Classe IC Sede di Locorotondo
A.S. 2016 / 2017
Istruzione tecnica.
Indirizzo "Agraria, agroalimentare e agroindustria
Disciplina FISICA ore settimanali 3 di cui 1 in compresenza (esercitazioni/laboratorio)
Prof. N. RIZZI
Prof. N. LOZITO (ITP)
Quadro sintetico delle Unità di Apprendimento e tempi
Titolo dell’ Unità di apprendimento (UdA)
N.*
Periodo
12 sett. – 30 nov.
1
Introduzione alla Fisica
2
Forze ed equilibrio
1 dic. – 20 mar.
3
Il moto e l’energia
21 mar. – 31 mag.
4
Attività di laboratorio
sett.- mag.
UdA 1 – Introduzione alla Fisica.
Competenza/e
Competenze per assi culturali:
Osservare descrivere ed analizzare fenomeni
appartenenti alla realtà naturale e artificiale e
riconoscere nelle sue varie forme i concetti di sistema e
di complessità
Abilità
o Raccogliere dati attraverso
l’osservazione diretta dei
fenomeni naturali e degli
oggetti artificiali o la
consultazione di testi e
manuali o media
 Concetto di grandezza fisica,
misura e convenzioni di misura
o Organizzare e rappresentare i
dati raccolti
 Errore sulla misura
o Individuare sotto la guida del
docente una possibile
interpretazione dei dati sulla
base di semplici modelli
 Principali strumenti e tecniche
di misurazione
o Presentare i risultati dell’analisi
 Sequenza delle operazioni da
effettuare
 Schemi tabelle grafici
o Misurare grandezze fisiche
stimando l’imprecisione della
Individuare ed identificare le problematiche relative alla
misura ed effettuando corrette
misurazione
approssimazioni
Definire le grandezze fisiche in gioco nei vari fenomeni
Esplicitare criteri e metodi di misurazione per le o Porre in relazione i dati relativi
grandezze individuate
alla misura di più grandezze
Determinazione di leggi fisiche empiriche
fisiche relative a un dato
Elaborare i risultati ottenuti
fenomeno
Competenze ulteriori declinate dal docente
o Scegliere le grandezze
importanti ai fini della
comprensione del fenomeno
Torna su
Conoscenze
Disciplina di
riferimento
Discipline
concorrenti
FISICA
 Significato di legge fisica con le
relative rappresentazioni
 Principali funzioni matematiche
utili all’analisi dei fenomeni
naturali
CHIMICA
BIOLOGIA
DISEGNO
SCIENZE
APPLICATE
UdA 1 Introduzione alla Fisica.
Progettazione Micro
Compito assegnato agli studenti
La classe è divisa in gruppi che approfondiscono le tematiche proposte dall’insegnante
Gli allievi redigono elaborati individuali - di gruppo - mappe concettuali
Processo di lavoro
n.
Titolo
Contesto
Attività docente
1
Scopi ed
applicazioni della
fisica; i settori della
Fisica; cenni di
storia della Fisica.
Aula / laboratorio
Illustra gli scopi e le applicazioni della fisica
Misure; gli
strumenti di
misurazione.
Aula / laboratorio
2
Introduce il S.I.
Descrive gli strumenti di misura con
particolare riferimento al calcolo delle
incertezze
Spiega alcune nozioni di teoria degli errori
Metodologia
Lezione frontale
Apprende gli scopi della fisica
Discussione guidata
Riferisce le sue esperienze
Lavoro di gruppo
guidato
Utilizza la notazione scientifica
Leggi fisiche e
metodo
sperimentale; le
equivalenze e la
notazione
scientifica; relazioni
di proporzionalità.
Aula / laboratorio
Illustra come si rappresentano le leggi fisiche
Imposta con gli alunni l’esperienza
dell’allungamento di una molla
Descrive le modalità di stesura di una
relazione scientifica
Fornisce lo schema per lo svolgimento di una
relazione di laboratorio
Effettua semplici misure, raccoglie dati .
Didattica
laboratoriale
Calcola gli errori in misure dirette ed indirette
Ricerca -azione
Riconosce le caratteristiche degli strumenti di misura adoperati
Effettua misure di lunghezza e di tempo applicando la teoria
degli errori
Applica la teoria degli errori in semplici
esempi di misura
3
Prestazioni studenti
Lavoro di gruppo
guidato
Traduce una relazione tra due grandezze in una tabella
Rappresenta una tabella con un grafico
Didattica
laboratoriale
Sperimenta la legge di Hooke
Ricerca -azione
Costruisce un dinamometro
Scrive una relazione di laboratorio seguendo lo schema proposto
Elabora mappe concettuali
Modalità di accertamento delle abilità e delle conoscenze dell’UdA
Le verifiche formative in itinere saranno a scelta multipla-V/F- esercizi-grafici – risoluzione di semplici problemi
La verifica sommativa finale sarà oggettiva a scelta multipla unita a risoluzione di problemi riassuntivi sull’UdA
Torna su
UdA 2 – Forze ed equilibrio
Competenza/e
Competenze per assi culturali:
Osservare, descrivere ed analizzare fenomeni
appartenenti alla realtà naturale e artificiale e
riconoscere nelle sue varie forme i concetti di sistema e
di complessità
Competenze ulteriori declinate dal docente
Analizzare ed interpretare l’equilibrio meccanico tramite
collegamenti alla vita quotidiana a alla realtà tecnologica
Spiegare il funzionamento e dispositivi meccanici che
sfruttano le leggi di equilibrio dei solidi e dei liquidi
Torna su
Abilità
o Operare con le grandezze
vettoriali
o Comporre e scomporre le forze
applicate ad un sistema al fine
di analizzarne e interpretarne
l’equilibrio meccanico
o Calcolare la risultante di
sistemi di forze
o Calcolare l’equilibrio alla
traslazione
o Calcolare il momento risultante
o Stabilire se un corpo ruota o
non ruota
o Calcolare la pressione di un
fluido
o Prevedere il comportamento di
un solido immerso in un
liquido
Conoscenze
Disciplina di
riferimento
Discipline
concorrenti
 Concetto di forza, forza peso e
misura statica della forza
 Concetto di vettore e relative
operazioni
 Momento di una forza
 Condizioni per l’equilibrio
meccanico di un punto
materiale e di un corpo rigido
 Macchine semplici
 Le leve
 Concetto di pressione
 Legge di Pascal, Stevino,
Archimede
FISICA
CHIMICA
BIOLOGIA
DISEGNO
SCIENZE
APPLICATE
UdA 2 – Forze ed equilibrio
Progettazione Micro
Compito assegnato agli studenti
La classe è divisa in gruppi in cui viene individuato il capogruppo e coordinatore dei progetti da effettuare che ha inoltre il compito di interfacciare il gruppo con il docente e di verificare il
contributo di ogni singolo componente . Ogni allievo collabora attivamente alla realizzazione degli obiettivi preposti.
Processo di lavoro
n.
1
Titolo
Le forze e
l’equilibrio dei
solidi; le leve.
Contesto
Aula e laboratorio
Attività docente
Spiega le caratteristiche delle forze e i loro
effetti
Illustra il concetto di vettore applicandolo
alle relative operazioni tramite esperienze di
laboratorio
Metodologia
Didattica
laboratoriale,
problem solving,
cooperative
learning
Spiega come effettuare la risultante di più
forze e le condizioni per l’equilibrio di un
punto materiale e di un corpo rigido
Prestazioni studenti
Riconosce le differenze tra le varie tipologie di forze
Distingue una grandezza scalare da una vettoriale
Effettuar le varie operazioni di vettori e la scomposizione
Stabilisce se un punto materiale o un corpo rigido è in equilibrio
Trova il baricentro di semplici figure piane
Calcola il baricentro di una figura qualsiasi sperimentalmente
Effettua semplici applicazioni dell’equilibrio
meccanico tramite le leve
Spiega in laboratorio il calcolo del baricentro
di una figura omogenea qualsiasi
2
La pressione e
l’equilibrio dei
liquidi
Aula e laboratorio
Spiega il concetto di pressione
Applica il concetto di pressione ai liquidi
Illustra le leggi fisiche che caratterizzano
l’equilibrio meccanico dei fluidi
Didattica
laboratoriale,
problem solving,
cooperative
learning
Calcola la pressione esercitata da alcuni oggetti
Converte le più comuni unità di misura della pressione
Applica la legge di Stevino Pascal ed Archimede
Esegue semplici prove di laboratorio sul galleggiamento
Effettua semplici esperienze di laboratorio
sulle leggi di Pascal Stevino Archimede
Modalità di accertamento delle abilità e delle conoscenze dell’UdA
Le verifiche verranno realizzate con PROVE OGGETTIVE, INTERROGAZIONI, REDAZIONE ELABORATI DI GRUPPO
UdA 3 – Il moto e l’energia
Competenza/e
Competenze per assi culturali:
Analizzare qualitativamente e quantitativamente
fenomeni legati alle trasformazioni di energia a partire
dall’esperienza
Competenze ulteriori declinate dal docente
Analizzare qualitativamente e quantitativamente le
proprietà e l’evoluzione di sistemi dinamici e
termodinamici utilizzando il concetto di energia e le sue
proprietà
Torna su
Abilità
o Descrivere il moto dei corpi
utilizzando le grandezze
cinematiche e
rappresentandolo sia in forma
grafica che analitica
o Riconoscere i diversi tipi di
moto ricavandone le
caratteristiche a partire
dall’osservazione diretta o
dalla consultazione di dati,
grafici o tabelle
o Applicare le leggi della
dinamica al fine di ricavare
l’andamento delle grandezze
del moto di un corpo
o Analizzare i fenomeni
meccanici da un punto di vista
energetico interpretandone e/o
prevedendone l’evoluzione
Conoscenze
Disciplina di
riferimento
Discipline
concorrenti
 Concetto di sistema di
riferimento e grandezze
cinematiche
 I diversi tipi di rappresentazione
del moto
 Il moto uniforme ed il moto
uniformemente accelerato
FISICA
 Le leggi della dinamica
 Il concetto di energia, le sue
forme, le proprietà e le
trasformazioni
 La conservazione dell’energia
meccanica
 Processi dissipativi e
conservazione dell’energia
CHIMICA
BIOLOGIA
UdA 3 – Il moto e l’energia
Progettazione Micro
Compito assegnato agli studenti
La classe è divisa in gruppi in cui viene individuato il capogruppo e coordinatore dei progetti da effettuare che ha inoltre il compito di interfacciare il gruppo con il docente e di verificare il
contributo di ogni singolo componente . Ogni allievo collabora attivamente alla realizzazione degli obiettivi preposti.
Processo di lavoro
n.
Titolo
Contesto
Attività docente
1
La descrizione del
moto; sistemi di
riferimento; il moto
rettilineo uniforme;
il moto
uniformemente
accelerato; il moto
parabolico. Il moto
circolare.
Aula e laboratorio
Illustra e descrive il moto rettilineo uniforme
ed uniformemente accelerato tramite
esperienze di laboratorio
La dinamica: forze e
moto; lavoro e
potenza.
Aula e laboratorio
2
Illustra e descrive il moto circolare e
parabolico
Metodologia
Prestazioni studenti
Didattica
laboratoriale
Utilizza la legge oraria del moto rettilineo uniforme e del moto
uniformemente accelerato
Lavoro di gruppo
guidato
Ricava la legge oraria del moto da un grafico
Problem solving
Calcola la velocità angolare e tangenziale e l’accelerazione nel
moto circolare uniforme
Applica le leggi del moto parabolico
Illustra i principi della dinamica tramite
esempi tratti dalla vita quotidiana
Didattica
laboratoriale
Mostra in laboratorio alcune applicazioni dei
principi della dinamica
Lavoro di gruppo
guidato
Applica in esercizi e problemi i tre principi della dinamica
Problem solvi
3
L’energia; forme di
energia; l’energia
meccanica.
Aula e laboratorio
Spiega il concetto di lavoro e di energia nelle
varie forme e trasformazioni
Didattica
laboratoriale
Calcola il lavoro di una o più forze costanti
Illustra i principi di conservazione
dell’energia
Lavoro di gruppo
Applica il principio di conservazione dell’energia meccanica
distinguendo tra forze conservative e non conservatve
Ricerca-azione
Applica il teorema dell’energia cinetica in semplici problemi
Spiega quando l’energia non si conserva
tramite esempi della vita quotidiana
Modalità di accertamento delle abilità e delle conoscenze dell’UdA
Verifiche formative in itinere individuali e di gruppo orali e scritte
Relazioni di laboratorio-verifiche sommative a scelta multipla
Torna su
Materia di insegnamento: FISICA
Docente:
PROF. N. RIZZI
I.T.P. PROF. N. LOZITO
Attività di LABORATORIO
classe: 1C A.S. 2016 / 2017
Unità didattiche
1°
2°
3°
INTRODUZIONE ALLA FISICA.
LE FORZE E L’EQUILIBRIO
IL MOTO E L’ENERGIA
Attività

LAVORARE CON SICUREZZA;

MISURARE LUNGHEZZE, AREE, VOLUMI;

DENSITA’ DI SOLIDI E LIQUIDI;

IL PENDOLO;

ALLUNGAMENTO DI UNA MOLLA;

MISURE CON I DINAMOMETRI; PESO E MASSA;

IL PIANO INCLINATO;

L’ATTRITO;

LA SECONDA LEGGE DELLA STATICA;

LA LEGGE DI STEVINO; I VASI COMUNICANTI;

LA SPINTA DI ARCHIMEDE;

MOTO RETTILINEO UNIFORME;

LA CADUTA DEI GRAVI;
LE ATTIVITA’ SARANNO INTEGRATE DA FILMATI E/O ANIMAZIONI.
*Come da programmazione del docente di teoria
Periodo
Ore
*
14
*
12
*
6
Scarica

Fisica - IISS Caramia