Fondamenti della Religione Cattolica

annuncio pubblicitario
Movimento d'Amore San Juan Diego
MONOS-Unico - Ricerche Scientifiche e Umanistiche
Maria Santissima, Nostra Signora di Guadalupe
Trasposizione della Tilma sul Planisfero di Brown
che assume la forma di una conchiglia.
SAN GIOVANNI BOSCO
Sacerdote
31 gennaio, memoria liturgica
Fondamenti della Religione Cattolica
________________________
Il Sogno delle Due Colonne
[email protected]
www.movimentodamoresanjuandiego.it
www.conchiglia.net
1
Movimento d'Amore San Juan Diego
MONOS-Unico - Ricerche Scientifiche e Umanistiche
Maria Santissima, Nostra Signora di Guadalupe
Trasposizione della Tilma sul Planisfero di Brown
che assume la forma di una conchiglia.
SAN GIOVANNI BOSCO
Sacerdote
31 gennaio, memoria liturgica
Fondamenti della Religione Cattolica
________________________
I. Idea generale della vera religione.
Domanda (D). Che cosa s’intende per religione?
Risposta (R). Per religione s’intende una virtù, ovvero una serie d’azioni buone, con cui l’uomo rende a
Dio l’ossequio e l’onore a lui dovuto.
D. Come deve l’uomo praticare la religione?
R. L’uomo deve praticare la religione col credere le verità da Dio rivelate, e coll’osservare la sua santa
legge; cioè coll’esatto adempimento dei Comandamenti di Dio e della Chiesa dal medesimo Iddio
stabilita.
D. A chi fu rivelata la vera religione?
R. La vera religione fu primieramente da Dio rivelata ad Adamo, che fu il primo uomo del mondo;
quindi dallo stesso Dio, e talvolta col ministero degli Angeli, venne rivelata ai Santi Patriarchi, che la
praticarono, ai Profeti i quali coi loro miracoli dimostrarono di essere da Dio ispirati: perché Dio solo è
autore de’ veri miracoli, né li può fare, o concedere che altri li faccia, in prova dell’errore e della
menzogna. Gli uni e gli altri confermarono questa rivelazione con profezie, cioè con predizioni
riguardanti l’avvenire, che esattamente si avverarono; solamente Iddio sa l’avvenire, e può rivelarlo agli
uomini.
[email protected]
www.movimentodamoresanjuandiego.it
www.conchiglia.net
2
Movimento d'Amore San Juan Diego
MONOS-Unico - Ricerche Scientifiche e Umanistiche
Maria Santissima, Nostra Signora di Guadalupe
Trasposizione della Tilma sul Planisfero di Brown
che assume la forma di una conchiglia.
II. Una sola è la vera religione.
D. Le varie religioni, che si praticano nel mondo, possono essere egualmente vere?
R. No certamente, perché la verità è sempre una sola, e non può trovarsi in cose opposte. Ora le varie
religioni insegnando cose diverse, le une contrarie ed opposte alle altre, ne deve perciò derivare che una
sola debba essere la vera religione, e tutte le altre appartenere a credenze erronee, e che, chi le professa,
segua l’errore, e sia fuori della via della salvezza.
D. Portate qualche similitudine?
R. Siccome quello che è nero non può esser bianco, le tenebre non chiamansi luce; il giorno non può
essere la notte; così quando una credenza è opposta ad un’altra, o l’una o l’altra deve trovarsi
nell’errore.
D. Ci sono i Maomettani, i Protestanti, cioè i Calvinisti, i Luterani e gli Evangelisti, e c’è la
Chiesa Cattolica Romana; in quale di queste principali società noi possiamo con certezza trovare
la vera religione?
R. Noi possiamo soltanto trovare la vera religione nella Chiesa Cattolica Romana.
D. Datene la ragione.
R. Noi possiamo solamente trovare la vera religione nella Chiesa Cattolica Romana, perché essa sola
conserva intatta la divina rivelazione, essa sola fu fondata da Gesù Cristo vero Dio e vero uomo,
propagata dagli Apostoli, e dai loro successori sino ai nostri giorni; motivo per cui essa sola presenta i
caratteri della divinità.
D. Quali sono i caratteri, mediante i quali noi possiamo con certezza conoscere la vera
Chiesa di Gesù Cristo?
R. I veri caratteri, che ci fanno con certezza conoscere la divinità della Chiesa di Gesù Cristo, sono
quattro, cioè: Una, Santa, Cattolica, Apostolica.
La vera Chiesa deve essere Una, perché essendovi un solo Dio, una sola fede, un solo Battesimo, non
può esservi che una sola vera Chiesa. Santa, perché deve essere fondata e governata da Dio fonte di
ogni santità; insegnare cose sante per condurre gli uomini alla santità ed alla salvezza eterna.
Cattolica, ossia universale, perché deve professare tutta la dottrina di Gesù Cristo, e secondo le parole
dello stesso Divin Salvatore, dilatarsi in tutto il mondo, abbracciare i fedeli di tutti i tempi e di tutti i
luoghi, e durare visibile sino alla consumazione dei secoli. Apostolica, vale a dire insegnare e credere
tutto ciò che hanno insegnato e creduto gli Apostoli da Cristo inviati a predicare il Vangelo a tutte le
creature, e che coloro i quali attualmente l’amministrano siano realmente i successori degli Apostoli. La
Chiesa che ha questi quattro caratteri è senza dubbio la Chiesa di Gesù Cristo.
D. Quale è la Chiesa che presenta questi quattro caratteri della Divinità.
R. La Chiesa Romana è la sola, che possa con certezza presentare questi caratteri della Divinità, essa
sola infatti:
1. È Una, perché tutti i veri Cattolici, anche sparsi per le varie parti del mondo, nei più lontani
paesi della terra, professano una medesima fede, una medesima dottrina, e dipendono tutti da un solo
capo, che è il Romano Pontefice, il quale a guisa di Padre amorevole ed universale regola e governa
tutta la Cattolica famiglia.
[email protected]
www.movimentodamoresanjuandiego.it
www.conchiglia.net
3
Movimento d'Amore San Juan Diego
MONOS-Unico - Ricerche Scientifiche e Umanistiche
Maria Santissima, Nostra Signora di Guadalupe
Trasposizione della Tilma sul Planisfero di Brown
che assume la forma di una conchiglia.
2. È Santa per la santità del suo Capo e suo fondatore, che è Gesù Cristo; è santa la fede e la
legge che professa; santi sono i sacramenti che pratica; molti santi con luminosi miracoli la illustrarono
in ogni tempo; più milioni di martiri da Dio confortati sparsero il loro sangue in testimonianza della
Divinità di questa medesima Chiesa.
3. La Chiesa Romana è Cattolica, cioè universale, perché si estende a tutti i luoghi, a tutti i
tempi, abbraccia e professa tutta la dottrina di Gesù Cristo. Esso promise che il suo Vangelo sarebbe
predicato per tutta la terra, e noi vediamo che la Romana Chiesa in tutto il mondo ha dei figli, i quali
strettamente uniti col Papa professano la dottrina di Gesù Cristo, che si predicò e si va predicando nei
più lontani paesi della terra.
La medesima Romana Chiesa si estende a tutti i tempi, perché in tutti i tempi, in mezzo alle più
sanguinose persecuzioni fu sempre conosciuta a guisa di società visibile di fedeli riuniti nella medesima
fede, sotto alla condotta di un medesimo Capo, il Romano Pontefice, il quale, come Padre di una gran
famiglia, guidò pel passato, e guiderà per l’avvenire tutti i buoni credenti pel sentiero della verità sino
alla fine, dei secoli.
4. La Chiesa Romana è Apostolica, parchè erede ed insegna tutto ciò che gli Apostoli hanno
creduto ed insegnato, ed ha per capi e pastori i successori degli Apostoli. Il Vangelo e la testimonianza
di diciannove secoli mostrano ad evidenza, che Gesù ha stabilito san Pietro Capo della Chiesa, ed egli
cogli altri Apostoli hanno propagata la dottrina del Vangelo per tutto il mondo. A San Pietro
succedettero altri Sommi Pontefici, i quali senza interruzione governarono la Chiesa fino ai nostri giorni.
Agli altri apostoli succedettero i Vescovi, i quali in ognitempo ed in ogni luogo formarono un solo ovile,
riconoscendo solo Gesù Cristo per Pastore supremo e Capo invisibile, ed il Pontefice di Roma per
supremo Pastore e Capo visibile. Tutte le volte che qualcuno osò insegnare massime contrarie agli
ammaestramenti della Chiesa Romana tosto vennero di comune accordo condannate dai Papi e dai
Vescovi come contrarie al Vangelo ed a quanto insegnò lo stesso Gesù Cristo. Questa prerogativa della
Romana Chiesa è consolantissima per noi Cattolici; perché la sola nostra Chiesa cominciando dal
Regnante Pio IX rimonta da un Papa all’altro senza alcuna interruzione sino a San Pietro, Principe degli
Apostoli, stabilito Capo della Chiesa da Gesù Cristo medesimo.
III. Le Chiese degli Eretici non hanno i caratteri della Divinità.
D. Le Chiese de’ Valdesi e de’ Protestanti non possono avere i caratteri della vera Chiesa?
R. La Chiesa de’ Valdesi e de’ Protestanti e di tutti gli altri eretici non possono avere i caratteri della
vera Chiesa.
1. Non sono Una, perché non hanno la medesima fede, né la medesima dottrina, né uno stesso
capo. Anzi è difficile trovar due ministri di una medesima setta eretica, i quali vadano d’accordo sopra i
punti principali di lor credenza. Quindi ne avvengono continue divisioni in cose di massima importanza.
La sola Chiesa protestante, non molto dopo la sua fondazione, era già divisa in più di duecento sètte. In
esse alcuni ammettono la Messa, ed altre la disprezzano; alcuni credono a sette sacramenti, altri cinque,
chi tre, chi due, e chi nessuno. Dove in mezzo a tante contraddizioni si può avere unità di fede?
2. Non sono Sante, perché rigettano tutti od in parte i sacramenti, da cui solo deriva la vera
santità; professano più cose contrarie al Vangelo, ripugnanti a Dio medesimo. In tutte le vite degli
eretici, degli increduli, degli apostati, non si può citare un santo, e neppure un miracolo. Che anzi i
principali autori delle sette si deturparono con vizi o delitti. Calvino e Lutero asserivano fin dai loro
tempi, che i Cattolici erano assai migliori dei riformati. E Erasmo, caldo promotore del protestantismo,
ebbe a dire che tutti gli uomini illustri della Riforma, ben lungi dal far miracoli, non hanno nemmeno
potuto guarire un sol cavallo zoppo.
[email protected]
www.movimentodamoresanjuandiego.it
www.conchiglia.net
4
Movimento d'Amore San Juan Diego
MONOS-Unico - Ricerche Scientifiche e Umanistiche
Maria Santissima, Nostra Signora di Guadalupe
Trasposizione della Tilma sul Planisfero di Brown
che assume la forma di una conchiglia.
3. Non sono Cattoliche, perché sono ristrette in alcuni luoghi ed in questi luoghi medesimi
cambiano la loro dottrina a seconda dei tempi. Neppure sono cattoliche riguardo al tempo, giacché
paragonate alla Religione Cattolica contano pochi secoli d’esistenza. Prima di Enrico VIII non si era mai
parlato di Anglicanismo; prima di Pietro Valdo niuno mai nominò i Valdesi; prima di Calvino e Lutero
non si era mai menzionato protestantismo o riforma, Luteranismo o Calvinismo. In generale tutte le
eresie cominciarono ad essere nominate od esistere all’epoca dei loro fondatori; niuna si estende fino a
Gesù Cristo.
4. Non sono Apostoliche, perché non professano, anzi rigettano molte cose dagli Apostoli
credute ed insegnate. Niuna delle società, eretiche può vantare i suoi successori fino agli Apostoli.
Finalmente non sono unite al Romano Pontefice che e successore di San Pietro, Capo e Principe degli
Apostoli.
D. Non c’è diversità tra la dottrina della Chiesa Cattolica d’oggidì, e la dottrina di Gesù
Cristo che gli Apostoli predicarono?
R. No: non c’è alcuna diversità. Chiunque abbia letto, studiato e confrontato fra loro queste dottrine, non
può non restare convinto che le verità predicate da Gesù Cristo e dagli Apostoli sono quelle stesse, che
si predicarono in tutti i tempi, e si predicano presentemente nella Chiesa Cattolica, Apostolica, Romana.
D. Quale conseguenza si deduce da quanto qui si è esposto?
R. Per noi Cattolici si ricavano consolantissime conseguenze. La Chiesa Cattolica ha sempre condannato
ogni cosa contraria al Vangelo di mano in mano si palesava fra i cristiani, e fu sempre difesa e
professata la medesima dottrina senza che un Papa lasciasse rivivere una massima condannata da un suo
antecessore, né mettesse in dubbio alcuna verità prima di lui proclamata. Ora la condanna costante
dell’errore e la proclamazione delle stesse verità dal regnante Pontefice fino a Gesù Cristo, ci dà, per
così dire, nelle mani il Santo Vangelo puro ed intiero come Gesù Cristo medesimo lo ha insegnato, e
come gli Apostoli l’hanno predicato per tutta la terra.
D. Fuori della Chiesa Cattolica, Apostolica, Romana si può aver salute?
R. No. Fuori di questa Chiesa ninno può salvarsi. Nella maniera che quelli i quali non furori nell’arca di
Noè, dice San Girolamo, perirono nel diluvio, così perisce inevitabilmente colui che si ostina di vivere e
morire separato dalla Chiesa Cattolica, Apostolica, Romana, unica Chiesa di Gesù Cristo, sola
conservatrice della vera Religione
IV. La Chiesa degli Eretici non è la Chiesa di Gesù Cristo.
D. Non può darsi che gli Ebrei, i Maomettani, i Valdesi, i Protestanti, cioè i Calvinisti ed i
Luterani e simili, quantunque non siano nella Chiesa Cattolica, Apostolica, Romana, tuttavia
abbiano la vera Religione?
R. Tutti costoro non hanno la vera religione, perché non la ricevono dalla Chiesa Cattolica, sola vera
Chiesa di Gesù Cristo, unica depositaria della verità, e legittima interprete della dottrina del suo divin
Maestro.
D. Quale e il più grande errore degli Ebrei?
R. Il più grande errore degli Ebrei consiste in ciò che essi aspettando ancora la venuta del Messia, non
credono a Gesù Cristo, né al suo santo Vangelo.
D. Che cosa devono fare gli Ebrei per potersi salvare?
[email protected]
www.movimentodamoresanjuandiego.it
www.conchiglia.net
5
Movimento d'Amore San Juan Diego
MONOS-Unico - Ricerche Scientifiche e Umanistiche
Maria Santissima, Nostra Signora di Guadalupe
Trasposizione della Tilma sul Planisfero di Brown
che assume la forma di una conchiglia.
R. Gli Ebrei per potersi salvare debbono riconoscere Gesù Cristo per Messia, ricevere il santo
Battesimo, quindi osservare i comandamenti di Dio e della Chiesa.
D. Chi è il capo della religione Maomettana?
R. Maometto, il quale disseminò i suoi errori sul principio del secolo settimo dell’Era Cristiana.
D. Chi e il capo dei Valdesi, i quali in gran numero vivono nella valle di Luserna vicino a
Pinerolo?
R. Il capo dei Valdesi è Pietro Valdo negoziante di Lione. Egli diede principio all’erronea sua dottrina
verso la metà del secolo XIII.
D. È vero che la dottrina dei Valdesi è stata sempre la stessa dal tempo degli Apostoli fino a
noi?
R. E falsissimo per ogni verso. Prima di Pietro Valdo mai non ne fu parola nel mondo. Dopo Pietro
Valdo si cambiò nuovamente coll’adottare che essa fece gli errori di Viclefo e di Huss. Nel secolo
decimosesto poi degenerò in Calvinismo, ed ai nostri giorni i così detti Valdesi sono verissimi
Protestanti per quanto si chiamino Evangelici.
D. Chi sono i capi dei Protestanti?
R. I capi dei Protestanti sono Calvino e Lutero vissuti alla metà del secolo decimosesto. Calvino chierico
simoniaco, fu condannato a grave pena per un delitto ignominioso. Lutero, frate che uscì dal convento,
commise i più gravi disordini fra cui quello di sposare una monaca legata dai voti, mentre egli era pure
legato da voti solenni e perpetui.
D. Questi uomini Maometto, Pietro Valdo, Calvino e Lutero diedero segni di essere da Dio
mandati?
R. Costoro erano uomini non mandati da Dio, non fecero alcun miracolo, né in loro si avverò alcuna
profezia. Propagarono i loro errori e le loro superstizioni colla violenza e col libertinaggio. La loro
religione scioglie il freno a tutti i vizi, apre la strada a tutti i disordini. Cosicché si possono chiamare non
inviati da Dio ma da Satana a predicare e diffondere l’empietà fra gli uomini.
D. Dunque costoro non sono nella Chiesa di Gesù Cristo?
R. Costoro non avendo per capo Gesù Cristo, non possono appartenere alla sua Chiesa, ma come
insegna San Girolamo, appartengono alla sinagoga dell’Anticristo, cioè ad una Chiesa opposta a quella
di Gesù Cristo.
V. Del Capo della Chiesa Cattolica.
D. Chi è il capo della Chiesa Cattolica?
R. Il fondatore, il capo invisibile di tutta la Chiesa è Gesù Cristo, il quale dopo aver deputato San Pietro
a governarla assicurò che egli l’avrebbe assistita dal cielo sino alla fine dei secoli.
Ecce ego vobíscum sum ómnibus diébus, usque ad consummatiónem saéculi (Matth. XXVIII, 20).
[email protected]
www.movimentodamoresanjuandiego.it
www.conchiglia.net
6
Movimento d'Amore San Juan Diego
MONOS-Unico - Ricerche Scientifiche e Umanistiche
Maria Santissima, Nostra Signora di Guadalupe
Trasposizione della Tilma sul Planisfero di Brown
che assume la forma di una conchiglia.
D. Chi è il capo visibile della Chiesa Cattolica?
R. Il capo visibile della Chiesa è il Sommo Pontefice detto comunemente il Vicario di Gesù Cristo o il
Papa.
D. Il Romano Pontefice da chi è stato stabilito capo della Chiesa?
R. Il Romano Pontefice è stato stabilito capo supremo della Chiesa nella persona di San Pietro dal
medesimo Gesù Cristo.
D. Con quali parole Gesù Cristo stabilì San Pietro capo della Chiesa?
R. Gesù Cristo stabilì San Pietro capo e fondamento della Chiesa con queste parole:
Tu sei Pietro e sopra questa pietra edificherò la mia Chiesa e le porte dell’inferno non potranno mai
prevalere contro di essa (Matth. XV, 18).
D. Che parte ha dunque San Pietro nella Chiesa?
R. Pietro nella Chiesa opera quello che fanno le fondamenta in un edificio. Ogni parte di un edifizio che
non appoggi sopra le fondamenta non può reggersi e rovina certamente. Così ogni credenza, ogni
autorità, ogni Chiesa che non riconosca l’autorità di Pietro e non sia alla medesima ubbidiente, non
appartiene più alla Chiesa di Gesù Cristo, perché non è appoggiata sopra il vero fondamento della
Chiesa, che, come dice s. Paolo, à quella grande colonna sopra cui appoggia ogni verità. Quae est
Ecclésia Dei vivi, est colúmna et firmaméntum veritatis (Tim. III, 15).
D. Quale autorità diede il Salvatore a San Pietro ?
R. Gesù Cristo diede a San Pietro un’autorità assoluta, che suole denominarsi primato di onore e di
giurisdizione, in forza di cui egli può comandare e proibire tutto ciò che giudica opportuno per nostro
bene spirituale ed eterno.
D. Con quali parole Gesù Cristo diede tale autorità al capo della Chiesa?
R. Gesù Cristo diede tale autorità al capo della Chiesa colle parole dette a San Pietro : E a te Io darò le
chiavi del Regno dei Cieli; e qualunque cosa avrai legata sopra la Terra, sarà legato anche nei Cieli; e
qualunque cosa avrai sciolta sopra la Terra, sarà sciolta anche nei Cieli; (Matth. XVI, 19).
D. Che cosa significano le parole primato di onore e di giurisdizione del Romano Pontefice?
R. Le parole primato d’onore e di giurisdizione significano che il Romano Pontefice nella Chiesa ha un
potere assoluto sopra tutti i cristiani siano laici, siano preti, vescovi, di qualunque grado o condizione,
che tutti devono sottomettersi alle sue proibizioni ed a’ suoi comandi, e da lui dipendere se vogliono
essere sicuri di appartenere alla Chiesa di Gesù Cristo, che, come dice s. Girolamo, è l’unica Arca di
salvamento.
D. I Principi, i Re e gli altri potentati della terra sono anche soggetti al sommo Pontefice?
R. i Principi, i Re, e tutti i potentati della terra, fossero anche padroni di tutto il mondo, devono
sottomettersi al sommo Pontefice, se vogliono appartenere alla vera Chiesa e salvarsi l’anima; perché
l’autorità di costoro è tutta temporale, e in faccia alla Religione essi sono semplici fedeli obbligati, come
gli altri, di obbedire al capo della Religione.
[email protected]
www.movimentodamoresanjuandiego.it
www.conchiglia.net
7
Movimento d'Amore San Juan Diego
MONOS-Unico - Ricerche Scientifiche e Umanistiche
Maria Santissima, Nostra Signora di Guadalupe
Trasposizione della Tilma sul Planisfero di Brown
che assume la forma di una conchiglia.
D. Con quali parole Gesù Cristo diede questo primato a San Pietro?
R. Gesù Cristo diede a San Pietro questo primato colle parole già esposte e specialmente con quelle che
leggiamo nel Vangelo di san Giovanni al capo XX.
Dopo la sua gloriosa risurrezione il Salvatore comparve a’ suoi discepoli sul lago di Genezaret e
preso con loro alquanto di cibo, per meglio assicurargli della realtà del suo risorgimento, si volse a
Pietro e gli disse: Simone figliuolo di Giovanni, mi ami tu? Signore, rispose Pietro, Voi sapete che io vi
amo. Gesù soggiunse: Pascola i miei agnelli. Il Signore replicò: Simone figliuolo di Giovanni, mi ami
tu? Signore, rispose tosto Pietro, Voi ben sapete che io vi amo. Gesù ripigliò ancora: Simon Pietro, mi
ami tu più di costoro? Pietro nel vedersi interrogato la terza volta sopra il medesimo punto rimase
conturbato. In quel momento gli ritornarono a mente le promesse fatte altra volta, e che egli aveva
violate, e temeva che Gesù Cristo non credesse alle sue proteste, quasi volesse già predirgli altre
negazioni. Pertanto con tutta umiltà rispose: Signore, voi sapete tutto, il mio cuore è tutto aperto a voi, e
perciò voi sapete altresì che io vi amo. Cioè Pietro era sicuro in quel punto della sincerità de’ suoi
affetti, ma non lo era egualmente per l’avvenire. Gesù che conosceva il suo desiderio di amarlo e la
schiettezza de’ suoi affetti, lo confortò dicendo: Pascola le mie pecore.
D. Che cosa fece Gesù con queste parole?
R. Con queste parole Gesù Cristo costituì San Pietro Principe degli Apostoli e pastore universale della
Chiesa e di ciascuno dei cristiani; infatti gli agnelli qui significano tutti i fedeli cristiani sparsi nelle
varie parti del mondo, che devono essere sottomessi al capo della Chiesa siccome fanno gli agnelli al lor
pastore. Le pecore poi significano i vescovi e gli altri sacri ministri, i quali danno bensì il Pascolo della
dottrina di Gesù Cristo ai fedeli Cristiani, ma sempre d’accordo, sempre uniti e sempre sottomessi al
Sommo Pastore della Chiesa, che è il Romano Pontefice, Vicario di Gesù Cristo sopra la terra.
D. Questa dottrina fu sempre così creduta dai Cattolici?
R. I Cattolici di tutti i tempi appoggiati sopra queste parole di Gesù hanno sempre creduto come verità
di fede, che San Pietro fu costituito da Gesù Cristo suo Vicario in terra e capo supremo visibile della
Chiesa e che ricevette da lui la pienezza di autorità sopra gli altri Apostoli e sopra tutti i fedeli. Egli è
poi cosa chiara che l’autorità di Pietro doveva durare quanto la Chiesa, cioè sino alla fine dei secoli, ché
certo il fondamento dee durar quanto l’edifizio che vi sta sopra, e che perciò dopo di lui essa doveva
passare nei suoi successori, i quali sono i Romani Pontefici.
VI. Dell’infallibilità pontificia.
D. Qual è la prerogativa più importante dell’autorità dei Romani Pontefici?
R. La prerogativa più importante e nel tempo stesso pei Cattolici la più consolante dell’autorità del
Romano Pontefice è la sua infallibilità.
D. Che cosa vuol dire infallibilità pontificia?
R. Infallibilità pontificia vuol dire che il capo della Chiesa nel giudicare delle cose riguardanti alla fede
ed ai costumi è infallibile, cioè non può cadere in errore, quindi né ingannare gli altri, né ingannare se
stesso.
[email protected]
www.movimentodamoresanjuandiego.it
www.conchiglia.net
8
Movimento d'Amore San Juan Diego
MONOS-Unico - Ricerche Scientifiche e Umanistiche
Maria Santissima, Nostra Signora di Guadalupe
Trasposizione della Tilma sul Planisfero di Brown
che assume la forma di una conchiglia.
D. Dove è contenuta la dottrina dell’infallibilità pontificia?
R. La dottrina dell’infallibilità pontificia si ricava dal Vangelo, e segnatamente dal capo 22 del Vangelo
di s. Luca dove il Salvatore dice a San Pietro : Ho pregato per te, o Pietro, affinché la tua fede non
venga mai meno, e tu quando ti sarai riavuto dalla tua caduta conferma nella fede i tuoi fratelli.
D. Che cosa devesi osservare in questi detti del Salvatore?
R. In questi detti del Salvatore dobbiamo specialmente notare tre cose:
1. Il Salvatore pregò per San Pietro affinché la sua fede non venisse meno; e siccome niuno oserà
mettere in dubbio che la preghiera del Salvatore non ottenga il suo effetto, così niuno oserà mettere in
dubbio, anzi ognuno crederà fermamente che non sarà per mancare la fede di Pietro, che perciò è
infallibile.
2. Che Pietro è incaricato di confermare nella fede non solamente i semplici cristiani, ma i suoi
stessi fratelli cioè gli Apostoli e tutti i vescovi loro successori.
3. Quando Pietro nella persona dei Papi suoi successori proclama una sentenza intorno a
questioni di fede o di costumi, noi dobbiamo crederla come verità rivelata da Dio, sebbene quella
definizione non sia ancora stata approvata da alcun Concilio o dai vescovi separatamente o radunati.
D. Quale fu la dottrina dei Cattolici intorno a questa verità?
R. Fu in tutti i tempi e da tutti i cattolici costantemente creduto all’infallibilità del successore di San
Pietro , del Vicario di Gesù C. I Romani Pontefici esercitarono sempre questa autorità suprema nelle
controversie religiose, e tutti i veri Cattolici hanno rispettosamente accolto le loro dichiarazioni, quali
verità da non più mettersi in discussione, come se fossero uscite dalla bocca stessa del Divin Salvatore,
di cui sono Vicari sopra la terra; ma non fu mai definita e proclamata verità di fede fino al Concilio
Vaticano.
D. Se tutti i fedeli già credevano alla infallibilità del Sommo Pontefice, che necessità vi era
di definirla?
R. Non vi sarebbe stata nessuna necessità, se non fossero sorti alcuni eretici ad impugnarla, come i
Giansenisti: se dalla mancanza di una espressa definizione alcuni male avvisati Cattolici non avessero
presa occasione di porla in dubbio. E però come la Chiesa definì la divinità di Cristo nel Concilio di
Nicea, benché, fosse da tutti i Cattolici creduta, perché Ario aveva osato impugnarla; come il Concilio di
Trento definì tante altre verità, che erano comuni nella Chiesa, perché Lutero le aveva negate; così il
Concilio Vaticano definì l’infallibilità pontifìcia, per premunire i fedeli contro chi l’aveva messa in
dubbio o apertamente negata.
D. Come è concepita questa definizione?
R. Questa definizione venne proclamata ed approvata nel Concilio Vaticano il 18 luglio 1870 da oltre
settecento vescovi presieduti dallo stesso Romano Pontefice con queste parole: « Noi definiamo che il
Romano Pontefice quando parla ex cathedra, ossia adempiendo l’ufficio di pastore e maestro di tutti i
cristiani, per la sua suprema autorità apostolica definisce qualche dottrina della fede e dei costumi da
tenersi da tutta la Chiesa, a cagione della divina assistenza a lui promessa nella persona del B. Pietro,
gode della stessa infallibilità, della quale il Divin Redentore volle fornire la sua Chiesa nel definire le
dottrine della fede e dei costumi. Perciocchè queste definizioni del Romano Pontefice sono per se stesse,
e non pel consenso della Chiesa, irreformabili. Che se alcuno oserà contraddire a questa nostra
definizione, che Iddio ce ne guardi, sia anatema. »
[email protected]
www.movimentodamoresanjuandiego.it
www.conchiglia.net
9
Movimento d'Amore San Juan Diego
MONOS-Unico - Ricerche Scientifiche e Umanistiche
Maria Santissima, Nostra Signora di Guadalupe
Trasposizione della Tilma sul Planisfero di Brown
che assume la forma di una conchiglia.
D. Questa infallibilità si estende a tutte le azioni, a tutte le parole del Sommo Pontefice?
R. No: quando chiamiamo il Papa infallibile lo consideriamo non come cittadino, non come sacerdote o
vescovo, né come sovrano; ma soltanto quando come Papa, capo della Chiesa, tratta di cose riguardanti
alla fede ed ai costumi e intende di obbligare tutti i fedeli cristiani.
D. In queste definizioni il Papa fa nuovi dommi?
R. In queste definizioni né il Papa, né la Chiesa fanno nuovi dommi, ma dichiarano soltanto che quella
verità fu realmente rivelata da Dio, contenuta nella parola di Dio scritta, che è la Sacra Bibbia, e nella
parola orale che è la tradizione.
D. Recate un esempio.
R. Per esempio dalla Chiesa fu costantemente creduto che la Santa Vergine sia stata concepita senza
colpa originale, ma non si era mai definito come verità di fede. Finalmente il Santo Padre il giorno
8 dicembre 1854 definì che tale credenza era appoggiata sopra la Sacra Scrittura, sopra la tradizione, e
perciò doversi credere e tenere per verità di fede. Da allora in poi fu tolto ogni dubbio, né più fu
permesso ad alcuno disputare contro, anzi ciascuno rimase obbligato ad annoverare quella definizione
fra i dommi di nostra santa religione.
VII. Vantaggi della definizione dell’infallibilità pontificia.
D. Quali vantaggi apporta ai Cattolici la definizione dell’infallibilità pontificia?
R. La definizione dell’infallibilità pontificia porta con sé molti vantaggi. I principali sono cinque:
1. Essa circondò di nuovo splendore la veneranda persona del Sommo Pontefice, e per
conseguenza tutta la famiglia cristiana, essendo naturale che l’onore del padre si rifonda sui figli.
2. Somministrò un mezzo più spedito per sciogliere le questioni religiose, e condannare gli errori
contrari alla fede. Difatti prima di questa definizione per sciogliere le questioni di religione con autorità
infallibile e condannare gli errori, secondo alcuni era necessaria la sentenza di un concilio generale o di
tutta la Chiesa insegnante dispersa. Le quali due cose essendo sempre assai difficili ad aversi, ne seguiva
per molto tempo nei fedeli l’incertezza nel credere a certe verità, e il pericolo di abbracciare l’errore. Ma
ora dalla Chiesa universale essendo stato proclamato infallibile il Romano Pontefice, viene assai più
prontamente da lui dichiarata la verità e condannato l’errore.
3. Assicura i fedeli che credendo e facendo quello che il Papa propone a credere ed operare, essi
sono dalla Chiesa universale assicurati che non potranno errare giammai, e che credono e che operano
quella che vuole Dio stesso.
4. Giova agli stessi sovrani, e a tutta la civile società; poiché la parola infallibile del Pontefice
facendo udire più autorevolmente agli uomini l’obbligo di stare soggetti ai principi della terra, e
condannando la ribellione contro ai medesimi, il papato diventa di sua natura il più valido sostegno dei
loro troni e della pubblica quiete.
5. È vantaggiosa agli stessi eretici, perché proclamato il Papa per giudice e maestro infallibile,
scompare ogni pericolo di discordia e contraddizioni religiose. Essi devono sentirsi come atterriti e
mossi a rientrare nel seno della Chiesa Cattolica, dove trovan quella regola certa di fede invano cercata
nell’eresia; perché mancando tra gli eretici un’autorità suprema infallibile, e potendo ciascuno credere
come gli pare e piace, tutto è dubbio ed incertezza desolante nelle cose più essenziali per l’eterna salute.
Ma non così nella Chiesa Cattolica.
[email protected]
www.movimentodamoresanjuandiego.it
www.conchiglia.net
10
Movimento d'Amore San Juan Diego
MONOS-Unico - Ricerche Scientifiche e Umanistiche
Maria Santissima, Nostra Signora di Guadalupe
Trasposizione della Tilma sul Planisfero di Brown
che assume la forma di una conchiglia.
D. Che cosa rispondere a quelli, che dicono essere alcuni Papi caduti in errore?
R. A questa asserzione si deve negare assolutamente e rispondere, o che i fatti addotti sono calunnie
inventate contro ai Papi, o che si riferiscono a cose non riguardanti la fede. Tutti quelli che han fatto
studio profondo ed imparziale sulla storia ecclesiastica convengono che queste asserzioni sono false; e
chi insegna diversamente cerca d’ingannare.
D. Che male farebbe chi negasse l’infallibilità pontificia?
R. Chi negasse l’infallibilità pontificia dopo la definizione del Concilio Vaticano commetterebbe grave
disubbidienza alla Chiesa, e se fosse ostinato nel suo credere diventerebbe eretico e non apparterrebbe
più alla Chiesa di Gesù Cristo, e noi dovremmo fuggirlo come eretico. Chi non ascolta la Chiesa, dice il
Vangelo, abbilo come gentile e pubblicano, cioè scomunicato.
VIII. Una risposta ai Protestanti
D. Che cosa rispondere quando i Protestanti dicono: Noi crediamo a Cristo ed al Vangelo,
perciò siamo nella vera Chiesa?
R. Quando i Protestanti parlano così, noi dobbiamo loro rispondere: Voi, o Protestanti, dite di credere a
Gesù Cristo ed al Vangelo, ma non è vero, perché non credete a tutto quello che c’insegna Gesù Cristo
nel Vangelo, e rigettate molte altre verità, le quali, sebbene non registrate nel Vangelo, per ordine di lui
furono predicate da’ santi Apostoli e si devono credere da tutti per potersi salvare. Il medesimo s. Paolo
scriveva che aveva cose di cui avrebbe ragionato e disposto verbalmente, quando si fosse trovato con
quei cristiani di Corinto, cui indirizzava la sua lettera: Cétera cum vénero dispónam (1 Cor. XI). Inoltre,
o Protestanti, voi non credete alla sua Chiesa, non credete al Sommo Pontefice, dallo stesso Gesù Cristo
stabilito per governare la sua Chiesa. Poi permettendo ad ognuno la libera interpretazione del Vangelo,
fate una orribile confusione dei sacramenti e delle altre verità di fede, ed aprite con ciò una larga via
all’errore, nel quale l’uomo cade inevitabilmente, se è guidato solo dal proprio lume. Perciò voi, o
Protestanti, siete come rami tagliati dall’albero, come membri di un corpo senza capo, come pecore
senza pastore, come discepoli senza maestro, separati dal fonte della vita, che è Gesù Cristo.
D. Non è possibile che alcun Protestante si possa salvare?
R. Tra i Protestanti si possono salvare:
1. I fanciulli che muoiono prima dell’uso di ragione, purché siano stati validamente battezzati.
2. Si possono eziandio salvare coloro, che sono in buona fede, cioè sono fermamente persuasi di
trovarsi nella vera religione. Perciocché costoro nel loro cuore sono Cattolici, e se conoscessero bene la
Religione Cattolica certamente l’abbraccerebbero.
D. Che cosa devono fare i Protestanti per salvarsi?
R. I Protestanti per salvarsi devono rinunziare ai loro errori, entrare nella Chiesa Cattolica, Apostolica,
Romana, da cui un tempo si separarono, unirsi al Vicario di Gesù Cristo, che è il Papa; chi si ostina a
vivere da lui separato perisce eternamente.
IX. I Protestanti convengono che i Cattolici sono nella vera Chiesa.
D. Che cosa dicono in particolare i Protestanti intorno alla Cattolica nostra Religione?
R. I Protestanti dicono che nella Chiesa Cattolica vissero grandi santi, i quali operarono luminosissimi
miracoli, che noi vivendo secondo i precetti della Chiesa Cattolica possiamo salvarci.
[email protected]
www.movimentodamoresanjuandiego.it
www.conchiglia.net
11
Movimento d'Amore San Juan Diego
MONOS-Unico - Ricerche Scientifiche e Umanistiche
Maria Santissima, Nostra Signora di Guadalupe
Trasposizione della Tilma sul Planisfero di Brown
che assume la forma di una conchiglia.
D. Noi Cattolici che cosa diciamo della setta Protestante?
R. Noi Cattolici, seguendo la dottrina infallibile della Chiesa Cattolica, diciamo che i Protestanti se non
fanno ritorno alla Chiesa Cattolica non possono salvarsi.
D. Dunque?
R. Dunque i Protestanti convenendo con noi, che la Cattolica Religione è vera, dichiarano che la loro
credenza è falsa.
D. Non vi sarebbe qualche esempio a questo riguardo?
R. Ne abbiamo molti; eccone uno ricavato dalla storia ecclesiastica. Enrico IV re di Francia era capo del
partito dei Calvinisti, quando salì sul trono; ma Iddio lo illuminò col fargli conoscere la vera religione.
Da prima procurò di istruirsi rettamente nei dommi della Cattolica Religione; poscia fece venire alla sua
presenza i ministri Protestanti, e loro domandò, se credevano, che egli si potesse salvare nella Chiesa
Romana. Dopo seria riflessione risposero di sì. Allora il re saviamente ripigliò: Perché dunque voi
l’avete abbandonata? I Cattolici affermano che niuno può ottenere salute nella vostra setta; voi
convenite che si può avere nella loro; ragion vuole che io mi attenga alla via più sicura, e preferisca
quella religione in cui per comune sentimento io mi posso salvare. Quindi il re rinunziò all’eresia, e
rientrò nel seno della Cattolica Religione.
D. Che cosa presenta di singolare la Chiesa Cattolica nel suo rapporto colle società
eretiche?
R. La Chiesa Cattolica ha questo di singolare nel suo rapporto colle eretiche società, che:
1. Sebbene ella sia stata in ogni tempo perseguitata dagli Ebrei, dai gentili, dagli eretici e dai
cattivi Cattolici, riportò compiuto trionfo di tutti gli attacchi, conservandosi pura ed inalterabile, quale fu
da Dio fondata, senza che abbia ad altri mossa la minima persecuzione. I nemici della fede si sforzarono
di addurre alcuni fatti come sarebbe la guerra contro gli Albigesi, la giornata di s. Bartolomeo, e con
questi fatti vorrebbero provare che la Chiesa Cattolica ha talvolta mosso persecuzioni. Ma costoro sono
in errore, perciocché tali fatti non furono mai dalla Chiesa né comandati, né approvati.
2. Che non si legge che alcuno, consapevole di se stesso, in punto di morte abbia abbandonata la
Chiesa Cattolica per abbracciare qualche altra credenza. Al contrario le storie sono ripiene di fatti di
uomini i quali in punto di morte rinunziarono all’eresia per morire nel seno della santa Romana Chiesa
per così assicurarsi la eterna salvezza. Molti fatti riguardanti a celebri personaggi, che in vita e in punto
di morte abbandonarono l’errore per vivere e morire nella Cattolica Religione, si possono leggere in vari
autori di storia ecclesiastica e specialmente nell’opera: Storia del giacobinismo dell’abate Baruel
(Miscellanea di filosofi, Parigi 1808).
3. Che niuno mai abbandonò la Cattolica Religione per condurre vita più virtuosa. Per l’opposto
sappiamo dalla storia che tutti quelli, i quali l’hanno abbandonata, ciò fecero per abbracciare qualche
altra credenza, in cui potessero condurre vita più libera e disordinata. Segno evidente che a ciò erano
mossi non dalla cognizione della verità, ma dal desiderio di una credenza più rilassata e più favorevole
alle umane passioni.
D. Che cosa dobbiamo fare noi Cattolici?
R. Noi Cattolici dobbiamo:
1. Ringraziar Dio d’averci creati in quella religione, che unica può condurci a salvamento;
[email protected]
www.movimentodamoresanjuandiego.it
www.conchiglia.net
12
Movimento d'Amore San Juan Diego
MONOS-Unico - Ricerche Scientifiche e Umanistiche
Maria Santissima, Nostra Signora di Guadalupe
Trasposizione della Tilma sul Planisfero di Brown
che assume la forma di una conchiglia.
2. Pregare di cuore il Signore perché ci conservi fedeli alla sua grazia, e nel suo santo servizio, e
pregarlo eziandìo per tutti coloro che vivono da lui lontani, e separati dalla vera santa Chiesa, perché li
illumini, e li conduca tutti da buon pastore al suo ovile.
3.Ma insieme dobbiamo guardarci bene dai Protestanti e da quei cattivi Cattolici che disprezzano
i precetti della Chiesa, che sparlano del Vicario di Gesù Cristo, e degli altri suoi ministri per trascinarci
all’errore; 4. Essere grati a Dio colla fermezza nella fede, colla pratica esatta dei suoi precetti, e di quelli
della sua santa Chiesa.
X. Tre ricordi per la gioventù.
D. Come deve regolarsi un giovane cattolico in questi tempi per non essere ingannato in
fatto di religione?
R. Credo che voi, o giovani cristiani, non sarete ingannati in fatto di religione, se metterete in pratica i
seguenti avvisi:
1. Fuggire per quanto è possibile la compagnia di coloro che parlano di cose oscene, o cercano di
deridere il Papa, i vescovi e gli altri ministri della nostra santa Religione.
2. Se per motivo di studio, di professione o di parentela dovrete trattare con costoro, non entrate
mai in dispute di Religione, e se cercano di farvi difficoltà rispondete semplicemente: Quando sia
infermo andrò dal medico, se ho liti mi recherò dall’avvocato o dal procuratore, se ho bisogno di rimedi
dal farmacista. In fatto poi di Religione vado dai preti, come quelli che di proposito l’hanno studiata.
3. Non leggete mai e poi mai libri o giornali cattivi. Se per avventura taluno vi offrisse libri o
giornali irreligiosi, aborriteli e rigettateli da voi con quell’orrore e disprezzo che rifiutereste una tazza di
veleno. Se a caso ne aveste qualcuno presso di voi, consegnatelo al fuoco. È meglio che il libro o
giornale bruci nel fuoco di questo mondo, piuttosto che mettere l’anima vostra in rischio di andare a
bruciare per sempre nelle fiamme dell’inferno.
D. E quando siamo burlati perché pratichiamo la nostra religione?
R. Quando siete burlati perché praticate la vostra religione, voi dovete dispregiare ogni burla e mettere
sotto ai piedi ogni diceria mondana. Rispondete poi schiettamente ai derisori, che col Signore non si
burla, perciò nemmeno si deve burlare quello, che riguarda al suo culto. Quindi richiamate alla memoria
la sentenza del Salvatore contro a quelli, che per umano rispetto si lasciano trascinare al male.
Chiunque, egli dice, si lascia far paura, e a tempo debito per rossore non si manifesta per cristiano, sarà
svergognato da me quando si presenterà al mio divin tribunale. Lasciate dunque dire chi vuole, purché
facciate il bene e vi salviate l’Anima in eterno.
D. E quando dicono che siamo in tempo di libertà, perciò ognuno può vivere come vuole?
R. Noi dobbiamo rispondere, che la libertà di cui parlano non è data da Dio, ma dagli uomini, che perciò
non si deve mischiare per niente nelle cose di religione; oppure rispondere che se siamo in tempo di
libertà, ci lascino anche liberi in fatto di religione e liberi di praticarla come a noi piace.
Egli è poco tempo, che un giovanetto ben educato era deriso perche andava a confessarsi e si
asteneva dalle carni il venerdì e il sabato. I maligni compagni adducevano, che in questi tempi tutto era
permesso. Allora l’accorto giovane ingegnosamente rispose: Se tutto è permesso, sarà anche permesso a
me il praticare la mia religione, e se voi siete stati ben educati, dovreste lasciarmi in libertà di osservarne
le pratiche.
[email protected]
www.movimentodamoresanjuandiego.it
www.conchiglia.net
13
Movimento d'Amore San Juan Diego
MONOS-Unico - Ricerche Scientifiche e Umanistiche
Maria Santissima, Nostra Signora di Guadalupe
Trasposizione della Tilma sul Planisfero di Brown
che assume la forma di una conchiglia.
D. La Chiesa di Gesù Cristo non verrà meno per le persecuzioni?
R. No certamente; anzi più sarà dagli uomini perseguitata, più trionferà, perché la Chiesa è fondata da
Gesù Cristo sopra una pietra contro cui niente varranno tutti gli sforzi dell’inferno. La storia ci racconta,
come nei tempi andati alcuni sovrani abusando del loro potere spogliarono il Papa, dispersero,
imprigionarono vescovi e cardinali, il capo della Chiesa era condotto errante di città in città, chiuso in
prigione. Ma intanto la mano di Dio si aggravò sopra gli oppressori; la loro potenza fu abbattuta, i loro
eserciti disfatti, ed essi dal colmo della gloria caddero nell’ignominia e poi nella tomba.
Ed i pontefici? I pontefici, acquietatesi le burrasche politiche, poterono ritornare gloriosi a Roma
a ripigliare possesso del loro trono, esercitare la pienezza del loro potere per tutto il mondo. È vero che
talvolta la Religione essendo disprezzata in certi paesi, Dio permette che sia portata altrove. Ma ciò è
sempre a danno degli uomini e non mai della Religione. Di fatto noi vediamo, che tutti i persecutori
della Chiesa dei tempi passati non esistono più, e la Chiesa tuttora esiste; tutti quelli che la perseguitano
presentemente, di qui a qualche tempo non ci saranno più, ma la Chiesa di Cristo sarà sempre la stessa,
perché Iddio ha impegnata la sua parola di proteggerla e di essere con lei, e vuole che duri sino alla fine
del mondo, per unire la Chiesa militante alla Chiesa trionfante e formare poi di tutti i buoni un solo
regno nella patria dei beati in cielo. Così sia.
________________________
Passeranno cielo e terra, ma le parole del Signore non passeranno (Marc. XIII, 21).
Chi persevererà sino alla fine, si salverà (Matteo X, 22).
Chi prega certamente si salva, chi non prega certamente si danna
(Sant’Alfonso. Del gran mezzo della preghiera).
Chi non ha la Chiesa per madre, non può avere Dio per padre (San Cipriano).
Il primato è dato a Pietro, affinché una sola Chiesa e una sola Cattedra di Cristo sia mostrata ai Cristiani.
Primátus Petro datur, ut una Christi Ecclésia, et Cáthedra una monstrétur.
(San Cipriano. De unitáte Eccl. IV).
Chiunque si separa dalla Chiesa Cattolica, sia pur buona la vita di lui, non possederà mai la vita eterna,
ma la collera di Dio verrà sopra di lui pel solo delitto di essere separato dall’unità di Gesù Cristo. Questa
bontà e probità, che non è sommessa alla Chiesa, è un’ipocrisia sottile e perniciosa (Sant’Agostino).
Dove è Pietro, cioè il Sommo Pontefice suo Successore, ivi si trova la vera Chiesa di Gesù Cristo.
Ubi Petrus, ibi Ecclésia (Sant’Ambrogio).
Io non crederei neppure al Vangelo, se non mi movesse l’autorità della Chiesa Cattolica.
Ego vero Evangélio non créderem, nisi me Cathólicae Ecclésiae commovéret auctóritas.
(Sant’Agostino)
Ven. D. Giovanni Bosco - LA FIGLIA CRISTIANA PROVVEDUTA PER LA PRATICA DEI SUOI DOVERI RELIGIOSI.
Nuova edizione migliorata, arricchita delle preghiere secondo il catechismo, di Messe e d’antifone in canto gregoriano e
autorizzata dal Reverendissimo D. Paolo Albera, Rettor Maggiore della P. Società Salesiana.
TORINO – Società Editrice Internazionale - Corso Regina Margherita, 176 – Anno 1920
[email protected]
www.movimentodamoresanjuandiego.it
www.conchiglia.net
14
Movimento d'Amore San Juan Diego
MONOS-Unico - Ricerche Scientifiche e Umanistiche
Maria Santissima, Nostra Signora di Guadalupe
Trasposizione della Tilma sul Planisfero di Brown
che assume la forma di una conchiglia.
Il Sogno delle Due Colonne
Il Sogno delle Due Colonne di San Giovanni Bosco
Dipinto esposto nella Basilica del Sacro Cuore di Gesù
presso la Stazione Termini di Roma, Italia.
[email protected]
www.movimentodamoresanjuandiego.it
www.conchiglia.net
15
Movimento d'Amore San Juan Diego
MONOS-Unico - Ricerche Scientifiche e Umanistiche
Maria Santissima, Nostra Signora di Guadalupe
Trasposizione della Tilma sul Planisfero di Brown
che assume la forma di una conchiglia.
Il Sogno delle Due Colonne in mezzo al mare di San Giovanni Bosco
Don Bosco il 26 maggio 1862 aveva promesso ai giovani di raccontar loro qualche bella cosa
nell'ultimo o nel penultimo giorno del mese. Il 30 maggio a dunque raccontò alla sera una parabola o
similitudine come egli volle appellarla.
Vi voglio raccontare un sogno. È vero che chi sogna non ragiona, tuttavia io, che a voi racconterei
persino i miei peccati, se non avessi paura di farvi scappar tutti e far cadere la casa, ve lo racconto per
vostra utilità spirituale. Il sogno l'ho fatto sono alcuni giorni.
Figuratevi di essere con me sulla spiaggia del mare, o meglio, sopra uno scoglio isolato e di non vedere
altro spazio di terra, se non quello che vista sotto i piedi. In tutta quella vasta superficie delle acque si
vede una moltitudine innumerevole di navi ordinate a battaglia, le prore delle quali sono terminate da
un rostro di ferro acuto a mo' di strale, che ove è spinto ferisce e trapassa ogni cosa. Queste navi sono
armate di cannoni, cariche di fucili, di altre armi di ogni genere, di materie incendiarie, e anche di
libri, e si avanzano contro una nave molto più grossa e più alta di tutte loro, tentando di urtarla col
rostro, di incendiarla o altrimenti di farle ogni guasto possibile.
A quella maestosa nave arredata di tutto punto, fanno scorta molte navicelle, che da lei ricevono i
segnali di comando ed eseguiscono evoluzioni per difendersi dalle flotte avversarie. Il vento è loro
contrario e il mare agitato sembra favorire i nemici.
In mezzo all'immensa distesa del mare si elevano dalle onde due robuste colonne, altissime, poco
distanti l'una dall'altra. Sovra di una vi è la statua della Vergine Immacolata, a' cui piedi pende un
largo cartello con questa iscrizione: - AUXILIUM CHRISTIANORUM; - sull'altra, che è molto più alta
e grossa, sta un'OSTIA di grandezza proporzionata alla colonna e sotto un altro cartello colle parole:
SALUS CREDENTIUM.
Il comandante supremo sulla gran nave, che è il Romano Pontefice, vedendo il furore dei nemici e il mal
partito nel quale si trovano i suoi fedeli, pensa di convocare intorno a sè i piloti delle navi secondarie
per tener consiglio e decidere sul da farsi. Tutti i piloti salgono e si adunano intorno al Papa. Tengono
consesso, ma infuriando il vento sempre più e la tempesta, sono rimandati a governare le proprie navi.
Fattasi un po' di bonaccia, il Papa raduna per la seconda volta intorno a sè i piloti, mentre la nave
capitana segue il suo corso. Ma la burrasca ritorna spaventosa.
Il Papa sta al timone e tutti i suoi sforzi sono diretti a portar la nave in mezzo a quelle due colonne,
dalla sommità delle quali tutto intorno pendono molte áncore e grossi ganci attaccati a catene.
Le navi nemiche si muovono tutte ad assalirla e tentano ogni modo per arrestarla e farla sommergere.
Le une cogli scritti, coi libri, con materie incendiarie di cui sono ripiene e che cercano di gettarle a
bordo; le altre coi cannoni, coi fucili e coi rostri: il combattimento si fa sempre più accanito. Le prore
nemiche l'urtano violentemente, ma inutili riescono i loro sforzi e il loro impeto. Invano ritentano la
prova e sciupano ogni loro fatica e munizione: la gran nave procede sicura e franca nel suo cammino.
Avviene talvolta che, percossa da formidabili colpi, riporta ne' suoi fianchi larga e profonda fessura,
ma non appena è fatto il guasto spira un soffio dalle due colonne e le falle si richiudono e i fori si
otturano. E scoppiano intanto i cannoni degli assalitori, si spezzano i fucili, ogni altra arma ed i rostri;
si sconquassan molte navi e si sprofondano nel mare. Allora i nemici furibondi prendono a combattere
ad armi corte; e colle mani, coi pugni, colle bestemmie e colle maledizioni.
[email protected]
www.movimentodamoresanjuandiego.it
www.conchiglia.net
16
Movimento d'Amore San Juan Diego
MONOS-Unico - Ricerche Scientifiche e Umanistiche
Maria Santissima, Nostra Signora di Guadalupe
Trasposizione della Tilma sul Planisfero di Brown
che assume la forma di una conchiglia.
Quand'ecco che il Papa, colpito gravemente, cade. Subito coloro, che stanno insieme con lui, corrono
ad aiutarlo e lo rialzano. Il Papa è colpito la seconda volta, cade di nuovo e muore. Un grido di vittoria
e di gioia risuona tra i nemici; sulle loro navi si scorge un indicibile tripudio. Senonchè appena morto il
Pontefice un altro Papa sottentra al suo posto. I Piloti radunati lo hanno eletto così subitamente, che la
notizia della morte del Papa giunge colla notizia dell'elezione del successore. Gli avversarii
incominciano a perdersi di coraggio.
Il nuovo Papa sbaragliando e superando ogni ostacolo, guida la nave sino alle due colonne e giunto in
mezzo ad esse, la lega con una catenella che pendeva dalla prora ad un'áncora della colonna su cui
stava l'Ostia; e con un'altra catenella che pendeva a poppa la lega dalla parte opposta ad un'altra
áncora appesa alla colonna su cui è collocata la Vergine Immacolata.
Allora succede un gran rivolgimento. Tutte le navi che fino a quel punto avevano combattuto quella su
cui sedeva il Papa, fuggono, si disperdono, si urtano e si fracassano a vicenda. Le une si affondano e
cercano di affondare le altre. Alcune navicelle che hanno combattuto valorosamente col Papa vengono
per le prime a legarsi a quelle colonne.
Molte altre navi che, ritiratesi per timore della battaglia si trovano in gran lontananza, stanno
prudentemente osservando, finchè dileguati nei gorghi del mare i rottami di tutte le navi disfatte, a gran
lena vogano alla volta di quelle due colonne, ove arrivate si attaccano ai ganci pendenti dalle
medesime, ed ivi rimangono tranquille e sicure, insieme colla nave principale su cui sta il Papa. Nel
mare regna una gran calma.
D. Bosco a questo punto interrogò D. Rua: - Che cosa pensi tu di questo racconto?
D. Rua rispose: - Mi pare che la nave del Papa sia la Chiesa, di cui esso è il Capo: le navi gli uomini, il
mare questo mondo. Quei che difendono la grossa nave sono i buoni affezionati alla santa Sede, gli altri
i suoi nemici, che con ogni sorta di armi tentano di annientarla. Le due colonne di salute mi sembra che
siano la divozione a Maria SS. ed al SS. Sacramento dell'Eucarestia.
D. Rua non parlò del Papa caduto e morto e D. Bosco tacque pure su di ciò. Solo soggiunse: - Dicesti
bene. Bisogna soltanto correggere un'espressione. Le navi dei nemici sono le persecuzioni. Si
preparano gravissimi travagli per la Chiesa. Quello che finora fu, è quasi nulla a petto di ciò che deve
accadere. I suoi nemici sono raffigurati nelle navi che tentano di affondare, se loro riuscisse, la nave
principale. Due soli mezzi restano per salvarsi fra tanto scompiglio! - Divozione a Maria SS. frequenza alla Comunione, adoperando ogni modo e facendo del nostro meglio per praticarli e farli
praticare dovunque e da tutti.
Buona notte !
Le congetture che fecero i giovani intorno a questo sogno furono moltissime, specialmente riguardo ai
Papa; ma Don Bosco non aggiunse altre spiegazioni. Intanto i chierici Boggero, Ruffino, Merlone e il
signor Chiala Cesare descrissero questo sogno e ci rimangono i loro manoscritti. Due furono compilati
il giorno dopo la narrazione di D. Bosco, e gli altri due trascorso maggior tempo: ma vanno
perfettamente d'accordo e variano solamente per qualche circostanza, che l'uno omette e l'altro nota.
Memorie biografiche di San Giovanni Bosco, Vol. VII, Capitolo 18, pp. 169-172
_______________________________________________________________________________________
San Giovanni Bosco, Sacerdote (Castelnuovo d’Asti, 16 agosto 1815 - Torino, 31 gennaio 1888)
Martirologio Romano: 31 gennaio Memoria di San Giovanni Bosco, Sacerdote. Dopo una dura fanciullezza, ordinato
Sacerdote, dedicò tutte le sue forze all’educazione degli adolescenti, fondando la Società Salesiana e, con la collaborazione di
Santa Maria Domenica Mazzarello, l’Istituto delle Figlie di Maria Ausiliatrice, per la formazione della gioventù al lavoro e
alla vita cristiana. In questo giorno a Torino, dopo aver compiuto molte opere, passò piamente al banchetto eterno.
[email protected]
www.movimentodamoresanjuandiego.it
www.conchiglia.net
17
Movimento d'Amore San Juan Diego
MONOS-Unico - Ricerche Scientifiche e Umanistiche
Maria Santissima, Nostra Signora di Guadalupe
Trasposizione della Tilma sul Planisfero di Brown
che assume la forma di una conchiglia.
tratto da:
LA RIVELAZIONE data a Conchiglia
« BENTORNATO MIO SIGNORE »
Il Grande Libro della Vita
Opera Divina attualmente in XV volumi
© LA RIVELAZIONE - Conchiglia della Santissima Trinità
BENTORNATO MIO SIGNORE - Il Grande Libro della Vita
12 dicembre 2001 - 16.00 - Gesù
Solennità di Maria Santissima, Nostra Signora di Guadalupe
“ La povertà di molti Miei figli si ripercuoterà a tamburo
e sarà un tam tam che riecheggerà
di Città in Città... di Nazione in Nazione...
poiché così facendo e cioè con le vostre insensate azioni
state preparando il Mondo a danni gravissimi.
Vi state distruggendo con le vostre stesse mani.
Il Mio Pietro che governa la Nave che sta affondando
non lascerà mai la sua Nave.
Esso è Comandante preparato e attento
e conosce ogni manovra per affrontare le insidie del mare in tempesta.
È stato preparato da Me Gesù...
con l’aiuto di Mia Madre la Vergine Maria
e all’inizio è stato marinaio volenteroso
e lavoratore dalle potenti braccia.
Pietro ha l’esperienza che occorre...
in questo momento storico e importante per tutta l’Umanità
e purtroppo non viene ascoltato
neanche dai suoi diretti Generali di bordo 1
che a loro volta distraggono dal farsi... i marinai... 2
che così non hanno occhi e orecchi
per vedere e sentire gli ordini del Comandante.
La nave affonda e Pietro è impotente poiché nessuno l’ascolta.
Lui implora il perdono...
che è la manovra giusta per affrontare la tempesta e nessuno l’ascolta.
Ecco perché un figlio scelto sognò le « Due Colonne » 3
che erano una rappresentante Mia Madre Maria e l’altra... l’Eucarestia
[email protected]
www.movimentodamoresanjuandiego.it
www.conchiglia.net
18
Movimento d'Amore San Juan Diego
MONOS-Unico - Ricerche Scientifiche e Umanistiche
Maria Santissima, Nostra Signora di Guadalupe
Trasposizione della Tilma sul Planisfero di Brown
che assume la forma di una conchiglia.
perché il popolo marinaio sbandato...
non potendo eseguire i comandi
che hanno impedito i Generali di bordo...
non perdessero mai di vista le due cose più importanti da fare
nell’estremo bisogno...
e cioè invocare aiuto con il Santo Rosario la Vergine Maria
e non privarsi mai del Mio aiuto...
poiché sono Presente Vivo e Vero nella Santa Eucarestia.”
1 Cardinali e Vescovi
2 I Sacerdoti
3 San Giovanni Bosco
30 aprile 2003 - 11.05 - Gesù
“ Sì... figli e fratelli Miei...
sono Gesù che dalla Trinità vi parlo.
Dio è Condottiero speciale e leale
poiché nella Sua Infinita Potenza
nulla vuole fare senza la cooperazione dei Suoi figli.
Egli potrebbe con un solo Atto di Pensiero cambiare tutte le cose
invece combatte per primo...
usando l’Amore e la Misericordia di cui è Essenza.
Egli instilla nei Suoi figli il desiderio di partecipare alla battaglia
che sarà capeggiata dalla Santa Madre Mia Maria
affinché tutti possano dire con orgoglio santo... « C’ero anch’io. »
Sì... figli e fratelli Miei... la vostra arma segreta
potete usarla in ogni momento del giorno e della notte
e in qualunque luogo vi troviate...
e questa arma è il Santo Rosario.
Esso... è un’arma potente l’ho detto
ed è l’arma più sofisticata e invisibile che esiste
poiché quantunque possano togliervi tutto
non possono togliervi la volontà di recitarlo nel silenzio del vostro cuore.
Questa battaglia santa sarà chiamata la « Crociata dell’Amore »
e come vessillo troneggerà la Santa Eucarestia.
Figli Miei e Miei fratelli...
non discostatevi mai da queste due cose...
la Santa Eucarestia e il Santo Rosario...
tutto il resto è contorno di cui si può anche fare a meno
ma queste due opportunità sante...
dovrete difenderLe con la vostra stessa vita
senza indugiare se necessario.
Sempre il mondo sarà tormentato
fin quando non vi deciderete voi Sacerdoti tutti
[email protected]
www.movimentodamoresanjuandiego.it
www.conchiglia.net
19
Movimento d'Amore San Juan Diego
MONOS-Unico - Ricerche Scientifiche e Umanistiche
Maria Santissima, Nostra Signora di Guadalupe
Trasposizione della Tilma sul Planisfero di Brown
che assume la forma di una conchiglia.
ad amare Dio con tutto il cuore
con la vostra Anima e con tutto voi stessi.
Onorate altresì come il Padre desidera la Santa Madre Mia Maria
e rimanete ben fermi su queste « due colonne portanti »
che reggono la Chiesa.
Se togliete queste due colonne e cioè il Rosario e la Santa Eucarestia
la Chiesa tutta intera crollerà e sarà la fine.”
30 aprile 2003 - 11.20 - Maria Santissima
“ Sono la Mamma Maria.
Eccomi a voi figlioli miei
lasciate che io vi ricolmi di Speranza e di tenerezza
come conviene ad ogni mamma.
Io sono qui a parlarvi per rassicurarvi che tutto dipende dall’amore
con cui vi comporterete verso Dio e verso il mondo.
Le avete le opportunità di vincere poiché avete Dio con voi
e Dio ha già vinto dal Principio dei Tempi
ma Dio vi vuole attivi e partecipi del cambiamento
che farà del Nuovo Mondo... un luogo di delizie dove tutti vivranno in pace.
Immaginate come sarà bello vivere in armonia
essendo coscienti di aver partecipato al rinnovamento.
È come se ognuno di voi avesse messo un mattone d’oro
e con tanti mattoni d’oro... ecco che la Chiesa
Una Santa Cattolica e Apostolica brillerà di Luce Divina
e si rispecchierà negli Occhi del Padre che dirà...
« Bravi figlioli.
Godete del patrimonio che è Mio ma che è anche vostro. »
Conchiglia... amaCi d’immenso e continua la strada che abbiamo tracciato.”
16 dicembre 2003 - 05.30 - Gesù
“ Conosco la tua sofferenza Conchiglia.
Conosco la sofferenza di tutti i Miei figli e fratelli...
che sono in attesa di Me.
Ma Conchiglia... ma fratelli...
l’attesa... è l’Avvento che precede l’Evento della Venuta del Re dei Re.
L’attesa... è come giglio profumato che profuma l’aria attorno a sé.
L’attesa... deve rivestirsi dei profumi vostri
che sono la preghiera e le buone azioni fatte con tanto amore e Carità.
L’attesa... si riveste di mistero e in lontananza
si odono i passi di chi cammina verso di Me.
Sono passi che odo solo Io... poiché quei passi...
[email protected]
www.movimentodamoresanjuandiego.it
www.conchiglia.net
20
Movimento d'Amore San Juan Diego
MONOS-Unico - Ricerche Scientifiche e Umanistiche
Maria Santissima, Nostra Signora di Guadalupe
Trasposizione della Tilma sul Planisfero di Brown
che assume la forma di una conchiglia.
formano il cammino di conversione che porta le Anime a Me.
Ah Conchiglia... quanto è spasmodica l’attesa di Me.
Questa... attesa di Me. 1
L’uomo distratto...
non si rende conto che questo Avvento è un Avvento speciale.
È un Avvento reale... vero...
poiché sto per giungere... sta per giungere il Re.
L’uomo distratto Mi attende distrattamente
e pensa che Io arrivi come ricordo di un giorno che fu.
E invece Io vengo... torno davvero.
Ritorno nel Mondo da vero Re.
È un Avvento speciale l’ho detto...
poiché il Giorno si fa più vicino
e l’uomo attento ha compreso l’evidenza dei segni
che precede e annuncia la Mia Venuta nel Mondo.
PreparateMi i cuori... poiché per Me è quella la Festa.
Ornatevi le Anime...
affinché Io le guardi dicendo assieme a Mia Madre Maria...
« Ecco Madre...
tutti i tuoi dolori causati dalle spade di dolore
che gli uomini di ieri ti hanno inflitto... ora si tramuteranno in gioie
sì... nel vedere tante Anime belle in attesa di Me e di Te. »
Ecco Conchiglia... Io Gesù... che dalla Trinità ti parlo
ho desiderato l’attesa spasmodica della tua Anima
che con grande... grande sofferenza...
in questi giorni è rimasta in attesa costante e continua...
della Mia Santa Parola... la Parola del Re.”
1 Si intende: L’attesa del Ritorno di Gesù nella Gloria Vivo e Vero, e no del Santo Natale.
16 dicembre 2003 - 06.00 - Maria Santissima
“ Sono la Mamma Maria Conchiglia...
questi tre giorni di veglia e preghiera
erano un triduo preparato per te.
Gravi sono i fatti che sono in avvicinamento
e solo la sofferenza offerta tua e di altri Nostri figli...
eviterà l’esondamento del male
che sta per riversarsi sulla Santa Chiesa.
Oh... Chiesa di mio Figlio... come sei caduta in basso.
Così in basso che ti chini verso il nemico di Dio...
anziché alzare fiera il capo e di servire santamente Dio.
[email protected]
www.movimentodamoresanjuandiego.it
www.conchiglia.net
21
Movimento d'Amore San Juan Diego
MONOS-Unico - Ricerche Scientifiche e Umanistiche
Maria Santissima, Nostra Signora di Guadalupe
Trasposizione della Tilma sul Planisfero di Brown
che assume la forma di una conchiglia.
Rimani salda Chiesa di mio Figlio
alle « Due Colonne » che hai a disposizione per l’ormeggio. 1
Non abbassarti più di quanto hai fatto già.
Rispetta Me... il Mio Nome... la Mia Immacolatezza
e la Santa Eucarestia.
1 Riferimento al sogno di San Giovanni Bosco.
14 settembre 2012 - 10.20 - Gesù
“ Oggi la Chiesa festeggia solennemente
l’Esaltazione della Mia Santa Croce
e allora ripartiamo da qui… oggi… subito… adesso.
Pietro… Sasso Mio… ricominciamo daccapo.
PresentiamoCi di nuovo al Mondo.
Io Sono Gesù il Cristo… Figlio di Dio Io Stesso Dio…
Re dell’Universo… del Multiverso e delle Umanità.
Sono Re anche del microcosmo e del macrocosmo.
Sono Re anche del pianeta Terra e dell’Umanità del pianeta Terra.
Sono Re di tutte le creature viventi che lo abitano.
Sono Re della Natura in ogni sua forma.
Tu Pietro… Sasso Mio…
nel tuo mandato rappresenti Me… Gesù il Cristo…
Figlio di Dio Io Stesso Dio…
Tu… in questo tuo breve spazio di tempo
sei il Mio Vicario sul Pianeta Terra
che è la Mia pecora smarrita dell’Universo.
Tu… ogni giorno
insegni attraverso la Dottrina della Mia Chiesa
che Io Gesù Sono Dio…
Presente in mezzo a voi nella Santa Eucarestia
in Corpo… Sangue… Anima e Divinità.
Sì… Io Sono Dio.
Allora come può sussistere l’Ecumenismo?
L’Ecumenismo…
che intende riunire tutte le religioni
per farne una unica religione mondiale
è invenzione… menzogna e bestemmia di satana
per equiparare falsi profeti a Dio Stesso e cioè al Mio stesso livello…
allo stesso livello di Gesù Cristo Dio…
mentre invece i veri Profeti sono solo delle creature
ma creature con l’Anima appartenente a Dio
e inviate da Me sul Pianeta Terra
con il loro libero arbitrio e consenso primordiale.
[email protected]
www.movimentodamoresanjuandiego.it
www.conchiglia.net
22
Movimento d'Amore San Juan Diego
MONOS-Unico - Ricerche Scientifiche e Umanistiche
Maria Santissima, Nostra Signora di Guadalupe
Trasposizione della Tilma sul Planisfero di Brown
che assume la forma di una conchiglia.
Queste Anime inviate sulla Terra…
per azione dello Spirito Santo che è in loro…
poiché Anime elette…
Mi danno testimonianza e Mi confermano al Mondo
come il Vero e Unico Dio che Io Sono
per condurre a Me i Miei veri figli…
che sono dispersi nel mondo
a causa dei tranelli subìti da parte di satana.
Pietro… Sasso Mio…
come puoi accettare e far accettare ad altri…
l’errore più tremendo che esista
e cioè abiurare di fatto la vera Fede in Dio
equiparandola ad altre Religioni
dato che Il Vero e Unico Dio… Io…
Sono morto per tutti sulla Croce e poi Sono Risorto
per dimostrare che esiste la Vita Eterna dell’Anima
e per dimostrare con la Mia Risurrezione
che esiste la Vita Eterna del corpo
che vivrà glorificato in diverse dimensioni
e quindi dimostrare che vivranno realmente
nei posti che ho preparato…
i Miei veri figli?
L’Ecumenismo è opera di satana…
poiché satana è invidioso
dell’Eternità gloriosa che spetta solo ai figli di Dio.
Satana… attraverso i suoi seguaci
che sono all’interno del Vaticano e sparsi nelle Diocesi del Mondo…
sarà causa dell’imminente distruzione dell’attuale Chiesa
che da malata… ora è agonizzante
e sta per esalare l’ultimo respiro.
Io Gesù… Io Dio…
ai Miei figli ancora dico di reggersi forte alle « Due Colonne »
la Santa Eucarestia e Maria…
Madre di Dio e Madre della Chiesa
poiché « solo in questo e unico modo »
il male non prevarrà sulla Mia Vera e Unica e Santa Chiesa…
fatta non di alte mura
e di troppi figli del demonio che attualmente la occupano
e di scribi e farisei dei vostri Tempi
ma Chiesa veramente santa…
fatta di povertà materiale… Doni spirituali e Carismi
che sono prerogativa solo dei Miei veri figli.
Purtroppo caro Pietro… Sasso Mio…
i Miei veri figli sono molto preoccupati
e si stanno chiedendo come mai tu possa
difendere la vera e Santa Dottrina
[email protected]
www.movimentodamoresanjuandiego.it
www.conchiglia.net
23
Movimento d'Amore San Juan Diego
MONOS-Unico - Ricerche Scientifiche e Umanistiche
Maria Santissima, Nostra Signora di Guadalupe
Trasposizione della Tilma sul Planisfero di Brown
che assume la forma di una conchiglia.
e contemporaneamente accettare e incoraggiare l’Ecumenismo
che di fatto nega l’Unico Vero Dio.
Dio non nega Se Stesso.
Pietro… Sasso Mio…
nessuno può occultare le Mie Parole…
nessuno può occultare la Verità
e solo Io Sono Dio fatto Uomo…
incarnato sulla Terra per venire a salvarvi
e solo Io Sono La Via… la Verità e la Vita Eterna
e solo Io Dio…
posso dare la risposta ai Miei figli smarriti e confusi
poiché sai bene Pietro… Sasso Mio…
che non ci possono essere due vie… due verità e due vite.
Pregate figli Miei per questo Papa
che come ho già detto attraverso questa figlia Mia Conchiglia…
lo hanno fatto prigioniero.
Non cercate di vedere le catene…
lui è prigioniero nei meandri della mente
e dovete pregare per Lui per aiutarlo.
I Potenti… seguaci di satana…
sono riusciti ad entrare nella sua mente
con metodi a voi sconosciuti e scientificamente sofisticati
metodi che gli angeli ribelli
che si sono appositamente incarnati
per occupare il pianeta Terra
hanno insegnato agli scienziati non credenti
in cambio delle vostre vite… dei vostri corpi…
che loro usano come cavie per i loro studi a vostra insaputa
rendendovi obbedienti come burattini senza che ve ne accorgiate
con altrettanti metodi sofisticati a voi sconosciuti
per studiare come fare
ad impossessarsi della vostra Anima che è Eterna
e in questa battaglia finale degli Ultimi Tempi malvagi…
per dare a Pietro dei precisi comandi senza se ne renda conto
e senza che lui possa reagire.
Lo scopo?
A causa del disordine morale che regna nella Chiesa
e a causa dei disordini economici sociali e delle guerre di religione
e per instaurare un falso ordine
sia nella falsa Chiesa che nei Governi mondiali…
i Potenti finalmente avranno perfino l’autorizzazione di molti
affinché si instauri al più presto
l’Unica religione Mondiale a modo di satana
che aprirà di fatto
la porta al Nuovo Ordine Mondiale guidato da satana
per schiavizzare… ma non i Miei veri figli…
[email protected]
www.movimentodamoresanjuandiego.it
www.conchiglia.net
24
Movimento d'Amore San Juan Diego
MONOS-Unico - Ricerche Scientifiche e Umanistiche
Maria Santissima, Nostra Signora di Guadalupe
Trasposizione della Tilma sul Planisfero di Brown
che assume la forma di una conchiglia.
il resto dell’Umanità nel corpo e nella mente
come già detto con metodi a voi sconosciuti e sofisticati
e così finalmente convincere il mondo
dell’avvenuta instaurazione di una pace mondiale
che invece non è altro
che la più grande menzogna orchestrata da satana
che in questo modo riuscirà a schiavizzarvi
e a rubarvi l’Anima…
qui sulla Terra e per l’Eternità.
E sarà la Morte Eterna fatta di reali atrocità eterne.”
14 settembre 2012 - 10.40 - Maria Santissima
“ Sono la Mamma Maria Conchiglia…
figlia mia guardami… sono tua Madre
offriti ancora al mondo figlia…
lascia che io implori i miei figli attraverso di te
e dica ancora a loro… di ascoltare mio Figlio Gesù
poiché il Tempo è vicino… ed ecco che Gesù viene.
Siate pronti ad accoglierLo…
sforzandovi in ogni modo a diventare Santi
altrimenti non Lo riconoscerete…
non Ci riconoscerete… poiché verremo Insieme.
Diventare Santi si deve e si può…
nonostante gli errori passati.
Dio non guarda al vostro peccato
quando è da voi riconosciuto… confessato e perdonato
ma guarda al vostro amore per Lui e per i vostri fratelli
e guarda alla vostra buona volontà di cambiare
e alle vostre azioni e opere
poiché non basta dire a parole… « Gesù ti amo... »
occorre necessariamente dimostrare a Gesù
di amarLo con i fatti
esattamente come fate con chi amate sulla Terra.
Io vi Benedico
nel Nome del Padre
della Madre
del Figlio
e dello Spirito Santo.
Amen.”
[email protected]
www.movimentodamoresanjuandiego.it
www.conchiglia.net
25
Movimento d'Amore San Juan Diego
MONOS-Unico - Ricerche Scientifiche e Umanistiche
Maria Santissima, Nostra Signora di Guadalupe
Trasposizione della Tilma sul Planisfero di Brown
che assume la forma di una conchiglia.
02 agosto 2013 - 07.40 - Gesù
San Francesco e il Perdono d’Assisi,
Santa Maria degli Angeli della Porziuncola
“ Figlia Mia… Conchiglia… prestaMi di te
affinché Io possa mettere in guardia i Miei figli e fratelli
dalle insidie mortali del « lupo vestito d’agnello »
che insieme ad altri traditori della « vera Fede »
stanno distruggendo la Mia Chiesa dal di dentro.
Cosa fa un lupo vestito d’agnello?
Con un abito che non gli appartiene…
si ammanta per confondersi nel gregge
e pascolando pascolando…
ogni tanto sbrana e divora i veri agnelli.
Il lupo si veste d’agnello per essere accettato dal gregge.
È furbo il lupo…
è intelligente il lupo…
e conosce le debolezze degli agnelli…
e attraverso quelle li inganna e li porta a bordo recinto
dove gli sarà più facile sbranarli e divorarli.
Il « bordo recinto è il Protestantesimo »
e chi deve intendere intenda.
Oggi… per merito del figlio Mio Francesco… 1
è giorno Santo e particolare
per chiedere e ricevere Grazie e Perdono.
Ma i cuori devono essere pentiti… contriti.
Anche « il Falsario » … 2
che pretende una gloria che non gli appartiene
ha la possibilità di pentirsi… chiedere perdono e convertirsi.
Anche i Sacerdoti… Vescovi e Cardinali
che Mi hanno tradito e Mi stanno tradendo
hanno la stessa possibilità.
Ma « l’uno » e gli altri devono pentirsi e convertirsi ora…
subito… adesso…
poi sarà sempre più difficile e quasi impossibile
poiché satana su di loro…
avrà sempre più potere e forza per gestirli
proprio a causa dei loro peccati.
Figli e fratelli Miei… il Mio è un appello accorato
affinché non vi lasciate ammaliare dalle apparenze…
dai sorrisi… dalle lusinghe…
poiché sempre il nemico maledetto ha usato le Mie Parole
stravolgendone il senso per adattarle all’uopo.
Sempre il nemico maledetto…
si nasconde sotto mentite spoglie proprio per trarvi in inganno…
e vi mette sotto i piedi perfino un tappeto rosso.
[email protected]
www.movimentodamoresanjuandiego.it
www.conchiglia.net
26
Movimento d'Amore San Juan Diego
MONOS-Unico - Ricerche Scientifiche e Umanistiche
Maria Santissima, Nostra Signora di Guadalupe
Trasposizione della Tilma sul Planisfero di Brown
che assume la forma di una conchiglia.
E mentre fa questo… usa falsi toni sapienti e falsi gesti gentili
affinché tutti odano e vedano quanto è santo e bravo…
e invece è un demonio travestito
che vi consegnerà direttamente a satana.
Figli e fratelli Miei…
siete in grande pericolo e nessuno ve lo dice oltre Me
poiché solo Io posso amarvi come vi amo.
Non date retta alle apparenti belle parole
che nascondono eresie e inganni.
Oggi più che mai la Mia Chiesa è deturpata e marcia
e non si rinnoverà imitando il mondo…
è il mondo che deve imitare Me.
Grazie agli eletti… il processo di purificazione è stato sollecitato
affinché i tempi siano abbreviati…
per questo era necessaria l’uscita di campo di Benedetto…
infatti « il Falsario » consegnerà a satana…
le macerie di questa attuale gerarchia
e allora vedrete rimanere in piedi
solo delle colonne e il nulla tutt’attorno.
E allora… vi renderete conto di come siete caduti così in basso…
di come siete spiritualmente impreparati
e di come siete stati ingannati.
E per molti… sarà troppo tardi.
Conchiglia… non avere paura e grida forte il pericolo che incombe.
Chi ascolterà queste Parole ascolterà Me
e si stringerà ancora più fortemente alle « Due Colonne »…
alla Santa Eucarestia
dove Sono Vivo e Vero e Presente
in Corpo… Sangue… Anima e Divinità
e a Mia Madre… la Perfetta e Sempre Vergine Maria
onorata con il titolo di Nostra Signora di Guadalupe
che vi accoglie e protegge sotto il suo Manto
e vi mostra il suo Vero e Santo Volto.”
1 San Francesco di Assisi
2 Jorge Mario Bergoglio, gesuita
02 agosto 2013 - 08.00 - Maria Santissima
San Francesco e il Perdono d’Assisi
Santa Maria degli Angeli della Porziuncola
“ Sono la Mamma Maria Conchiglia
e soffro del dolore di mio Figlio
e anche del tuo dolore
poiché il cuore tuo somiglia al Cuore di mio Figlio Gesù.
[email protected]
www.movimentodamoresanjuandiego.it
www.conchiglia.net
27
Movimento d'Amore San Juan Diego
MONOS-Unico - Ricerche Scientifiche e Umanistiche
Maria Santissima, Nostra Signora di Guadalupe
Trasposizione della Tilma sul Planisfero di Brown
che assume la forma di una conchiglia.
Non temere di denunciare attraverso le Nostre Parole
i corrotti e corruttori di questa attuale Chiesa malata.
Non temere di essere « una contro tutti »
poiché Noi Siamo con te.
Io la Mamma Maria ti benedico
e benedico i figli che Dio ama
nel Nome del Padre
della Madre
del Figlio e dello Spirito Santo.
Amen”.
__________________________________________________________________________
Conchiglia - MOVIMENTO D'AMORE SAN JUAN DIEGO
MONOS-Unico - Ricerche Scientifiche e Umanistiche
Via Manzoni, 12 - Casella Postale 99 - 33085 Maniago PN Italia
E-mail: [email protected] fax (0039) 0444.80.99.54
www.conchiglia.net www.movimentodamoresanjuandiego.it
R.00 - 2015.31.gen
[email protected]
www.movimentodamoresanjuandiego.it
www.conchiglia.net
28
Scarica
Random flashcards
CRANIO

2 Carte oauth2_google_d7270607-b7ab-4128-8f55-c54db3df9ba1

Present simple

2 Carte lambertigiorgia

Prova Lavoro

2 Carte nandoperna1

biologia

5 Carte patty28

creare flashcard