I social network aiutano a trovare lavoro e per le aziende cresce la

annuncio pubblicitario
I social network aiutano a trovare lavoro e per le aziende
cresce la “web reputation”
Una ricerca del quotidiano “Il Sole 24 Ore” ha messo in evidenza come al giorno d’oggi per
trovare lavoro non basta possedere un buon curriculum ma bisogna anche mostrarsi
attenti e partecipativi agli argomenti discussi sui forum dei social network.
Infatti, Facebook, Xing, Viadeo, LinkedIn, MySpace, Friendster, Jobmeeters, e tanti altri,
sono sempre più frequentati non solo da giovani in cerca di lavoro, ma soprattutto dagli
“head hunter”, i reclutatori sguinzagliati online dalle aziende, in cerca del profilo più adatto.
Attraverso i social network, infatti, le aziende hanno la possibilità di individuare il candidato
più adatto, anche sulla base di gusti, preferenze e opinioni, impossibili da avere in sedi più
formali.
Con 55 milioni di iscritti al mondo, dei quali 15 milioni in Europa, e più di 800mila in Italia, il
più cliccato dei social network legati allo sviluppo dei rapporti di lavoro è LinkedIn.
“Cerchiamo di dare ai nostri membri la possibilità di mettersi in contatto con il proprio
network professionale di riferimento - commenta Kevin Eyres, managing director Europe di
LinkedIn - e ciò può comportare tre vantaggi: creare e tenere costantemente aggiornata la
propria identità personale, stabilire contatti sicuri con specialisti della stessa materia,
mettere in condivisione informazioni ed esperienze professionali specifiche. E’ importante
però continuare a far crescere il numero di contatti che hanno accesso al proprio profilo,
mantenere una buona “web reputation” e partecipare attivamente ai gruppi di discussione
che riguardano la propria specializzazione”.
E, se è vero che i candidati si fanno notare dalle aziende mantenendo una buona
reputazione, è anche vero che cresce, proprio per le aziende stesse, la necessità di
aumentare la propria “web reputation”.
Molto spesso, infatti, accanto alla presenza su internet di alcuni marchi, è facile ritrovare
commenti e giudizi che possono pregiudicare il lavoro di mesi o anni.
Solo poche aziende, ad oggi, stanno cercando di mettere in campo un modello di public
relation in grado di intercettare i canali di comunicazione preferiti dalla comunità virtuale e
di entrare attivamente nelle conversazioni che gli utenti stanno generando.
Un aspetto che, invece, dovrebbe avere un ruolo sempre maggiore nelle strategie
comunicative di “employer branding”, proprio perché la rete è un luogo importante di
discussione reciproca.
Attraverso alcuni sistemi di “web crawling”, infatti, si è riusciti a conoscere e analizzare
cosa viene detto online, in Italia, su un marchio o un’azienda. CheBanca! è l’azienda di
cui parla di più la blogsfera quando discute di lavoro, seguita dal gruppo Fiat, da Intesa
Sanpaolo, Accenture ed Enel.
Non a caso, le aziende più discusse sono anche quelle che negli ultimi anni stanno
assumendo.
Enrico Leporati
Scarica
Random flashcards
CRANIO

2 Carte oauth2_google_d7270607-b7ab-4128-8f55-c54db3df9ba1

blukids

2 Carte mariolucibello

Present simple

2 Carte lambertigiorgia

biologia

5 Carte patty28

CIAO

2 Carte oauth2_google_78a5e90c-1db5-4c66-ac49-80a9ce213cb9

creare flashcard