Mio padre di colpo non c’è più. Se ne è andato via qualche giorno fa
lasciandomi 44 anni di ricordi, di amore, di discussioni, di libertà di
diventare uomo.
È stato come un sole che so che domani non sorgerà. Ma la sua luce sarà
per sempre quella di una stella lontana, eterna e rassicurante.
L’ultimo suo regalo è questa grande sfida di affrontare un dolore
incommensurabile per crescere ancora.
Ci sto provando, papà, spero con buoni risultati.
La dolcezza con cui ci hai lasciato mi sta preparando alla prossima
stagione della vita. Coraggio, passione, dignità, compostezza.
Non fallirò padre mio, maestro, amico.
Scarica

Matteo - Donato Speroni