Per trovare la vita bisogna capirla _Lavoro di Simone e Amro

annuncio pubblicitario
Per trovare la vita bisogna capirla
Negli ultimi decenni i luoghi del nostro pianeta che ospitano forme di vita si sono allargati ci sono organismi in grado di cavarsela
in condizioni che erano ritenute del tutto incompatibili con l’attività biologica: temperature altissime o bassissime, pressioni
insopportabili, ambienti secchi, acidi e alcalini, privi di luce solare o esposti a radiazioni ionizzanti. D’altra parte, le prime forme
di vita hanno dovuto sopportare un ambiente molto più ostile di quello attuale, e quindi è naturale che la vita abbia trovato il
modo di evolversi e adattarsi in condizioni estreme.
Il problema dei limiti ambientali è di enorme importanza per capire se la vita possa essersi sviluppata in altri mondi oltre che
sulla Terra. Infatti sono stati pubblicati degli articoli su internet che spiegano che su altri pianeti del sistema solare esistono delle
forme di vita ma molto probabilmente si tratta di forme di vita batteriche.
Tradizionalmente, l’abitabilità è stata considerata in base a criteri molto restrittivi: tipo la presenza di acqua limpida o di energia
irraggiata dalla stella ospite. L’unico pianeta che presenta queste caratteristiche è appunto la Terra.
Ma se questi criteri fossero un po’ allargati l’abitabilità potrebbe essere estesa su altri pianeti, come Marte, oppure su lune di
alcuni grandi pianeti come Giove e Saturno...
Ma prima di pensare alle forme di vita su altri pianeti, bisogna prima capire l’unica forma di vita che conosciamo e uno dei modi
per farlo è studiarne la presenza sui punti inabitabili della Terra. Se si vuole spingere al massimo le capacità degli esseri terrestri,
perché non mandarli fuori nello spazio senza alcuna protezione?
Proprio per questo l’agosto scorso due astronauti hanno messo in un laboratorio dell’astronave internazionale EXPOSE-R2 le
forme di vita più tenaci presenti sulla Terra: batteri, funghi, licheni e muschi. Questo esperimento è stato sviluppato dall’ESA
(Agenzia Spaziale Europea) che ha avuto anche la partecipazione italiana. L’EXPOSE-R2 contiene due esperimenti rilevanti per
l’astrobiologia: BIOMEX (Biology And Mars Experiment) e BOSS (Biofilm Organism Surfing Space) pensati per investigare la
resistenza degli organismi in condizioni presenti a bassa orbita terrestre.
Scarica
Random flashcards
geometria

2 Carte oauth2_google_01b16202-3071-4a8d-b161-089bede75cca

CRANIO

2 Carte oauth2_google_d7270607-b7ab-4128-8f55-c54db3df9ba1

Prova Lavoro

2 Carte nandoperna1

creare flashcard