TITOLO:
SPIES RIRS by STORZ: UNA NUOVA ARMA A DISPOSIZIONE DELL’ENDOUROLOGO
AUTORI: G. GIUSTI; S. PROIETTI, R. PESCHECHERA, G. SORTINO, G. TAVERNA
INTRODUZIONE
La diagnosi dei tumori uroteliali dell’ alta via escretrice, attraverso l’ ureterorenoscopia flessibile, è precisa ed affidabile
nella gran parte dei casi se la neoformazione è esofitica. Più bassa invece è la detection rate in caso di lesioni piatte
(CIS). Recentemente, con le medesime finalità del NBI, ma volendo fornire uno strumento più evoluto e versatile, Karl
Storz ha ideato un nuovo sistema di video enhancement chiamato SPIES (Storz Professional Image Enhancement
System) con lo scopo di enfatizzare i dettagli anatomici e meglio evidenziare l’ architettura vascolare dei tessuti
attraverso 5 diverse modalità di enhancement, 3 con luce bianca (Clara, Chroma, Clara+Chroma)e 2 ottenute per
transizione cromatica (Spectra A e B).
.
Scopo di tale video è quello di mostrare in anteprima le potenzialità di tale innovativo sistema video.
MATERIALI E METODI
E’ stata effettuata una ureterorenoscopia flessibile diagnostica con prototipo Flex-XC Storz con modalità SPIES in un
paziente di 65 anni con citologie urinarie selettive positive dell’ asse escretore dx e URO-TC e cistoscopia negativa.
Vengono dimostrate in sequenza tutte le 5 diverse modalità di enhancement. La modalità CLARA fornisce una
illuminazione omogenea di tutto il campo operatorio eliminando aree di ombra. L’opzione CHROMA migliora i
contrasti presenti tra le strutture enfatizzando il dettaglio delle strutture vascolari sempre usando luce bianca. Inoltre
CLARA+CHROMA possono essere utilizzate simultaneamente offrendo insieme i vantaggi di entrambe le modalità.
Le modalità SPECTRA sono ottenute per transizione cromatica. La modalità SPECTRA A, è ottenuta rimuovendo la
componente rossa del tradizionale spettro luminoso. Grazie alla medio-bassa profondità di penetrazione del verde e del
blu, questa modalità sottolinea il contrasto tra capillari e vasi della mucosa e sottomucosa. Lo SPECTRA B si ottiene
restituendo un 15% di luce rossa a SPECTRA A ed è caratterizzata dalla riduzione della diffusa riflessione dello spettro
del rosso; questo garantisce di evidenziare i vasi della mucosa e della sottomucosa, senza perdere però le informazioni
degli strati più profondi che sono visibili solo con il rosso.
DISCUSSIONE
La tecnologia SPIES crea un potenziamento dell’immagine attraverso un software dei sistemi video HD. In questo
modo è possibile migliorare le performance diagnostiche ed operative. Da sottolineare inoltre un altro vantaggio di
SPIES: al contrario di NBI non necessita di filtri ottici particolari né di fonti di luce ad hoc ma è il software stesso con
cui d’ora in avanti saranno supportate tutte le nuove telecamere HD di KS ad elaborare le immagini in luce bianca. Tale
metodica, pur sembrando assai promettente, è una metodica nuova nell’ambito del TCC dell’alta via escretrice, e
pertanto sono necessari studi prospettici che possano corroborare l’iniziale impressione positiva.
CONCLUSIONI
Lo SPIES sembra rappresentare un ulteriore valido supporto tecnologico per la diagnosi ed il trattamento endoscopico
del TCC dell’alto apparato urinario.
Scarica

TITOLO: SPIES RIRS by STORZ: UNA NUOVA ARMA A