Relazione al Rendiconto della Gestione

annuncio pubblicitario
Relazione Conto Consuntivo 2015
Comune di Rosta
Relazione al Rendiconto della Gestione
Esercizio 2015
REDATTA DALLA GIUNTA COMUNALE
Ai sensi dell’art. 231 del D.Lgs. 267/2000
Comune di Rosta
Relazione Conto Consuntivo 2015
PREMESSE GENERALI DELLA RELAZIONE AL RENDICONTO
La Relazione al rendiconto parte dalla esposizione dei dati dell’Ente territoriale evidenziati nella
relazione previsionale e programmatica.
Si ricorda che la presente relazione costituisce strumento di programmazione annuale e
pluriennale. Questa è basata su programmi e progetti, intesi i primi come complesso
coordinato di attività, di opere da realizzare e di interventi diretti ed indiretti, non solo
finanziari, per il raggiungimento di obiettivi nell’ambito del più vasto piano generale di sviluppo
socio-politico dell’Ente; i secondi, di natura eventuale, costituiscono lo strumento applicativo di
un programma con il quale si specificano le concrete attività ed iniziative da porre in essere e
le opere da realizzare previste a preventivo e da valutare politicamente a consuntivo.
Il sistema, introdotto dal testo unico dell’Ordinamento degli Enti locali (D.Lgs. 267/2000), è
basato sul principio fondamentale della netta distinzione tra funzione di indirizzo e controllo
affidata agli organi politici e quella di natura gestionale, a contenuto amministrativo, finanziario
e tecnico, affidata ai dirigenti ovvero, nei Comuni come Rosta privi di personale con qualifica
dirigenziale, ai responsabili di servizio.
Tale principio che ha trovato compiuta formulazione nell’art. 107 del D.Lgs. 267/2000, e ancor
prima nell’art. 51 della legge 142/1990, ha consentito agli organi di governo di interpretare il
ruolo di amministratori con maggiore terzietà, curando e delineando le linee programmatiche
dello sviluppo della collettività amministrata senza l’assillo della quotidiana gestione ma
mantenendo costante il controllo sulla stessa. Per i dirigenti o responsabili di servizio, per
contro, il principio della separazione delle competenze ha imposto una crescita culturale,
complessa e difficile, per diventare protagonisti nel raggiungimento di obiettivi assegnati,
garanti della regolarità dell’azione amministrativa, supporto indispensabile per il
funzionamento della macchina comunale e di quella semplificazione dei rapporti tra cittadini e
Comune voluta dalla stagione delle riforme del diritto amministrativo e degli Enti Locali.
Gli obiettivi da raggiungere, in un quadro di generale legalità, contraddistinguono il nuovo
Comune rispetto al passato in cui contava l’agire per atti, in cui valeva il principio
dell’adempimento scisso ed indipendente da quello ineludibile dell’efficacia, dell’efficienza e
dell’ economicità.
Nel Comune di Rosta, malgrado le sue dimensioni, la riforma non ha dato luogo a conflitti ma
ha costituito occasione di maturità e di consapevolezza dei nuovi ruoli assegnati.
Così gli Organi politici hanno inteso qualificare maggiormente la propria funzione di indirizzo e
di controllo rafforzando le linee ispiratrici della riforma delle autonomie locali sui seguenti
versanti:
1°) indirizzi generali di governo espressi attraverso una compiuta relazione previsionale e
programmatica di sintesi dei programmi e dei progetti realizzabili con le risorse disponibili,
graduate nell’arco di almeno un triennio, sulla base di priorità coerenti con il programma
politico elettorale;
2°) efficienza della gestione realizzabile sulla base delle linee di indirizzo e dei principi
approvati dal Consiglio Comunale e realizzata attraverso l’adozione del Piano esecutivo di
Gestione (PEG) che, a seguito modifica introdotta all’art. 169 del D.Lgs. 267/2000, unifica il
piano dettagliato degli obiettivi di cui all’articolo 108, comma 1, del predetto testo unico e il
piano della performance di cui all’articolo 10 del decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. 150.
3°) organizzazione dei Servizi e della contabilità sulla base degli schemi di tipo aziendalistico
che consentono il controllo dei risultati della gestione programmata (budget, centri di costo e
controllo di gestione).
In tale quadro il controllo di gestione ha rappresentato il raccordo naturale tra la
programmazione politica di mandato e quella strategica delle scelte operative e quindi ha
rappresentato lo strumento che:
Comune di Rosta
Relazione Conto Consuntivo 2015
-
ha guidato lo sviluppo degli indirizzi e delle scelte politiche dell’Ente;
e’ stato di supporto alle decisioni strategiche;
è servito a monitorare gli effetti e il grado di attuazione di tali scelte;
è intervenuto nel processo della programmazione di mandato.
INFORMAZIONI GENERALI SULL’ENTE
I dati e le informazioni generali relativi al Comune di Rosta, come di seguito e sinteticamente
forniti, consentono, in ogni caso, di cogliere l’esatta dimensione dei risultati raggiunti, di
individuare la realtà comunale interessata e le ripercussioni sul territorio.
In mancanza, la presente relazione assumerebbe valore meramente teorico, frutto di mere
esercitazioni dialettiche.
U.d.M.
Dati Generali dell’Ente
Popolazione Residente
Superficie Totale del Comune
N°.
Kmq
Dati
01/01/2015
4845
9,00
al Dati
31/12/2015
4903
9,00
al
ATTIVITÀ DEGLI ORGANI ELETTIVI .
- Consiglio Comunale:
Deliberazioni adottate
- Giunta Comunale:
Deliberazioni adottate
n. 32
n. 129
ORGANICO DEL PERSONALE AL 31/12/2014
Al 31.12.2015 la dotazione organica del Comune di ROSTA risultava formata da n. 18
dipendenti di ruolo.
Prosegue la gestione associata della funzione di polizia locale e servizi connessi (polizia
municipale, commerciale ed edilizia, il servizio notificazioni e di Protezione Civile) tra il Comune
di Buttigliera Alta (Ente capofila) e il Comune di Rosta.
RISPETTO DEI VINCOLI SULLE SPESE DI PERSONALE
Per l’anno 2015, resta vigente in termini di contenimento delle spese di personale, l’art. 1,
comma 557, della legge n. 296 del 27.12.2006 (Legge Finanziaria 2007) modificato dal comma
120 dell’art. 3 della L. 24 dicembre 2007, n. 244 e dal comma 7 dell’art. 14 del D.L. 31
maggio 2010, n. 78 convertito nella legge n. 122/2010. Tale norma disciplina il concorso delle
Autonomie Locali al rispetto degli obiettivi di finanza pubblica stabilendo che gli Enti sottoposti
al patto di stabilità interno assicurano la riduzione delle spese di personale, al lordo degli oneri
riflessi a carico delle amministrazioni e dell'IRAP, con esclusione degli oneri relativi ai rinnovi
contrattuali, garantendo il contenimento della dinamica retributiva e occupazionale, con azioni
da modulare nell'ambito della propria autonomia e rivolte, in termini di principio, ai seguenti
ambiti prioritari di intervento:
a) riduzione dell'incidenza percentuale delle spese di personale rispetto al complesso delle
spese correnti, attraverso parziale reintegrazione dei cessati e contenimento della spesa per il
lavoro flessibile;
b) razionalizzazione e snellimento delle strutture burocratico-amministrative, anche attraverso
accorpamenti di uffici con l'obiettivo di ridurre l'incidenza percentuale delle posizioni dirigenziali
in organico;
c) contenimento delle dinamiche di crescita della contrattazione integrativa, tenuto anche
conto delle corrispondenti disposizioni dettate per le amministrazioni statali.
Il comma 5-bis, art. 3 della legge 114 del 18/08/2014 ha introdotto il comma 557 quater con il
quale a decorrere dall’anno 2014 gli enti assicurano, nell’ambito della programmazione
triennale dei fabbisogni di personale, il contenimento delle spese di personale con riferimento
Comune di Rosta
Relazione Conto Consuntivo 2015
al valore medio del triennio precedente alla data di entrata in vigore della presente
disposizione, introducendo un parametro fisso di comparazione.
Nel delineato contesto, le eventuali oscillazioni di spesa tra un’annualità e l’altra, anche se
causate da contingenze e da fattori non controllabili dall’ente, trovano fisiologica
compensazione nel valore medio pluriennale e nell’ampliamento della base temporale di
riferimento.
Per il Comune di Rosta purtroppo, la media calcolata sul triennio 2011-2013 risulta inferiore di
circa 10.000,00 euro rispetto al totale delle spese di personale certificate nell’anno 2013.
Occorre però ricordare che, ai sensi dell’art. 18 della L.R. 11 del 2012, recante disposizioni in
materia di personale delle preesistenti comunità montane, il costo del responsabile del servizio
economico finanziario, quale unità assunta in mobilità dalla Comunità Montana Valle Susa e Val
Sangone, è finanziato in quota parte dalla Regione Piemonte. L’utilizzo di tale risorsa consente
quindi di mantenere anche per il 2015 il costo del personale al di sotto della media, pur
sfavorevole, calcolata sulla base del comma 557 quater.
Per ciò che concerne il trattamento accessorio, limitatamente all’esercizio 2015, occorre tener
presente che l’art. 9, comma 2-bis, del d.l. n. 78/2010, convertito in legge n. 122 del
30.07.2010, e successivamente modificato dal comma 452 della L. 147 del 27/12/2013,
prevede che, a decorrere dal 01/01/2011 e fino al 31/12/2014, l’ammontare complessivo delle
risorse destinate annualmente al trattamento accessorio del personale non può superare il
corrispondente importo dell’anno 2010 ed è comunque automaticamente ridotto in misura
proporzionale alla riduzione del personale in servizio.
Il responsabile del servizio finanziario, in fase di predisposizione del rendiconto della gestione
nonché della determinazione della costituzione del fondo per le politiche accessorie ha
verificato le condizioni di rispetto dei vincoli sopra indicati.
VERIFICA RISPETTO REGOLE PATTO DI STABILITÀ
Nonostante le consistenti modifiche apportate della Legge n. 208 del 28/12/2016 (legge di
stabilità 2016) per il 2015 l’ente risulta ancora assoggettato alle regole del patto di stabilità. Le
norme che disciplinavano il patto prevedevano che, ai fini della tutela dell'unità economica
della Repubblica, gli enti interessati concorressero alla realizzazione degli obiettivi di politica
finanziaria dello Stato nel rispetto delle disposizioni previste dall’art. 31 della Legge n. 183 del
12/11/2011, assunte a principi fondamentali di coordinamento della finanza pubblica ai sensi
degli articoli 117, terzo comma, e 119 secondo comma della Costituzione.
A tal fine e ai sensi dell’art. 31, comma 18, della predetta legge, è stato allegato al bilancio di
previsione il prospetto dimostrativo del rispetto delle nuove regole del Patto, con la
determinazione del saldo obiettivo e della legittimità del bilancio rispetto all’obiettivo per il
triennio 2015-2017.
Il responsabile del servizio finanziario ha comunicato alla Ragioneria dello Stato, entro la
scadenza prevista per il 31/07/2015 il monitoraggio semestrale delle risultanze del patto di
stabilità 2014 relativo al primo semestre, con differenza positiva fra il saldo finanziario e
l’obiettivo programmatico annuale. Ha altresì comunicato, entro la scadenza del 31/01/2016,
il medesimo monitoraggio a tutto il II semestre con un obiettivo di patto presunto positivo.
Entro il 31/03/2016, è stata altresì inviata la certificazione finale del patto, attestante i risultati
desunti durante la predisposizione dello schema di conto del bilancio 2015. Tale certificazione è
stata firmata digitalmente dal rappresentante Legale dell’Ente, dal responsabile del servizio
finanziario e dall’organo di revisione contabile.
D.L.G.S. 118/2011 – PRINCIPI DELLA CONTABILITA’ POTENZIATA
Operazioni di riaccertamento dei residui
ARCONET (armonizzazione contabile degli enti territoriali) è il processo di riforma degli
ordinamenti contabili pubblici diretto a rendere i bilanci delle amministrazioni pubbliche
omogenei, confrontabili e aggregabili al fine di:
 consentire il controllo dei conti pubblici nazionali (tutela della finanza pubblica
nazionale);
 verificare la rispondenza dei conti pubblici alle condizioni dell’articolo 104 del Trattato
istitutivo UE);
 favorire l’attuazione del federalismo fiscale.
Comune di Rosta
Relazione Conto Consuntivo 2015
L’armonizzazione dei sistemi contabili e degli schemi di bilancio delle amministrazioni pubbliche
costituisce il cardine irrinunciabile della riforma della contabilità pubblica (legge n. 196/2009) e
della riforma federale prevista dalla legge n. 42/2009.
Entrambe le leggi hanno delegato il Governo ad adottare uno o più decreti legislativi, informati
ai medesimi principi e criteri direttivi, per l’attuazione dell’armonizzazione contabile.
Per gli enti territoriali la delega è stata attuata dal decreto legislativo 23 giugno 2011 n. 118
“Disposizioni in materia di armonizzazione dei sistemi contabili e degli schemi di bilancio delle
Regioni, degli enti locali e dei loro organismi, a norma degli articoli 1 e 2 della legge 5 maggio
2009, n. 42”.
L’articolo 3 del citato decreto legislativo n. 118 prevedeva che, a decorrere dal 1° gennaio
2015, le amministrazioni pubbliche territoriali e i loro enti strumentali in contabilità finanziaria
conformassero la propria gestione a regole contabili uniformi definite sotto forma di principi
contabili generali e di principi contabili applicati.
La prima fase di tale processo di armonizzazione contabile, già affrontata in sede di
approvazione del rendiconto dell’anno 2014, è stata l’operazione di riaccertamento
straordinario dei residui, previsto comma 7 dell’art. 3; tale attività ha consentito di adeguare lo
stock dei residui attivi e passivi, approvati quale allegato rendiconto della gestione al 31
dicembre 2014, alla configurazione del principio contabile generale della competenza
finanziaria così detta potenziata.
Al fine di dare attuazione a quanto previsto dall’articolo 3, comma 7, il riaccertamento dei
residui è stato approvato con deliberazione dalla Giunta Comunale con atto n. 26 in data
16/04/2015 assunto immediatamente dopo l’approvazione del rendiconto 2014, avvenuto con
deliberazione di Consiglio n. 4 in medesima data.
Pertanto, nella stessa giornata è stato individuato:
a) l’importo dei residui attivi e passivi al 31 dicembre 2014 risultante dal rendiconto 2014
approvato dal Consiglio. I residui al 31 dicembre 2014 sono stati determinati nel
rispetto del precedente ordinamento contabile;
b) l’importo dei residui attivi e passivi al 1° gennaio 2015 risultanti dal riaccertamento
straordinario dei residui deliberato dalla Giunta. I residui al 1° gennaio 2015 sono stati
determinati nel rispetto del principio contabile della competenza potenziata, in vigore
dal 1° gennaio 2015.
Alla delibera di giunta sono stati allegati i prospetti riguardanti la rideterminazione del fondo
pluriennale vincolato e del risultato di amministrazione successivamente imputati in entrata
per parte corrente e per parte capitale del bilancio di previsione per l’anno 2015.
Al fine di procedere, anche per l’anno 2015, alla corretta imputazione dei residui attivi e passivi
ai sensi di quanto disposto dall’art. 3 del D.Lgs. 267/2000, adeguando la propria gestione ai
principi contabili generali e di competenza finanziaria, con deliberazione della Giunta Comunale
n. 38 del 7/04/2016, quale attività propedeutica alla formazione del rendiconto, è stato
deliberato il riaccertamento ordinario dei residui e la variazione di esigibilità.
L’art. 3 comma 4 del sopracitato d.lgs. 118/2011 stabilisce infatti che: al fine di dare attuazione
al principio contabile generale della competenza finanziaria …, gli enti …provvedono,
annualmente, al riaccertamento dei residui attivi e passivi, verificando, ai fini del rendiconto, le
ragioni del loro mantenimento. Possono essere conservati tra i residui attivi le entrate accertate
esigibili nell’esercizio di riferimento, ma non incassate. Possono essere conservate tra i residui
passivi le spese impegnate, liquidate o liquidabili nel corso dell’esercizio, ma non pagate. Le
entrate e le spese accertate e impegnate non esigibili nell’esercizio considerato, sono
immediatamente re-imputate all’esercizio in cui sono esigibili. La reimputazione degli impegni è
effettuata incrementando, di pari importo, il fondo pluriennale di spesa, al fine di consentire,
nell’entrata degli esercizi successivi, l’iscrizione del fondo pluriennale vincolato a copertura delle
spese reimputate. La costituzione del fondo pluriennale vincolato non è effettuata in caso di
reimputazione contestuale di entrate e di spese. Le variazioni agli stanziamenti del fondo
pluriennale vincolato e agli stanziamenti correlati, dell’esercizio in corso e dell’esercizio
precedente, necessarie alla re-imputazione delle entrate e delle spese riaccertate sono effettuate
con provvedimento amministrativo della giunta entro i termini previsti per l’approvazione del
rendiconto dell’esercizio precedente. Il riaccertamento ordinario dei residui è effettuato anche nel
Comune di Rosta
Relazione Conto Consuntivo 2015
corso dell’esercizio provvisorio o della gestione provvisoria. Al termine delle procedure di
riaccertamento non sono conservati residui cui non corrispondono obbligazioni giuridicamente
perfezionate”.
Ulteriori indicazioni, in merito alla gestione dei residui, sono fornite al punto 9.1 dell’allegato
4/2 del D.Lgs. 118/2011, c.d. principio applicato della contabilità finanziaria.
A tal fine il Responsabile del settore finanziario ha condotto un’approfondita analisi allo scopo
di riallineare i valori degli accertamenti di entrata e degli impegni di spesa alla normativa di cui
al D.Lgs. 118/2011, così da fornire una situazione aggiornata della consistenza della massa dei
residui provenienti dalla gestione di competenza dell’esercizio 2015 e degli esercizi precedenti.
Da tale verifica è risultato che:
 le entrate accertate nell’esercizio 2015 e precedenti esigibili al 31/12/2015 e non
incassate, che costituiscono la massa dei crediti conservati, ammontano
complessivamente a € 715.142,74.
 le spese impegnate, liquidate o liquidabili nel corso dell’esercizio 2015 e precedenti non
pagate, che costituiscono la massa dei debiti conservati, ammontano complessivamente
a € 782.894,42.
come meglio indicato negli allegati al rendiconto di gestione relativi all’elenco dei residui attivi
e passivi.
Con tale verifica è emersa anche l’esigenza di provvedere alla cancellazione e conseguente
reimputazione di entrate e di spese già accertate e impegnate ma non esigibili alla data del 31
dicembre 2015.
Il fondo pluriennale vincolato derivante dal riaccertamento dei residui passivi e attivi
dell’esercizio 2015, essendo pari alla differenza tra l’ammontare complessivo dei residui passivi
cancellati e reimputati e l’ammontare dei residui attivi cancellati e reimputati, è stato
determinato come segue:
PARTE CORRENTE
ESERCIZIO DI
IMPUTAZIONE 2016
ESERCIZIO DI
IMPUTAZIONE 2017
ESERCIZIO DI
IMPUTAZIONE 2018
Residui passivi reimputati
Residui attivi reimputati
Differenza = FPV
€ 58.000,52
€ 0,00
58.000,52
€ 4.500,00
€ 0,00
4.500,00
0,00
0,00
0,00
PARTE CAPITALE
ESERCIZIO DI
IMPUTAZIONE 2016
ESERCIZIO DI
IMPUTAZIONE 2017
ESERCIZIO DI
IMPUTAZIONE 2018
Residui passivi reimputati
Residui attivi reimputati
Differenza = FPV
€ 414.125,77
€ 50.762,47
363.363,30
0,00
0,00
0,00
0,00
0,00
0,00
Le reimputazioni di cui sopra hanno comportato variazioni al bilancio di previsione 2016-2018,
in esercizio provvisorio, consistenti nell’iscrizione del fondo pluriennale vincolato, nella parte
entrata del bilancio, e delle corrispondenti voci della spesa da reimputare, nella parte spesa del
bilancio, come meglio precisato al punto 9.1 dell’allegato 4.2 del D.Lgs. 118/2001.
Al fine di semplificare e velocizzare il procedimento, con la medesima deliberazione di Giunta
n. 38 del 7/4/2016, si è provveduto ad effettuare la variazione degli stanziamenti necessari
alla reimputazione degli accertamenti e degli impegni cancellati, ed è stato disposto anche
l’accertamento e l’impegno delle entrate e delle spese agli esercizi in cui sono esigibili.
Accantonamenti a fondi
Sempre in sede di riaccertamento straordinario dei residui, si è proceduto a determinare il
risultato di amministrazione al 1° gennaio 2015, in considerazione dell’importo riaccertato dei
residui attivi e passivi e dell’importo del fondo pluriennale vincolato alla stessa data nonché ad
individuare le quote accantonate, destinate e vincolate del risultato di amministrazione al 1°
gennaio 2015.
Il primo accantonamento di una quota del risultato di amministrazione al fondo crediti di
dubbia esigibilità è stato eseguito in occasione del riaccertamento straordinario dei residui, ed
è effettuato con riferimento all’importo complessivo dei residui attivi risultanti dopo la
Comune di Rosta
Relazione Conto Consuntivo 2015
cancellazione dei crediti al 31 dicembre 2014 cui non corrispondono obbligazioni perfezionate e
scadute alla data del 1° gennaio 2015.
Vengono di seguito riportate le risultanze di tale operazione:
rideterminazione del risultato di amministrazione al 1° gennaio 2015, in considerazione
dell’importo riaccertato dei residui attivi e passivi e dell’importo del fondo pluriennale vincolato
alla stessa data.
Risultato di amministrazione al 31/12/2014 determinato nel rendiconto
2014 (a)
Residui attivi cancellati in quanto non correlati ad obbligazioni giuridiche
perfezionate (b)
Residui passivi cancellati in quanto non correlati ad obbligazioni giuridiche
perfezionate (c)
Residui attivi cancellati in quanto reimputati agli esercizi in cui sono
esigibili (d)
Residui passivi cancellati in quanto reimputati agli esercizi in cui sono
esigibili (e)
Residui passivi definitivamente cancellati che concorrono alla
determinazione del fondo pluriennale vincolato (f)
Fondo pluriennale vincolato (g)=(e)-(d)+(f)
Risultato di amministrazione al 1° gennaio 2014 dopo il riaccertamento
straordinario dei residui (a)-(b)+(c)-(d)+(e)+(f)-(g)
627.724.02
5.646,12
105.139.92
190.548,43
322.625,99
0,00
132.077,56
727.217,82
Individuazione delle quote accantonate, destinate e vincolate del risultato di amministrazione
al 1° gennaio 2015.
Composizione del risultato di amministrazione al 1° gennaio 2015 dopo il
riaccertamento straordinario dei residui (a)
Parte accantonata
727.217,82
---
Fondo crediti di dubbia e difficile esazione al 31/12/2014
258.828,91
Totale parte accantonata (b)
258.828,91
Parte vincolata
Vincoli derivanti da leggi e dai principi contabili
Vincoli derivanti da trasferimenti
Vincoli derivanti dalla contrazione di mutui
Vincoli formalmente attribuiti dall’ente
0,00
45.423,92
0,00
0,006
Altri vincoli da specificare
37.606,58
Totale parte vincolata (c)
83.030,50
Totale parte destinata agli investimenti (d)
Totale parte disponibile (a)-(b)-(c)-(d)
0,00
385.358,41
Per effetto della gestione ordinaria che, annualmente, comporta la formazione di nuovi residui
attivi e la riscossione o cancellazione dei vecchi crediti, lo stock complessivo dei residui attivi
tende ad essere sostanzialmente stabile nel tempo.
Pertanto, se l’ammontare dei residui attivi non subisce significative variazioni nel tempo, anche
la quota del risultato di amministrazione accantonata al fondo crediti di dubbia esigibilità tende
ad essere stabile e, di conseguenza, gran parte dell’accantonamento al fondo crediti di dubbia
esigibilità effettuato annualmente nel bilancio di previsione per evitare di spendere entrate non
esigibili nell’esercizio, non è destinato a confluire nella quota del risultato di amministrazione
accantonata per il fondo crediti di dubbia esigibilità.
Infatti, se i residui attivi sono stabili nel tempo, nella quota del risultato di amministrazione
accantonata per il fondo crediti di dubbia esigibilità confluisce solo la parte del fondo
accantonato nel bilancio di previsione di importo pari agli utilizzi del fondo crediti a seguito
della cancellazione o dello stralcio dei crediti dal bilancio.
Tuttavia, in considerazione delle difficoltà di applicazione dei nuovi principi riguardanti la
gestione dei residui attivi e del fondo crediti di dubbia esigibilità che hanno determinato
l’esigenza di rendere graduale l’accantonamento nel bilancio di previsione, in sede di
rendiconto relativo all’esercizio 2015 e agli esercizi successivi, fino al 2018, la quota
Comune di Rosta
Relazione Conto Consuntivo 2015
accantonata nel risultato di amministrazione per il fondo crediti di dubbia esigibilità può essere
determinata per un importo non inferiore alla seguente operazione:
+ Fondo crediti di dubbia esigibilità nel risultato di amministrazione al 1° gennaio
dell’esercizio cui il rendiconto si riferisce
- gli utilizzi del fondo crediti di dubbia esigibilità effettuati per la cancellazione o lo
stralcio dei crediti
+ l'importo definitivamente accantonato nel bilancio di previsione per il Fondo crediti di
dubbia esigibilità, nell’esercizio cui il rendiconto si riferisce.
L’adozione di tale facoltà è effettuata tenendo conto della situazione finanziaria complessiva
dell’ente e del rischio di rinviare oneri all’esercizio 2019.
In fase di predisposizione del rendiconto è stato calcolato il fondo crediti di dubbia esigibilità e
sono stati determinati i vincoli sull’avanzo di amministrazione ai sensi dell’allegato 4/2 principio
contabile applicato concernente la contabilità finanziaria del D.Lgs. 118/2011.
Il quadro dimostrativo del risultato di amministrazione, allegato al rendiconto viene di seguito
riportato:
Comune di Rosta
Allegato a) Risultato di amministrazione
PROSPETTO DIMOSTRATIVO DEL RISULTATO DI AMMINISTRAZIONE (Anno 2015)
GESTIONE
RESIDUI
COMPETENZA
Fondo cassa al 1° gennaio 2015
TOTALE
666.680,68
RISCOSSIONI
(+)
649.662,70
3.304.661,63
3.954.324,33
PAGAMENTI
(-)
595.712,01
2.843.840,80
3.439.552,81
SALDO DI CASSA AL 31 DICEMBRE 2015
PAGAMENTI per azioni esecutive non
regolarizzate al 31 dicembre 2015
(=)
1.181.452,20
(-)
0,00
FONDO DI CASSA AL 31 DICEMBRE 2015
(=)
1.181.452,20
RESIDUI ATTIVI
di cui derivanti da accertamenti di
tributi effettuati sulla base della stima del
dipartimento delle finanze
(+)
285.789,86
429.352,88
715.142,74
RESIDUI PASSIVI
FONDO PLURIENNALE VINCOLATO PER
SPESE CORRENTI
FONDO PLURIENNALE VINCOLATO PER
SPESE IN CONTO CAPITALE
(-)
167.110,35
615.784,07
782.894,42
0,00
RISULTATO DI AMMINISTRAZIONE
AL 31 DICEMBRE 2015 (A)
(-)
58.000,52
(-)
363.363,30
(=)
692.336,70
Composizione del risultato di
amministrazione al 31 dicembre
2015 :
Parte accantonata
Fondo crediti di dubbia esigibilità al 31/12/2015
349.535,40
Fondo crediti di dubbia esigibilità al 31/12/2015 (solo per le regioni)
0,00
Fondo ......al 31/12/2014
0,00
Fondo ......al 31/12/2014
0,00
Totale
parte
accantonat
a (B)
Parte vincolata
Comune di Rosta
0,00
Relazione Conto Consuntivo 2015
Vincoli derivanti da leggi e dai principi contabili
Vincoli derivanti da trasferimenti
0,00
45.423,92
Vincoli derivanti dalla contrazione di mutui
0,00
Vincoli formalmente attribuiti dall'ente
5.099,64
Altri vincoli
39.481,08
Totale parte vincolata (C)
90.004,64
Parte destinata agli investimenti
Totale parte destinata agli investimenti (D)
Totale parte disponibile (E=A-B-C-D)
Se E è negativo, tale importo è iscritto tra le spese del bilancio di previsione come disavanzo
da ripianare
0,00
252.796,66
GLI ATTI DELLA GESTIONE FINANZIARIA
BILANCIO - APPROVAZIONE
Il bilancio di previsione per l'esercizio finanziario 2015, corredato della relazione previsionale e
programmatica e del bilancio pluriennale per il triennio 2015/2017, è stato approvato con
deliberazione del Consiglio Comunale n. 15 del 23/06/2015, secondo il modello previsto dal D.
Lgs. 267/2000 e dal D.P.R. 31.01.1996, n. 194. Ai sensi del D.Lgs. 118/2011 recante
disposizioni in materia di armonizzazione contabile degli enti locali, sono stati predisposti in
forma conoscitiva gli schemi previsti da tale nuova normativa.
Con deliberazione della Giunta Comunale n. 59 del 2/07/2015, è stato adottato il Piano
Esecutivo di Gestione (P.E.G.) e piano delle performance, contenente la graduazione delle
risorse di entrata e degli interventi di spesa in capitoli ed articoli, con indicazione, ai
responsabili di servizio, dei generali indirizzi gestionali ed assegnazione agli stessi delle risorse
finanziarie, strumentali ed umane necessarie al raggiungimento degli obiettivi assegnati. Il
Piano Esecutivo di Gestione comprende il Piano dettagliato degli obiettivi e delle performance
di cui agli artt. 197, comma 2, lettera a) del D.Lgs. 267/2000, e 10 del D.Lgs. n. 150/2009,
formato da obiettivi puntuali, completi di indicatori di rilevamento, suddivisi fra i servizi nei
quali è ripartita l’organizzazione dell’Ente ed il personale loro addetto.
Tali strumenti hanno consentito ai Responsabili dei Servizi di gestire, in modo semplificato e
flessibile, le risorse del bilancio assegnate per il raggiungimento degli obiettivi fissati
dall’organo esecutivo.
Durante l’esercizio finanziario sono state adottate le seguenti deliberazioni di variazione al
bilancio 2015:




Deliberazione del Consiglio Comunale n. 27 dell’1/10/2015.
Deliberazione della Giunta Comunale n. 100 del 15/10/2015 successivamente ratificata con
deliberazione consiliare n. 29 del 30/11/2015.
Deliberazione della Giunta Comunale n. 110 del 12/11/2015 successivamente ratificata con
deliberazione consiliare n. 30 del 30/11/2015.
Deliberazione del Consiglio Comunale n. 31 del 30/11/2015 relativa all’assestamento
generale di bilancio.
Comune di Rosta
Relazione Conto Consuntivo 2015
POLITICA TRIBUTARIA
Si fa presente che, trattandosi di relazione al rendiconto di gestione dell’anno 2015, la
normativa indicata non tiene conto delle modifiche introdotte dalla Legge 208 del 28/12/2015
(legge di stabilità 2016).
IMPOSTA UNICA COMUNALE (I.U.C.)
L'art. 1, comma 639, della Legge n. 147 del 27 dicembre 2013, ha istituito l'imposta unica
comunale (IUC), che si compone dell'imposta municipale propria (IMU), di natura patrimoniale,
dovuta dal possessore di immobili, escluse le abitazioni principali, e di una componente riferita
ai servizi, che si articola nel tributo per i servizi indivisibili (TASI), a carico sia del possessore
che dell'utilizzatore dell'immobile, e nella tassa sui rifiuti (TARI), destinata a finanziare i costi
del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti, a carico dell'utilizzatore.
I presupposti impositivi vanno, quindi, rinvenuti: a) nel possesso degli immobili e b) nella
erogazione e fruizione di servizi comunali.
I commi 639 e seguenti dell'articolo 1 della Legge n. 147/2013 (legge di stabilità 2014)
introducono la disciplina della IUC, con passaggi sia di carattere generale sia attinenti alle
singole componenti della medesima.
Malgrado l'eterogeneità della materia trattata si è ritenuto opportuno, al fine di garantire la
formale unicità dell’imposta, predisporre un unico regolamento, ripartito in titoli disciplinanti le
citate articolazioni.
L’articolo 1 comma 703 della Legge 147/2013 (legge di stabilità 2014) lascia salva la disciplina
per l’applicazione dell’IMU istituita dall’articolo 13 del decreto legge 6 dicembre 2011, n. 201,
convertito con modificazioni dalla legge 22 dicembre 2011, n. 214, che anticipava in via
sperimentale a decorrere dal 2012 e sino al 2014 l’istituzione dell’I.M.U. “Imposta Municipale
Propria”, in sostituzione dell’I.C.I.
Sostanzialmente nell’anno 2015 l’applicazione dell’IMU è rimasta pressoché invariata, tranne
che per alcuni aspetti meglio evidenziati successivamente.
Hanno continuato ad essere esclusi dal versamento dell’IMU:
- le abitazioni principali e relative pertinenze (tranne alcune categorie catastali ancora
assoggettate);
- le unità immobiliari appartenenti alle cooperative edilizie a proprietà indivisa, adibite ad
abitazione principale e relative pertinenze dei soci assegnatari;
- la casa coniugale assegnata al coniuge, a seguito di provvedimento di separazione legale,
annullamento, scioglimento o cessazione degli effetti civili del matrimonio;
- l’ immobile iscritto o iscrivibile nel catasto edilizio urbano come unica unità immobiliare,
posseduto e non concesso in locazione, dal personale in servizio permanente appartenente
alle forze armate e alle forze di polizia ad ordinamento militare e da quello dipendente delle
forze di polizia ad ordinamento civile, nonché dal personale del corpo nazionale dei vigili del
fuoco e dal personale appartenente alla carriera prefettizia, per il quale sono richieste le
condizioni della dimora abituale e della residenza anagrafica;
- i fabbricati costruiti e destinati dall'impresa costruttrice alla vendita, fintanto che permanga
tale destinazione e non siano in ogni caso locati.
Il regolamento dell’Imposta Unica Comunale, al Titolo II, art. 15 prevede altresì
l’equiparazione ad abitazione principale per l’unità immobiliare posseduta a titolo di proprietà
o di usufrutto da anziani o disabili che acquisiscono la residenza in istituti di ricovero o sanitari
a seguito di ricovero permanente, a condizione che la stessa non risulti locata o ceduta in
comodato.
Come prima novità, nel 2015 viene esclusa la possibilità per il Comune di equiparare l'unità
immobiliare posseduta dai cittadini italiani non residenti nel territorio dello Stato a titolo di
proprietà o di usufrutto in Italia, a condizione che non risulti locata, ai sensi dell'art. 9 – bis,
comma 1 del Decreto Legge n. 47 del 28/03/2014, convertito con modificazioni dalla Legge
80 del 23/05/2014, e in vigore dal 28/05/2014.
Comune di Rosta
Relazione Conto Consuntivo 2015
In particolar modo a far data dal primo gennaio 2015 l’esclusione dal pagamento dell’Imposta
si può applicare esclusivamente ai soggetti iscritti all’AIRE e già pensionati presso i paesi in
cui risiedono, ponendo quindi limiti molto stringenti per l’accesso a tale agevolazione.
Altra novità introdotta nel 2015, ha riguardato invece i terreni agricoli. La materia è stata
oggetto, nel corso del 2014 e ancora nel primo trimestre 2015, di continui e contradditori
interventi legislativi.
In ultimo è il Decreto Legge n. 4 del 23/01/2015 come convertito nella legge 24 marzo 2015,
n. 34 ha stabilito che, a decorrere dall'anno 2015, l'esenzione dall’Imposta municipale propria
(IMU), si doveva applicare esclusivamente:
a) ai terreni agricoli, nonché a quelli non coltivati, ubicati nei comuni classificati totalmente
montani di cui all’elenco dei comuni italiani predisposto dall'Istituto nazionale di statistica
(ISTAT);
b) ai terreni agricoli, nonché' a quelli non coltivati, posseduti e condotti dai coltivatori diretti e
dagli imprenditori agricoli professionali, iscritti nella previdenza agricola, ubicati nei comuni
classificati parzialmente montani di cui allo stesso elenco ISTAT.
Inoltre sempre a decorrere dall'anno 2015, dall'imposta dovuta per i terreni ubicati nei
comuni di cui all'allegato della Legge di conversione, posseduti e condotti dai coltivatori
diretti e dagli imprenditori agricoli professionali iscritti nella previdenza agricola,
determinata ai sensi dell'articolo 13, comma 8-bis, del decreto-legge 6 dicembre 2011, n.
201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011, n. 214, si potevano
detrarre, fino concorrenza del suo ammontare, euro 200.
Inoltre, nell'ipotesi
in cui nel medesimo allegato, in corrispondenza dell'indicazione del
comune, fosse riportata l'annotazione parzialmente delimitato (PD), la detrazione spettava
unicamente per le zone del territorio comunale individuate ai sensi della circolare del
Ministero delle finanze n. 9 del 14 giugno 1993, pubblicata nel supplemento ordinario n. 53
alla Gazzetta Ufficiale n. 141 del 18 giugno 1993.
L'esenzione di cui al comma 1, lettera b), e la detrazione di cui al comma 1-bis si applicavano
altresì ai terreni posseduti e condotti dai coltivatori diretti e dagli imprenditori agricoli
professionali di cui all'articolo 1 del decreto legislativo n. 99 del 2004, iscritti nella
previdenza agricola, anche nel caso di concessione degli stessi in comodato o in affitto a
coltivatori diretti
e
a imprenditori agricoli professionali di cui all'articolo 1 del decreto
legislativo n. 99 del 2004, iscritti nella previdenza agricola.
Il Comune di Rosta è stato classificato come Comune totalmente non montano, ma nella nuova
formulazione del decreto viene riconosciuta l’area parzialmente delimitata (PD) ove
confluiscono i terreni dal foglio VIII al foglio XIII. L’esenzione è stata quindi applicata
esclusivamente agli imprenditori agricoli, come precedentemente individuati, possessori o
detentori di terreni ricadenti nel perimetro dell’area parzialmente delimitata.
L’Amministrazione, nell’anno 2015, nonostante le molteplici difficoltà derivanti dai continui tagli
alla finanza pubblica che hanno pesantemente colpito gli enti locali, al fine di non aggravare la
pressione fiscale in un momento di particolare difficoltà economica dell’intero paese inasprendo
il carico impositivo sulla popolazione, ha ritenuto di confermare, per le tipologie di immobili
assoggettati all’imposta, le aliquote e le detrazioni base previste dall’art. 13 del D.L. 201/11
come di seguito riportate:
Aliquote:
 aliquota ridotta dello 0,4% per le unità immobiliari adibite ad abitazione principale del
contribuente, appartenenti alle categorie catastali A1, A8 e A9 e relative pertinenze.
 aliquota ridotta dello 0,2% per i fabbricati rurali ad uso strumentale;
 aliquota ordinaria dello 0,76% per tutti gli altri immobili;
Detrazioni:
 detrazione d’imposta di € 200,00 per le abitazioni principali:
Per l’anno 2015 sono stati accertati, per l’imposta in argomento, € 538.220,10, al netto del
fondo comunale di solidarietà pari complessivamente a € 379.483,83. L’Agenzia delle Entrate
ha proceduto al recupero di tale somma entro il 31/12/2015 come si evince dall’area riservata
del sito del Ministero dell’Interno.
Comune di Rosta
Relazione Conto Consuntivo 2015
2) TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI)
La TASI è stata introdotta dalla Legge 147/2014 quale componente della IUC ed è destinata
alla copertura dei servizi indivisibili del comune. Presupposto del tributo era il possesso o la
detenzione a qualsiasi titolo di fabbricati, ivi compresa l’abitazione principale, e di aree
edificabili, come definiti ai fini dell’imposta municipale propria, ad eccezione in ogni caso dei
terreni agricoli.
La necessità di collegare il tributo al finanziamento dei costi dei servizi indivisibili richiedeva
non solo l’individuazione degli stessi e dei relativi costi ma anche la ripartizione dell’onere,
nella ipotesi di unità immobiliare occupata da un soggetto diverso dal titolare del diritto reale,
tra quest'ultimo e l'occupante sul quale, anche per l’anno in corso grava una percentuale nella
misura del 30% dell’ammontare complessivo della TASI, come stabilita nel regolamento
comunale di applicazione del tributo.
Il Comune di Rosta al Titolo IV articolo 51 del regolamento IUC ha individuato i seguenti
servizi:
a. Servizio di illuminazione pubblica;
b. Servizi socio assistenziali;
c. Servizi correlati alla viabilità e circolazione stradale;
d. Servizi relativi ai parchi ed alla tutela ambientale del verde, altri servizi relativi al
territorio ed all’ambiente;
e. Servizio di polizia locale e di protezione civile;
f. Servizi tecnico/manutentivi;
g. Biblioteca
L’aliquota base della TASI determinata dalla norma era pari all’uno per mille della base
imponibile già definita per l’IMU. Il Comune poteva determinare le aliquote rispettando in ogni
caso il vincolo in base per il quale la somma delle aliquote della TASI e dell’IMU per ciascuna
tipologia di immobile non fosse superiore all’aliquota massima consentita dalla legge statale
per l’IMU al 31 dicembre 2013, fissata al 10,6 per mille e ad altre minori aliquote, in relazione
alle diverse tipologie di immobile.
Come espressamente previsto dall’art. 1 comma 679 della legge n. 190 del 23/12/2014 (legge
di stabilità per l’anno 2015) anche per il 2015, l’aliquota massima TASI non poteva eccedere il
2,5 per mille. Per lo stesso anno 2015, nella determinazione delle aliquote TASI non potevano
essere superati i limiti stabiliti nel primo e nel secondo periodo, per un ammontare
complessivamente non superiore allo 0,8 per mille a condizione che fossero finanziate,
relativamente alle abitazioni principali e alle unità immobiliari ad esse equiparate di cui all’art.
13, comma 2 del D.L. 6.12.2011, n. 201 convertito, con modificazioni, dalla legge 214/2011,
detrazioni di imposta o altre misure, tali da generare effetti equivalenti a quelli determinatisi
con riferimento all’IMU relativamente alla stessa tipologia di immobili, anche tenendo conto di
quanto previsto dall’art. 13 del citato D.L. 201/2011.
L’Amministrazione comunale, nonostante gli ulteriori tagli ai contributi erariali che hanno reso
difficile conseguire il pareggio di bilancio, al fine di non inasprire ulteriormente la pressione
fiscale, ha confermato le aliquote deliberate nell’anno 2014, con deliberazione del Consiglio
Comunale n. 11 del 23/06/2015, contestualmente alla determinazione del costo dei servizi
sopra indicati, prendendo in considerazione, per ciascuno di essi le seguenti voci: personale,
acquisto di beni, prestazioni di servizi, trasferimenti e utilizzo dei beni di terzi. Con tale
deliberazione è stato altresì calcolato il tasso percentuale di copertura dei costi rispetto al
gettito previsto per l’anno 2015 del tributo sui servizi indivisibili.
Si elencano di seguito le tariffe adottate:
- aliquota Tasi del 2,0 per mille per le abitazioni principali, diverse da quelle di lusso di cui alle
categorie catastali A/1, A/8 e A/9, e relative pertinenze, ivi comprese le unità immobiliari ad
esse equiparate dall’articolo 13, comma 2 del decreto legge n. 201 del 2011 e dal regolamento
comunale IUC, escluse dal pagamento dell’IMU;
- aliquota Tasi dell’1,0 per mille per le unità immobiliari di lusso classificate nella categoria
catastale A1, A8 e A9 adibite ad abitazioni principali e relative pertinenze, come
Comune di Rosta
Relazione Conto Consuntivo 2015
precedentemente definite, e per tutti gli altri fabbricati, compresi i fabbricati rurali ad uso
strumentale, nonché le aree edificabili.
Il gettito TASI complessivo accertato e incassato è stato di € 653.298,69, superando il valore
previsionale iscritto nella parte corrente del bilancio di previsione pari a € 637.000,00.
3) TASSA SUI RIFIUTI (TARI)
La TARI, istituita in sostituzione della TARES, ha come presupposto il possesso o la detenzione,
a qualsiasi titolo, di locali o di aree scoperte a qualsiasi uso adibiti, suscettibili di produrre
rifiuti urbani. Il tributo è destinato alla copertura dei costi relativi al servizio di raccolta e
smaltimento dei rifiuti, ad esclusione dei costi relativi ai rifiuti speciali al cui smaltimento
provvedono, a proprie spese, i relativi produttori comprovandone l’avvenuto trattamento in
conformità alla normativa vigente.
Il tributo è corrisposto a tariffa commisurata ad anno solare cui corrisponde un’autonoma
obbligazione tributaria. Le tariffe sono commisurata alla quantità e qualità media ordinaria di
rifiuti prodotti per unità di superficie, in relazione agli usi e alla tipologia di attività svolta,
nonché al costo del servizio sui rifiuti e sono definite adottando criteri e metodi che
garantiscano il rispetto del principio «chi inquina paga», sancito dall’articolo 14 della Direttiva
2008/98/CE relativa ai rifiuti.
Il Consiglio Comunale con deliberazione n. 10 del 23/06/2015 ha approvato le tariffe del
tributo in conformità al piano finanziario del servizio di gestione dei rifiuti urbani, redatto dal
soggetto che svolge il servizio stesso, (C.A.D.O.S.), da quale si evinceva un costo complessivo
di gestione del servizio pari a € 693.079,34, al netto dei ricavi derivanti dalla raccolta
differenziata.
L’ufficio competente, su indirizzo dell’Amministrazione, adottando idonei coefficienti di
produttività quantitativa e qualitativa di rifiuti per ciascuna categoria o sottocategoria, ha
determinato le tariffe commisurando le stesse sulla base della effettiva realtà socio
economica e produttiva del Comune stesso, in modo che sia assicurata la copertura integrale
dei costi di investimento e di esercizio.
Le tariffe deliberate sono composte da una quota (fissa) determinata in relazione alle
componenti essenziali del costo del servizio di gestione dei rifiuti, riferite in particolare agli
investimenti per le opere ed ai relativi ammortamenti, e da una quota (variabile) rapportata
alle quantità di rifiuti conferiti, al servizio fornito e all'entità dei costi di gestione.
Sono state fatte salve:
- le previsioni agevolative e le riduzioni tariffarie contenute nel regolamento, agli artt. 26,
36,37, 38 e 39, per l’applicazione della tassa sui rifiuti;
- la determinazione del tributo giornaliero, pari ad 1/365 della corrispondente tariffa annuale
del tributo e maggiorata del 50% come previsto dall’art 42 del Regolamento.
- l'applicazione del tributo provinciale per l'esercizio delle funzioni di tutela, protezione ed
igiene dell'ambiente (di cui all’art. 19 del decreto legislativo 30 dicembre 1992 n. 504).
Sul ruolo della tassa rifiuti, emesso per un totale complessivo pari ad € 689.942,62 sono stati
incassati al 31/12/2015 € 566.619,49 con una sofferenza pari complessivamente al 18,45% di
tassa non incassata. Nonostante vengano poste in essere le consuete procedure di recupero
con emissione di solleciti, avvisi di accertamento e ingiunzioni, l’entrata relativa al ruolo della
tassa rifiuti è quella che presenta la maggior sofferenza.
ADDIZIONALE COMUNALE ALL’IRPEF
Tale imposta è stata introdotta per la prima volta nell’anno 2007 con deliberazione consiliare n.
16 del 01/03/2007. A partire dall’anno 2012 l’art. 1, comma 11, del D.L. 138/2011 convertito
con modificazioni dalla L. 14 settembre 2011, n. 148, ha rimosso tutti i limiti all’autonomia
impositiva dei comuni in materia di addizionale IRPEF, previsti dall’art. 1, comma 7, del D.L.
n.93/2008 e reiterati fino alla completa attuazione del federalismo fiscale dalla legge di
stabilità 2011 rendendo quindi pienamente operante l’art. 1 del D.Lgs. 360/1998, istitutivo
dell’addizionale che consentiva di incrementare l’aliquota sino ad un massimo dello 0,8% anche
in un’unica soluzione e senza rispettare le tempistiche previste nella disciplina originaria. Per il
principio di progressività dell’imposta, la legge di conversione del DL. 138/2011 ha consentito
di modulare l’aliquota dell’addizionale comunale IRPEF, differenziandola all’interno del limite
Comune di Rosta
Relazione Conto Consuntivo 2015
massimo dello 0,8%, prendendo come riferimento gli scaglioni di imposta previsti dal D.P.R.
917/1986 e s.m.e i.
Per l’anno 2015 l’aliquota è stata mantenuta allo 0,4%. La modalità di prelievo dell’addizionale
comporta ritardi nella riscossione della stessa e una previsione che tiene conto di dati
ministeriali non sempre aggiornati. Al 31/12/2015, è stata riscossa la somma di € 116.733.10.
TOSAP
Sono stati accertati introiti nella misura di € 12.766,12 rispetto ad una previsione assestata
definitiva pari ad € 13.000,00. La tassa è riscossa direttamente dal Comune e riguarda
l’occupazione, permanente o temporanea di suolo pubblico ai sensi e per gli effetti del Decreto
Legislativo del 15/11/1993, n. 507, capo II. Il Comune stante la natura di tributo minore e
l’entità del gettito non ha ritenuto opportuno trasformare la tassa in argomento nel relativo
canone.
IMPOSTA PUBBLICITA’ E DIRITTI PUBBLICHE AFFISSIONI
Il servizio di accertamento e riscossione dell’Imposta sulla Pubblicità e Pubbliche affissioni è
stato affidato in concessione alla Società DUOMO GPA S.r.l., a seguito espletamento procedura
di gara informale, con determinazione del Responsabile del Servizio economico-finanziario n.
176 del 02/12/2014, per il periodo 01/01/2015 – 31/12/2017. La concessione del servizio di
accertamento di tale imposta è compensata con aggio percentuale unico del 20%, rapportato
in misura unica, all’ammontare lordo complessivo riscosso, fatta eccezione per le riscossioni
dei diritti d’urgenza che competono per intero alla società concessionaria. Il provento netto
minimo garantito è pari ad € 16.000,00 per ciascun anno di concessione. L’ammontare delle
riscossioni, al netto dell’aggio, deve essere versato a scadenze trimestrali posticipate, entro il
ventesimo giorno successivo alla scadenza di ciascun trimestre.
La Concessionaria, sulla base del progetto tecnico presentato in sede di gara e ad integrazione
degli obblighi previsti nel citato capitolato d’oneri, si obbliga a:
- attivare nel territorio comunale di Rosta, un ufficio adibito a recapito locale ubicato in zona
centrale, di facile accesso al pubblico e ai diversamente abili. Tale sede è stata individuata in
Via Stazione 90 presso l’esercizio commerciale “Tabaccheria Sweet Present; il recapito
telefonico dell’addetto è il seguente 320-5636123.
- Fornire assistenza all’utenza attraverso lo sportello al contribuente, il numero verde, il sito
web.
- Mettere a disposizione dei contribuenti diverse modalità di pagamento attraverso conto
corrente postale, bonifico bancario, M.A.V. postale, R.I.D., Lottomatica, pagamento on line
tramite PAIPAL attraverso il proprio sito web.
- Garantire la manutenzione straordinaria degli impianti con sostituzione di tutti quelli fatiscenti
e/o pericolanti, entro il primo anno di concessione, oltre alla normale manutenzione ordinaria.
- Effettuare una revisione del Piano Generale degli Impianti, sulla base di quanto dettagliato
nell’offerta tecnica, da sottoporre agli uffici competenti, per la calendarizzazione ed esecuzione
degli interventi necessari; la data di scadenza di tale adempimento, come concordato dalle
parti, è fissata al 30/09/2015.
- Mettere a disposizione un software dedicato specifico per la pianificazione degli spazi per le
proprie affissioni.
- Consentire l’acquisizione della modulistica relativa alle autodichiarazioni di installazione,
modifica e disdetta dei mezzi pubblicitari o per la richiesta di affissioni sia presso lo sportello di
recapito sia attraverso i canali informatici sul sito web.
- Effettuare l’avvio degli avvisi di scadenza, a seguito censimento delle posizioni pubblicitarie,
contenenti tutti i dati necessari all’individuazione del mezzo pubblicitario, al calcolo del dovuto,
alla normativa di riferimento e a tutti i dati utili al contribuente per richiedere informazioni o
presentare eventuale ricorso.
- Fornire un accesso web all’Ente per la consultazione in tempo reale delle pratiche gestite e
dell’iter delle stesse, con possibilità di potersi interfacciare con altri sistemi per poter importare
o esportare dati attraverso specifica procedura guidata.
Comune di Rosta
Relazione Conto Consuntivo 2015
- Effettuare iniziative di recupero evasione, come meglio precisato nell’offerta tecnica,
attraverso il censimento completo dei mezzi pubblicitari da effettuarsi almeno due volte
all’anno, controlli capillari, continui e costanti e rilevazioni fotografiche di qualsiasi forma
abusiva riscontrata, emissione di avvisi di accertamento e gestione delle ingiunzioni e del
contenzioso.
Il totale accertato relativo ai proventi per la pubblicità e pubbliche affissioni per l’anno 2015, €
19.394,48 di cui incassati € 17.350,80.
Il responsabile del servizio ha proceduto altresì al recupero complessivo delle somme non
incassate dal precedente concessionario per € 24.120,95 ed ha avviato una richiesta di
recupero delle somme relative agli interessi maturati.
GESTIONE DELLE RISORSE CORRENTI E DEGLI IMPIEGHI CORRENTI IN RAPPORTO
ALLE PREVISIONI DI BILANCIO
Sotto un profilo generale l'attendibilità del bilancio può essere provata, a consuntivo, dai
seguenti indicatori:
- scarto percentuale delle previsioni definitive rispetto alle previsioni iniziali;
- scarto percentuale degli accertamenti e degli impegni rispetto alle previsioni.
Le entrate dei primi tre titoli (che concorrono a finanziare le spese correnti) sono state
accertate per un importo complessivo € 2.980.058,38, pari al 99,09% delle somme
definitivamente stanziate di € 3.007.378,8 rilevando quindi uno scostamento minimo.
Gli impegni del titolo primo ammontano complessivamente ad € 2.628.378,66 pari al l’89,27%
degli stanziamenti definitivi (€ 2.944.357,75) e si suddividono nelle seguenti funzioni di spesa:
Personale
604.658,63
Acq. beni e servizi
34.503,09
prestazione servizi
1.590.038,45
ultil. beni terzi
Trasferimenti
5.608,92
294.752,81
interessi passivi
39.319,72
imposte e tasse
54.720,67
oneri straordinari
4.776,37
Ammortamenti
0,00
fondo sval. Crediti
0,00
fondo riserva
0,00
TOTALE
2.628.378,66
Il risparmio di spesa ammontante a € 315.979,09 risulta influenzato dall’operazione di
riaccertamento ordinario dei residui, con il quale sono state generate economie per
reimputazione di spese di parte corrente esigibili nei successivi esercizi (FPV di parte corrente
iscritto in bilancio per € 58.000,52). Il risparmio effettivo si attesta dunque sui 258.000,00
euro che consente di affermare che, nel complesso, per quanto riguarda la parte corrente della
gestione, sia proseguito positivamente il percorso intrapreso già negli esercizi precedenti,
improntato su una maggiore attenzione nella gestione delle risorse disponibili, presentando un
buon indice di operatività dell’Ente considerato l’esiguo margine di azione.
Gli impegni della parte corrente (tit. 1°) che hanno raggiunto la fase finale del pagamento sono
pari all’84,00%. Anche quest'ultimo dato è indicativo di un notevole livello di operatività
dimostrato nella gestione del bilancio del Comune. Lo stesso non solo si palesa rispettoso dei
termini previsti dal D.Lgs. 231/2002 e s.m.e i. ma vuole essere espressione di efficienza e
condizione per garantire, con la tempestività dei pagamenti, la convenienza dell’offerta di
forniture, servizi e lavori.
Comune di Rosta
Relazione Conto Consuntivo 2015
RIGIDITA' DEL BILANCIO
Un’analisi del bilancio, nella parte corrente delle spese, evidenzia come talune categorie, per
loro natura, si presentino caratterizzate da un elevato grado di rigidità.
Le categorie principali di spesa che originano rigidità sono essenzialmente quelle del personale,
e le spese che per loro natura possono subire ridimensionamenti minimi, poiché storicamente
variabili indipendenti. Sono, ad esempio, quelle per riscaldamento, per utenze elettriche e
telefoniche, per manutenzione o per svolgimento di taluni servizi tecnici ed operativi che il
Comune affida all'esterno per mancanza di proprio personale dipendente.
Non si escludono, tuttavia, gli sforzi del Comune, anche nei suddetti campi, volti ad individuare
soluzioni che consentono risparmi di spesa attraverso il ricorso ad energie alternative o la
comparazione di offerte di soggetti gestori, e soprattutto attraverso il ricorso a convenzioni
Consip.
SERVIZI GESTITI DALL’ENTE
I servizi a domanda individuale di cui all’art. 6 del D. L. 55/83, convertito nella legge 131/83,
gestiti dal Comune di ROSTA
Servizio
Entrata
Spesa
% copertura
Mense scolastiche
208.273,37
238.613,99
87,28
Soggiorno marino
10.640,00
13.142,20
80.96
Centro estivo ragazzi
16.152,48
18.923,33
85,36
SERVIZIO AMMINISTRATIVO/SEGRETERIA
PREMESSE
Nell’anno 2015 la responsabilità del servizio amministrativo/segreteria generale è stata
assegnata dal 01/01/2015 al 31/12/2015 alla dott.ssa Prever Loiri Caterina in forza del decreto
sindacale n. 9 del 18.12.2015.
PERSONALE
La dotazione organica complessiva del personale al 31/12/2015 risulta costituita da n. 18
dipendenti di ruolo.
LAVORI DI PUBBLICA UTILITA’
LAVORI DI PUBBLICA UTILITA’ PER MESSA ALLA PROVA
A decorrere dall’anno 2011, il Comune di Rosta accoglie condannati alla pena del lavoro di
pubblica utilità, adibendo gli stessi all’espletamento di attività inquadrabili nella lettera a)
(prestazione a favore di organizzazioni di assistenza sociale o volontariato), b) (prestazioni di
lavoro per finalità di protezione civile, di tutela del patrimonio ambientale e culturale), d)
(prestazioni di lavoro nella manutenzione di beni del demanio e del patrimonio pubblico), ed e)
(altre prestazioni pertinenti la specifica professionalità del condannato) dell’ art. 1 D.M. 26
marzo 2001.
A seguito dell’entrata in vigore dell’art. 3 della legge 28 aprile 2014 che ha introdotto l’art. 168
bis nel codice penale è previsto che, nei procedimenti per reati puniti con la sola pena edittale
pecuniaria o con la pena edittale detentiva non superiore a quattro anni, sola, congiunta o
alternativa alla pena pecuniaria, nonché nei delitti indicati nell’art. 2 dell’art. 550 del codice di
procedura penale, l’imputato possa chiedere la sospensione del processo con messa alla prova.
La concessione della messa alla prova, da parte del Tribunale, è subordinata alla prestazione di
lavoro di pubblica utilità. A tal fine il Comune di Rosta ha integrato la convenzione con il
Ministero della Giustizia e per esso con il Presidente del Tribunale di Torino all’uopo delegato,
per lo svolgimento dei lavori di pubblica utilità ai sensi e per gli effetti degli artt. 54 del D.Lgs.
Comune di Rosta
Relazione Conto Consuntivo 2015
274/2000 e 2 del D.M. 26 marzo 2001 per consentire che tali lavori possano conseguire
all’istituto della messa alla prova di cui all’art. 3.
La messa alla prova comporta la prestazione di condotte volte all'eliminazione delle
conseguenze dannose o pericolose derivanti dal reato, nonché, ove possibile, il risarcimento
del danno dallo stesso cagionato. Comporta altresì l'affidamento dell'imputato al servizio
sociale, per lo svolgimento di un programma che può implicare, tra l'altro, attività di
volontariato di rilievo sociale, ovvero l'osservanza di prescrizioni relative ai rapporti con il
servizio sociale o con una struttura sanitaria, alla dimora, alla libertà di movimento, al divieto
di frequentare determinati locali.
Nell’anno 2015 sono state avviate ai lavori di cui sopra n. 9 persone e 2 persone per i “vecchi”
L.P.U. come di seguito:
 Dal 08.05.2015 il venerdì per un totale di 70 ore. Il soggetto ha affiancato l’operatore
tecnico comunale in attività di piccola manutenzione delle strutture e patrimonio comunale.
 Dal 25.05.2015 per un totale di 40 ore. Il soggetto ha affiancato l’operatore tecnico
comunale in attività di piccola manutenzione delle strutture e patrimonio comunale.








Dal 22.07.2015 due giorni a settimana per un totale di 192 ore. Il soggetto ha affiancato
l’operatore tecnico comunale in attività di piccola manutenzione delle strutture e patrimonio
comunale.
Dal 30.07.2015 il soggetto ha prestato la sua attività come supporto al servizio
amministrativo/segreteria generale per un totale di 136 ore, in particolare nell’inserimento
a videoterminale degli atti deliberativi precedenti all’anno 2001.
Dal 03.08.2015 il lunedì per un totale di 38 ore il soggetto ha prestato la sua attività come
supporto al servizio economico finanziario per il riordino dell’archivio di deposito. (L.P.U)
Dal 03.08.2015 il lunedì e il mercoledì per un totale di 208 ore. Il soggetto ha affiancato
l’operatore tecnico comunale in attività di piccola manutenzione delle strutture e patrimonio
comunale.
Dal 14.09.2015 dal lunedì al venerdì per un totale di 22 ore. Il soggetto ha affiancato
l’operatore tecnico comunale in attività di piccola manutenzione delle strutture e patrimonio
comunale. (L.P.U)
Dal 02.11.2015 il soggetto sta prestando la sua attività come supporto al servizio
amministrativo/segreteria generale e biblioteca per un totale di 272 ore.
Dal 18.12.2015 il venerdì per un totale di 72 ore. Il soggetto ha affiancato l’operatore
tecnico comunale in attività di piccola manutenzione delle strutture e patrimonio comunale.
Nel corso del 2015 un professionista ha affiancato la responsabile del servizio tecnico come
“consulente” per l’installazione e la certificazione di impianti fotovoltaici. Detta attività non
doveva essere quantificata in ore. Ha terminato il 4 dicembre 2015.
SERVIZI PARASCOLASTICI
PRE E POST SCUOLA
Il servizio è stato affidato per gli anni scolastici, dal 2014/2015 al 2016/2017, alla Cooperativa
“Animazione Valdocco” Torino dietro corrispettivo orario per ciascun educatore di € 14,50,
oltre iva 4%.
Il servizio si svolge nei locali del seminterrato della scuola C. Collodi di Rosta per gli alunni
della scuola primaria mentre nel salone centrale della scuola E. Morante per gli alunni della
scuola dell’infanzia.
Il servizio di pre scuola è stato attivato il primo giorno di inizio delle lezioni, mentre il servizio
di post scuola infanzia e primaria è iniziato in concomitanza all’attivazione dell’orario di tempo
pieno.
Il servizio è stato attivo nei giorni di apertura scolastica, dal lunedì al venerdì, nelle seguenti
fasce orarie:
Pre scuola dell’infanzia: dalle ore 7.30 alle ore 8,00, con entrata flessibile per l’intera
durata della mezz’ora, per l’a.s. non attivato per iscrizioni inferiori al n. minimo di 7 utenti
previsto dall’art. 6 del regolamento comunale sulla istituzione del servizio Pre scuola primaria:
dalle ore 7.25 alle ore 8,25, con entrata flessibile per l’intera durata dell’ora.
Post scuola dell’infanzia:
dalle ore 16:25 alle ore 18:25 fascia intera
dalle ore 16:25 alle ore 16:25 fascia ridotta
Post scuola primaria:
dalle ore 16:25 alle ore 18:25 fascia intera
Comune di Rosta
Relazione Conto Consuntivo 2015
dalle ore 16:25 alle ore 17:25 fascia ridotta
Per l’a.s 2015-2016 gli utenti per l’adesione ai servizi pagano una retta di €. 43,00 per il pre
scuola o post scuola a fascia ridotta ed €. 85,00 per la fascia intera.
Il numero di utenti coinvolti per l’anno scolastico in corso è:
Scuola dell’infanzia
Pre scuola
Post scuola
0
13
di cui
n. 3 fascia intera
n. 10 fascia ridotta
Scuola primaria
Pre scuola
Post scuola
13
14
di cui
n. 4 fascia intera
n. 10 fascia ridotta
Il servizio è stato svolto dalla cooperativa affidataria, con professionalità e soddisfazione delle
famiglie, con l’impiego di personale specializzato in grado di offrire accoglienza ai bambini, in
un contesto di socialità didattica e gioco, nel rispetto del rapporto di 1/10 e 1/15
rispettivamente per i servizi diretti ai bambini della scuola dell’infanzia e agli alunni della
scuola primaria.
CENTRO ESTIVO
Nell’anno 2015 è stato organizzato il centro estivo per la scuola dell’infanzia e primaria,
avvalendosi di un soggetto esterno individuato, a seguito di apposita gara informale esperita
per la durata di tre anni, nella Cooperativa “Un Sogno per tutti” Via Pianezza 79d Torino.
Il Servizio di Centro Estivo è rivolto agli alunni della scuola dell’infanzia e primaria per un
numero massimo dei partecipanti pari a 48 utenti per il centro estivo scuola primaria e pari a
40 utenti per il centro estivo scuola dell’infanzia.
Il centro estivo è stato organizzato, per i bambini della scuola primaria, nei locali adibiti a
mensa della scuola secondaria di primo grado di Via Bastone n. 34 con possibilità di utilizzare
la palestra comunale, il giardino esterno alla palestra e il campo di minipicht, mentre per i
bambini della scuola dell’infanzia, nel salone della scuola “Elsa morante” di Via Bucet n. 20 e
nei giardini adiacenti.
Il servizio è stato attivato nei seguenti turni di funzionamento del servizio di Centro Estivo, con
orario dalle 08:00 alle 17:00 ed ingresso flessibile dalle ore 08:00 alle ore 08:30:

1° turno dal 06/07/2015 al 31/07/2015 per la scuola dell’infanzia

1° turno dal 15/06/2015 al 31/07/2015 per la scuola primaria

2° turno dal 31/08/2015 al 11/09/2015 (comune per entrambe le sezioni)
L’attivazione del secondo turno era subordinata al raggiungimento di un numero minimo di 10
iscrizioni per sezione. Per la scuola primaria tale numero minimo non è stato raggiunto, mentre
per la scuola dell’infanzia è stato attivato il secondo turno per entrambe le settimane.
La frequenza al centro estivo è stata subordinata al pagamento di una retta di
compartecipazione che si configura come contribuzione agli oneri del servizio, comprensiva del
servizio mensa e delle gite offerte con cadenza settimanale.
Il pagamento della retta è stato consentito anche mediante l’utilizzo del pos bancomat
installato presso gli uffici comunali e bonifico bancario che ha riscosso il favore degli utenti.
Il numero degli iscritti al centro estivo è stato:
scuola dell’infanzia
1° TURNO
1 SETTIMANA
N. ISCRITTI 15
2 SETTIMANA
N. ISCRITTI 16
3 SETTIMANA
N. ISCRITTI 14
4 SETTIMANA
N. ISCRITTI 14
Comune di Rosta
Relazione Conto Consuntivo 2015
2° TURNO
1 SETTIMANA
N. ISCRITTI 14
2 SETTIMANA
N. ISCRITTI 15
scuola primaria
1 SETTIMANA
N. ISCRITTI 21
2 SETTIMANA
N. ISCRITTI 20
3 SETTIMANA
N. ISCRITTI 26
4 SETTIMANA
N. ISCRITTI 17
5 SETTIMANA
N. ISCRITTI 12
6 SETTIMANA
N. ISCRITTI 21
7 SETTIMANA
N. ISCRITTI 20
ISTRUZIONE
ASILO NIDO
Il servizio è gestito dalla Cooperativa Sociale “Educazione Progetto s.c.s. onlus di Torino per
gli anni educativi dal 2011/2012 al 2015/2016.
Nel corso dell’anno 2015 si è provveduto ad effettuare solo piccoli interventi di manutenzione
straordinaria.
Al fine di incentivare le iscrizioni al servizio di asilo nido e di abbattere il relativo onere
economico, con deliberazione di Giunta Comunale n. 94 del 1.10.2015 si è provveduto a
riconoscere a favore delle famiglie residenti in Rosta un contributo economico da ripartire sulla
base dei mesi di frequenza e della tipologia di orario prescelta per l’anno educativo 2015/2016
prevedendo una spesa di €. 3.300,00.
ACQUISTI ARREDI ED ATTREZZATURE PER EDIFICI SCOLASTICI
Per le scuole di Rosta si è provveduto ad effettuare la sostituzione delle tende in uso presso la
scuola primaria provvedendo all’installazione di quelle nuove per una spesa di €. 4.847,06.
SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA
Il servizio di refezione scolastica è affidato per il periodo dal 01.09.2013 al 31.07.2017, a
seguito di procedura di appalto, alla società ELIOR RISTORAZIONE s.p.a., Via Venezia Giulia n.
5/A Milano.
Il costo unitario del pasto è determinato in €. 3,94 oltre IVA. a fronte del quale gli utenti
residenti pagano una tariffa di €. 4,10, soggetta ad esenzioni o riduzioni in base allo scaglione
I.S.E.E. di appartenenza previsto dal regolamento per le prestazioni e servizi in campo sociale,
secondo il seguente prospetto:
I.S.E.E.
1° figlio
2° figlio
3° figlio
Fino
Fino
Fino
Fino
a
a
a
a
€. 7.000,00
€. 9.000,00
€. 11.000,00
€. 13.000,00
Esenzione 100%
Riduzione 50%
Pagante
Pagante
Esenzione 100%
Esenzione 100%
Riduzione 50%
Pagante
Esenzione 100%
Esenzione 100%
Riduzione 50%
Riduzione 50%
Gli utenti non residenti pagano una tariffa a pasto di €. 5,00.
La gestione dei pagamenti connessi ai servizi a domanda individuale è assicurata attraverso il
software “School-E-Suite” della società Progetti e Soluzioni dietro corrispettivo di €. 5,50
annui per ogni utente gestito. Agli utenti è assegnato un codice con il quale recandosi presso
uno sportello bancario ATM è possibile ricaricare il conto individuale di ogni iscritto al relativo
Comune di Rosta
Relazione Conto Consuntivo 2015
servizio dell’importo desiderato. Le ricariche effettuate dagli utenti sono acquisite dal sistema
in tempo reale e trasferite alla Tesoreria comunale.
Nel campo della refezione scolastica è affidato, per gli aa.ss. dal 2013/2014 al 2015/2016, alla
ditta Te.Be.Sco. s.r.l. Via Falcone e Borsellino n. 4/a Lodivecchio (LO) il servizio di richiesta di
contributi comunitari per la distribuzione di latte e prodotti lattiero caseari agli allievi delle
scuole, incassando per il periodo dal 01.09.2013 al 31.01.2014 la somma di €. 552,50 e
provvedendo a liquidare il relativo compenso pattuito di €. 134,81.
SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO
Il servizio di trasporto scolastico è affidato, per il periodo dal 01.09.2013 al 31.08.2018, alla
società MARTOGLIO s.p.a, di Torino verso corrispettivo di € 148.262,40 oltre IVA 10%.
La tariffa per il servizio scuolabus è determinata in €. 216,00 da pagarsi in due rate semestrali
di € 108,00 cadauna. La tariffa, al pari del servizio di mensa scolastica, è soggetta ad esenzioni
o riduzioni in base allo scaglione I.S.E.E. di appartenenza previsto dal regolamento per le
prestazioni e servizi in campo sociale.
SERVIZI SOCIALI
Sono stati inoltre riconfermati i servizi erogati negli anni precedenti quali:
- SOGGIORNO MARINO ANZIANI: tale servizio ha consentito, per un periodo di 15 giorni, dal
30 maggio al 13 giugno 2015, ad un gruppo di 19 anziani, di trascorrere una vacanza a Cervia
(RA) presso l’Hotel Prater , posto a pochi passi dal mare, rispondente agli standard di qualità,
sia per posizione che per prezzo.
L’Amministrazione Comunale ha contribuito alla spesa del soggiorno marino sostenendo
interamente gli oneri di pubblicità, del trasporto, andata e ritorno, per la località suddetta,
mentre i partecipanti hanno sostenuto interamente il costo del soggiorno, stabilita in;
- EURO 616,00 a persona per l’intero periodo in camera doppia (15 giorni, 14 pensioni
complete);
- EURO 8,00 come supplemento giornaliero per camera singola.
Le spese sostenute dal Comune sono state pari a €. 2.458,77.
Sono stati inoltre riconfermati i servizi erogati negli anni precedenti quali:
- ORGANIZZAZIONE FESTA DI NATALE PER GLI ANZIANI: € 4.685,80.
TRASPORTO PER CURE MEDICHE
Il servizio viene offerto ai cittadini afflitti da patologie mediche gravi e/o invalidanti. In
entrambi i casi il servizio è garantito mediante collaborazione con la Croce Verde di Cascine
Vica. Per i cittadini rientranti nelle categorie di cui al regolamento comunale per gli interventi e
le prestazioni di servizi in campo sociale è completamente gratuito. L’ufficio si occupa di
accogliere i cittadini e le loro richieste, formulando specifica istanza di trasporto agli uffici delle
Croce Verde, verificandone successivamente l’esito.
La spesa complessiva sostenuta nell’anno 2015 è stata pari ad €. 1.200,00.
TRASPORTO DISABILE AD ISTITUTO DI SCUOLA SUPERIORE
In attuazione ai principi contenuti nella legge 104/92 anche per l’anno scolastico 2014/2015 e
2015/2016 l’ufficio ha organizzato il servizio di trasporto di alunni disabili residenti nel
territorio comunale verso istituti di scuola secondaria di secondo grado.
Per l’a.s 2014/2015 il servizio di trasporto scolastico è stato rivolto ad un alunna che
frequentava l’istituto Giolitti di Torino ed affidato alla Croce Verde di Rivoli Cascine-Vica,
sezione distaccata di Rosta per il viaggio di andata e al sig. Sansone Giuseppe per il viaggio di
ritorno per due pomeriggi settimanali. Il servizio ha comportato il pagamento di un
corrispettivo per il periodo gennaio – giugno 2015 di €. 2.744,50.
Per l.’a.s. 2015/2016 il servizio di trasporto scolastico è stato organizzato a favore di un alunno
disabile frequentante l’istituto agrario di Pianezza per il solo viaggio di ritorno ed affidato alla
ditta GHI.ME Strada Piossasco n. 12 Cumiana. Per il periodo settembre - dicembre 2015 il
servizio ha comportato una spesa di €. 922,35.
I servizi sono stati attivati con puntualità con l’inizio delle lezioni.
L’onere del trasporto di alunni con handicap verso Istituti superiori è a carico della Provincia di
Torino ora Città metropolitana, per cui il costo del servizio è stato oggetto di richiesta di
rimborso ed inserito nel Piano provinciale per il diritto allo studio ai sensi della Legge 28/2007.
Comune di Rosta
Relazione Conto Consuntivo 2015
CULTURA – SPORT E SERVIZI
Nel corso dell’anno 2015 il Comune ha partecipato, anche mediante la concessione del
patrocinio, a numerose manifestazioni organizzate dalle locali Associazioni erogando, a
consuntivo i contributi a fianco di ciascuna indicati:
- FESTA DELLA BEFANA: concessione patrocinio ed erogazione di un contributo alla Pro Loco
€. 200,00
- FESTA DI CARNEVALE: organizzazione € 400,00
- MANIFESTAZIONE UNA FINESTRA SULL’ARTE: organizzazione € 580,00
- RASSEGNA CINEMATOGRAFICA “ROSTA STELLE & STAR”: € 7.445,90
- PALIO DEI RIONI: concessione del patrocinio ed assegnazione contributo all’Avis di Rosta €
1.000,00
- FESTA PATRONALE DI SAN MICHELE SETTEMBRE ROSTESE: concessione del patrocinio ed
erogazione di un contributo alla Pro Loco per l’organizzazione della manifestazione € 6.753,91
- ROSTA’S GOT TALENT: concessione del patrocinio ed erogazione di un contributo alla Pro
Loco € 600,00
- SPOSA SOTTO LE STELLE: concessione del patrocinio ed erogazione di un contributo alla
Pro Loco € 250,00
- CONCESSIONE DEL PATROCINIO ALLA MANIFESTAZIONE “JUST WOMAN I AM”
- CONCESSIONE DEL PATROCINIO AL CENTRO ESTIVO “IL TIGROTTO” ORGANIZZATO
DALL’A.S.D. SPORTING ROSTA
- CONCESSIONE DEL PATROCINIO AL CORSO DI ORTICOLTURA
- CONCESSIONE DEL PATROCINIO AL TORNEO DI CALCIO ORGANIZZATO DALL’A.S.D.
SPORTING ROSTA
- FESTA NUOVI NATI: organizzazione ed acquisto targhe, pergamene ed alberi ad alto fusto
€. 820,00
Per le suddette manifestazioni sono state utilizzate a consuntivo risorse per complessivi €.
18.049,81.
Le iniziative o anche solo la concessione del patrocinio hanno permesso di vivacizzare la vita
della collettività.
La corresponsione dei suddetti contributi ha tenuto conto dei limiti previsti dalle seguenti
norme:
- D.L. n. 78 del 31/05/2010, convertito con Legge 30 luglio 2010, n. 122 art. 6 in ordine al
divieto di sponsorizzazioni. La Corte dei Conti, Sezione Regionale di Controllo per il Piemonte,
con Delibera del 15 aprile 2011, n. 46/2011/SRCPIE/PAR, ha sottolineato, che il divieto di cui
al comma 9 dell’art. 6, deve ritenersi operante solo per le sponsorizzazioni aventi come finalità
la mera segnalazione ai cittadini della presenza del Comune, così da promuoverne l’immagine.
Devono invece ritenersi ammesse, non configurando delle sponsorizzazioni, le contribuzioni
(siano esse sotto forma di erogazioni, sovvenzioni, o concessioni di patrocinio) ad iniziative di
un soggetto terzo, rientranti nei compiti del Comune e svolte nell’interesse della collettività. La
lettura data in tal senso dalla Corte dei Conti sezione regionale del Piemonte appare coerente
anche con i principi di sussidiarietà orizzontale di cui all’art. 118 della Costituzione, con
conseguente sottrazione alle restrizioni sopra citate delle contribuzioni connotate dallo
svolgimento di un’attività propria del Comune in forma sussidiaria, esercitata cioè in via
mediata da soggetti privati destinatari di risorse pubbliche.
- legge 135/2012 art. 4, comma 6, il quale prevede il divieto per gli enti di diritto privato di cui
agli articoli da 13 a 42 del codice civile di ricevere contributi a carico delle finanze pubbliche
escludendo da tale divieto le fondazioni istituite con lo scopo di promuovere lo sviluppo
tecnologico e l'alta formazione tecnologica, gli enti e le associazioni operanti nel campo dei
servizi socio-assistenziali e dei beni ed attività culturali, dell'istruzione e della formazione, le
associazioni di promozione sociale di cui alla legge 7 dicembre 2000, n. 383, gli enti di
volontariato di cui alla legge 11 agosto 1991, n. 266, le organizzazioni non governative di cui
alla legge 26 febbraio 1987, n. 49, le cooperative sociali di cui alla legge 8 novembre 1991, n.
381, le associazioni sportive dilettantistiche di cui all'articolo 90 della legge 27 dicembre 2002,
n. 289, nonché le associazioni rappresentative, di coordinamento o di supporto degli enti
territoriali e locali.”
Comune di Rosta
Relazione Conto Consuntivo 2015
SERVIZI DEMOGRAFICI
Nell’anno 2015 si è provveduto a riorganizzare gli uffici del servizio demografico e scolastico
sia in termini di carichi di lavoro sia di spazi, provvedendo all’acquisto di nuovi arredi al fine di
poter dare un migliore servizio alla cittadinanza.
Il Comune di Rosta è stato selezionato come comune campione per l’effettuazione dell’indagine
“Multiscopo sulle famiglie: aspetti della vita quotidiana” che ha avuto luogo nel periodo dal 23
febbraio 2015 al 14 marzo 2015 con invio dei relativi questionari, debitamente compilati, entro
il 28 marzo 2015. A tal fine è stata individuata apposita rilevatrice che con in collaborazione
con l’ufficio anagrafe ha provveduto allo svolgimento delle relative operazioni. Per l’indagine in
oggetto l’ISTAT ha riconosciuto al comune la somma di € 825,08 di cui € 781,08 a titolo di
compenso a favore della rilevatrice ed €. 44,00 al Comune per compensare parte degli oneri
finanziari dallo stesso sostenuti per le operazioni di coordinamento e organizzazione della
indagine.
In particolare nei singoli uffici si è provveduto, oltre la gestione ordinaria degli stessi, Alla
realizzazione di quanto sotto indicato.
Anagrafe: inizio procedure di verifica della corrispondenza dei dati anagrafici con quelli presenti
nei database dell’Agenzia delle entrate per successivo travaso degli stessi nel sistema ANPR.
Elettorale: trasmissione on line del fascicolo personale dell’elettore con contestuale
eliminazione del cartaceo e attivazione nuove modalità di invio telematico del movimento della
popolazione residente mensile
Stato civile: si è provveduto a mettere a bando le aree per edificazione per tombe di famiglia
dichiarate decadute o non occupate, assegnando due aree dietro corrispettivo di €. 32.960,00,
di cui incassati nell’anno 2015 €. 1.760,00.
SERVIZIO ATTIVITA’ ECONOMICHE E PRODUTTIVE
Nell’anno 2015 lo Sportello Unico per le Attività Produttive di Rosta ha registrato e istruito nel
corso dell’anno n. 79 pratiche, di cui n. 35 con procedimento ordinario e n. 44 con
procedimento automatizzato e di queste n. 32 con endoprocedimento commerciale.
Nello stesso anno sono stati rilasciati n. 29 provvedimenti autorizzativi unici.
Con Deliberazione del Consiglio Comunale n° 3 del 16/04/2015 è stato istituito in via definitiva
lo svolgimento del mercato riservato alla vendita diretta da parte di imprenditori agricoli
proposto dalla Federazione Coldiretti ai sensi del D.M. 20 novembre 2007 e contestualmente è
stato approvato il disciplinare di mercato che regola le modalità di vendita.
Lo svolgimento del mercato, finalizzato alla valorizzazione della tipicità e della provenienza dei
prodotti locali, è stato autorizzato in Piazza Stazione con frequenza settimanale (ogni sabato
dalle 8,00 alle 13,00).
PATTO TERRITORIALE
Nell’ambito delle finalità sottese alla partecipazione alla società del Patto Territoriale Zona
Ovest, e per contribuire a fronteggiare le conseguenze della grave crisi economica che ha
interessato l’intero Paese, con deliberazione di Giunta Comunale n. 125 del 28.12.2015 è stata
confermata l’adesione al progetto “Azioni di contrasto alla crisi del mercato del lavoro locale in
collaborazione con i comuni della Provincia di Torino” rivolto ai lavoratori esclusi dal ciclo
produttivo senza ammortizzatori sociali prevedendo un trasferimento di € 4.845,00 pari ad un
euro per abitante.
BIBLIOTECA
Nel corso dell’anno 2015 è stato incrementato il patrimonio librario per una spesa totale di €
3.422,50.
Si è aderito all’iniziativa di promozione culturale per l'infanzia denominata "NATI PER
LEGGERE" allo scopo di promuovere la lettura precoce sensibilizzando i genitori sull’importanza
della lettura ad alta voce. L’adesione al progetto non ha comportato costi per il Comune, bensì
l’impegno a destinare una parte dei fondi destinati all’incremento del patrimonio librario della
Biblioteca di Rosta all’acquisto di libri per i bambini.
Comune di Rosta
Relazione Conto Consuntivo 2015
SPORT
Le strutture sportive comunali sono gestite da associazioni sportive, sulla base di apposite
convenzioni che ne disciplinano la durata e gli obblighi reciproci previsti per il concedente e
concessionario.
A tal fine si menziona:
la convenzione per la gestione degli impianti sportivi siti in Via Ponata n. 65 con
l’Associazione Sporting Rosta per il periodo di 15 anni a decorrere dal 01.08.2005 al
31.07.2020, dietro versamento di un canone annuo di €. 4.131,66. Il Comune versa invece al
concessionario in ragione del costo di costruzione sostenuto per la realizzazione della copertura
del campo di calcio a 5 l’importo annuo di €. 6.000,00;
la convenzione per la concessione del campo di calcio all’interno degli impianti
sportivi comunali di Via Ponata n.65 con l’associazione sportiva G.S.D.S. ROSTA, sino al
termine della stagione sportiva 2016/2017, come da proroga disposta con delibera di Giunta
Comunale n. 44 del 03.04.2014;
la convenzione stipulata con l’Associazione Sportiva VOLLEY ROSTA A.S.D per il
periodo di anni 3 a decorrere dal 01 settembre 2014 e comunque sino al 31 luglio 2018 per la
gestione della palestra comunale di Via Bastone. dietro introito di un canone concessorio
annuo di e. 60,00.
SERVIZIO TECNICO
PREMESSA
Nell’anno 2015 la responsabilità del servizio tecnico è stata conferita all’arch. Elisabetta con
decreto sindacale n. 7 del 19/12/2014.
L’ufficio si compone di n. 2 istruttori tecnici, n. 1 istruttore amministrativo ed n. 1 operaio
qualificato.
LAVORI PUBBLICI
L’attività principale si è focalizzata sulla attuazione del Programma Triennale dei Lavori
Pubblici nel quale sono stati inseriti gli interventi da realizzare nel corso del triennio 2015/2017
con indicazione degli importi e relative fonti di finanziamento.
Lo stesso è stato adottato con deliberazione della Giunta Comunale n. 117 del 28/10/2014 ed
approvato definitivamente unitamente al bilancio di previsione 2015 con deliberazione del
Consiglio Comunale n. 15 del 23/6/2015.
OPERE STRADALI
L’Amministrazione comunale ha avuto come obiettivo quello di offrire le infrastrutture stradali
ricadenti nel proprio territorio con qualità adeguata alla domanda ed al mantenimento del
livello di sicurezza veicolare e pedonale.
Oltre alla normale manutenzione ordinaria, affidata con appalto di durata triennale, sono stati
approvati progetti di manutenzione straordinaria delle strade e più precisamente:
Sistemazione vie cittadine 2015 e predisposizione isole ecologiche
Con determinazione n. 27 del 12/3/2015 è stato conferito all’Arch. Fabrizio Polledro, iscritto
all’Ordine degli Architetti di Torino al n. 5165, con studio in Torino, Via Santa Chiara 32,
l’incarico per la progettazione preliminare, esecutiva, direzione lavori, coordinamento della
sicurezza, misure e contabilità, redazione certificato di regolare esecuzione dei lavori di
sistemazione vie cittadine anno 2015 e realizzazione siti per isole ecologiche.
Con deliberazione della Giunta Comunale n. 74 del 23/7/2015 è stato approvato il progetto
esecutivo dei lavori di sistemazione di Via Italia (nel centro storico del paese), Via Ponata nel
tratto compreso tra Piazza Stazione e fino al civico 29, Via I° Maggio nel tratto compreso tra
Piazza San Michele e Via G. D’Annunzio; e la predisposizione siti per le isole ecologiche in Via
Stazione (vicino punto acqua SMAT), Via Rivoli 100 e Via Corbiglia (vicino cabina ENEL) per
complessivi € 140.000,00 comprensivo del costo per l’acquisto dei contenitori.
Con determinazione del Responsabile del Servizio Tecnico n. 105 del 9/9/2015, previa gara
informale, ai sensi e per gli effetti dell’art. 122, comma 7, del D. Lgs.163/06, così come
modificato dall’art. 4 della Legge n. 106/11, i lavori stradali previsti in progetto, sono statii
aggiudicati all’Impresa CHIATELLINO MAGGIORINO E FIGLIO s.r.l., con sede in Druento TO,
Comune di Rosta
Relazione Conto Consuntivo 2015
Viale Papa Giovanni XXIII n. 2 – P.IVA 01258060019, dietro corrispettivo di € 49.776,11,
comprensivo dei costi per la sicurezza di € 1.321,04, oltre IVA.
Con deliberazione della Giunta Comunale n. 107 del 05/11/2015 è stato approvato il progetto
esecutivo delle opere di completamento dei lavori di sistemazione vie cittadine 2015 e
realizzazione siti per isole ecologiche, ai sensi dell’art. 93, 5° comma, del D.Lgs. 163/2006,
redatto dal medesimo professionista del progetto originario, Arch. Fabrizio Polledro, con studio
in Torino, per un importo complessivo dell’intervento di € 58.300,00 (comprensivo del costo
per l’acquisto dei contenitori) finanziato con oneri di urbanizzazione del 2015.
Con determinazione n. 155 del 19/11/2015 sono stati affidati all’Impresa CHIATELLINO
MAGGIORINO E FIGLIO s.r.l., con sede in Druento TO, Viale Papa Giovanni XXIII n. 2 – P.IVA
01258060019, le opere di completamento dei lavori di sistemazione vie cittadine 2015 e
realizzazione siti per isole ecologiche, dietro corrispettivo di € 14.238,48, comprensivo dei costi
per la sicurezza di € 772,55.
Attualmente i lavori sono in corso di esecuzione e si è provveduto a pagare il 1° SAL.
IMMOBILI COMUNALI
Rifacimento facciata antica volta
Trattasi di immobile di proprietà comunale situato nel centro storico del paese caratterizzato da
una volta con passaggio carraio. L’obiettivo del progetto è quello di provvedere alla
sistemazione dell’intonaco e alla successiva tinteggiatura. L’intervento è finalizzato al restauro
delle facciate mediante rimozione dell’intonaco decorso e degli strati recenti in malta
cementizia, pulitura della superficie, intonacatura e tinteggiatura delle pareti esterne. Tali
operazioni sono mirate a bloccare lo stato di degrado e favorire la conservazione di tutti gli
elementi che compongono i prospetti.
Il progetto non ha avuto seguito per mancanza di risorse finanziarie, a fronte della contrazione
del gettito degli oneri di urbanizzazione.
EDIFICI SCOLASTICI
L’Amministrazione Comunale ha assunto come obiettivo l’ottenimento del Certificato di
Prevenzione Incendi dell’Istituto Comprensivo “Giacomo Matteotti” di via Bastone 34 attraverso
un programma di interventi volti a tal fine.
Sistemazione aree esterne al complesso scolastico di via Bastone
L’obiettivo del progetto è quello di procedere al rifacimento delle condotte di raccolta delle
acque bianche nell’area antistante l’ingresso al complesso scolastico di Via Bastone e procedere
al successivo ripristino della pavimentazione esistente con implementazione delle griglie di
raccolta delle acque piovane.
Con determinazione n. 64 del 25/6/2015 è stato conferito incarico all’Ing. Massimiliano
Carnazzo, C.F. CRN MSM 75A28 I754 F, iscritto all’Ordine degli Ingegneri di Torino al n. 8515F
dal 23/1/2002, con studio in Torino, Via Modane 11, per la progettazione esecutiva, direzione
lavori, coordinamento della sicurezza, misure e contabilità, redazione certificato di regolare
esecuzione dei lavori di sistemazione aree esterne al complesso scolastico di Via Bastone 34.
Con deliberazione della Giunta Comunale n. 78 del 1°/9/2015 è stato approvato il progetto
esecutivo dei lavori di sistemazione aree esterne del complesso scolastico di Via Bastone 34, a
firma dell’Ing. Carnazzo Massimiliano di Torino, per un importo complessivo di € 30.000,00,
finanziato con oneri di urbanizzazione del bilancio 2015.
Con determinazione del Responsabile del Servizio Tecnico n. 135 del 28/10/2015 sono stati
aggiudicati definitivamente all’Impresa GUGLIELMINO ing. GIOVANNI s.r.l. con sede in Viù
(TO), Viale Rimembranza 1 – P.IVA 04844260010 i lavori di “Sistemazione aree esterne del
complesso scolastico di Via Bastone 34”, dietro corrispettivo di € 18.964,25, comprensivo dei
costi per la sicurezza di € 291,70, oltre IVA.
I lavori sono in corso di esecuzione.
Ampliamento scuola infanzia Elsa Morante di via Bucet 20
L’obiettivo del progetto è quello di creare due sezioni in più rispetto alle tre già esistenti su una
struttura ad “orma” che ben si predispone per la realizzazione di nuove aule atte ad ospitare
Comune di Rosta
Relazione Conto Consuntivo 2015
alunni attualmente in lista d’attesa, oltre alla ridistribuzione degli spazi interni necessari per
l’adeguamento del locale mensa.
L’edificio, costruito nel 2007, si sviluppa su un solo piano fuori terra per una superficie di circa
1.900 mq. e può ospitare un numero massimo di 75 bambini; al suo interno gli spazi risultano
insufficienti al soddisfacimento della domanda di iscrizioni alla scuola materna, anche in
relazione a proiezioni future connesse all’aumento della popolazione rostese.
L’intervento si ripropone di ampliare, ridistribuire e razionalizzare gli spazi al fine di poter
soddisfare le richieste di iscrizione al servizio. Il progetto si inserisce pertanto nel piano di
implementazione del patrimonio scolastico insito sul territorio che il comune di Rosta,
attraverso la ristrutturazione, la messa a norma degli edifici esistenti, gli ampliamenti e le
nuove costruzioni sta attuando da diversi anni.
Con determinazione n. 44 del 30/4/2015 veniva conferito all’Ing. Francesco Carbone, iscritto
all’Ordine degli Ingegneri di Torino al n. 5431X, con studio in Collegno, Via Borgione 8,
l’incarico per la redazione di uno studio di fattibilità per ampliamento e ridistribuzione spazi
interni della Scuola dell’Infanzia “Elsa Morante” di Via Bucet 20, nonchè la progettazione
preliminare, definitiva, esecutiva, compresa la sicurezza e direzione lavori, relativamente ad un
1° lotto lavori, riferito alla realizzazione di una sola aula e all’adeguamento del locale mensa.
Con deliberazione della Giunta Comunale n. 58 del 18/6/2015 è stato approvato lo studio di
fattibilità per un importo lavori di € 427.316,50.
Il progetto non ha avuto seguito per mancanza di risorse finanziarie a fronte della contrazione
del gettito degli oneri di urbanizzazione e non volendo assumere mutui per evitare la
compromissione del rispetto del patto di stabilità.
AMBIENTE
FORNITURA CONTENITORI PER ISOLE ECOLOGICHE SEMINTERRATE
Con determinazione n. 87 del 17/7/2015, a seguito di procedura negoziata, senza previa
pubblicazione di un bando di gara, ai sensi dell’art. 57, comma 2, lettera b) del D.Lgs.
163/200, è stata aggiudicata alla società Nord Engineering s.r.l. con sede in Caraglio (CN) via
Divisione Cuneese n. 19B – P.IVA 02566900045, la fornitura di 12 contenitori seminterrati da
collocare nel territorio comunale denominati “EASY”, unici dotati di sistema di aggancio
compatibile con i mezzi adibiti alla raccolta rifiuti, verso corrispettivo arrotondato di €
48.000,00, oltre IVA, al netto del ribasso offerto del 2,43%.
Con determinazione n. 130 del 20/10/2015 si affidava, in attuazione degli indirizzi forniti dalla
Giunta Comunale con deliberazione n. 102 del 15/10/2015, alla società Nord Engineering s.r.l.
con sede in Caraglio (CN) via Divisione Cuneese n. 19B – P.IVA 02566900045, la fornitura di
ulteriori n. 8 contenitori, denominati “EASY”, per la realizzazione di due nuove isole ecologiche
seminterrate, ubicate in Via Stazione e Strada dei Campi, verso corrispettivo di € 32.000,00,
oltre IVA, per complessivi € 35.200,00.
La consegna è prevista per la metà del mese di aprile 2016.
PROGRAMMA DI SOSTEGNO ALLA LOCAZIONE
La Legge 09/12/1998 n. 431 “Disciplina delle locazioni e del rilascio degli immobili ad uso
abitativo”, ed in particolare l’art. 11, ha istituito il Fondo nazionale per il sostegno all’accesso
alle abitazioni in locazione.
Con deliberazione della Giunta Regionale n. 36-1750 del 13/7/2015, pubblicata sul B.U.R. della
Regione Piemonte n. 28 del 16/7/2015, la Regione Piemonte ha individuato le misure di
intervento da porre in essere nell’anno 2015, relative ai canoni di locazione dell’anno 2014 al
fine di fornire risposte alle problematiche abitative nel settore dell’affitto dei cittadini residenti
in Piemonte. Successivamente con determinazione regionale n. 661 del 10/8/2015, pubblicata
sul B.U.R. della Regione Piemonte n. 32 del 13/8/2015, sono stati individuati i 73 Comuni
capofila che devono emettere apposito bando e che con la predetta determinazione è stato
altresì approvato lo schema di bando di concorso e lo schema del modulo di domanda
utilizzabile dai Comuni nonché le indicazioni operative per i Comuni.
Dall’anno 2015 è, pertanto, compito del Comune capofila emettere il bando, valido per tutti i
Comuni del proprio ambito territoriale. Il Comune di Rosta fa parte dell’ambito n. 55 – Capofila
Rivoli – con il Comune di Buttigliera Alta. Il Comune di Rivoli con determinazione n. 793 del
10/9/2015 del Dirigente dei Servizi Educativi e solidarietà sociale, gestione emergenza
Comune di Rosta
Relazione Conto Consuntivo 2015
abitativa e assegnazione alloggi, ha approvato il bando e la modulistica per l’assegnazione dei
contributi del fondo nazionale per il sostegno alla locazione - Canoni 2014.
Con deliberazione di Giunta Comunale n.85 del 17/09/2015 si è preso atto del suddetto bando
di concorso per il sostegno alla locazione e successivamente è stato comunicato al Comune di
Rivoli con nota prot. 5475 del 19/10/2015, l’ammontare del fabbisogno per il soddisfacimento
delle 3 domande di contributo ammesse. Al 31/12/2015 non era ancora pervenuta la
determinazione della Regione Piemonte della ripartizione del fondo.
CONTRIBUTI
Con determinazione n. 185 del 22/12/2015 è stato liquidato il contributo di € 6.000,00 quale
ultima annualità, all’Associazione Dilettantistica Sporting Rosta, P.IVA 95569290018, con sede
in Rosta (TO), Via Ponata 65, per la realizzazione della struttura di copertura del campo di
calcio a cinque, secondo quanto approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 49 del
25/7/2005, ai sensi dell’art. 15 della convenzione per la concessione degli impianti sportivi
comunali di Via Ponata stipulata il 10/2/2006, tra il Comune di Rosta e l’Associazione Sporting
Rosta.
SERVIZIO DI POLIZIA LOCALE
ATTIVITA’ DI POLIZIA STRADALE - CONTROLLO DEL TERRITORIO
 contestati n° 2656 verbali per violazioni al Codice della Strada;
 effettuato 26 servizi di controllo con Autovelox;
 rilevati n° 28 sinistri stradali;
 n° 6 ricorsi con relativi dibattimenti davanti al Giudice di Pace;
 n° 13 ricorsi al Prefetto;
 effettuato n. 9 servizi serali;
 10 veicoli sequestrati;
 13 patenti ritirate;
 2 carte di circolazione ritirate;
 decurtato n. 3666 punti patente;
 effettuato n. 18 ispezioni di polizia edilizia;
 Effettuata gara per affidamento del servizio di noleggio per 24 mesi di 2 dispositivi digitali
per l’accertamento di infrazioni semaforiche.
REGOLAMENTI COMUNALI - ECOLOGIA
 Contestate n° 40 violazioni ai Regolamenti Comunali;
 Attività di monitoraggio sistematico sul corretto conferimento dei rifiuti.
VIABILITA’
 Emanate n. 39 ordinanze.
UFFICIO COMMERCIO – POLIZIA AMMINISTRATIVA
 Garantito il servizio ai quattro mercati settimanali per il sorteggio, la riscossione del
plateatico ed il controllo;
 Rilasciato n. 10 provvedimenti di polizia amministrativa;
 N. 19 pratiche per occupazione suolo pubblico (15 B.A. e 18 Rosta).
POLIZIA GIUDIZIARIA
 Inoltrate n° 5 notizie di reato alla Procura della Repubblica;
 Eseguite n° 56 (Rosta) + 86 (Buttigliera Alta) notifiche su richiesta degli Uffici Giudiziari.
Ufficio Notifiche
 Eseguite n° 215 (Rosta) + 353 (Buttigliera Alta) notifiche;

Effettuati n. 210 (Rosta) + 192 (Buttigliera Alta) accertamenti di residenza.
Proventi contravvenzionali accertati: euro 391.212,80
Proventi contravvenzionali incassati: euro 250.000,00
Comune di Rosta
Relazione Conto Consuntivo 2015
CONSIDERAZIONI FINALI
L' attività amministrativa nel corso dell’anno 2015 è risultata conforme alle linee del bilancio di
previsione annuale e coerente con gli obiettivi prefissi.
Non poche sono state, tuttavia le difficoltà da superare, quasi tutte derivanti dal quadro
politico nazionale che ha condizionato non poco l'azione amministrativa. Basti pensare ai
corposi tagli ai trasferimenti statali in termini di fondo di solidarietà comunale, frutto
soprattutto delle riduzioni disposte per l’anno 2015 dai commi 435 e 436 della legge 190/2014,
della detrazione della quota incrementale del D.L. 95/2012 (spending review) convertito nella
L. n. 135 del 7/08/2012 e di quella prevista dall’art. 47 del D.L. 66/2014 convertito nella L. n.
89 del 23/06/2014. La combinazione di questi tagli con l’accantonamento del 20% dell'importo
della quota di fondo di solidarietà attribuita ai fini della ripartizione sulla base di capacità fiscale
e dei fabbisogni standard e della riduzione per il maggior gettito dei terreni agricoli, ha
comportato una riduzione complessiva delle entrate di parte corrente circa 186.000,00 euro.
Ciò nonostante il profilo complessivo della gestione finanziaria dell'Ente non ha evidenziato
particolari criticità, ma ha comportato maggiori sforzi sotto un profilo contabile ed economico
per garantire il rispetto del pareggio di bilancio e dell’obiettivo del patto di stabilità interno.
La stessa tempistica di realizzazione degli investimenti è stata condizionata dalla contrazione di
entrate in conto capitale e dalla necessità, prima menzionata, di rispettare gli obiettivi del
patto di stabilità.
Altresì non è senza rilievo citare le gare per opere, già inserite nei piani di investimento di
esercizi precedenti e sospesi per mancanza delle opportune risorse, indette sul finire
dell’esercizio finanziario, attraverso l’applicazione di parte della quota di avanzo di
amministrazione disponibile per complessivi 284.000,00 euro, prevedendo la realizzazione
delle stesse nell’anno successivo (variazione di esigibilità) e relativa copertura con Fondo
pluriennale vincolato di parte capitale da imputare nell’entrata del primo anno del bilancio
2016-2018.
Ciò al fine di sfruttare l’opportunità, confermata poi nel testo ufficiale della legge di stabilità (n.
208 del 28/12/2015), della deroga concessa per il solo anno 2016, nella determinazione del
conseguimento di un saldo di competenza, maggiore o uguale a zero fra spese e entrate finali
di bilancio specificatamente identificate, che prevede di tener conto del fondo pluriennale
vincolato di entrata e spesa al netto della quota di indebitamento per il conteggio del nuovo
obiettivo programmatico che ha sostituito il patto di stabilità.
Purtroppo come già evidenziato nel precedente esercizio chiuso cresce, a motivo della
recessione economica e della crisi del lavoro, l'inadeguatezza delle risorse disponibili per
garantire la qualità e la quantità dei servizi forniti, considerando non solo i tagli ai contributi
erariali ma anche la volontà dell’Amministrazione di tenere sotto controllo, e non aumentare la
pressione fiscale comunale.
Tale situazione, però, non deve essere un alibi, anzi, deve essere uno sprono a moltiplicare gli
sforzi, per una azione improntata ai principi virtuosi della economicità, efficacia ed efficienza.
Comune di Rosta
Scarica
Random flashcards
geometria

2 Carte oauth2_google_01b16202-3071-4a8d-b161-089bede75cca

blukids

2 Carte mariolucibello

Prova Lavoro

2 Carte nandoperna1

biologia

5 Carte patty28

CIAO

2 Carte oauth2_google_78a5e90c-1db5-4c66-ac49-80a9ce213cb9

creare flashcard