Description of the project
The aim of the project is to contribute to full integration and civic participation of PwDs in the society with
regards to EU democratic values and principles. Underlying specific objective set up to achieve
abovementioned aim is to develop the model of comprehensive empowerment of PwDs, with special focus
on people with intellectual disabilities, to be able to take active role in creating inclusive democratic
societies and to influence policy-making processes at national and EU levels which affect their well-being.
The project will use the experiences and knowledge from the field of inclusion and civic empowerment of
PwDs across the EU member states and EU accession countries in order to enhance democratic
participation of all citizens including those who are on the margins of the society.Therefore, the project will
open the space for deliberation on key services and tools for equalization of opportunities for the most
marginalized layers of society to participate in processes of public policy design, implementation,
monitoring and evaluation, on an equal basis with other citizens. More precisely, the project will be
focused on organizing educational workshops, debates and dialogues for and amongpersons with
disabilities from 7 countries, including service providers and self-representative associations, on the issues
related to self-advocacy, volunteering, work integration services and social entrepreneurship. PwDs will
have the opportunity to put in practice all acquired skills through self-advocacy, volunteering, peer support
services and work engagement. All aforesaid thematic areas, will be tackled through exchanging the good
practice examples from all partner countries, exploring the needed prerequisites and possible pathways to
emulate good practices in partnering countries. Strong transnational component of the project will be
mirrored in the equal representation of service providers and PwDs in all project activities from all partner
countries.
Democratic participation and civic engagement of all citizens regardless of their capacities or personal
identities is among the intrinsic values of European Union. However, some of the citizen populations such
as PwDs are traditionally excluded from mechanisms of democratic participation due to various factors
connected with deeply rooted stereotypes towards them and lack of recognition of their capacities to
express opinions and bring decisions. However, EU in its policies has recognized paradigm shift from mere
recipients of care towards empowerment of PwDs and utilization of their capacities and contribution to
society complying its policies with UN Convention on Rights of People with Disabilities. Notwithstanding the
existing barriers for social inclusion of PwDs, human rights activists are continuing to develop new methods
for support to PwDs proving the need for abolishment of substituted decision-making with supported
decision-making especially when it comes to people with intellectual disabilities. Self-advocacy is important
tool to articulate people’s interest and opinions enabling them to speak for themselves and key
precondition for democratic participation of persons with intellectual disabilities. It reaches beyond the
daily level basic needs and successfully extends to self-advocacy in the complex processes such as public
policy making. Self-advocacy entails self-representation and organization of PwDs themselves at local,
national, regional and European levels. To render people with intellectual disabilities equal parties in the
political dialogues, both service providers and beneficiaries themselves need training and education which
is going to be covered through the project exercising the self-advocacy methodology developed by project
applicant. Transnational cooperation within the project will enable participants to come up with the
innovative approaches to self-advocacy and supported decision-making, including both peer to peer
support and deliberation as well as the work with service providers expected to provide support to PwDs in
the understanding of intricate processes of shaping up and implementation of EU public policies and
interaction with EU bodies such as European Economic and Social Committee or Disability High Level Group
or Intergroup of the European Parliament. European Disability Strategy 2010-2020 sets among its goals to
enable all European citizens including persons with disabilities to enjoy all the benefits of EU citizenship
stressing the fact that smart, inclusive and sustainable growth of EU won’t be achieved if 80 millions of
European citizens with disabilities are left behind. EU membership negotiation processes with accession
countries thrives upon the active involvement of citizens in the process. Thus it is crucial to enact
mechanisms for civic participation, provide them needed support and enable their voices to be heard in the
process. Apart from the empowerment of individual with disabilities project will assign them the roles of
the supporters to other instead of passive care recipients through creation of transnational network of peer
supporters and volunteers. Complete societal integration, participation and personal autonomy cannot be
achieved without equal economic opportunities in terms of income security and work engagement which is
going to be tackled through the body of project activities dedicated to social entrepreneurship and work
integration of PwDs.
Project envisages 5 thematic areas of interventions: Self-advocacy, Peer support, Volunteering, Work
engagement and Social .entrepreneurship and social business development and Preparation activities and
Conference. All thematic areas will be covered through educational workshops both for social service
providers and professional and PWDs from all partnering countries. Workshops will be designed and
implemented in a following way: Self-Advocacy will be organized in two training sessions and it will tackle
the issues of self-determination, expression of needs, identification of types of required support and selfempowerment. Trainings will include plenary sessions (with both professionals and PWDs) as well as the
specific sessions with appropriate target groups. Given the different origin of training participants, training
team will employ intercultural learning techniques based on non-formal education methods enriched with
tailor-made adjustments according to participants learning requirements. Methods will include interactive
inclusive exercises, easy-to-read presentations and training materials as well as one-to-one mentor work in
order to lay the foundation for deliberation on challenges in public-policy making processes and active
democratic engagement of PWDs. Peer Support and Volunteering trainings are developed by project
applicant and represents innovative approach of support service delivery where persons with intellectual
disabilities are capacitated to provide assistance to their peers or elder people and to volunteer in their
communities. Peer support and challenges in volunteer management with PWDs will be explored through 2
training sessions using the same methods as described above with PWDS in the role of educators as
experienced peer supporters. Furthermore, exchange of good practice examples in field of work
engagement and social entrepreneurship will be facilitated through intercultural dialogue bringing up to
the table experiences from EU countries and accession countries and deliberating within the frame of
round tables and workshops on current challenges in work placement of persons with different disabilities
and development of social entrepreneurship in partnering countries. Package of thematic areas of
interventions has focus on self-advocacy and self-determination of PWDs which translates into personal
capacity to express their needs, desires and to realize their full potential. Consequently, it is the main tool
for equalization of opportunities for active civic participation and underlying factor for all project activities.
Chain of these thematic interventions is designed to offer comprehensive review of good practice examples
in those fields from partnering countries and to stimulate deliberation on some of the gravest challenges
that EU is facing – inclusive policy-making processes, reduced involvement in discussions around EU of the
most marginalized citizens and high unemployment rates of PWDs. European dimension of the project is
reflected in the composition of partners involved and their scope of the work as well as in the chosen topic
and methods of interventions which are in line with scopes of EU Strategy 2020. Partners and respective
participants will come from 7 different countries (EU and non-EU) ensuring citizen to citizen support and
experience exchange when tackling the issues of involvement of the hardest to reach group in the shaping
up public policies, its implementation and monitoring.
The envisaged chain of the activities is the result of the multiyear experienceof project applicant in direct
service provision for and with PWDs. The result of the project will be joint comprehensive model for
effective inclusion of PWDs including those with the highest needs for support. The model will entail
guidance on how to work with PWDs rendering them proactive contributors in society through selfadvocacy education, volunteering and peer support, work engagement and social entrepreneurship. The
experiences and expertise of all project partners will be used to compose appropriate and applicable model
in different social, cultural and economic contexts, taking into account different national and EU legislative
frameworks. All project activities will serve as the platform for mutual learning process with the end result
of evidence-based model for inclusion of those hardest to reach with their continuous input and guidance.
The composed model for social inclusion will be embodied in the Guide for self-advocacy and social
inclusion of PWDs based on practical experiences acquired through support services in the countries of EU
and accession countries. The experiences will be disseminated in the countries involved and across EU
through civil society networks, websites of the project partners and some of the largest European networks
and platforms which the partners are member of such as European Association of Service Providers for
Persons with Disabilities, Inclusion Europe, Zero Project, and European Disability Forum. COD as project
partner is part of global project Disability Rights Promotion International which runs the online platform for
disability rights monitoring and the project result will be posted on the platform which is used by DPOs
from more than 25 countries around the globe. The final Conference will be organized in Serbia gathering
all project partners, relevant civil society organizations, social service providers, State official,
representatives of municipalities and EU officials to represent the aforesaid model as the result of mutual
support of citizens from EU and accession countries. First level of multiplier effects will be exercised
through the engagement of project participants after the completion of project framework. Each of the
project partners already conducts a wide range of programs with and for PWDs and has strong outreach of
the target group. Persons with disabilities as citizens of their respective local communities as empowered
individuals will continue, within the existing framework to provide support, peer education and will
volunteer in their communities with other citizens with disabilities and elder people. Social service
professionals involved will be able to distribute findings and learning outcome to other professionals in
their communities and their own colleagues. Articulating their needs and preferences they will be able to
contribute to growing body of research in field of social policy reform and to be consulted by policy
research think-tanks, civil society and national and EU decision makers. They will have direct opportunity to
deliver its contribution through the existing involvement of project partners in following mechanisms: EU
Semester, EU Progress Reports, Alternative reporting under UNCRPD, work with national MPs and MEPs,
de-institutionalization planning, civil society monitoring of public policy implementation, etc.
In spite of declarative provisions of international human rights law and strategic directions of EU towards
equal access and wide civic participation in decision-making processes, many Europeans with disabilities
are still impeded to take full part in societies due to systemic, attitudinal and physical and communication
barriers. Citizens with disabilities are still experiencing low rates of political participation, especially those
with the most severe disabilities, due to legal capacity deprivation, and institutionalization practices still
employed in many countries, both EU members and accession countries. Such practices reflect out-of-date
system of substituted decision-making while this project is trying to entrench types of support towards
supported decision-making through self-advocacy methods and empowerment of PWDs to be autonomous
and self-determined in bringing their decisions for themselves. Thus the mid-term effect of the project is
developed and widely recognized and applied support services for people with disabilities resulting in
empowered individuals ready to engage in their communities and actively contribute to development
towards more inclusive societies. Besides project will set up applicable model for social inclusion of PWDs
consisted of 5 thematic areas crucial for them revolving around citizen to citizen dialogue and support. This
program will be firstly applied and implemented in partner countries by project partners and is suitable for
multiplication in another countries. Within project framework, social business initiatives as integral part of
thematic areas will be piloted in Serbia through setting up start-ups employing people with disabilities.
Participants will be directly involved in activities design, delivery, monitoring and evaluation. From each
partner country partners will be in charge of delegating 4 participants in the project – 2 service provider
professionals and 2 persons with disabilities which will equally take part in all project activities. Persons
with disabilities will not only be the beneficiaries of the project activities but will be involved in cofacilitation of workshop sessions, developing their self-advocacy skills and preparing them for inclusion in
open labor market in the later stages of the project. Each of the project partners will select the project
participants on their behalf contribution to European and intercultural dimension of the project. Selection
criteria will not be exclusive towards PWDs including those with gravest difficulties as it won’t require
previous topic-related experiences. Project partners will strive especially to engage in the project activities
those hardest to reach and to empower them throughout project course. Group of participants with
disabilities will consist of those with experience in self-advocacy who could take part in workshop
facilitation and peer support and on the other hand will include those without any previous experience of
the topic. Furthermore, project team will invest additional efforts to engage PWDs who are residents of
institutions for residential care and who are the most isolated and segregated from local communities and
societies in large. It will be achieved through existing contacts and collaboration of project partners with
such institutions which will be asked to nominate participants for the project along with project team
members. The percentage of participants belonging to this group will be at least 20%.
Descrizione del progetto
L'obiettivo del progetto è di contribuire alla piena integrazione e partecipazione civica dei PWDs nella
società per quanto riguarda i valori democratici dell'UE e principi. Obiettivo specifico di fondo istituito per
conseguire l'obiettivo di cui sopra è quello di sviluppare il modello di empowerment completa di PWDs, con
particolare attenzione alle persone con disabilità intellettiva, per essere in grado di prendere parte attiva
nella creazione di società democratiche inclusivi e di influenzare i processi delle politiche a livello nazionale
e livelli che hanno attinenza con il loro benessere. Il progetto utilizzerà le esperienze e le conoscenze dal
campo della inclusione e la partecipazione civica dei PWDs in tutti gli Stati membri dell'UE e paesi candidati
all'adesione all'UE, al fine di migliorare la partecipazione democratica di tutti i cittadini compresi coloro che
sono ai margini della society.Therefore, la progetto si aprirà lo spazio per la deliberazione sui servizi
essenziali e gli strumenti per la parità di opportunità per gli strati più emarginati della società di partecipare
a processi di progettazione delle politiche pubbliche, l'attuazione, il monitoraggio e la valutazione, su base
di uguaglianza con gli altri cittadini. Più precisamente, il progetto si concentrerà sull'organizzazione di
laboratori didattici, dibattiti e dialoghi per e amongpersons con disabilità provenienti da 7 paesi, tra cui i
fornitori di servizi e le associazioni di auto-rappresentativo, sulle questioni relative alla auto-difesa, il
volontariato, i servizi di inserimento lavorativo e sociale imprenditorialità. PWDs avrà la possibilità di
mettere in pratica tutte le competenze acquisite attraverso l'auto-difesa, il volontariato, i servizi di
supporto tra pari e l'impegno di lavoro. Tutte le aree tematiche suddette, saranno affrontati attraverso lo
scambio di esempi di buone pratiche da tutti i Paesi partner, esplorando i prerequisiti necessari e possibili
percorsi di emulare le buone pratiche nei paesi di partenariato. Forte componente transnazionale del
progetto sarà rispecchiato nella rappresentazione uguale di fornitori di servizi e PWDs in tutte le attività del
progetto di tutti i paesi partner.
La partecipazione democratica e l'impegno civico di tutti i cittadini indipendentemente dalla loro capacità o
identità personale è tra i valori intrinseci dell'Unione europea. Tuttavia, alcune delle popolazioni cittadine
quali PWDs tradizionalmente escluse dai meccanismi di partecipazione democratica a causa di vari fattori
connessi con gli stereotipi radicati nei loro confronti e la mancanza di riconoscimento delle loro capacità di
esprimere le proprie opinioni e di portare le decisioni. Tuttavia, UE nelle sue politiche ha riconosciuto
cambiamento di paradigma da semplici destinatari di cura verso la responsabilizzazione di PWDs e l'utilizzo
delle loro capacità e contributo alla società il rispetto delle sue politiche con Convenzione ONU sui diritti
delle persone con disabilità. Nonostante le barriere esistenti per l'inclusione sociale di PWDs, attivisti dei
diritti umani continuano a sviluppare nuovi metodi per il sostegno al PWDs comprovanti la necessità di
abolizione della sostituito decisionale supportato decisionale soprattutto quando si tratta di persone con
disabilità intellettiva.
Auto-difesa è strumento importante per articolare interessi e le opinioni che
consentano loro di parlare per se stessi e presupposto fondamentale per la partecipazione democratica
delle persone con disabilità intellettive delle persone. Essa va oltre le esigenze di base a livello di tutti i
giorni e con successo si estende a auto-difesa nei processi complessi come l'elaborazione delle politiche
pubbliche. Auto-difesa comporta autorappresentazione e l'organizzazione dei stessi PWDs a livello locale,
nazionale, regionale ed europeo. Per rendere le persone con disabilità intellettiva parti uguali nei dialoghi
politici, sia i fornitori di servizi e beneficiari stessi hanno bisogno di formazione e di istruzione che sta per
essere coperti dal progetto che esercita la metodologia auto-difesa sviluppato dal progetto richiedente. La
cooperazione transnazionale nell'ambito del progetto consentirà ai partecipanti di venire con i approcci
innovativi per auto-difesa e il processo decisionale finanziare, tra cui sia peer to peer sostegno e
deliberazione, così come il lavoro con i fornitori di servizi dovrebbe fornire sostegno alle PWDs nella
comprensione di processi complessi di plasmare e attuazione delle politiche pubbliche comunitarie e
l'interazione con gli organismi dell'UE, come Comitato sociale gruppo di alto livello sulla disabilità
economica europea e oo intergruppo del Parlamento europeo. Strategia europea sulla disabilità 2010-2020
set tra i suoi obiettivi per consentire a tutti i cittadini europei, tra cui le persone con disabilità di godere di
tutti i vantaggi della cittadinanza europea sottolineando il fatto che una crescita intelligente, inclusiva e
sostenibile della UE non sarà raggiunto se 80 milioni di cittadini europei con disabilità sono lasciati alle
spalle.
Processi di negoziazione adesione dell'UE con i paesi candidati all'adesione prospera sulla
partecipazione attiva dei cittadini nel processo. Quindi è fondamentale mettere in atto meccanismi di
partecipazione dei cittadini, fornire loro il supporto necessario e consentire la loro voce di essere ascoltato
nel processo. A parte la responsabilizzazione dei singoli con disabilità progetto assegnerà loro i ruoli dei
sostenitori ad altri anziché destinatari passivi di assistenza attraverso la creazione di una rete
transnazionale di sostenitori tra pari e volontari. Integrazione sociale completa, la partecipazione e
l'autonomia personale non possono essere raggiunti senza pari opportunità economiche in termini di
sicurezza del reddito e di impegno di lavoro che sta per essere affrontato attraverso il corpo delle attività di
progetto dedicate all'imprenditorialità sociale e l'inserimento lavorativo di PWDs.
Progetto prevede 5 aree tematiche di intervento: auto-difesa, il sostegno tra pari, di volontariato, di
impegno e di lavoro .entrepreneurship sociale e di sviluppo del business sociale e attività di preparazione e
conferenze. Tutte le aree tematiche saranno coperte attraverso laboratori didattici, sia per i fornitori di
servizi sociali e professionali e PWDs di tutti i paesi di partenariato. Workshop saranno progettati e
realizzati in modo seguente: Self-Advocacy saranno organizzate in due sessioni di formazione e sarà
affrontare le questioni di autodeterminazione, espressione dei bisogni, l'identificazione dei tipi di sostegno
richiesto e self-empowerment. Corsi di formazione comprenderà sessioni plenarie (con i professionisti e
PWDs), così come le sessioni specifiche con appositi gruppi target. Data la diversa origine dei partecipanti
alla formazione, team di formazione si avvarrà di tecniche di apprendimento interculturale sulla base di
metodi di educazione non formale arricchito con le regolazioni su misura in base alle esigenze dei
partecipanti di apprendimento. Metodi comprenderanno esercizi interattivi inclusive, presentazioni di
facile lettura e materiali di formazione così come il lavoro mentore uno-a-uno, al fine di gettare le basi per
la deliberazione sulle sfide in politica pubblica processi e attivo coinvolgimento democratico della PWDs.
Peer supporto e corsi di formazione per volontari sono stati sviluppati da progetto richiedente e
rappresenta l'approccio innovativo di supporto la fornitura di servizi in cui le persone con disabilità
intellettiva sono capacitati a fornire assistenza ai loro coetanei o anziani e di volontariato nelle loro
comunità. Sostegno reciproco e sfide nella gestione dei volontari con PWDs saranno esplorate attraverso 2
corsi di formazione utilizzando gli stessi metodi descritti in precedenza con PWDS nel ruolo di educatori
come sostenitori pari esperti. Inoltre, lo scambio di esempi di buone pratiche in materia di impegno di
lavoro e l'imprenditorialità sociale, sarà facilitato attraverso il dialogo interculturale portare fino alle
esperienze della tabella dei paesi dell'UE e dei paesi candidati all'adesione e deliberare all'interno della
cornice di tavole rotonde e workshop sulle sfide attuali inserimento lavorativo di persone con diverse
disabilità e sviluppo dell'imprenditorialità sociale nei paesi di partenariato. Pacchetto di aree tematiche di
intervento è attivo su auto-difesa e l'autodeterminazione di PWDs che si traduce in capacità personale di
esprimere i loro bisogni, desideri e di realizzare il loro pieno potenziale. Di conseguenza, è il principale
strumento per la perequazione delle opportunità di partecipazione civica attiva e fattore di fondo per tutte
le attività del progetto. Catena di questi interventi tematici è stato progettato per offrire rassegna
completa di esempi di buone pratiche in tali settori dai paesi di partenariato e di stimolare la riflessione su
alcune delle sfide più gravi che UE si trova ad affrontare - processi decisionali inclusivi, partecipazione
ridotta nelle discussioni intorno UE del cittadini più emarginati e alti tassi di disoccupazione di PWDs.
Dimensione europea del progetto si riflette nella composizione dei partner coinvolti e la loro portata del
lavoro così come per l'argomento scelto e metodi di intervento che sono in linea con gli ambiti di strategia
UE 2020. Partner e rispettivi partecipanti verranno da 7 diversi Paesi (UE e non UE) che garantiscono i
cittadini a sostegno dei cittadini e lo scambio di esperienze nell'affrontare le questioni della partecipazione
dei più difficili da raggiungere di gruppo nella definizione di politiche pubbliche, la sua attuazione e
monitoraggio.
La catena prevista delle attività è il risultato della pluriennale ricorrente progetto experienceof nella
fornitura di servizi diretti per e con PWDs. Il risultato del progetto sarà il modello comune completo per
un'effettiva inclusione di PWDs compresi quelli con i più elevati bisogni di sostegno. Il modello comporterà
una guida su come lavorare con PWDs rendendoli collaboratori proattivi nella società attraverso
l'educazione auto-difesa, il volontariato e il sostegno tra pari, lavorare impegno e l'imprenditorialità sociale.
Le esperienze e le competenze di tutti i partner del progetto saranno utilizzati per comporre modello
appropriato e applicabile in diversi contesti sociali, culturali ed economici, tenendo conto dei vari quadri
legislativi nazionali e comunitari. Tutte le attività del progetto servirà come piattaforma per il reciproco
processo di apprendimento con il risultato finale di modello basato sull'evidenza per l'inclusione delle
persone più difficili da raggiungere con il loro ingresso e di orientamento continuo. Il modello composto
per l'inclusione sociale sarà incarnata nella Guida per l'auto-difesa e l'inclusione sociale di PWDs basate su
esperienze pratiche acquisite attraverso servizi di supporto nei paesi dell'UE e dei paesi candidati
all'adesione. Le esperienze saranno diffusi nei paesi coinvolti e tutta l'UE attraverso le reti della società
civile, i siti web dei partner del progetto e alcune delle più grandi reti europee e le piattaforme cui i partner
sono membro come Associazione europea dei fornitori di servizi per le persone con disabilità, l'inclusione
Europa, Project Zero, e Forum europeo della disabilità. COD come partner del progetto è parte del
progetto globale Disability Rights Promotion International, che gestisce la piattaforma online per il
monitoraggio dei diritti dei disabili e il risultato del progetto sarà pubblicato sulla piattaforma che è
utilizzato da RPD provenienti da più di 25 paesi in tutto il mondo. La conferenza finale sarà organizzata in
Serbia riunire tutti i partner del progetto, le organizzazioni interessate della società civile, fornitori di servizi
sociali, ufficiali di Stato, rappresentanti dei comuni e funzionari dell'UE per rappresentare il suddetto
modello di come il risultato di reciproco sostegno dei cittadini di paesi UE e candidati. Primo livello di
effetto moltiplicatore sarà esercitata attraverso l'impegno dei partecipanti al progetto dopo il
completamento del quadro del progetto. Ciascuno dei partner di progetto conduce già una vasta gamma di
programmi con e per PWDs e ha una forte sensibilizzazione del gruppo target. Le persone con disabilità
come cittadini delle rispettive comunità locali come individui autorizzati proseguiranno, nel quadro
esistente per fornire supporto, educazione tra pari e saranno volontariato nelle loro comunità con altri
cittadini con disabilità e le persone anziane. Professionisti del servizio sociale coinvolti saranno in grado di
distribuire i risultati e risultati di apprendimento per altri professionisti nelle loro comunità e dei loro stessi
colleghi. Articolando le loro esigenze e preferenze saranno in grado di contribuire al crescente corpo di
ricerca nel campo della riforma della politica sociale e di essere consultato dalla ricerca sulle politiche think
tank, la società civile ei responsabili politici nazionali e dell'UE. Avranno opportunità dirette di offrire il
proprio contributo attraverso il coinvolgimento esistente di partner del progetto nei seguenti meccanismi:
UE semestre, relazioni UE, di reporting alternativa sotto UNCRPD, lavorare con i parlamentari nazionali e
europei, la pianificazione de-istituzionalizzazione, monitoraggio della società civile delle politiche pubbliche
implementazione, ecc
Nonostante disposizioni dichiarative del diritto internazionale dei diritti umani e le indicazioni strategiche
della UE verso la parità di accesso e di partecipazione civica a livello di processi decisionali, molti europei
con disabilità sono ancora impediti a partecipare in pieno nelle società a causa di sistemico, attitudinali e
fisiche e di comunicazione barriere. I cittadini con disabilità stanno ancora sperimentando bassi tassi di
partecipazione politica, in particolare quelli con le disabilità più gravi, a causa della privazione della capacità
giuridica, e le pratiche di istituzionalizzazione ancora impiegati in molti paesi, sia i membri dell'UE e dei
paesi candidati. Tali pratiche riflettono out-of-data di sistema di sostituire il processo decisionale, mentre
questo progetto sta cercando di consolidare i tipi di supporto verso supportato processo decisionale
attraverso metodi di auto-difesa e potenziamento delle PWDs di essere autonoma e autodeterminata nel
portare le loro decisioni per loro stessi. Così l'effetto a medio termine del progetto è sviluppato e
ampiamente riconosciuto e applicato servizi di supporto per le persone con disabilità con conseguente
individui responsabilizzati pronti a impegnarsi nelle loro comunità e contribuire attivamente allo sviluppo
verso società più inclusive. Oltre progetto sarà istituito modello applicabile per l'inclusione sociale di PWDs
consisteva in 5 aree tematiche cruciali per loro ruotano attorno cittadino al dialogo dei cittadini e sostegno.
Questo programma sarà in primo luogo applicata e attuata nei paesi partner dai partner di progetto ed è
adatto per la moltiplicazione in altri paesi. Nell'ambito quadro del progetto, iniziative imprenditoriali sociali
come parte integrante delle aree tematiche saranno sperimentate in Serbia attraverso la creazione di startup che impiegano persone con disabilità. I partecipanti saranno coinvolti direttamente nelle attività di
progettazione, fornitura, monitoraggio e valutazione. Da ciascun partner partner dei paesi avranno il
compito di delegare 4 partecipanti al progetto - 2 professionisti dei service provider e 2 persone con
disabilità, che permette anche di prendere parte a tutte le attività del progetto. Le persone con disabilità
non solo saranno i beneficiari delle attività del progetto, ma saranno coinvolti in co-agevolazione delle
sessioni di workshop, sviluppando le loro capacità di auto-difesa e preparandoli per l'inserimento nel
mercato del lavoro nelle fasi successive del progetto. Ciascuno dei partner del progetto selezionerà i
partecipanti al progetto per il loro contributo a favore dimensione europea e interculturale del progetto.
Criteri di selezione non sarà esclusiva verso PWDs compresi quelli con difficoltà più gravi in quanto non
richiederà precedenti esperienze argomenti correlati. I partner del progetto cercheranno soprattutto di
coinvolgere nelle attività del progetto quelli più difficili da raggiungere e permettere loro tutto corso del
progetto. Gruppo di partecipanti con disabilità sarà composto da chi ha esperienza in auto-difesa che
potevano partecipare facilitazione officina e il sostegno reciproco e, dall'altro comprenderà quelli senza
alcuna esperienza precedente del tema. Inoltre, team di progetto investirà ulteriori sforzi per coinvolgere
PWDs che sono residenti in istituti per la cura residenziale e che sono i più isolate e segregate dalle
comunità e società locali in grande. Esso sarà raggiunto attraverso i contatti esistenti e la collaborazione di
partner del progetto con tali istituzioni, che sarà chiesto di nominare i partecipanti per il progetto insieme
con i membri del team di progetto. La percentuale di partecipanti appartenenti a questo gruppo sarà
almeno il 20%.
Scarica

Description of the project - Istituto Regionale Rittmeyer per i Ciechi