International Media Service
EUROLACTIS Group - Grand’Rue 86 - CH-1110 Morges
Phone : +41 21 802 66 47 - Fax : +41 21 802 66 49 - www.eurolactis.com - [email protected]
Indice
Comunicato stampa sul sostegno di EUROLACTIS alla conferenza medica per
l’utilizzo del latte d’asina in ambiente pediatrico, nelle terapie contro le allergie
provocate dalle proteine del latte bovino.
Presentazione del concept EUROLACTIS
I numeri del latte d’asina e di EUROLACTIS
La storia del latte d’asina attraverso i secoli
Ricchezza e valore del latte di asina
Le virtù del latte d’asina per gli iniziati
Alcuni dei prodotti fabbricati a partire dal latte EUROLACTIS
Immagini e legenda
Fax di risposta
Presentazione del
concept EUROLACTIS
EUROLACTIS produce, trasforma industrialmente e commercializza su grande
scala il latte d’asina. Sotto forma di progetto di cooperative, EUROLACTIS porta
avanti un programma sociale, ecologico ed economicamente sostenibile.
Il latte d’asina è un prodotto antico, utilizzato da sempre. Le testimonianze
storiche più remote sono da far risalire ai bassorilievi egizi del 2500 a.C.;
bisognerà tuttavia aspettare il Rinascimento perché tale prodotto eccezionale
diventi per la prima volta oggetto di vera considerazione scientifica.
La comunità scientifica odierna ha ricevuto in eredità questa grande tradizione
e ritiene ora che il latte d’asina sia un ineguagliabile sostituto del latte materno
e un prodotto naturale ricco di virtù alimentari e cosmetiche.
L’ambizione di “Eurolactis” è di consentire lo sviluppo agricolo e commerciale
del latte d’asina nel pieno rispetto della Natura su più ampia scala; per questo
ha elaborato un programma di portata europea, coinvolgendo i più grandi
esperti del settore.
Il gruppo EUROLACTIS collabora con i più esperti allevatori di asini presenti
in Europa. L’allevamento principale è nato il 19 maggio 1996 e accoglie circa
700 asini di 14 differenti razze presso Montebaducco, località situata tra
Reggio Emilia e Parma, in Italia. L’azienda ha ottenuto la certificazione bio e
costituisce parte integrante del paesaggio di Quattro Castella.
Gli asini di EUROLACTIS sono allevati in totale libertà, immersi in verdeggianti
colline e nutriti esclusivamente con prodotti biologici, foraggi composti da
erba medica, orzo e avena soffiata. La mungitura viene effettuata per mezzo
di un sistema appositamente concepito, in grado di garantire al prodotto
condizioni igieniche che soddisfano le norme più severe. Gli animali sono tutti
rigorosamente sottoposti ai controlli sanitari previsti e sono dichiarati idonei
alla produzione di latte.
i numeri del
latte d’asina
e di EUROLACTIS
30 anni: L’età del fondatore di EUROLACTIS, Pierluigi Christophe Orunesu
1999: L’anno della fondazione di «Cybelart», una società di consulenza
che coniuga l’arte e la direzione di un’orchestra sinfonica al management.
È la prima azienda del Signor Orunesu, che ci riprova nel 2002 fondando
«Infonumbers», un operatore che commercializza numeri di telefono
corrispondenti a una sequenza di lettere (infonombres), a cui segue, nel 2007,
EUROLACTIS.
3
milioni di CHF: È quanto investito a medio termine nel progetto
EUROLACTIS.
700 asini (di cui 400 asine): È l’attuale numero dei capi di bestiame del
gruppo EUROLACTIS in Italia.
1 litro al giorno per 6 mesi: è la produzione quotidiana di un’asina, che
produce latte solamente se l’asinello si trova nel suo campo visivo.
La storia del latte
d’asina attraverso
i secoli
Il latte d’asina è un prodotto antico, utilizzato da sempre e noto sin dalla notte
dei tempi. Le testimonianze storiche più remote, che risalgono al 2500 a.C.,
si trovano su bassorilievi egizi; occorrerà tuttavia attendere il Rinascimento
perché questo latte inizi a godere di vera e propria considerazione
scientifica.
Alcuni fatti storici di rilievo:
Si racconta che Cleopatra, regina d’Egitto, mantenesse la sua sublime
bellezza e la giovinezza della pelle facendo il bagno nel latte d’asina: tali cure
quotidiane richiedevano una mandria di circa 700 asine.
Anche i Romani utilizzavano il latte d’asina per via delle grandi virtù
terapeutiche. Poppea, sposa di Nerone, si serviva di questo prezioso liquido al
fine di conservare lo splendore e l’elasticità della pelle. Messalina, imperatrice
romana moglie dell’imperatore Claudio (10 a. C. - 54 d. C.), si prendeva cura
del suo aspetto con maschere di fette di pane imbevute nel latte d’asina.
Il re di Francia Francesco 1°, estenuato da guerre ed eccessi vari, ascoltando
i consigli di un medico nativo di Costantinopoli seguì una cura a base di latte
d’asina, che risultò essere, stando ai suoi racconti, miracolosa: «Un giorno,
di un’asina il latte mi ridonò la salute. E, in questa circostanza, devo più agli
asini che alla Scienza.»
Paolina, sorella di Napoleone Bonaparte, faceva il bagno nel latte d’asina,
situazione che, in un’epoca in cui questo latte era molto raro, suscitò un certo
scandalo.
Nel XIX secolo, percorrendo le strade delle grandi città europee, era facile
imbattersi in commercianti che conducevano con sé asine e arringavano
la folla gridando: «Latte d’asina, il buon latte d’asina!». La società elegante
dell’epoca consumava regolarmente questa preziosa bevanda, mentre le
famiglie povere riservavano il raro elisir solo ai bambini malati o agli anziani
stanchi e deboli. Durante questo stesso periodo, il latte d’asina inizia a essere
utilizzato regolarmente per l’allattamento. L’asina si presta, infatti, ad allattare
i neonati che le vengono presentati direttamente alla mammella.
Il latte d’asina fu commercializzato fino agli inizi del XX secolo per nutrire i
neonati orfani e per curare i bambini gracili, i malati e gli anziani. È per questa
ragione che in Italia, in Francia, in Belgio, in Svizzera, in Germania, videro la
luce un certo numero di allevamenti. Il successo di cui oggigiorno godono gli
allevamenti che producono latte d’asina conferma la notorietà secolare del
prodotto e la vasta portata delle sue proprietà.
I secoli non hanno in alcun modo nuociuto a questo prodotto. La comunità
scientifica attuale riconosce la fondatezza di questo retaggio: il latte d’asina
è un ineguagliabile sostituto del latte materno, oltre a essere un prodotto
naturale dalle rare e oltremodo preziose proprietà alimentari e cosmetiche.
Ricchezza e valore
del latte d’asina
Il latte d’asina è un latte ricco di vitamine e di acidi grassi essenziali, molto simile
al latte materno. Contiene composti attivi che prevengono l’invecchiamento,
antiossidanti e rigeneratori. È utile nella prevenzione di alcune malattie della pelle e
sembra essere un ottimo cicatrizzante.
Rappresenta un perfetto alimento sostitutivo del latte materno in caso di intolleranza
alimentare del lattante. Può essere indicato in caso di forme allergiche al latte di
mucca, di pecora, di soia o semplicemente qualora la madre voglia dare al proprio
bimbo un alimento sicuro e naturale.
Nel latte d’asina, la frazione lipidica presenta livelli elevati di acidi grassi essenziali. Un
acido grasso viene definito «essenziale» quando l’organismo riesce a produrlo solo
in piccole quantità o addirittura non ne produce affatto. Gli acidi essenziali devono
dunque essere apportati al corpo umano attraverso il cibo assunto quotidianamente
oppure, in alternativa, sotto forma di complementi nutrizionali.
Gli acidi grassi essenziali presentano vantaggi curativi fondamentali, in quanto
contribuiscono allo sviluppo del cervello e della retina. Gli omega 3 contenuti nel
latte d’asina svolgono un ruolo determinante per il cuore, poiché, aiutando il corretto
funzionamento del sistema cardiovascolare, sembrano contribuire alla prevenzione
della trombosi (formazione di coaguli), delle alterazioni del ritmo cardiaco e sembrano
altresì essere un prezioso aiuto nella prevenzione di rischi a seguito di incidente
cardiaco.
Ma il latte d’asina non possiede solo virtù nutritive. Il latte d’asina possiede anche
caratteristiche particolarmente apprezzate in cosmetologia. Contiene molti acidi
grassi insaturi, numerose vitamine (A, B2, C e E) e gli Omega 6, molto ricercati
nell’industria cosmetica.
La vitamina C svolge una funzione antiossidante, fondamentale in cosmesi. La vitamina
C favorisce il rallentamento dell’invecchiamento cutaneo e accelera i meccanismi
che consentono la cicatrizzazione. La vitamina E è nota per essere essenzialmente
un antiossidante che rallenta l’invecchiamento cutaneo e contribuisce alla stabilità
delle strutture cellulari.
Il latte d’asina consente dunque alla pelle di rigenerarsi, attenuando al contempo gli
effetti dell’invecchiamento.
Le virtù del latte
d’asina per gli iniziati
Informazioni complementari di approfondimento
Il latte d’asina possiede virtù cosmetologiche e nutraceutiche. Proponiamo di
seguito alcune notizie complementari, volte ad approfondire l’argomento.
Le vitamine possiedono numerose virtù anti-invecchiamento e di rigenerazione
cutanea e svolgono un notevole ruolo antiossidante. Sembra inoltre che il latte
d’asina favorisca il processo di cicatrizzazione. I sali minerali contenuti nel
latte d’asina sono utili alla pulizia della pelle. Consentono di spazzare via le
cellule morte, lasciando così sulla superficie cutanea solo le cellule vive.
Possono inoltre influenzare la crescita cellulare. La quantità di lipidi contenuta
nel latte d’asina nutre la pelle e le conferisce morbidezza e benessere. Gli
acidi grassi essenziali, come gli omega 6, aiutano la pelle nell’assorbimento
delle vitamine. Lasciano la pelle elastica e sono utili nella prevenzione di
talune malattie cutanee, come l’eczema o la psoriasi. L’ipoallergenicità di
cui si è tanto parlato, infine, costituisce un altro importante fattore a favore
dell’utilizzo del latte d’asina in ambito cosmetico.
Il latte di asina, dal punto di vista igienico, è del tutto adatto al consumo
umano.
È dotato di un Ph prossimo al neutro, più elevato però di quello del latte di
mucca (7,18). Il considerevole tenore di lisozimi e la relativa povertà di caseina
e di fosfati spiegano in maniera verosimile la scarsa contaminazione microbica
del latte d’asina.
La quantità di batteri che vi si ritrova è in effetti molto bassa: 4.46 log cfu/ml.
Tali valori aumentano solo di pochissimo a stadi di lattazione avanzata: 5.2
log cfu/ml.
Il tasso massimo di batteri tollerato dalle direttive internazionali per il consumo
umano di latte non costituisce certamente una barriera per questo prodotto.
Questo elemento è un’ulteriore carta vincente per il latte d’asina nell’ambito
della trasformazione industriale di un prodotto microbiologicamente
sensibile.
Come alimento fresco, quanto sopra pone il latte d’asina a un livello in cui i
rischi alimentari sono minimi.
Il latte d’asina ha mostrato un’interessante costanza sul piano nutrizionale.
È vero che alcuni elementi possono avere delle concentrazioni che evolvono
in funzione dei parametri presi in considerazione nelle analisi, tuttavia non ci
sono dubbi che la produzione di latte d’asina è relativamente robusta e poco
soggetta a variazioni, facilmente compensabili nel quadro di una produzione
che include un numero di capi considerevole.
Rispetto agli altri tipi di latte, il latte d’asina presenta un basso tenore di
sostanza secca, di materie grasse e di proteine, ma è ricco di lattosio e di
calcio. L’elevato tenore di lattosio presente nel latte d’asina si rivela prossimo
a quello del latte materno.
Questo disaccaride svolge un ruolo fondamentale poiché stimola
l’assorbimento intestinale del calcio, influenzando positivamente la
mineralizzazione ossea e stimolando il corretto sviluppo del sistema nervoso
nei primi mesi di vita del bambino. Il rapporto calcio/fosforo, uguale a 1,48,
situa il latte d’asina tra il latte materno e quello di mucca. Contrariamente al
latte di certi ruminanti, il latte d’asina ha un tenore di caseina e di proteine
del siero del tutto simile a quello del latte umano, oltre ad avere un’elevata
concentrazione di amminoacidi essenziali.
È inoltre ricco di acidi grassi polinsaturi a lunga catena (rapporto w6 /w3
simile al latte umano), predominanti anche nel latte della donna (52-54%), con
un’elevata percentuale di acido linoleico (acido grasso polinsaturo essenziale
non sintetizzato dall’organismo); questi acidi grassi polinsaturi sembrano
avere proprietà immunostimolanti e ipocolesteromizzanti.
Il latte d’asina e il latte materno sono ancor più simili nella sostanza per quanto
riguarda il basso carico renale dei soluti (proteine e sostanze inorganiche).
Un altro aspetto del latte d’asina che suscita interesse: l’elevato tenore di
lisozimi, che ha un’azione selettiva della microflora potenzialmente patogena
del tratto gastrointestinale del neonato. L’alto tenore di lisozimi del latte
d’asina rende questo alimento naturalmente «sterile», con una carica batterica
estremamente bassa anche dopo 15 giorni di conservazione nel frigorifero
senza alcun trattamento termico preventivo.
prodotti fabbricati
a partire dal
latte EUROLACTIS
La gamma di prodotti Câlinesse «Cura e bellezza»
Bellezza degli occhi (serum bio 30 ml)
Latte d’asina 4 ml. Estratto di Edelweiss bio, piantaggine bio, olio di nocciolo
d’albicocca bio, olio di borragine bio, agente idratante (lipidi polimerizzati);
vitamina E, polvere di riso 100% naturale, fiori d’arancio bio, acqua di
camomilla bio.
Trattamento di due mesi, da ripetere nel corso dell’anno. Applicare il siero sul
contorno occhi con un leggero massaggio.
Bellezza del seno (gel crema Eco 100 ml)
Latte d’asina 7,5 ml., estratto di Edelweiss bio, piantaggine bio, olio di jojoba
bio, olio di borragine bio, agente idratante (lipidi polimerizzati); vitamina E,
polvere di riso 100% naturale, fiori d’arancio bio, camomilla bio, profumo
senza alcol “Ecocert” neroli-pompelmo.
Applicare il gel crema Bellezza del seno con massaggi circolari, salendo fino
alle spalle. Da 1 a 2 volte al giorno.
Bellezza del corpo (latte per il corpo Eco 150 ml)
Estratto di Edelweiss bio, piantaggine bio, burro di karité bio, olio di nocciolo
di albicocca bio, olio di jojoba bio, vitamina E, polvere di riso 100% naturale,
fiori d’arancio bio, profumo senza alcol «Ecocert» neroli- pompelmo.
Applicare generosamente il latte Bellezza del corpo sulla pelle perfettamente
asciutta, mattina e sera, e in particolare dopo doccia o bagno.
Splendore del viso (trattamento giorno ECO 50 ml)
Latte d’asina 15 ml. Estratto di Edelweiss bio, piantaggine bio, olio di jojoba
bio, olio di borragine bio, vitamina E, polvere di riso 100% naturale, fiori
d’arancio bio.
fonte: http://www.calinesse.com
Mattino (eccellente base per il maquillage). Sera, per pelli molto secche.
Applicare su viso e collo perfettamente puliti e asciutti,
con la punta delle dita massaggiare partendo dal centro del collo, del mento,
delle narici e della fronte verso l’esterno del viso.
Kit 3 mini trattamenti (3x30 ml donna ECO)
Splendore del viso ECO:
Per illuminare il volto
Modo d’uso: Applicare la crema Splendore del viso sulla pelle di viso e collo
perfettamente puliti e asciutti. Utilizzare mattino o sera.
Bellezza del seno ECO:
Per aiutare le cellule a mantenere la tonicità.
Modo d’uso: applicare il gel crema Bellezza del seno con massaggi circolari,
partendo da sotto il seno e risalendo fino alle spalle. 2 volte al giorno.
Bellezza del corpo ECO:
Per ammorbidire e idratare la pelle
Modo d’uso: applicare il latte Bellezza del Corpo mattina o sera, in particolare
dopo doccia o bagno, sulla pelle perfettamente asciutta.
La gamma di prodotti Câlinesse «Bebè»
Crema carezza bebè (crema sederino bio 100 ml)
Latte d’asina: 7,5ml. Calendula bio, marrubio bio, ossido di zinco, vitamina
E, olio di mandorle dolci bio, olio di nocciolo di albicocca bio, glicerina, cera
d’api, burro di Karité bio, acqua di lavanda bio, acqua di camomilla bio.
A ogni cambio del pannolino.
Pulire il sederino del bimbo con il Latte detergente tenerezza bebè.
Terminare applicando delicatamente la Crema carezza bebè sul sederino.
Crema tenerezza bebè (nutriente Eco 100 ml)
Latte d’asina: 9 ml. Calendula bio, marrubio bio, polvere di riso 100% naturale,
vitamina E, olio di girasole bio, olio di nocciolo di albicocca bio, olio di mandorle
dolci bio, burro di karité bio, acqua di camomilla bio, miscela di oli essenziali
(pompelmo rosa bio, arancio dolce bio, arancio amaro bio, legno di rosa).
Per neonati e bimbi, dopo il bagnetto.
Bambini, donne e uomini, sulle parti del corpo molto secche (mani, piedi,
gomiti).
Applicare uno strato sottile di Crema tenerezza. Massaggiare fino alla
completa penetrazione.
Kit 3 mini trattamenti bebè (3x30 ml bebè ECO)
Crema tenerezza bebè ECO :
Trattamento nutriente viso e corpo.
Modo d’uso: applicare uno strato sottile su viso e corpo del bimbo.
Massaggiare fino a penetrazione.
Latte tenerezza bebè BIO :
Latte detergente senza risciacquo viso e corpo.
Modo d’uso: Versare una dose di latte detergente su un batuffolo o nella
mano; passare delicatamente sulle parti da detergere.
Lozione tenerezza bebè BIO :
Lozione rinfrescante e detergente viso e corpo.
Modo d’uso: applicare in qualsiasi momento per mezzo di un batuffolo.
Latte tenerezza bebè (detergente Bio 150 ml)
Latte d’asina: 11ml. Calendula bio, marrubio bio, olio di girasole bio, olio
di nocciolo di albicocca bio, vitamina E, acqua di camomilla bio, acqua di
lavanda bio, miscela di oli essenziali (pompelmo rosa bio, arancio dolce bio,
arancio amaro bio, legno di rosa).
fonte: http://www.calinesse.com
Utilizzare quotidianamente il Latte tenerezza per la pulizia.
Versare una dose su un batuffolo o nella mano e applicare delicatamente su
corpo, viso e sulle parti da detergere. Senza risciacquo.
Lozione tenerezza bebè (fresca Bio 150 ml
Latte d’asina: 2ml. Acqua di fiori d’arancio bio, acqua di verbena bio, marrubio
bio, calendula bio, base lavante dolce.
Utilizzare quotidianamente la lozione tenerezza durante la giornata.
Applicare con un batuffolo, per una freschezza immediata.
Senza risciacquo.
La gamma di prodotti Câlinesse «Golosità»
Tartufi della nonna, prodotti da un artigiano cioccolatiere svizzero, David
l’instant chocolat (Crans-Montana vs), per Câlinesse.
La ganache è un perfetto accordo tra il latte d’asina leggermente caramellato
e il cioccolato fondente Grand Cru. Ogni tartufo è lavorato con la tasca
da pasticcere e poi rotolato nel cacao in polvere. La ganache assume una
consistenza delicata e molto vellutata. Il tartufo risulta croccante e scioglievole
in bocca.
fonte: http://www.calinesse.com
La confezione è concepita appositamente per i cioccolatini. Scatola con
coperchio scorrevole, esterno in cartone goffrato marrone, interno color oro,
contenente 12 tartufi al cioccolato al latte d’asina.
Tartufi della nonna, prodotti da un artigiano cioccolatiere svizzero, David
l’instant chocolat (Crans-Montana vs), per Câlinesse.
La ganache è un perfetto accordo tra il latte d’asina leggermente caramellato
e il cioccolato fondente Grand Cru. Ogni tartufo è lavorato con la tasca
da pasticcere e poi rotolato nel cacao in polvere. La ganache assume una
consistenza delicata e molto vellutata. Il tartufo risulta croccante e scioglievole
in bocca.
La confezione è concepita appositamente per i cioccolatini. Scatola con
coperchio scorrevole, esterno in cartone goffrato marrone, interno color oro,
con 6 tartufi al cioccolato al latte d’asina.
Immagini
La fattoria di Montebaducco si trova in una ridente e
tranquilla regione collinare, nel cuore del paesaggio di
Quattro Castella (RE).
I nostri asini nutriti esclusivamente con prodotti biologici, foraggi composti da erba medica, orzo e avena
soffiata.
Il paesino di Quattro Castella, vicino Parma.
Scarica

Caricare il mediakit Eurolactis