Regolamento

annuncio pubblicitario
Settore Tecnico
Acque Interne
Circolare n. 84/2009
Prot. n. 3619 - PZ/fm
Roma, 2 aprile 2009
- Componenti Club Azzurro
di Pesca con la Mosca 2009
- Giudici di Gara
- Società Organizzatrici
- Delegati Provinciali FIPSAS
----------------------------------------LORO SEDI
OGGETTO: Club Azzurro di Pesca con la Mosca 2009.
Con la presente si trasmette il Regolamento Particolare del Club Azzurro di Pesca
con la Mosca 2009 redatto dal Comitato di Settore Acque Interne.
Le Società interessate sono pregate di riservare il Campo di Gara richiesto e di
collaborare all'organizzazione.
Certi che tutti gli appartenenti al Club Azzurro vorranno assicurare la loro
partecipazione a tutte le prove, si ricorda che eventuali assenze dovranno essere
preventivamente comunicate e giustificate per iscritto alla Sede Centrale.
Si ringrazia per quanto sarà disposto e nell'augurare alla manifestazione il massimo
successo si coglie l'occasione per porgere cordiali saluti.
IL SEGRETARIO GENERALE
Pasqualino Zuccarello
FEDERAZIONE ITALIANA PESCA SPORTIVA E ATTIVITA' SUBACQUEE
CLUB AZZURRO DI PESCA CON LA MOSCA 2009
REGOLAMENTO PARTICOLARE
Nel 2009 faranno parte del Club Azzurro 24 atleti così individuati:
-
-
gli Atleti classificati dal 1° al 12° posto della Classifica Finale del Club Azzurro 2008
(12);
gli Atleti classificati dal 1° posto in poi della Classifica Finale del Campionato
Italiano Individuale di Pesca con la Mosca in Torrente del 2008 fino al
raggiungimento dei SEI ammessi (6);
gli Atleti classificati dal 1° posto in poi della Classifica Finale del Campionato
Italiano Individuale di Pesca con la Mosca in Lago da Riva del 2008 fino al
raggiungimento dei TRE ammessi (3);
gli Atleti componenti la coppia prima classificata nella Classifica Finale del
Campionato Italiano a Coppie di Pesca con la Mosca in Torrente del 2008. Gli Atleti
verranno ammessi a titolo individuale e, nel caso che uno o entrambi i componenti
la coppia in questione conseguano l’ammissione al Club Azzurro anche attraverso
altre manifestazioni, il diritto reso vacante verrà assegnato agli Atleti che li
seguono nella classifica finale del/degli altro/i campionato/i (2);
l’ Atleta meglio classificato fra gli Under 22 che hanno partecipato come Stopper
alle prove del Club Azzurro 2008.
Nel caso di doppio diritto acquisito o per rinuncia i posti vacanti verranno coperti con il
proseguimento dell’ordine di classifica del campionato di provenienza.
Gli appartenenti al Club Azzurro verranno esclusi dal calcolo dei quorum e non potranno
essere classificati nelle prove di Selezione Provinciale per i Campionati Italiani Individuali di
Pesca con la Mosca che si svolgeranno nel 2009.
L'appartenenza al Club Azzurro è per volontaria adesione degli aventi diritto che, con la
stessa si impegnano ad osservare integralmente la normativa di funzionamento del Club.
Agli appartenenti al Club Azzurro è consentito fregiarsi dello scudetto tricolore.
ATLETI APPARTENENTI AL CLUB AZZURRO 2009
ADREVENO
PIETROSINO
SANTI AMANTINI
SANTI AMANTINI
SGRANI
DEMARTINI
BALDASSINI
ANDREA
LUIGI
VALENTINO
VALERIO
ALESSANDRO
STEFANO
CARLO
AO
AO
AO
AO
FI
GE
IS
CASTALDI
SIRAVO
COMBI
DAVIGHI
DE MARTINIS
DONÁ
POLICARDI
LUCIBELLO
MAFFIOTTO
SOLDARINI
COMINAZZINI
MANFRIN
PAPANDREA
TESCARO
SIVIERO
TARICCO
FRIGERIO
ELIO
FIORE
ALESSANDRO
VINCENZO
MATTEO
EDGARDO
LUDOVICO
FRANCESCO
MARCO
SANDRO
STEFANO
FABIO
LUCA
LUCA
SILVANO
DOMENICO
LUCA
IS
IS
MI
MI
MI
MI
MI
TO
TO
TO
VA
VA
VA
VA
VC
CN
VA
Verranno effettuate quattro prove di Selezione del Club Azzurro, nei tempi e nei modi
indicati più avanti su questo Regolamento Particolare.
Verranno assegnati venti punti al centimetro e 100 punti a salmonide o timallide, le altre
specie non saranno ritenute valide.
Se un Ispettore perde accidentalmente un pesce prima che venga misurato, al concorrente
che ha effettuato la cattura verrà assegnata la media dei punteggi calcolata su tutte le
catture valide prese in quella sessione di gara.
La classifica finale verrà redatta sommando i piazzamenti effettivi ottenuti dai concorrenti
nelle quattro prove. In caso di parità prevarranno nell’ordine:
-
la minor somma di piazzamenti effettivi;
il/i migliori piazzamenti effettivi;
la maggior somma di catture effettuate;
la maggior somma dei punteggi effettivi;
la singola cattura portatrice di maggior punteggio effettivo.
Al termine delle prove i classificati dal 1° al 12° posto parteciperanno di diritto alle
Selezioni del Club Azzurro del 2010.
I concorrenti classificati dal 1° al 24° posto disputeranno nel 2010 le prove di
Qualificazione dei Campionati Italiani Individuali di Pesca con la Mosca. (In caso di rinuncia
gli eventuali reintegri verranno effettuati nella zona a cui appartiene il concorrente
rinunciatario).
Nel 2010 il Club Azzurro di Pesca con la Mosca sarà composto da 24 Atleti.
La Squadra Nazionale che parteciperà alle manifestazioni internazionali in programma nel
2010 sarà composta dai primi 2 Atleti classificati nella classifica finale del Club Azzurro
2009 e da cinque Atleti scelti ad insindacabile giudizio del Commissario Tecnico fra i
concorrenti non retrocessi dal Club Azzurro 2009.
Qualora non venissero effettuate tutte le scelte tecniche previste la Squadra Nazionale
verrà completata con il proseguimento dell’ordine della classifica finale del Club Azzurro
2009.
PROGRAMMA
Le prove saranno effettuate su fiume o su lago. Sul fiume verranno delimitate beat di circa
150 mt. Il concorrente potrà praticare, nell’ambito della propria beat, le strategie di pesca
che riterrà più opportune. Ogni sessione di gara avrà una durata di 3 ore. La beat (o la
barca per le gare su lago) verrà assegnata alla presenza dei partecipanti con sorteggio
effettuato sul luogo di raduno dei concorrenti.
I Componenti la Squadra Nazionale 2009 verranno considerati teste di serie per il
sorteggio della prima prova.
I primi otto classificati nella classifica generale dopo le prime due prove verranno
considerati Teste di Serie per il sorteggio delle ultime due prove.
I concorrenti verranno ripartiti per sorteggio in due gruppi di dodici concorrenti ciascuno, e
disputeranno una prova su ognuno dei due campi di gara previsti.
Su ogni campo di gara solamente 12 concorrenti eserciteranno l’azione di pesca e i
restanti 12 concorrenti saranno Ispettori di Sponda.
Per la prima prova la beat verrà assegnata per sorteggio, per la seconda prova
per “inversione di picchetto” ( il primo classificato occuperà il box dove è stato
conseguito il peggior piazzamento, il secondo classificato il box del penultimo
piazzamento, e così via). Nel caso di prova in lago da barca, non sarà possibile
effettuare l’inversione del picchetto. L’assegnazione della beat per la seconda
prova avverrà tramite sorteggio.
ATTREZZI
a - Canna per la pesca a mosca "all'inglese" della lunghezza massima di cm 366 (12
piedi), con mulinello a bobina rotante. Le canne di scorta possono essere armate e
montate nelle prove in torrente ma dovranno essere smontate nelle prove in lago. I
concorrenti sono responsabili della loro attrezzatura da pesca.
b – La coda di topo dovrà essere sempre montata sul mulinello e
usata attivamente per l’azione di lancio e di pesca. Potranno essere
utilizzate code di topo di qualsiasi tipo ad eccezione delle code di tipo “lead core” (a
corpo piombato) e di tipo “shooting heads”. Le code di topo devono avere una
lunghezza minima di 22 metri.
Il terminale non ha limiti di lunghezza, deve essere in monofilo sia conico sia
cilindrico, sia a nodi che senza nodi, e non può avere piombature o accessori di
alcun genere; è consentito l'uso di un solo "cast connector" non piombato o di una
calzetta ad asola al solo scopo di collegare la coda di topo con il finale. Non è
consentito in nessun caso l’impiego di microrings.
Sono consentiti “Poly Tip” galleggianti o affondanti.
c- Si possono usare mosche galleggianti o affondanti montate su amo singolo di
grandezza a discrezione del concorrente.
d- Gli artificiali devono essere costruiti con ami barbless (bl). (Non saranno
ammessi artificiali con ardiglioni schiacciati o limati). Non è consentito
modificare la curvatura originale dell’amo.
e- L’eventuale piombatura dell’artificiale deve essere nascosta nel dressing di
costruzione. La sola verniciatura non è considerata dressing.
E’ consentita una singola e visibile pallina forata di diametro max. 4 mm. inserita
nell’asse dell’amo.
E’ consentito l'utilizzo di un numero massimo di tre artificiali, che devono essere
posti sul terminale in monofilo e saldamente fissati: il primo a non meno di cm 70 a
partire dal terminale della coda di topo e le altre a non meno di cm 50 dagli altri
artificiali; non sono ammessi pesciolini di gomma o similari, non sono ammessi
artificiali metallici o rotanti e non sono ammesse prolunghe del "corpo"
dell'artificiale oltre il gambo dell'amo con sostegni rigidi di qualsiasi tipo. Sono
vietati tutti gli artificiali con ali in materiale rigido, luccicante-riflettente plastico o
metallico e tendenti a modificare l'assetto naturale dell'artificiale. Sono vietati gli
artificiali di tipo Jig.
f - Il guadino può avere una lunghezza massima di 122 cm. in totale estensione, e
deve servire obbligatoriamente per guadinare il pesce precedentemente allamato;
deve inoltre avere le maglie in cotone o altro materiale non abrasivo ed essere
preferibilmente senza nodi.
g - E’ VIETATA LA DETENZIONE DI ARTIFICIALI O ATTREZZATURE DI QUALSIASI
TIPO NON REGOLAMENTARI, ANCHE SE NON UTILIZZATI. Eventuali attrezzature
e/o sistemi di pesca il cui uso non sia esplicitamente previsto e regolamentato nel
presente Regolamento dovranno essere preventivamente autorizzati dal
Commissario Tecnico.
Nelle prove di selezione delle Squadre Nazionali (Club Azzurri) di ogni specialità verranno
applicate le norme relative agli attrezzi consentiti riportate sui rispettivi Regolamenti
Internazionali.
IL MANCATO RISPETTO DI QUESTE NORME COMPORTERÀ PER IL CONCORRENTE, A
SECONDA DEI CASI, LA RETROCESSIONE, L’ESCLUSIONE DALLA MANIFESTAZIONE E
L’EVENTUALE DEFERIMENTO APPLICANDO LE NORME DISCIPLINARI DELLA
FEDERAZIONE.
CATTURE
E' fatto obbligo di rispettare le norme, le misure ed i divieti che saranno
comunicati al momento del raduno dei concorrenti.
h - Le catture per essere valide dovranno essere allamate nella zona dell’ apparato
boccale, in ogni caso non oltre la linea delle branchie e guadinate in acqua. Se il
concorrente ritiene che il pesce catturato sia sottomisura o comunque non valido,
ha la facoltà di rilasciarlo immediatamente senza causare ad esso nessun danno. Il
pesce guadinato deve essere consegnato nel guadino e perfettamente vivo
all'ispettore che, dopo averlo convalidato e misurato, lo annoterà sulla scheda del
concorrente. Il concorrente dovrà firmare la scheda per conferma prima di
riprendere la pesca. Il pesce sarà rimesso in acqua dall’ispettore.
i – E’ vietato affondare il cimino della canna in acqua;
l - L'azione di pesca ed il recupero del pesce allamato vanno effettuati nell'ambito della
propria beat; eventuali pesci allamati o recuperati al di fuori della propria beat
saranno annullati;
m – E’ vietato ricevere aiuti e farsi avvicinare da chiunque e le canne di scorta non
possono essere lasciate in custodia a nessuno;
n – E’ vietata qualsiasi forma di pasturazione;
o - Al segnale di fine gara le canne devono essere immediatamente sollevate; il pesce
allamato durante la gara è valido se guadinato entro 10 minuti dal segnale di fine
gara.
p - Non sarà effettuata semina.
q - I CONCORRENTI, NEI TRENTA GIORNI ANTECEDENTI LA
MANIFESTAZIONE NON POTRANNO PESCARE NEI TRATTI INTERESSATI.
r - Le disposizioni del tipo di salmonidi ritenuti validi ed eventuali misure minime
saranno comunicati al raduno dal Direttore Tecnico.
s – E’ vietato l’uso di apparati radio - telefonici durante la sessione di gara.
PROVE IN LAGO DA IMBARCAZIONE
t - La prova da imbarcazione è disputata da equipaggi composti di due concorrenti più
un commissario il quale oltre a governare l’imbarcazione ha la funzione di
controllore di gara. Per ragioni di sicurezza e di correttezza, il controllore di ogni
imbarcazione ha facoltà di annullare una decisione presa dal capitano
dell’imbarcazione.
u - Il sorteggio del capitano avverrà mediante lancio di monetina prima dell’inizio della
gara; il vincitore oltre a scegliere il posto barca, ha il diritto di essere il capitano
dell’imbarcazione per i primi 90 minuti di gara, il perdente diventerà a sua volta
capitano per i secondi 90 minuti di gara e potrà scegliere a sua volta il posto barca.
v - TUTTI I CONCORRENTI DEVONO SEMPRE INDOSSARE IL GIUBBOTTO DI
SALVATAGGIO
PERSONALE
OMOLOGATO
(non
fornito
dalla
organizzazione). Qualora il concorrente ne fosse sprovvisto, non potrà prendere
parte alla sessione di gara e riceverà un punteggio pari alla posizione di classifica di
un assente.
w - Ogni sessione di gara avrà una durata di 3 ore. La partenza delle imbarcazioni
avverrà 10 minuti prima dell’inizio della gara. Ogni equipaggio deve osservare una
distanza minima di 50 mt. da qualsiasi altra imbarcazione. La gara sarà effettuata
senza l’ausilio di motori, in “drifting” con spostamento a remi. E’ vietato ancorarsi.
Non è consentito l’ uso del paradrogue (paracadute). E’ vietata la pesca durante i
trasferimenti.
x - E’ vietato l’uso dell’ecoscandaglio.
y - Ogni concorrente deve rimanere seduto durante l’azione di pesca. Non sono
ammessi seggiolini supplementari all’imbarcazione. E’ consentito l’uso di un
cuscino di spessore massimo di 10 cm.
z - Ogni concorrente deve guadinare personalmente le proprie catture o chiedere, a
proprio rischio, l’aiuto del controllore.
CAMPI DI GARA ED ORGANIZZATORI
1a e 2a prova – 23 e 24 maggio rinviata al 25 e 26 luglio – Fiume Roja Fanghetto confine ITA/FRA
Società Organizzatrice: SEZIONE FIPSAS IMPERIA IN COLLABORAZIONE CON LA RISERVA
VAL ROJA - Via Belgrano, 6 – c/o CONI - 18100 Imperia – 0183.296735 - Sig. Stuani cell.
3920020164 – Sig. Ferrero cell. 3923994235;
Raduno: ore 07,00 - Riserva Val Roja – Via Colombo, 5/a 18039 Ventimiglia (IM):
Codice Iban: IT 79U 0623 0227 0200 00466 90747.
Intestato a: Sezione FIPSAS Imperia.
SI COMUNICA CHE PER PRECISE DISPOSIZIONI DEL COMMISSARIO TECNICO,
È FATTO ESPLICITO E ASSOLUTO DIVIETO DI PESCARE NEI TRATTI DEL FIUME
ROJA ANTECEDENTEMENTE ALLA DISPUTA DELLE PRIME DUE PROVE.
3a e 4a prova – 4 e 5 luglio –T. Vermenagna – loc. Vernante (CN)
Società Organizzatrice: S.P.S.D. FLY CLUB CUNEO – Via Senatore Toselli, 2 – 12100 Cuneo
– tel. 0171681283;
Raduno: l’orario verrà comunicato successivamente – c/o bocciofila - Strada Statale 20 loc. Vernante (CN).
UFFICIALI DI GARA
Saranno gli stessi concorrenti a svolgere l’incarico di Ispettori di Sponda. Per ogni prova i
dodici concorrenti che non pescano saranno assegnati per sorteggio ai concorrenti che
pescano (non sarà ammissibile ripetere l’abbinamento in una delle altre prove). Non è
consentita altra forma di assegnazione. Non è consentita la rinuncia o la sostituzione
dell’Ispettore assegnato per sorteggio. La Società organizzatrice dovrà mettere a
disposizione Ispettori di Sponda in qualità di supervisori.
25 – 26 luglio – Fiume Roja (IM)
GIUDICE DI GARA
DIRETTORE DI GARA
VICE DIRETTORE DI GARA
SEGRETARIO DI GARA
BONO DIEGO
LUIGI STUANI
SERGIO WALTER FERRERO
SECONDO DIMITRI
4-5 luglio – T. Vermenagna (CN)
GIUDICE DI GARA
DIRETTORE DI GARA
VICE DIRETTORE DI GARA
SEGRETARIO DI GARA
DIEGO BONO
IVANO CAUDA
ALBERTO GIORDANO
DANIELA BOLDRIN
Scarica
Random flashcards
geometria

2 Carte oauth2_google_01b16202-3071-4a8d-b161-089bede75cca

CRANIO

2 Carte oauth2_google_d7270607-b7ab-4128-8f55-c54db3df9ba1

Prova Lavoro

2 Carte nandoperna1

biologia

5 Carte patty28

CIAO

2 Carte oauth2_google_78a5e90c-1db5-4c66-ac49-80a9ce213cb9

creare flashcard