Indicazioni operative per un percorso di diagnosi e riabilitazione sul

annuncio pubblicitario
CUORE E LAVORO.
Sorveglianza sanitaria, idoneità e reinserimento al lavoro:
criteri ed esperienze
Reggio Emilia 3 luglio 2013
Aula Magna Manodori
Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia
Viale Allegri 9
Reinserimento lavorativo del cardiopatico. Percorso per la
valutazione dell'idoneità lavorativa: esperienza
dell'ambulatorio di Cardiologia del Lavoro ed Ergometria della
USC Medicina del Lavoro di Bergamo
D. Borleri
La valutazione del soggetto cardiopatico in ambito lavorativo è un processo articolato, complesso ,
multidisciplinare, personalizzato e mirato a quella specifica mansione svolta in quel particolare
contesto lavorativo.
Non è pertanto ipotizzabile né tantomeno auspicabile l’istituzione di rigidi protocolli decisionali
applicabili tout-court ad ogni paziente, sia perché scevri da ogni logica correlazione con il carattere
essenzialmente empirico di tale valutazione, sia perché indirizzati non tanto all’acquisizione di
una diagnosi eziologica, quanto ad una valutazione di compatibilità tra l’attività lavorativa e le
mutate condizioni di salute del cardiopatico ove le variabili da considerare sono molteplici e
difficilmente standardizzabili.
In tal senso, è fattibile e desiderabile per il Medico del Lavoro poter disporre di un percorso
procedurale sufficientemente uniforme, elaborato sulla base delle migliori evidenze scientifiche in
argomento e modulato dall’esperienza professionale.
La valutazione del lavoratore cardiopatico è finalizzata al reinserimento lavorativo in sicurezza, e
si concretizza nella formulazione di un giudizio di idoneità lavorativa alla mansione specifica
correlato alla sua capacità lavorativa residua.
Il ruolo del medico del lavoro nel percorso della reintegrazione lavorativa del cardiopatico risulta
cruciale e particolarmente complesso, in quanto Egli deve esprimere un giudizio sulla
compatibilità delle condizioni clinico-funzionali del lavoratore con i rischi lavorativi cui tornerà ad
essere esposto, indagando e valutando opportunamente entrambe le componenti. La definizione
del profilo clinico funzionale del soggetto cardiopatico deve essere condotta in collaborazione con
lo specialista cardiologo , che deve indagare e misurare la sua residua capacità funzionale,
effettuare una stratificazione prognostica e individuare specifiche condizioni di ipersuscettibilità.
Scopo principale della relazione è quello di descrivere le procedure adottate per il reinserimento
al lavoro del cardiopatico dall’ambulatorio “Cardiologia del Lavoro ed Ergometria” della USC
Medicina del Lavoro dell’Azienda Ospedaliera Papa Giovanni XXIII di Bergamo .
1
Indicazioni operative per un percorso di diagnosi
e riabilitazione sul territorio locale
F. Gobba
Uno dei compiti più importanti e complessi del Medico Competente è certamente la definizione di
un corretto giudizio di idoneità alla mansione specifica, che presuppone un’approfondita
conoscenza sia dell’Azienda, dei fattori di rischio connessi allo svolgimento della mansione
specifica, dell’organizzazione del lavoro, ecc., sia delle condizioni clinico-funzionali del lavoratore,
incluse le eventuali situazioni di maggiore suscettibilità. Il problema diviene sensibilmente più
difficile nel caso di persone con problematiche individuali.
Tra le patologie che possono essere rilevate con maggiore frequenza nella popolazione generale,
ma anche in quella lavorativa, sono certamente da annoverare quelle cardiovascolari, la cui
diffusione è presumibilmente destinata ad aumentare ancora, in ragione dell’invecchiamento della
popolazione lavorativa ed anche, paradossalmente, del miglioramento della terapia.
Sempre più spesso il Medico Competente si trova quindi di fronte dei lavoratori con
problematiche di tipo cardiovascolare, la cui valutazione, in funzione della formulazione di un
giudizio di idoneità alla mansione lavorativa specifica, è un processo complesso, per il quale non
esistono delle Linee Guida o dei protocolli condivisi. Peraltro, non può essere ignorato che anche il
contributo degli specialisti delle discipline di riferimento, quali ad esempio i cardiologi o i
fisiopatologi, rischia di essere poco utile, se non controproducente, o se non esiste un’adeguata
condivisione del problema, ed uno sforzo per una collaborazione multidisciplinare.
Nella relazione al Seminario, anche sulla base delle esperienze sia di specialisti che operano in
strutture pubbliche che di Medici del Lavoro, ci si propone di fornire delle indicazioni operative
sui possibili percorsi e su strutture che possono essere coinvolte dai Medici Competenti per
svolgere questo difficile compito.
2
Scarica
Random flashcards
geometria

2 Carte oauth2_google_01b16202-3071-4a8d-b161-089bede75cca

Prova Lavoro

2 Carte nandoperna1

biologia

5 Carte patty28

CIAO

2 Carte oauth2_google_78a5e90c-1db5-4c66-ac49-80a9ce213cb9

Triangoli

2 Carte oauth2_google_d2543822-c1b0-4efc-972b-1e120768c5d0

creare flashcard