matricola dall’uno al trecento. Nel periodo immediatamente successivo arrivarono i primi
detenuti politici ed il nuovo comandante Franz Ziereis costrinse i prigionieri “a lavorare nelle cave a
spianare l’area, a tracciare una strada di accesso e a costruire gli edifici”. Prima dello scoppio della
guerra mondiale ebbe una rapida espansione divenendo un centro funzionante a pieno ritmo per la
tortura e lo sterminio delle minoranze politiche e razziali. Le vittime di Mauthausen cominciarono a
essere cremate a Steyr a partire dal 5 settembre del 1938 e la pratica continuò fino a che il 5
maggio 1940, il primo dei tre forni costruiti dalla ditta J.A. Topf e Figli di Erfurt fu operante nel
campo. Le SS non intendevano, però, cedere facilmente il diritto esclusivo di distruggere a proprio
piacimento gli internati il loro potere o di utilizzarli nelle loro imprese. Nonostante il richiamo a
intensificare l’uso dei prigionieri per l’industria bellica, fu solo dalla metà del 1943 e sotto pressione
esterna che Mauthausen cedette una parte di prigionieri, su cui fino ad allora aveva abusato senza
umanità, per contribuire allo sforzo bellico. Ora gli internati vennero sfruttati con più “razionalità” e
nelle succursali di Mauthausen lavoravano per l’industria bellica nei maggiori centri industriali
austriaci come Linz, dov’erano obbligati a scavare stabilimenti sotterranei, bunker per la difesa, ad
effettuare lo sgombero delle macerie e a partecipare ai lavori agricoli. Ulteriori masse di prigionieri
ebrei giunsero a Mauthausen nella primavera del 1944, provenienti da Auschwitz. Ogni giorno però
morivano sul lavoro molti prigionieri. La fase finale del campo durò dall’autunno del 1944 fino alla
liberazione, nel maggio del 1945. I corpi non poterono essere contenuti nei forni esistenti tanto da
essere scaricati in fosse comuni situate in due diversi luoghi: a nord del campo, a Marbach bei der
Linde, altri vennero poi sepolti nei perssi delle città situate lungo il percorso. Il periodo fu
caratterizzato da numerose azioni omicide e da violenze compiute frequentemente sotto lo
sguardo di ampi settori della popolazione civile, in molti casi con la loro attiva complicità. Tra il
1938, e il 1945, i cittadini di Mauthausen vissero fianco a fianco a uno dei più noti campi di
concentramento nella storia del Terzo Reich. Essi non videro? Non udirono? Non sentirono l’odore
proveniente dai camini? Non parlarono di quanto accadeva così vicino?
[Fabio Nardelli]
Scarica
Random flashcards
blukids

2 Carte mariolucibello

Present simple

2 Carte lambertigiorgia

biologia

5 Carte patty28

DOMENICA 8 DICEMBRE

4 Carte oauth2_google_6fa38c4a-fb89-4ae3-8277-fdf97ca6e393

Triangoli

2 Carte oauth2_google_d2543822-c1b0-4efc-972b-1e120768c5d0

creare flashcard