DEMÒPOLIS
Luglio – Agosto 2007
INFORMAZIONI E COMMENTI
Direttore Lucius F. Schlinger, responsabile L. Fabi*
Editoriale di Alfio Cubani *
La Cultura della morte
non è certo la nostra
e l’abbiamo mostrato in tante occasioni. La pena di morte è un assassinio legalizzato.Non si
deve lasciare a governanti e opposizioni da quattro bajocchi e neppure ai signorini sedicenti
“radicali” la lotta contro questa barbarie reazionaria, come non si deve lasciare agli
assassini delle sedicenti brigate “rosse” l’uso dei simboli del comunismo.
Ora il tema della presenza di questa stupida barbarie in tanti codici penali di paesi che si
autodefiniscono civili viene finalmente affrontato e crediamo che un buon numero di essi
potrebbe conseguire un fondamentale vantaggio schierandosi contro questa assurda, crudele
e folle pena che non ha mai contribuito ad annullare o anche solo limitare i delitti. Gli
alleati dell’Europa,compresi gli USA per i quali la pena di morte è ancora in molti stati un
carattere distintivo e fondamentale, come alcuni paesi relativamente progrediti del terzo
mondo hanno tanto da guadagnare eliminandola.
L’Europa ha mostrato di avere in tal senso le carte in regola, mentre un po’ meno in
regola le mostra per quanto riguarda la condanna a morte di fatto, in genere oltre i suoi
confini, di tante persone dei paesi più poveri (uomini, donne, bambini) che vengono
sfruttate e lasciate morire di fame, sete, malattie quasi sempre curabili che divengono però
incurabili per mancanza di farmaci, per le condizioni di estrema indigenza, per mancanza di
prevenzione o di un’ organizzazione igienica, sia pur elementare.
In questa drammatica situazione crediamo che proprio i paesi che più hanno mostrato nei
fatti di essere legati allo sviluppo della dignità umana dovrebbrero dare l’esempio. Ma non
possiamo pensare che il più grande paese che ancora, piaccia o non piaccia, si ispira ad ideali
socialisti, cioè la Cina popolare, sarà in grado di abolire in tempi brevi una pena tanto
irrazionale ed incivile. Anche per la Cina, forse, la pena di morte rappresenta un’illusione di
ordine e una necessità di dare “esempi” per quanto aberranti, crudeli e inutili possano essere.
Più realistico sarebbe invece attendersi una mossa del genere dal regime comunista cubano o
da altri paesi democratici e progressisti in America latina, e altrove. Essi non avrebbero nulla
da perdere e darebbero un esempio di cultura civile al mondo, mentre più volte è stato detto
con tragico sarcasmo che la pena di morte è un esempio che non ammette ripensamenti. Non
possiamo dire Ti ammazzo, così per un’altra volta impari. Pensiamo questo mentre
celebriamo ancora una volta una festa, la presa della Bastiglia del 14 Luglio 1789, che
appartiene, oltre che alla Francia, ai democratici di tutto il mondo. Notevole il fatto che oggi,
*A parte quella del responabile, tutte le firme sono facili indicazioni criptate dei collaboratori a lui indissolubilmente collegati
1
esclusi forse gli esponenti degli “indirizzi” più ottusi, affaristici, reazionarî, ipocriti quali
quelli rappresentati in Italia dal centro-destra, nessuno osi mettere in discussione, anche se
nei fatti li calpesta continuamente, i valori fondamentali che ad essa si richiamano. Noi
crediamo che lo stesso accadrà per le idee socialiste e più spiccatamente comuniste, destinate
senza dubbio a divenire democraticamente la futura area costituzionale all’interno della
quale saranno possibili tanti diversi indirizzi sostenuti in assoluta libertà dal Popolo. Come
dire che in questa prospettiva qualunque partito per noi andrà bene purché sia comunista? È
vero. È questo che vogliamo.
**************************************************************************
Uno sguardo al cielo estivo con L. Fabi
Nella mappa celeste qui sotto, per la quale ringraziamo sempre l’UAI che ci permette di
usarla, troviamo le costellazioni caratteristiche di questa stagione: La Lira con Vega in alto
a NE, (ma le quattro stelle vicine indicate nella mappa sono di solito difficilmente visibili ad
occhio nudo), il Cigno più in basso e più ad E con Deneb e, dopo le “ali” indicate in mappe
più dettagliate da  (delta) ed (èpsilon) procedendo verso dx (in direzione W) Sadr e
ancora più a W Albireo. Più in basso, in direzione approx SSE troviamo l’Aquila con Altair
molto brillante e vicinissime Tarazed in alto a sx e Alshain in basso a dx.
2
Ed ecco la zona più meridionale dell’emisfero nord visibile già dalla prima sera:.
Si vede anche qui Altair con Tarazed e Alshain, ma accanto a queste stelle si disingue bene la
grande costellazione dell’Ophiuchus (Ofiuco= Serpentario) e più a W ( nella figura più a dx,
dato che si guarda verso Sud) lo Scorpione con Antares, molto luminosa, tanto che alle stelle
del cosiddetto triangolo estivo potremmo aggiungere questa famosa supergigante di color
rosso-arancio a formare un quadilatero. Dello Scorpione sono evidenti anche tre stelle a W
(qui a dx): Graffias, delta) e (pi) mentre Shaula, nella “coda” dello Scorpione, si vede
per poco, poiché tramonta presto, trovandosi in posizione molto meridionale. Ancora più a S
troviamo Sargas ovvero (theta) Scorpii di magnitudo +1.86
Un po’più ad E (a sx nella carta) si vede molto bene, anche se per non molto tempo, il
Sagittario con il “corpo” indicato da Nunki e Ascella, qui non nominate, vicino alla scritta e
le tre stelle dell’ arco, Kaus Borealis, Kaus media e Kaus australis ben definite, mentre la
punta della freccia, Alnasl, si distingue meno bene. Non molto chiara in ambienti vicini alle
luci cittadine risulta inoltre la vicina costellazione della Libra (Bilancia, a W, qui già fuori
campo) e il Capricorno è quasi invisibile .Ma ricordiamo che, ancora molto vicino ad
Antares, troviamo, per gran parte della notte, Giove, luminosissimo (circa – 2.6). È forse
3
superfluo rammentare di nuovo che si tratta di magnitudo, cioè di luminosità apparente
legata alla distanza degli oggetti e non ha nulla a che vedere con l’effettiva energia che ci
giunge dagli astri: una candelina distante pochi metri sembra dare più luce di una grande
stella lontana qualche decina di anni-luce o di un’intera galassia distante qualche milione di
anni- luce. Ad Occidente, come ricordavamo tempo fa, è sempre brillantissima Venere (-4.5).
Abbiamo già rammentato che la magnitudo si esprime con numeri sempre minori, fino allo
Zero ed ai numeri negativi nella misura in cui essa è maggiore.
Rimandiamo comunque al n. 8 per altri dettagli, sempre tenendo conto che intendiamo
trattare nozioni elementari e saremo grati a chi anche in quest’ambito volesse segnalarci
qualche distrazione o qualche argomento da presentare meglio.
***************************************
Le pulci nell’orecchio di Lucia Fiabon
* Indicando le coppie che vivono liberamente “more uxorio” è inutile ed equivoco parlare
del/la mio/a compagno/a, dato che esiste il termine Consorte, valido per i due generi m. e f. e
non fa confusione con appellativi politici;
* Indichiamo alle forze politiche il dovere di troncare la gazzarra di trasmissioni
superstiziose, oroscopi & simili, oltre che di far sparire dal televideo gli indirizzi di tante
personcine che per modiche cifre vi danno i numeri al lotto. Molti pochi fanno assai. E
perché non li giocano da sole?´Per altruismo?
*Cosa succede al dodicesimo minuto e mezzo di una partita? Nulla poiché l’espressione non
ha senso: Alla fine del dodicesimo inizia immediatamente il tredicesimo;
* C’è ancora qualche città che non ha nella toponomastica il nome di uno scrittore che è
piuttosto ben considerato in tutto il mondo, ovvero un tal Dante Alighieri? Certo: Urbino
della quale il Divinissimo parla due volte nella Commedia ed una nel Convivio. Ma per gli
Urbinati evidentemente non basta. Del resto fino a pochissimo tempo fa non avevano
neppure una strada per F. di Giorgio Martini e L. Laurana, gli architetti principali del Palazzo
Ducale!!!!
* Cosa significano espressioni quali Così tanto o talmente tanto? Nulla, dato che l’avverbio
tanto indica non solo un alto livello ma anche un preciso livello di una certa qualità o di un
qualunque altro riferimento (Es: Tanto bella/o quanto intelligente; Diamo tanto a lei quanto
a lui und so weiter;
* Perché usare continuamente, espressioni inglesi non solo quando sono davvero utili, ma
anche quando in Italiano o in altre lingue si può essere più chiari, precisi e meno ridicoli?
Perché si deve usare la lingua di quelli che qualcuno riconosce (per ora) come padroni?
* Tra tutti i superstiziosi che hanno fede nell’astrologia, chi è in grado di riconoscere la “sua”
costellazioone in cielo? e che differenza c’è tra costellazione e segno e come si distinguono i
pianeti dalle stelle und so weiter? E va bbuono, guaglio’, per chi non lo sapesse vuol dire et
cetera.
Consultate il sito www.luciusfabi, it con qualche buona tazza di Coffea arabica contro il sonno;
Le vostre critiche, anche con tendenze distruttive, sono sempre segni di eroica attenzione.
vidit director lfs
4
Scarica

demòpolis - Urbino e Provincia