Comunicato stampa Bz, 01.07.2005

annuncio pubblicitario
Comunicato stampa
Tutela della privacy
Bz, 01.07.2005
Carte di fidelizzazione e garanzie per i consumatori
Il Garante stila nuove e più rigorose regole
“Ha già la nostra carta fedeltà?”, chiede in tono sdolcinato la commessa tirando fuori dal
cassetto una tesserina di plastica, il cui possesso dà diritto a vantaggi proporzionali al
volume degli acquisti effettuati. Basta compilare l'apposito modulo e oplà, si entra subito a
far parte del club degli "aficionados" meritevoli di premi e privilegi. Ma cosa succede con i
dati personali che forniamo in cambio di cotanta generosità? Il Garante per la privacy è
intervenuto al fine di prevenire l'abuso di queste informazioni
Inarrestabili come il battere della grancassa pubblicitaria, nell’era di internet sbocciano le innovazioni
che mirano ad accalappiare (e a non farsi più sfuggire) nuovi clienti. Tra le tante figurano per esempio
le fidelity cards, impiegate specialmente nel settore della grande distribuzione (catene di supermercati)
al fine di accrescere il portafoglio clienti e tenerseli stretti il più a lungo possibile offrendo vantaggi di
vario genere (sconti, bonus, servizi supplementari, facilitazioni di pagamento ecc.). Il fenomeno
interessa non solo i beni di consumo ma anche i servizi, dalla telefonia ai trasporti. Poiché il rilascio di
queste carte è subordinato alla raccolta di dati personali e considerate le numerose lamentele da parte
dei consumatori, il Garante per la privacy ha esaminato accuratamente la materia e stabilito alcune
regole restrittive sul trattamento dei dati personali che essa comporta.
Accanto ai dati anagrafici e simili (data di nascita, indirizzo di casa o di posta elettronica), non di rado il
consumatore si vede richiedere informazioni che riguardano lui stesso o anche i suoi familiari (titolo di
studio, hobby, abitudini di consumo, interessi ecc.). Queste informazioni c'entrano poco o nulla con i
vantaggi promessi dalla tessera. In realtà servono solo per alimentare altre banche dati finalizzate alla
"profilazione" del cliente, il quale spesso non è neppure a conoscenza di tale attività.
Il Garante ha ora disposto che nei moduli di richiesta delle carte risulti chiaramente l’uso che verrà fatto
dei dati forniti dai consumatori, specificando se saranno utilizzati per attività di profilazione (analisi delle
abitudini e delle scelte di consumo della clientela) e/o di marketing diretto (invio di pubblicità). Per
quanto riguarda il consenso al trattamento dei dati per fini diversi dal godimento dei vantaggi connessi
all'utilizzo della carta, il modulo deve evidenziare che esso è libero e facoltativo. In altre parole: il
rilascio della tessera non può dipendere dal consenso del consumatore alle attività di profilazione e/o di
marketing.
L'azienda ha altresì l'obbligo di comunicare al Garante l'avvio del trattamento di dati personali dei clienti
a fini di profilazione o di marketing. In ogni caso è vietato l'uso di dati sensibili (per es. sullo stato di
salute).
Per le attività di marketing possono essere raccolti, previo consenso del consumatore, i dati
necessari all’invio di materiale pubblicitario o di comunicazioni commerciali.
In mancanza di tale consenso, possono essere raccolti solo i dati indispensabili per attribuire i vantaggi
connessi alla carta, ossia per l'identificazione del titolare della stessa, nonché i dati relativi al volume di
spesa complessivo (ma senza elencazione dettagliata dei singoli prodotti acquistati).
Se il cliente dà il consenso alla sua profilazione, i dati relativi al dettaglio degli acquisti effettuati
possono essere conservati dall'azienda al massimo per un anno. I dati raccolti a fini di marketing
possono essere conservati invece per due anni. In ogni caso le imprese sono tenute ad adottare
adeguate misure di sicurezza per evitare rischi di manomissione, sottrazione o perdita dei dati.
Il CTCU si compiace dell'introduzione di queste regole auspicate da tempo, poiché ritiene
inammissibile che i vantaggi delle carte fedeltà siano attribuiti solo se in cambio i
consumatori acconsentono a svelare le proprie abitudini o ad essere inondati di materiale
pubblicitario.
Inoltre ricorda a tutti che il modo migliore per tutelare i propri dati personali è rivelarli il
meno possibile, in particolare negando il proprio consenso all'utilizzo degli stessi per la
creazione di profili individuali o di gruppo della clientela. Meglio controllare due volte
prima di apporre una crocetta o firma di troppo.
Scarica
Random flashcards
CRANIO

2 Carte oauth2_google_d7270607-b7ab-4128-8f55-c54db3df9ba1

Prova Lavoro

2 Carte nandoperna1

biologia

5 Carte patty28

CIAO

2 Carte oauth2_google_78a5e90c-1db5-4c66-ac49-80a9ce213cb9

DOMENICA 8 DICEMBRE

4 Carte oauth2_google_6fa38c4a-fb89-4ae3-8277-fdf97ca6e393

creare flashcard