Gli acidi grassi essenziali
Copyright by THEA 2005
Attorno al termine "acidi grassi essenziali" (EFA, essential fatty acids) c'è molta
confusione. Infatti l'aggettivo essenziale può essere interpretato in due modi diversi:
 esteso - ciò che è essenziale per la vita del soggetto;
 ristretto - ciò che si deve necessariamente assumere dall'alimentazione perché il nostro
corpo non è in grado di produrlo.
Se si considerano due classi di acidi grassi polinsaturi, gli omega 3 e gli omega 6 (otto in
tutto) ci si può riferire a loro come acidi grassi essenziali, nel senso esteso del termine. Il
numero dopo la parola omega indica quanti atomi di carbonio ci sono a partire dall'ultimo
atomo di carbonio (che è per questo denominato carbonio omega, l'ultima lettera dell'alfabeto
greco) fino ad arrivare al primo doppio legame.
I grassi omega sono fondamentali, fra l'altro, per:
- la crescita
- la produzione di energia
- la salute della membrana cellulare e di quella mitocondriale (per esempio aumento della
sintesi proteica dei mitocondri epatici e rigenerazione del parenchima epatico)
- la sintesi dell'emoglobina, la coagulazione e la fragilità capillare
- la funzione sessuale e la riproduzione; alcune patologie mammarie e alterazioni del ciclo
mestruale derivano da un'eccessiva assunzione di acidi saturi in rapporto agli omega 3/omega
6.
- alcune patologie della pelle (eczema atopico e dermatiti)
- una miglior tolleranza ai carboidrati nei diabetici
- una riduzione (gli omega 3) di colesterolo totale e di quello cattivo (LDL) e dei trigliceridi
- come precursori delle prostaglandine.
In senso ristretto (che è anche quello più corretto, tant'è che gli EFA vengono anche chiamati
vitamina F) due soli sono gli acidi omega essenziali, cioè non sintetizzabili dal corpo umano:
l'acido alfalinolenico (omega 3) e l'acido linoleico (omega 6).
Gli omega 3 sono contenuti soprattutto nei grassi del pesce (salmone, sgombri, acciughe
ecc.) e nell'olio di pesce. Da ricordare fra gli essenziali l'acido alfalinolenico (contenuto nelle
noci e negli oli di soia, di mais); l'acido eicosapentanoico (EPA) e l'acido docosaesanoico
(DHA, fondamentale per la composizione dei lipidi del cervello e dei fosfolipidi delle membrane
sinaptiche implicate nella trasmissione dell'impulso nervoso).
Gli omega 6 sono contenuti soprattutto negli oli vegetali (oli di girasole e di mais che però
non devono essere cotti), ma anche in cibi proteici, nelle verdure e nei cereali. Da ricordare
l'acido linoleico (è contenuto in noci, cereali, olio di mais e di girasole, legumi); da esso deriva
l'acido gammalinolenico, GLA, utile nella riduzione del colesterolo, contro l'artrite reumatoide,
la neuropatia diabetica e l'eczema.
Scarica

Gli acidi grassi essenziali