Dottorato in scienze della cognizione e della formazione
Università Ca’ Foscari di Venezia
XXIII ciclo
Jean Lave
Cognition in Practice
Mind, Mathematics and Culture in Everyday Life
Cambridge University Press, 1988
Franco Angeli, 2002
Recensione di E. Sinkovic
Abstract
“Cognition in practice” è uno studio relativo a una forma particolare di attività cognitiva, il
problem solving aritmetico, al di fuori dal contesto scolastico e inserito nel dominio della vita
quotidiana. Anche se questa ricerca è principalmente rivolta a coloro che sono interessati alle
scienze dell’educazione, gli obiettivi di Lave sono in realtà molto più ampi. L’autrice, infatti,
non si interessa solo ai processi cognitivi e alla pratica ma anche alle relazioni tra cognizione,
pratica, cultura e società in generale. La stessa dimostra come i pensieri della vita quotidiana
siano fortemente influenzati dall’incontro tra la mente “attrezzata” culturalmente e il suo
contesto. Il focus dello studio è sulle attività quotidiane come acquisti nel supermercato e
simili. La ricerca è innovativa e interessante non solo per il metodo e per le conclusioni ma
anche per il suo significativo contributo teorico e il risultato di un nuovo modo di comprendere
i processi del pensiero umano.
“Cognition in practice” is a study about a particular form of cognitive activity, arithmetic
problem solving, outside of school and into the domain of everyday life. Although this
research is addressed mainly to those interested in education, Lave’s aims are much broader
as she is not interested only in cognition or practice but also in the relations between
cognition, practice, culture and society generally. She shows how all thinking in everyday life
is shaped by the dynamic encounter between the culturally endowed mind and its total
context. The study is focused on daily, activities, such as grocery shopping for ‘best buys’ in
the supermarket, dieting, and so on. The research is interesting not only because of the
method and findings but also because of theoretical contributions and the result is a new way
of understanding human thought processes.
Recensione
Il volume presenta un’applicazione degli studi teorici sulla cognizione nell'ambito della
pratica, attraverso la costruzione di un'argomentazione complessa che ha lo scopo di
liberare la comprensione dei processi cognitivi dai limiti imposti dai metodi tradizionali. In
questo studio innovativo, l'autrice porta l'analisi di una particolare forma di attività
cognitiva – il problem solving aritmetico – fuori dal laboratorio. Si presenta, infatti, la
ricerca AMP (Adult Math Project) il cui scopo è l'osservazione e l'indagine sperimentale
della pratica quotidiana dell'uso dell'aritmetica. L'autrice si focalizza sui collegamenti tra
la teoria cognitiva, le forme educative e la pratica quotidiana. Possiamo dire che il
Progetto si basa sui fondamenti dell'antropologia sociale invece che sulla psicologia
cognitiva. Ciò viene infatti sviluppato da Lave come una teoria di pratiche sociali
nell'ambito di una teoria più generale dell'ordine sociale. La psicologia cognitiva e
l'antropologia cognitiva hanno elaborato studi sulle modalità del pensiero delle persone
che si basano anche su ipotesi fondamentali relative alla natura della cultura, al mondo
sociale e al loro collegamento con la cognizione, mentre gli psicologi hanno iniziato a
dubitare della validità dei risultati sperimentali chiedendosi come pensano le persone
nella loro attività quotidiana. Lave introduce il termine just plain folks (gente comune)
proprio per evidenziare la contrapposizione con il tradizionale “soggetto” utilizzato nella
psicologia. Affrontando questo tipo di problematiche, a metà degli anni settanta gli
antropologi culturali ed educativi hanno iniziato a occuparsi delle scienze della
cognizione, che gli hanno fornito un modello formale di lingua, logica e problem solving,
mentre gli studiosi delle scienze cognitive hanno riconosciuto che gli antropologi avessero
applicato metodi che possono portare a una conoscenza più approfondita sulle attività e
le situazioni di vita quotidiana.
I problemi che affrontano le persone comuni (jpf) non assomigliano in realtà ai problemi
che vengono loro solitamente proposti in aula. Lave introduce il libro con un esempio di
un acquirente che acquista le mele razionalizzando sulla quantità da comprare. Ciò che si
evince è che l'aritmetica che viene utilizzata come strumento nella vita quotidiana funge
più da guida per le approssimazioni o stime piuttosto che per effettuare calcoli precisi.
Nell'introduzione, infatti, l’autrice fornisce un'importante critica alla teoria funzionalista
che si basa su diversi punti:
- Passività della persona che apprende. La persona che apprende è passiva e funge
da ricettore di conoscenza senza avere un ruolo attivo.
- Abilità isolate: le abilità possono essere separate e la loro separazione non è
problematica mentre l'uso non dipende dal contesto.
- Meritocrazia come direzione: L'uso di abilità arbitrarie porta a un sistema di valori
dove la maggiore competenza relativa ad una abilità porta a una generale
superiorità.
- Accento sulla razionalità e la vita cognitiva. Questo si contrappone alla pratica.
- Uniformità culturale: secondo la teoria funzionalista le abilità trascendono la
cultura che quindi ha una base uniforme.
Dopo una dettagliata introduzione, il libro si divide in due parti. La prima, Teoria nella
pratica, è una critica della pratica della teoria cognitiva. Questo sfida l'enfasi funzionalista
sul trasferimento dell'apprendimento (learning transfer) e il carattere “artificiale“ del
metodo di laboratorio. Il tema di questo argomento verte sull'idea della ”validità
ecologica“, ovvero una teoria non è ecologicamente valida se non può essere applicata in
diverse ambientazioni (setting). In altre parole, i risultati degli esperimenti dovrebbero
essere identici a prescindere dalla situazione. Nelle scienze cognitive, ciò è
particolarmente importante poiché il modo in cui le persone pensano in un laboratorio
può essere molto differente dal modo in cui pensano in un altro contesto.
Nella prima parte si descrivono alcuni esperimenti di psicologia cognitiva che avevano
come oggetto il trasferimento della conoscenza, ovvero il processo con cui la conoscenza
può essere trasferita da un ambito ad un altro. A titolo di esempio, l'esperimento
Missionari e cannibali, Torri di Hanoi ecc. Anche qui, Lave, rimarca una forte critica delle
teorie funzionaliste in quanto non si possono estrapolare le conoscenze dal contesto nel
quale sono inserite. Nella pratica quotidiana, infatti, si evidenzia che le persone
normalmente non utilizzano le conoscenze così come acquisite a scuola.
Per trovare un'alternativa al problem solving tradizionale, Lave nel capitolo “La vita dopo
la scuola” (Life after school) descrive una ricerca svolta nell'ambito del progetto Adult
Math Project svoltosi nel 1978. Il campione ha compreso 35 persone, 32 donne e 3
uomini, dall'età dai 21 agli 80 anni con redditi familiari annui dagli 8.000 ai 100.000
dollari nell'ambito di diverse situazioni di acquisto. I partecipanti hanno compilato una
serie di test per identificare la miglior scelta basata sul prezzo 1 e alcuni esercizi di
aritmetica. Statisticamente sono stati calcolati coefficienti di correlazione e i livelli di
significatività dei risultati ottenuti per quanto riguarda il rapporto tra il grado di istruzione
e numero di anni passati dalla conclusione della scuola. L'autrice riconosce una certa
debolezza dei risultati che possono essere descritti come equivoci e instabili.2
Nell'ultimo capitolo della prima parte “Psicologia e Antropologia II”, l'autrice cerca di
scalzare una falsa dicotomia tra il pensiero scientifico e quello quotidiano. Secondo
l'autrice, la stessa scienza è una pratica costruita culturalmente. Come risposta a una
serie di domande che si pone l'autrice, si presenta un interessante diagramma che
rappresenta l'influenza della cultura sulla teoria cognitiva. La risposta, secondo Lave, sta
nella durabilità di un'epistemologia positivista della scienza e nella divisione delle
discipline che successivamente devono essere analizzate attraverso una “collaborazione
interdisciplinare“.
La seconda parte del libro “La pratica nella teoria” distingue la pratica dagli ambiti di
conoscenza formali o spazi concettuali. La differenza sostanziale sta nel fatto che la
pratica si svolge simultaneamente con altre attività con le quali può essere sincronizzata
fino ad un certo punto. Un esempio molto semplice è citato da Lave come lavoro a maglia
e la lettura che possono essere svolte contemporaneamente, “situate” l'una nell'altra e
che si influenzano reciprocamente.
Nel capitolo 5, l'autrice confronta l'approccio metodologico e i risultati della ricerca
nell'ambito dell'AMP con simili ricerche svolte da Capon e Kuhn (1979) e Kramer (1981).
Uno degli obiettivi di tale confronto è determinare le strategie utilizzate dai partecipanti
all'indagine durante la soluzione del problema. Si evince che i partecipanti al progetto
AMP scelgono la loro strategia in funzione della complessità del problema che sono
chiamati a risolvere. Ciò è sostanzialmente molto differente dalle conclusioni derivanti
dalle altre ricerche succitate.3
L'autrice afferma che vi sono conoscenze universali che vengono utilizzate per la
soluzione di diversi problemi, però che la stessa attività, in diverse situazioni, comporta
ragionamenti tra loro molto diversamente strutturati.
In conclusione, Lave fornisce una panoramica dei principali elementi del suo studio della
pratica:
1. Il contesto di una ricerca è di fondamentale importanza, ma anche il contesto
dell'ambiente di una situazione è importante.
2. Le premesse convenzionali e le domande analitiche devono essere prese in
considerazione con approccio critico.
3. Lo studio si concentra sulle attività complessive di una persona invece che cercare di
comprendere isolatamente le singole funzioni cognitive. In questo senso il processo
cognitivo dipende dal tempo e dall'ambiente (setting) inseriti in una determinata cultura.
4. Se l'attività è intesa come situata, allora le attività devono essere collocate nell'ambito
di un momento storico e culturale e quindi occorre comprenderli in un tale contesto. I
dilemmi di un acquirente possono essere differenti in due luoghi geografici distinti o in
due diversi momenti storici.
Concludendo, questo lavoro di Lave, seppure con qualche limite a livello di
rappresentatività, offre sicuramente un approccio innovativo per quanto riguarda l’analisi
di alcuni processi cognitivi utilizzati nella vita quotidiana. Presenta elementi di
innovazione sia per quanto riguarda il metodo, sia per quanto riguarda i risultati e
fornisce un importante e significativo contributo teorico. Questo testo, inoltre, getta
1
Una critica a tale approccio può essere che il modello assume con troppa leggerezza la scelta del
“consumatore razionale” classico, poiché focalizza la scelta esclusivamente sul costo del prodotto.
2
Si potrebbe anche evidenziare una debolezza relativa alla rappresentatività dello stesso campione
(ad esempio il numero delle persone e il disequilibrio tra uomini e donne). Anche la stessa
elaborazione statistica presenta qualche criticità. Se una variabile A e una variabile B hanno lo
stesso coefficiente di correlazione con una variabile C, questo non implica automaticamente una
correlazione tra A e B.
3
E’ doveroso, però, evidenziare come per il progetto AMP in questo caso viene utilizzato un
campione di soli 24 partecipanti, mentre le altre ricerche hanno coinvolte un numero di persone
significativamente maggiore (50 ovvero 100)
alcune basi del successivo lavoro4 di Lave scritto con Wenger sull’aspetto “situato”
dell’apprendimento introducendo anche il concetto di “comunità di pratica” sviluppato
successivamente da Etienne Wenger, che ha riscontrato un grande successo negli anni
novanta e più recentemente soprattutto nell’ambito organizzativo.
Indice
1. Introduction: psychology and anthropology I
The problem and the project
A dilemma of shared dilemmas
Cognition and synthetic social theory
Answers and questions
PART I. THEORY IN PRACTICE:
2. Missionaries and cannibals (indoors)
History, myth, and learning transfer;
The everyday practice of cognitive research;
The culture of transfer experiments;
Context and motivation in the culture of transfer experiments;
Conclusion;
3. Life after school
Discontinuities;
The Adult Math Project;
From transfer of learning to situational specificity;
Convergent findings;
Conclusions;
Appendix: Adult Math Project arithmetic exercises;
4. Psychology and anthropology II
The history: the myth of scientific and everyday modes of thought;
Dual division;
A common epistemology;
Conclusions;
PART II. PRACTICE IN THEORY
5. Inside the supermarket (outdoors) and from the veranda
Structuring resources;
Just outside, and inside, the supermarket: divergent views;
Two articulations of structuring resources;
Validity and method;
Conclusions;
6. Out of trees of knowledge into fields for activity
The socially organized meaning of “math”;
Measured change;
Money management in practice;
Dilemmas and resolutions;
Money management practice, in theory;
Conclusions;
7. Through the supermarket
Lave J. Wenger E. (1991): Situated Learning. Legitimate Peripheral Participation, Cambridge
University Press, Cambridge, UK
4
A primer for dialectical analysis;
Arenas and settings;
The supermarket as arena and setting;
Arithmetic activity in grocery shopping;
Dialectical arithmetic processes;
Conclusions;
8. Outdoors: a social anthropology of cognition in practice
The cultural specificity of “rational problem solving”
Practice theory and constructive order;
The person-acting;
Direct experience;
The source and limits of continuity in activity;
Conclusions;
Note sull’autore:
Jane Lave (PhD. Social Anthropology, Harvard University, 1968) è un’antropologa sociale
e teorica dell’apprendimento sociale. È attualmente docente (Education and Geography)
all’Università Berkley, California. I suoi studi sull’apprendistato sono riconosciuti come
importanti contributi alla psicologia dell’educazione.
Bibliografia essenziale dell’autore



Chaiklin S., Lave J. (1996), Understanding Practice. Perspective on activity and
context, Cambridge University Press, Cambridge, UK;
Lave J. (1998): Cognition in Practice, Cambridge University Press, Cambridge, UK;
Lave J. Wenger E. (1991): Situated Learning. Legitimate Peripheral Participation,
Cambridge University Press, Cambridge, UK
Scarica

Il concetto di “psicologia culturale” parte ed elabora un