San Giovanni in Persiceto
con il patrocinio di
Presidenza del Consiglio dei Ministri – Ministro per le Politiche Giovanili
Ministero per i Beni e le Attività Culturali
CROMO – GRAFIE
CRONACHE DALL’ADOLESCENZA
TEATRO - VIDEO - LETTERATURA
nell’ambito del network Connections/London National Theatre
PRIMA EDIZIONE
GIOVINEZZA E MITO
dedicato a Cesare Pavese nel centenario della nascita
BOLOGNA - SAN GIOVANNI IN PERSICETO
18 – 19 – 20 –21 Novembre 2008
Sala Borsa/Auditorium Enzo Biagi
Eti /Teatro Duse
Teatro Fanin di San Giovanni in Persiceto
ideazione e direzione
in collaborazione con
London National Theatre/Connections
Cooperativa Culturale Giannino Stoppani
Progetto Accendimoltifuochi –
A.U.S.L. Bologna /Servizio di neuropsichiatria dell’infanzia e dell’età evolutiva
CROMO - GRAFIE
CROMO – GRAFIE è la ricerca di uno spazio intercomunicante con l’adolescenza per conoscerne la ricchezza, spesso
percepita come un mondo lontano e clandestino di gerghi stravaganti. CROMO – GRAFIE è un teatro di linguaggi che
rendono visibile e comunicano questa dimensione umana, è un focus di drammaturgie, creazioni ed esperienze, messe
a confronto con una sensibilità storica e critica, attraverso il teatro, la letteratura e il video. L’adolescenza affiora come
condizione vissuta, dimenticata, ricordata, consapevole, abbandonata, nelle sue dimensioni esistenziali e sociali, come
emblema di un’identità contemporanea inquieta e in continua mutazione.
CROMO – GRAFIE è un festival CONNECTIONS
Ideato e lanciato quattordici anni fa dal London National Theatre, Connections è una rete nata per coinvolgere i
giovani in percorsi teatrali qualificati. Connections commissiona a drammaturghi di fama internazionale testi di
drammaturgia contemporanea, dove assoluti protagonisti sono i giovani, organizza a Londra, presso il National Theatre
un festival internazionale annuale mentre ci sono festivals gemelli in altre città europee. Il portfolio Connections conta più
di ottanta testi. Legarsi a Connections significa entrare in un precisa orbita europea, poter attingere al ricco portfolio di
testi già disponibili per una messa in scena o per attivare nuovi progetti per la creazione di drammaturgie inedite che
potranno eventualmente essere inserite nello stesso portfolio.
GLI SPETTACOLI
Teatro Eliseo
Noccioline-Peanuts
di Fausto Paravidino
Dalla penna di Fausto Paravidino, per molti "l’enfant prodige" del teatro italiano contemporaneo, nasce Noccioline,
commissionato dal London National Theatre per Connections, scritto quasi di getto all’indomani dei fatti del G8 di Genova, ora
messo in scena da uno tra gli attori-registi più apprezzati degli ultimi anni, Valerio Binasco, con una compagnia di attori giovani
ma esperti. Ventitré sequenze brevi come fumetti inquadrano una società: una schiera di adolescenti formato “peanuts” – il
mondo di Schultz cui i nomignoli dei personaggi e l’atmosfera linguistica rimandano – che all’improvviso passa dai giochi
infantili al confronto con il presente, nel segno del medesimo “senso del vuoto”. Nella prima parte li troviamo seduti su un
divano davanti a un enorme televisore, a consumare coca cola e cartoni animati, tra chiacchiere e dispetti. Sopratitoli
altisonanti, che con caustica ironia richiamano slogan socio-politici, preannunciano la svolta della seconda parte, in cui l’azione
è trasferita in una caserma. Divisi in carnefici e vittime, i ragazzi, cresciuti di dieci terribili anni, sperimentano un sistema di
torture da regime poliziesco in nome del potere. Tornare indietro è impossibile.
Teatro Reon
Perduto in una vigna
Valerio Binasco legge Cesare Pavese
a cura di Fulvio Ianneo
Un ragazzo vaga nel silenzio della vigna, nel fruscio del vento, tormentato dalle linee dell’orizzonte, dai raggi del sole che quasi
feriscono l’anima, un ragazzo assetato di futuro, che staglia la sua ombra sull’essere adulto come un rimorso, come qualcosa
con cui si deve sempre fare i conti, che scompone e ricompone l’uomo nella sua più profonda carnalità, tra voci, suoni, colori
del tempo. E’ il dramma di Pavese uomo che cerca di risolvere la sua solitudine senza perdere quel ragazzo che lo guarda
sempre a distanza. Un percorso poetico alla ricerca di verità laceranti e di bagliori che traccino luce intermittente su un ragazzo
intravisto nella vigna.
2
IL MEETING
I giornata: memoria e ispirazione
Fulvio Ianneo: “Avete detto sembro?” - presentazione
Mariarosa Masoero: Il ragazzo Pavese
Incontro con Valerio Binasco: Incontrare Pavese
Elisa Bordin: La voce di John Fante
Maurizio Cardillo: Legge John Fante
Fausto Paravidino: Note e contronote a “Peanuts”
II giornata: storie, esperienze e opere
Luca Scarlini: Il teatro salvato dai ragazzini - conferenza-spettacolo
Incursioni e visioni adolescenziali nel teatro europeo del 900.
Silvana Sola e altri: La linea d'ombra. Storie, racconti, adolescenze e letteratura per ragazzi,
a cura di Giannino Stoppani Cooperativa Culturale, Accademia Drosselmeier
Sara Martignoni - Teatro Litta Milano: CONNECTIONS /Italia
Marilisa Martelli, Elena Battisti, Anna Bergonzini, Franco Quintano, Progetto Accendi Molti Fuochi - A.U.S.L Bologna,
DSM, Area Neuropsichiatria dell’infanzia e dell’Adolescenza
Fulvio Ianneo - Teatri dell’adolescenza-ospitalità, produzioni e scambi fra gioventù differenti
Letizia Quintavalla / Amref Malkia- venti regine africane portano in scena “Il cerchio di gesso” di Bertold Brecht
Emanuele Valenti - Alessandro Argnani – Teatro delle Albe
La non-scuola del Teatro delle Albe da Ravenna a Scampia,
da Arrevuoto a Punta Corsara
Anu Pennann Il progetto Tallin /Estonia 2005-2007
LA SEZIONE VIDEO
Sõprus - Дружба (Amicizia) di Anu Pennanen, giovane video artista finlandese, si svolge a Tallinn, capitale
dell'Estonia, e traccia il ritratto di un gruppo di nove adolescenti russi, in una città lacerata tra l’eredità della
dominazione sovietica e gli eccessi dell’economia liberale.
Malkia- strega cattiva- il laboratorio e lo spettacolo Il cerchio di gesso , riprese a cura dei ragazzi.
John Fante – La voce amabile documentario su John Fante, a cura di Giovanna di Lello
Connections – L’esperienza del Teatro Litta di Milano
LETTURE / APERITIVO
Autoscatti dall’adolescenza:
clips di lettura scelte fra la più innovativa e interessante produzione letteraria
Nell’ambito del Festival vengono proposte delle clips brevi di romanzi e racconti presso la Galleria PIV Arte dove si potranno vedere
i video nonché incontrarsi e condividere un aperitivo gentilmente offerto.
La lettura/spettacolo è una forma di lettura ad alta voce che Teatro Reon porta avanti da molto tempo nelle Scuole e nelle
Biblioteche ed è un efficace strumento di promozione della lettura . Le letture spettacolo sono tratte da romanzi, selezionati fra la
migliore produzione letteraria degli ultimi anni rivolta alle giovani generazioni, che centrano l’attenzione sul mondo dell’adolescenza
e scelgono come protagonisti i ragazzi, i loro sentimenti, le loro relazioni. Ogni lettura-spettacolo propone l’opera letteraria scelta in
una struttura drammaturgica coinvolgente e ha un impianto sonoro (colonna sonora) e visivo di grande suggestione.
Questa sezione del programma, a ingresso gratuito, ha il patrocinio dell’Istituto Scolastico Regionale.
3
IL LABORATORIO - CONFERENZA SPETTACOLO
Il teatro salvato dai ragazzini
A cura di Luca Scarlini
I bambini, come i giovanissimi hanno spesso giocato un ruolo sorprendente nel mondo dell’avanguardia teatrale, liberando
fantasie e permettendo sperimentazioni inedite. Ogni avanguardia del Novecento, nel suo connettersi ad una utopia (anche
politica) di esistenza, ha scelto come territorio del proprio operare anche quello dell’infanzia, tra miti del bambino come
antidoto ai mali dell’uomo, possibili intenti pedagogici e continuo azzardo verso un pubblico che vanificava il concetto stesso di
sala teatrale come luogo di intrattenimento votato alla rappresentanza sociale. Non per caso Bertold Brecht, massimo
riformatore dell’idea di rappresentazione nel Novecento, ha realizzato in un intenso anno di lavoro, nel 1930, una pièce per
giovani interpreti dal doppio finale, Il consenziente e Il dissenziente, lavorando con allievi da otto a sedici anni di varie scuole a
Berlino e dintorni. Esiste di questa avventura, un diario che è composto dalle osservazioni, spesso acute, dei giovanissimi
partecipanti che sarà rievocato attraverso un breve e intenso laboratorio con un gruppo di giovanissimi interpreti. Luca Scarlini
condurrà, su questo testo, un laboratorio di due giorni con alcuni ragazzi di Bologna e San Giovanni, finalizzato alla
realizzazione della conferenza spettacolo in calendario per il 20 novembre
LABORATORIO CONNECTIONS
a San Giovanni in Persiceto – da ottobre a febbraio
a Molinella Istituto Fioravanti
a cura di Fulvio Ianneo
A San Giovani in Persiceto è attivo un laboratorio extrascolastico, proposto come campo di sperimentazione espressiva
a giovani adolescenti e pre-adolescenti a partire dall’adozione di un testo del repertorio Connections. L’intervento è
rivolto ai giovani del Comune di San Giovanni in Persiceto e Comuni afferenti e avrà la durata di alcuni mesi. Il secondo
laboratorio, realizzato in collaborazione con il progetto Accendimoltifuochi-AUSL/ Bologna, è rivolto al biennio dell’Istituto
Professionale “Fioravanti” di Molinella ed è attivo già dallo scorso anno.
LUOGHI
Teatro Duse - Via Cartoleria, Bologna
Teatro Fanin - San Giovanni in Persiceto
Sala Borsa/ Auditorium Enzo Biagi - Piazza Maggiore - Bologna
Piv Arte -Via Azzogardino- Bologna
Contatti
Teatro Reon
051 520934
Yeni Rizzuti - segreteria e rapporti con le scuole
3929186793
Anna Amadori – coordinamento
3315950467
4
18 novembre
Bologna
PIV Galleria d’arte
ore 17,30
Inaugurazione del Festival /Aperitivo
Apertura della sezione video
Teatro Duse
Ore 21
Peanuts /Noccioline
di Fausto Paravidino
San Giovanni in Persiceto
Teatro Fanin
Valerio Binasco legge Cesare Pavese
19 novembre
Bologna
ore 14,30
Auditorium Enzo Biagi /Sala Borsa
Meeting
Memorie e Ispirazioni
Piv Arte
ore 18,15-19,45
aperitivo/ lettura
Autoscatti dall’adolescenza
e proiezioni video
Teatro Duse
ore 21
Valerio Binasco legge Cesare Pavese
San Giovanni in Persiceto
Teatro Fanin
ore 21
Peanuts /Noccioline
di Fausto Paravidino
5
20 novembre
Bologna
Auditorium Enzo Biagi /Sala Borsa
ore 14,30
Meeting
Storie esperienze e opere
Piv Arte
ore 18,15-19,45
aperitivo/ lettura
Autoscatti dall’adolescenza
e proiezioni video
21 novembre
San Giovanni in Persiceto
Sala dell’Affresco
orario da definire
aperitivo/ lettura
Autoscatti dall’adolescenza
e proiezioni video
Focus su
Malkia e Amref progetto “Children in need”
in collaborazione con Associazione donne del mondo
6
Scarica

Nell`ambito del Festival vengono proposte delle clips brevi di