Una delle regole fondamentali per il discernimento degli spiriti
potrebbe essere dunque la seguente: dove manca la gioia, dove
l'umorismo muore, qui non c'è nemmeno lo Spirito Santo, lo Spirito di
Gesù Cristo. E viceversa: la gioia è un segno della grazia. Chi è
profondamente sereno, chi ha sofferto senza per questo perdere la
gioia, costui non è lontano dal Dio del vangelo, dallo Spirito di Dio,
che è lo Spirito della gioia eterna.
(Benedetto XVI, Il Dio di Gesù Cristo)
n°5 – 14 dicembre 2012
Movimento Eucaristico Giovanile – via San Saba,17 – 00153 Roma – Tel. e Fax 06.64580148
e-mail [email protected] - indirizzo internet www.meg-italia.it
AVVENTO-NATALE
Tempo di gioia, tempo dello Spirito
2
INDICE
PRESENTAZIONE
pag. 3
A CURA DEL CENTRO NAZIONALE MEG
EDITORIALE
pag. 4
pag. 6
LA TRINITÀ SOPRA LA PAGLIA
(di Mansueto Bianchi)
BIBLIOGRAFIA
HANNO DETTO…
pag. 7
DOV’È LA RISPOSTA?
COLLAGE DI ATTIVITÀ
pag. 12
ALCUNE IDEE DI ATTIVITÀ PER IL NATALE
SULLE ORME DI IGNAZIO
pag. 17
CONTEMPLANDO IL PRESEPE, GESÙ NASCE NELLA
NOSTRA VITA
MEGResponsabili n° 5 – 14 dicembre 2012
Movimento Eucaristico Giovanile – via San Saba,17 – 00153 Roma – Tel. e Fax 06.64580148
e-mail [email protected] - indirizzo internet www.meg-italia.it
AVVENTO-NATALE
Tempo di gioia, tempo dello Spirito
3
PRESENTAZIONEE
L'ultima parola non appartiene
all'interesse, al conflitto e alla dura
lotta per la vita, ma alla tenerezza,
alla gratuità, al gioco, al volersi
bene. In questo senso, il Bambino
messo tra i bue e l'asino nel
presepe non è solo l'inizio della
vita, ma ne è il simbolo e la
pienezza.
(Leonardo Boff)
Care e cari Responsabili,
questo numero costituisce, già da alcuni anni, un piccolo dossier di testi e attività sul Natale,
senza una stretta aderenza al tema dell’anno. Tuttavia, ci piace in queste poche righe
rintracciare il nesso che lega il tempo di Avvento-Natale al discernimento.
Fra i numerosi simboli di cui nel tempo si è arricchito il Natale c’è, appunto la “luce”. Luce sugli
alberi di Natale, stelle luminose, candele accese…. Esse ci aiutano a comprendere in modo
immediato il mistero di questo evento centrale per noi cristiani e a coglierne il suo più intimo
significato spirituale. In queste ultime settimane la liturgia accompagna il nostro cammino
interiore chiamandoci ripetutamente ad accogliere il Signore, riconoscendolo nel povero
neonato che giace in una mangiatoia. Siamo invitati, usando una similitudine, a vedere luce
dove apparentemente c’è oscurità, a riconoscere nell’ombra l’inizio di un chiarore che
splenderà per sempre sulle nostre vite.
Il tempo del Natale, infatti, corrisponde con quei giorni dell’anno nei quali il sole termina la sua
fase discendente. Da qui in poi, nel nostro emisfero, aumenteranno gradualmente le ore di
luce… Piano piano il buio sarà superato dal chiarore, le tenebre dovranno indietreggiare…. È
un simbolo che riconduce alla dimensione che ciascuno di noi vive nella sua interiorità:
l’apparentemente interminabile lotta fra il bene e il male, fra la vita e la morte. Questo è un
ambito molto caro a chi, come noi quest’anno, ha scelto di percorrere la via del discernimento.
Il Natale ci parla della definitiva affermazione dell’amore di Dio sul peccato e sulla morte e ci
mostra che il Dio-bambino è stella luminosa per la nostra vita, garanzia che nel nostro
impegno nel giudicare ciò che è giusto e ciò che non lo è, agli occhi di Dio, non siamo lasciati
da soli. Gesù ci ha preceduto, ha preparato la strada e su quella strada cammina accanto a
noi.
Buon cammino fino al Natale!
IL CENTRO NAZIONALE MEG
MEGResponsabili n° 5 – 14 dicembre 2012
Movimento Eucaristico Giovanile – via San Saba,17 – 00153 Roma – Tel. 06.64580149 – Fax 06.64580148
e-mail [email protected] - indirizzo internet www.meg-italia.it
AVVENTO-NATALE
4
Tempo di gioia, tempo dello Spirito
EDITORIALE
LA TRINITÀ SOPRA LA PAGLIA ,
Diede alla luce il suo figlio primogenito,
lo avvolse in fasce
e lo depose in una mangiatoia
(Lc 2,7)
’è un’immagine che occupa il cuore di
questa notte e colma di sé la mente e
l’anima di ciascuno: è il bambino avvolto in
poveri panni e deposto sopra la paglia.
L’immagine, suggerita dall’evangelista Luca, fu
colta e riproposta da San Francesco nel primo
presepe vivente di Greccio, così è entrata nei
nostri presepi, costituendone il centro ed il
senso. Un bambino sulla paglia.
Dinanzi a questa immagine ancora sostiamo:
dopo 2000 anni di cammino nella storia, carichi
di fatica e di speranza, feriti ma insieme protesi
al domani, come è proprio ai pellegrini del
tempo, stanotte ancora sostiamo dinanzi alla
grotta e guardiamo il Bambino sulla paglia.
Il suo silenzio, la sua piccolezza inerme
bussano alla porta della nostra vita e ci
chiedono risposte.
Attorno a noi ancora la cronaca di questi giorni
ha fatto affiorare le sue risposte ed i suoi
giudizi.
C
Chi è questo Bambino sulla paglia?
Per alcuni questo Bambino sulla paglia è
occasione e simbolo di divisione tra razze e
religioni diverse, immagine che deve essere
rimossa dai momenti e dai luoghi di formazione
del cittadino, insidia o inficiamento alla laicità
dello Stato.
Per altri ha valenza storica come testimonianza
delle nostre radici, elemento d’intreccio della
nostra cultura e della nostra civiltà.
Per altri ancora è un simbolo etico, sorgente di
valori e di comportamenti che possono dare
norma e stile al vivere personale e sociale.
Infine per molta gente il Bambino sulla paglia è
soprattutto fremito emotivo, commozione
religiosa di un giorno e di un’ora dentro la linea
piatta di una vita vissuta “come se Dio non ci
fosse”.
Torna perciò potente ed insistente la domanda
dinanzi al silenzio inerme del presepe: ma chi è
questo Bambino sulla paglia? Cosa siamo
venuti a fare, perché, o meglio, per chi ci siamo
raccolti in questa notte santa?
Ci risponde la voce profetica con il testo di
Isaia: “un bambino è nato per noi, un figlio ci è
stato donato; il suo nome è Consigliere
ammirabile, Dio potente, Padre per sempre,
Principe della pace”.
Ci risponde anche la voce apostolica attraverso
il testo di Paolo: “Carissimo, è apparsa la grazia
di Dio, apportatrice di salvezza per tutti gli
uomini”.
Un amore smisurato
Infine è il Vangelo stesso che, attraverso la
voce degli angeli, dà coronamento e
compimento alla risposta: “Vi annunzio una
grande gioia che è per tutto il popolo: oggi nella
città di David è nato per voi il Salvatore che è il
Cristo Signore”.
Ecco chi è il Bambino sulla paglia: è il Dio
fratello, è l’Emmanuele, il Dio-con-noi, è la
gloria della Trinità fatta mendica dentro la
storia, avvolta nel mantello lacero della nostra
umanità. Questo è Betlemme, questo è Natale:
la Trinità sopra la paglia: sulla paglia della
nostra umanità, sulla paglia della Chiesa, sulla
paglia della mia vita.
Ecco perché stanotte abbiamo come sospeso
l’ordinaria trafila dei nostri orari e delle nostre
vicende, abbiamo come raccolto i nostri
percorsi, preso in mano la nostra vita e
l’abbiamo portata qui, dinanzi al Bambino sopra
la paglia.
Non siamo venuti attorno ad un simbolo di
divisione, attorno ad una pallida memoria
storica, attorno ad un galateo etico, attorno ad
un fremito emozionale; siamo venuti, abbiamo
portato la nostra vita a contemplare la Trinità
sopra la paglia.
E qui misuriamo, quasi con sgomento,
l’abissalità dell’amore che ha consumato la
MEGResponsabili n° 5 – 14 dicembre 2012
Movimento Eucaristico Giovanile – via San Saba,17 – 00153 Roma – Tel. 06.64580149 – Fax 06.64580148
e-mail [email protected] - indirizzo internet www.meg-italia.it
AVVENTO-NATALE
5
Tempo di gioia, tempo dello Spirito
distanza tra Creatore e creatura, ha bruciato la
repulsione tra santità e peccato ed ha portato
Dio ad abbracciare la nostra umanità, sino a
farla Sua, ad entrare per puro gesto di amore
dentro la fragilità del nostro divenire, del nostro
patire, del nostro morire. Fissiamola qui
stanotte la nostra vita, lasciamola per un attimo
senza difesa e senza distrazione, dinanzi a
questo Bambino, dinanzi a questa Trinità sopra
la paglia. Lasciamo che le nostre vite
frastornate, smarrite, sciupate ascoltino questo
silenzio, guardino il Bambino e la paglia e si
sentano avvolte in un abbraccio che non le
lascerà più, si scoprano finalmente e
semplicemente amate, senza misura amate.
Così come sono: proprio perché povere, proprio
perché frastornate, proprio perché vita sciupate.
E’ da questo Bambino sulla paglia, è da questo
Dio che ti sa amare così come sei, senza nulla
attendere, senza nulla chiederti se non di
lasciarti amare, che può nascere una vita
diversa, puoi nascere tu come primavera
inattesa, può nascere una città ed una civiltà
che abbia finalmente la gioia di essere umana.
Ed io con voi, fratelli, guardo quella paglia su
cui il Bambino giace e con Lui la Trinità, guardo
quella paglia che è il luogo di Dio, la casa di Dio
nella storia. E riconosco in essa il simbolo e la
metafora di come Lui continua ad essere
presente tra di noi: davvero Betlemme, il
presepe, non è solo rappresentazione degli
inizi, è figura di ogni tempo, è immagine di
come oggi Egli continui la Sua presenza tra noi,
il Suo cammino con noi.
La “paglia” della nostra umanità
Ancora oggi dunque è la Trinità sopra la paglia.
Sulla paglia della nostra umanità; penso alla
tensioni ed alle contraddizioni di questo nostro
tempo, penso all’atrocità delle guerre, delle
violenze, penso all’ingiustizia strutturale e
strutturante i rapporti tra nord e sud del mondo,
penso alla carovana inarrestabile e dolente dei
profughi, dei rifugiati, dei clandestini, penso al
dolore innocente dell’infanzia violata nel diritto
all’amore, al cibo, alla salute, alla cultura, al
EDITORIALE
futuro, penso alle violenze contro la vita dal suo
concepimento al suo naturale tramonto. È
questa la paglia di un presepe sconsolato ed
immutato anche in questo Natale, nel quale Dio
torna a nascere ed a gemere.
Penso alla paglia della Chiesa: quando essa
trasmette un’immagine di sé fatta di potenza e
di ricchezza, quando appare tanto lontana ed
insensibile rispetto alla vita ed ai problemi della
gente, quando non riesce più a parlare al cuore
delle persone, a dare conforto, speranza,
coraggio a chi è ferito nell’anima. Penso alla
paglia della Chiesa quand’essa opacizza ed
intorbida l’acqua chiara di Dio, di questa notte,
di questo presepe.
E penso alla paglia della mia vita, della vita di
ciascuno di noi: le nostre lontananze dal
Vangelo,
l’evanescenza
della
fede,
l’individualismo crescente con l’inevitabile
corteggio dell’indifferenza e della competizione
scalmanata, il silenzio amaro nelle famiglie
quando l’amore si spegne o vacilla, l’estinguersi
della gioia vanamente surrogata dalla baldoria e
dallo sballo.
Ecco la paglia su cui ancora giace il Bambino,
ecco il presepe del nostro tempo, ecco la Trinità
sopra la paglia in questo Natale.
Fratelli e sorelle, andiamo incontro a questo
Natale portando, come sempre, la paglia
dell’umanità, della Chiesa, della nostra vita, ma
lasciamo che essa sia raggiunta e colmata dalla
Sua presenza: diventerà un peccato perdonato,
una solitudine consolata, una debolezza che
trova ancora la forza di sperare.
Il Bambino sopra la nostra povera paglia rimane
ancora la bellezza e l’intatto stupore di questo
nostro nuovo Natale.
(Omelia di S.E. Mansueto Bianchi, Vescovo di
Volterra, per la notte di Natale 2004)
MEGResponsabili n° 5 – 14 dicembre 2012
Movimento Eucaristico Giovanile – via San Saba,17 – 00153 Roma – Tel. 06.64580149 – Fax 06.64580148
e-mail [email protected] - indirizzo internet www.meg-italia.it
AVVENTO-NATALE
Tempo di gioia, tempo dello Spirito
6
BIBLIOGRAFIA
PER LA RIFLESSIONE
 “Il silenzio” e la “piccolezza inerme” di Gesù bambino “bussano alla porta della nostra
vita e ci chiedono risposte”. Sento il Natale che bussa alla porta della mia vita? Come?
Quando? Dove? Ma soprattutto…. Qual è la mia risposta?
 In che cosa la mia vita può definirsi “frastornata, smarrita, sciupata”?
 Il Natale, l’incarnazione mi consegna il suo senso più profondo che è quello di essere
“avvolto in un abbraccio che non mi lascerà più”? Mi fa scoprire “finalmente e
semplicemente amato, senza misura amato”?.
BIBLIOGRAFIA
Un testo di approfondimento per Responsabili e pre-T

Ermes Ronchi, Natale, l’abbraccio di Dio, Paoline 2011
Il mistero del Natale ci insegna che l’essenza del cristianesimo non risiede nell’originalità della
dottrina, ma nella persona di Gesù, carne di Dio. In Gesù di Nazaret. La strada più breve e più
diritta tra l’uomo e Dio è la carne di Gesù, nel Natale in braccio alla madre. E proprio Maria,
come ben dimostra questo libro, dove le immagini più belle del Natale di tutta l’arte cristiana si
sposano in maniera suggestiva al commento di padre Ermes Ronchi, ci aiuta a capire il
significato di questo abbraccio. Come i Magi, noi moderni cercatori di Dio, nel Natale vediamo
solo un bambino avvolto da un abbraccio. La madre è l’abbraccio che fa vivere. Gesù vive per
l’amore di sua madre… Da questo abbraccio gli verrà, per sempre, insieme alla fede, la forza
per vivere. Ancora adesso Dio vive per il nostro amore, sta a noi aiutarlo a incarnarsi nelle
nostre case. Valorizzando il feriale, il carnale, l’umiltà di Dio, la compenetrazione di cielo e
terra, uomo e Dio abbracciati, che insieme operano, nella concretezza… Questo è il
messaggio straordinario del Natale, che questo libro recupera in pieno.

Gianfranco Ravasi, I vangeli del Natale, Ancora 2009
I vangeli dell'infanzia sono un ritratto luminoso del Cristo, tracciato già con i colori della
Pasqua. Monsignor Ravasi li rilegge, con un linguaggio semplice, in quattordici meditazioni
ricche di teologia e di spiritualità. Una piccola mappa - arricchita da riproduzioni d'arte - per
raggiungere il cuore del mistero dell'Incarnazione.
MEGResponsabili n° 5 – 14 dicembre 2012
Movimento Eucaristico Giovanile – via San Saba,17 – 00153 Roma – Tel. 06.64580149 – Fax 06.64580148
e-mail [email protected] - indirizzo internet www.meg-italia.it
AVVENTO-NATALE
Tempo di gioia, tempo dello Spirito
7
HANNO DETTO
SUL NATALE….
Presentiamo alcuni testi tratti da opere di letteratura, di filosofia, di spiritualità, ma anche da racconti popolari, canzoni…
che riguardano il tema trattato in questo numero. La proposta mira a rendere più completa l’esposizione dell’argomento e a
suggerire spunti e agganci per la programmazione delle riunioni.
I brani qui di seguito relativi al Natale sono pensati per le diverse fasce di età che sono comprese nelle
nostre comunità. Possono aiutare una riflessione sul tempo d’avvento, sulla dimensione dell’attesa, sul
senso che riusciamo –o non riusciamo- a dare ai gesti e ai riti che ogni anno si compiono nelle nostre
case… In particolare la canzone di Fiorella Mannoia può essere proposta come una “dichiarazione
d’intenti” di Dio e del suo amore per l’uomo talmente grande da fargli scegliere di mandare suo Figlio nel
mondo..
Non c'è figlio che non sia mio figlio
Né ferita di cui non sento il dolore
Non c'è terra che non sia la mia terra
E non c'è vita che non meriti amore
mi commuovono ancora i sorrisi
e le stelle nelle notti d'estate
i silenzi della gente che parte
e tutte queste strade.
Fa' che non sia soltanto mia
questa illusione
fa'che non sia una follia credere ancora nelle persone.
Luce, luce dei miei occhi dove sei finita
lascia che ti guardi dolce margherita
prendi la tua strada e cerca le parole
fa' che non si perda tutto questo amore,
tutto questo amore.
Non c'è voce che non sia la mia voce
Né ingiustizia di cui non porto l'offesa
Non c'è pace che non sia la mia pace
e non c'è guerra che non abbia una scusa.
Non c'è figlio che non sia mio figlio
né speranza di cui non sento il calore
non c'è rotta che non abbia una stella
e non c'è amore che non invochi amore.
Luce, luce dei miei occhi vestiti di seta
lascia che ti guardi,dolce margherita.
Prendi la tua strada e cerca le parole
fa' che non si perda tutto questo amore.
Luce, luce dei miei occhi dove sei finita
lascia che ti guardi, dolce margherita
prendi la tua strada e cerca le parole
fa' che non si perda tutto questo amore,
tutto questo amore.
(Fiorella Mannoia, Luce)
Ancora un poco e sarà già tempo di disfare il nostro presepe e di buttare via l'albero di Natale che
abbiamo messo su all'inizio dell'avvento.
Solo qualche patacca qua le là o qualche luccichio d'argento ci ricorderanno i giorni di festa trascorsi.
Ogni angioletto, ogni luce dorata so che li ritroverò intatti al prossimo Natale.
C'è una cosa che però rimarrà con me e non metterò nello scatolone...
Quando l'anno scorso misi via il presepe e i cinque angioletti, tenni l'ultimo tra le mie mani...
"Tu resti", gli dissi, "ho bisogno di un po' della gioia di Natale per tutto questo nuovo anno".
"Hai avuto fortuna!" mi rispose.
MEGResponsabili n° 5 – 14 dicembre 2012
Movimento Eucaristico Giovanile – via San Saba,17 – 00153 Roma – Tel. 06.64580149 – Fax 06.64580148
e-mail [email protected] - indirizzo internet www.meg-italia.it
AVVENTO-NATALE
Tempo di gioia, tempo dello Spirito
8
HANNO DETTO
"Come?" gli chiesi.
"Ehm, io sono l'unico angelo che può parlare...".
"È vero! Ma guarda un po'! Un angelo che parla? Non l'ho mai visto. Non può esistere!".
"Certo che può esistere. Succede soltanto quando qualcuno, dopo che il Natale è passato, vuole tenere
con sé un angioletto, non per errore, ma perché desidera rivivere un po' della gioia di Natale, come
succede adesso con te. Solo in questi casi noi angeli possiamo parlare. Ma capita abbastanza
raramente... A proposito, mi chiamo Enrico".
Da allora Enrico è sulla libreria nella mia stanza.
Nelle sue mani regge stranamente un cestino della spazzatura. Abitualmente sta in silenzio, fermo al suo
posto. Ma quando mi arrabbio per qualcosa, mi porge il suo cestino e mi dice: "Getta qua!".
Io getto dentro la mia rabbia. E la rabbia non c'è più. Qualche volta è un piccolo nervosismo, o un
stress, altre volte è una preoccupazione, a volte un bisogno, altre volte un dolore o una ferita che io da
solo non posso chiudere, né riparare...
Un giorno notai con più attenzione, che il cestino di Enrico era sempre vuoto.
Gli chiesi: "Scusa ma dove porti tutto quello che ci getto dentro?".
"Nel presepe", mi risponde.
"E c'è così tanto posto nel piccolo presepe?".
Enrico, sorrise.
"Stai attento: nel presepe c'è un bambino, che è ancora più piccolo dello stesso presepe. E il suo cuore è
ancora più piccolo. Le tue difficoltà, non le metto proprio nel presepe, ma nel cuore del bambino. Capisci
adesso?".
Stetti un po' a pensare.
"Questo che mi dici è veramente complicato da comprendere. Ma, nonostante ciò, sento che mi fa felice.
Strano, vero?".
Enrico, aggrottò la fronte e poi aggiunse: "Non è per niente strano, ma è la gioia del Natale. Capisci?".
Avrei voluto chiedere ad Enrico molte cose. Ma lui mise il suo dito sulla sua bocca: "Pssst", mi fece in
tono garbato. "Non parlare. Semplicemente, gioisci!".
(Angelo Saporiti, Commento sul Natale)
Anche quest'anno è andato tutto bene. Io ho avuto un paio di cravatte, un libro, l'ennesimo rasoio
elettrico. I bambini hanno cominciato a giocare sul tappeto con i loro attrezzi elettronici, mentre mia
moglie faceva girare gli aperitivi. A tavola, come al solito, abbiamo un po' litigato parlando di politica,
esattamente come ogni anno. La più grande delle mie nipoti, ha quasi diciott'anni ed è ribelle e
arrabbiata come lo ero io, vorrebbe un mondo in cui tutti fossimo in pace, senza poveri, senza esclusi.
Questa vita è ingiusta, ha detto, butta via la gente, la fa morire. Nessuno dovrebbe morire, ha gridato.
Per riportare un po' d'allegria a tavola, mio cognato ha raccontato come sempre due barzellette. Una era
la stessa dello scorso Natale, ma nessuno l'ha interrotto. Dopo il panettone e il caffè, ci siamo sistemati
sui divani per continuare a chiacchierare e bere un cognac. E dopo mezz'ora le parole sono iniziate a
mancare ed è scesa la malinconia che segue la festa, qualche bambino sbadigliava tra i fogli
accartocciati dei regali, e allora io ho acceso la televisione.
(Marco Lodoli, Natale)
Nel paradiso degli animali l'anima del somarello chiese all'anima del bue:- Ti ricordi per caso quella
notte, tanti anni fa, quando ci siamo trovati in una specie di capanna e là, nella mangiatoia...?
Lasciami pensare... Ma sì - rispose il bue. - Nella mangiatoia, se ben ricordo, c'era un bambino
appena nato.
- Bravo. E da allora sapresti immaginare quanti anni sono passati?
- Eh no, figurati. Con la memoria da bue che mi ritrovo.
- Millenovecentosettanta, esattamente.
- Accidenti!
- E a proposito, lo sai chi era quel bambino?
- Come faccio a saperlo? Era gente di passaggio, se non sbaglio. Certo, era un bellissimo
bambino.
L'asinello sussurrò qualche cosa in un orecchio al bue.
- Ma no! - fece costui - Sul serio? Vorrai scherzare spero.
- La verità. Lo giuro. Del resto io l'avevo capito subito...
MEGResponsabili n° 5 – 14 dicembre 2012
Movimento Eucaristico Giovanile – via San Saba,17 – 00153 Roma – Tel. 06.64580149 – Fax 06.64580148
e-mail [email protected] - indirizzo internet www.meg-italia.it
AVVENTO-NATALE
Tempo di gioia, tempo dello Spirito
9
HANNO DETTO
- Io no - confessò il bue - Si vede che tu sei più intelligente. A me non aveva neppure sfiorato il
sospetto. Benché, certo, a vedersi, era un fantolino straordinario.
- Bene, da allora gli uomini ogni hanno fanno grande festa per l'anniversario della nascita. Per
loro è la giornata più bella. Tu li vedessi. È il tempo della serenità, della dolcezza, del riposo
dell'animo, della pace, delle gioie famigliari, del volersi bene. Perfino i manigoldi diventano buoni
come agnelli. Lo chiamano Natale. Anzi, mi viene un'idea. Già che siamo in argomento, perché
non andiamo a dare un'occhiata?
- Dove?
- Giù sulla terra, no!
- Ci sei già stato?
- Ogni anno, o quasi, faccio una scappata. Ho un lasciapassare speciale. Te lo puoi fare dare
anche tu. Dopotutto, qualche piccola benemerenza possiamo vantarla, noi due.
- Per via di aver scaldato il bimbo col fiato?
- Su, vieni, se non vuoi perdere il meglio. Oggi è la Vigilia.
- E il lasciapassare per me?
- Ho un cugino all'ufficio passaporti.
Il lasciapassare fu concesso. Partirono. Lievi lievi, come mammiferi disincarnati. Planarono sulla terra,
adocchiarono un lume; vi puntarono sopra. Il lume era una grandissima città. Ed ecco il somarello e il
bue aggirarsi per le vie del centro. Trattandosi di spirito, automobili e tram gli passavano attraverso
senza danno, e alla loro volta le due bestie passavano attraverso i muri come se fossero fatti d'aria. Così
potevano vedere bene tutto quanto.
Era uno spettacolo impressionante, mille lumi, le vetrine, le ghirlande, gli abeti e lo sterminato ingorgo
di automobili, e il vertiginoso formicolio della gente che andava e veniva, entrava e usciva, tutti carichi
di pacchi e pacchetti, con un'espressione ansiosa e frenetica, come se fossero inseguiti. Il somarello
sembrava divertito. Il bue si guardava intorno con spavento.
- Senti, amico: mi avevi detto che mi portavi a vedere il Natale. Ma devi esserti sbagliato. Qui stanno
facendo la guerra.
- Ma non vedi come sono tutti contenti?
- Contenti? A me sembrano dei pazzi.
- Perché tu sei un provinciale, caro il mio bue. Tu non sei pratico degli uomini moderni, tutto qui. Per
sentirsi felici, hanno bisogno di rovinarsi i nervi.
- Per togliersi da quella confusione, il bue, valendosi della sua natura di spirito, fece una svolazzatine e
si fermò a curiosare a una finestra del decimo piano. E l'asinello, gentilmente, dietro.
Videro una stanza riccamente ammobiliata e nella stanza, seduta ad un tavolo, una signora molto
preoccupata.
Alla sua sinistra, sul tavolo, un cumulo alto mezzo metro di carte e cartoncini colorati, alla sua destra
una pila di cartoncini bianchi. Con l'evidente assillo di non perdere un minuto, la signora, sveltissima,
prendeva uno dei cartoncini colorati lo esaminava un istante poi consultava grossi volumi, subito
scriveva su uno dei cartoncini bianchi, lo infilava in una busta, scriveva qualcosa sulla busta, chiudeva
la busta quindi prendeva dal mucchio di destra un altro cartoncino e ricominciava la manovra. Quanto
tempo ci vorrà a smaltirlo? La sciagurata ansimava.
- La pagheranno, bene, immagino, - fece il bue - per un lavoro simile.
- Sei ingenuo, amico mio. Questa è una signora ricchissima e della migliore società.
- E allora perché si sta massacrando così?
- Non si massacra. Sta rispondendo ai biglietti di auguri.
- Auguri? E a che cosa servono?
- Niente. Zero. Ma chissà come, gli uomini ne hanno una mania.
- Si affacciarono, più in là, a un'altra finestra. Anche qui, gente che, trafelava, scriveva biglietti su
biglietti, la fronte imperlata di sudore.
- Dovunque le bestie guardassero, ecco uomini e donne fare pacchi, preparare buste, correre al
telefono, spostarsi fulmineamente da una stanza all'altra portando spaghi, nastri, carte, pendagli e
intanto entravano giovani inservienti con la faccia devastata portando altri pacchi, altri scatole altri
fiori altri mucchi di auguri. E tutto era precipitazione ansia fastidio confusione e una terribile fatica.
Dappertutto lo stesso spettacolo. Andare e venire, comprare e impaccare spedire e ricevere imballare
e sballare chiamare e rispondere e tutti correvano tutti ansimavano con il terrore di non fare in tempo
e qualcuno crollava boccheggiando.
- Mi avevi detto - osservò il bue - che era la festa della serenità, della pace.
-
MEGResponsabili n° 5 – 14 dicembre 2012
Movimento Eucaristico Giovanile – via San Saba,17 – 00153 Roma – Tel. 06.64580149 – Fax 06.64580148
e-mail [email protected] - indirizzo internet www.meg-italia.it
AVVENTO-NATALE
Tempo di gioia, tempo dello Spirito
-
-
10
HANNO DETTO
Già - rispose l'asinello. - Una volta infatti era così. Ma, cosa vuoi, da qualche anno, sarà questione
della società dei consumi... Li ha morsi una misteriosa tarantola. Ascoltali, ascoltali.
Il bue tese le orecchie.
Per le strade nei negozi negli uffici nelle fabbriche uomini e donne parlavano fitto fitto scambiandosi
come automi delle monotone formule buon Natale auguri auguri a lei grazie altrettanto auguri buon
Natale. Un brusio che riempiva la città.
Ma ci credono? - chiese il bue - Lo dicono sul serio? Vogliono davvero tanto bene al prossimo?
L'asinello tacque.
E se ci ritirassimo un poco in disparte? - suggerì il bovino. - Ho ormai la testa che è un pallone... Sei
proprio sicuro che non sono usciti tutti matti?
No, no. È semplicemente Natale.
Ce n'è troppo, allora. Ti ricordi quella notte a Betlemme, la capanna, i pastori, quel bel bambino. Era
freddo anche lì, eppure c'era una pace, una soddisfazione. Come era diverso.
E quelle zampogne lontane che si sentivano appena appena.
E sul tetto, ti ricordi, come un lieve svolazzamento. Chissà che uccelli erano.
Uccelli? Testone che non sei altro. Angeli erano.
E la stella? Non ti ricordi che razza di stella, proprio sopra la capanna? Chissà che non ci sia ancora.
Le stelle hanno una vita lunga.
Ho idea di no - disse l'asino - c'è poca aria di stelle, qui. Alzarono il muso a guardare, e infatti non si
vedeva niente, sulla città c'era un soffitto di caligine e di smog.
Dino Buzzati tratto dal suo "Milano nostra"
Era festa dovunque: in ogni chiesa, in ogni casa: intorno al ceppo, lassù; innanzi a un Presepe, laggiù;
noti volti tra ignoti riuniti in lieta cena; eran canti sacri, suoni di zampogne, gridi di fanciulli esultanti,
contese di giocatori...
E le vie delle città grandi e piccole, dei villaggi, dei borghi alpestri o marini, eran deserte nella rigida
notte. E mi pareva di andar frettoloso per quelle vie, da questa casa a quella, per godere della raccolta
festa degli altri; mi trattenevo un poco in ognuna, poi auguravo:
- Buon Natale - e sparivo...
Ero già entrato così, inavvertitamente, nel sonno e sognavo.
E nel sogno, per quelle vie deserte, mi parve a un tratto d'incontrar Gesù errante in quella stessa notte,
in cui il mondo per uso festeggia ancora il suo natale. Egli andava quasi furtivo, pallido, raccolto in sé,
con una mano chiusa sul mento e gli occhi profondi e chiari intenti nel vuoto: pareva pieno d'un
cordoglio intenso, in preda a una tristezza infinita.
Mi misi per la stessa via; ma a poco a poco l'immagine di lui m'attrasse così, da assorbirmi in sé; e allora
mi parve di far con lui una persona sola. A un certo punto però ebbi sgomento della leggerezza con cui
erravo per quelle vie, quasi sorvolando, e istintivamente m'arrestai. Subito allora Gesù si sdoppiò da me,
e proseguì da solo anche più leggero di prima, quasi una piuma spinta da un soffio; ed io, rimasto per
terra come una macchia nera, divenni la sua ombra e lo seguii.
Sparirono a un tratto le vie della città: Gesù, come un fantasma bianco splendente d'una luce interiore,
sorvolava su un'alta siepe di rovi, che s'allungava dritta infinitamente, in mezzo a una nera, sterminata
pianura. E dietro, su la siepe, egli si portava agevolmente me disteso per lungo quant'egli era alto, via
via tra le spine che mi trapungevano tutto, pur senza darmi uno strappo.
Dall'irta siepe saltai alla fine per poco su la morbida sabbia d'una stretta spiaggia: innanzi era il mare; e,
su le nere acque palpitanti, una via luminosa, che correva restringendosi fino a un punto nell'immenso
arco dell'orizzonte. Si mise Gesù per quella via tracciata dal riflesso lunare, e io dietro a lui, come un
barchetto nero tra i guizzi di luce su le acque gelide.
A un tratto, la luce interiore di Gesù si spense: traversavamo di nuovo le vie deserte d'una grande città.
Egli adesso a quando a quando sostava a origliare alle porte delle case più umili, ove il Natale, non per
sincera divozione, ma per manco di denari non dava pretesto a gozzoviglie.
- Non dormono... - mormorava Gesù, e sorprendendo alcune rauche parole d'odio e d'invidia pronunziate
nell'interno, si stringeva in sé come per acuto spasimo, e mentre l'impronta delle unghie restavagli sul
dorso delle pure mani intrecciate, gemeva: - Anche per costoro io son morto...
Andammo così, fermandoci di tanto in tanto, per un lungo tratto, finché Gesù innanzi a una chiesa,
rivolto a me, ch'ero la sua ombra per terra, non mi disse:
- Alzati, e accoglimi in te. Voglio entrare in questa chiesa e vedere.
Era una chiesa magnifica, un'immensa basilica a tre navate, ricca di splendidi marmi e d'oro alla volta,
piena d'una turba di fedeli intenti alla funzione, che si rappresentava su l'altar maggiore pomposamente
MEGResponsabili n° 5 – 14 dicembre 2012
Movimento Eucaristico Giovanile – via San Saba,17 – 00153 Roma – Tel. 06.64580149 – Fax 06.64580148
e-mail [email protected] - indirizzo internet www.meg-italia.it
AVVENTO-NATALE
Tempo di gioia, tempo dello Spirito
11
HANNO DETTO
parato, con gli officianti tra una nuvola d'incenso. Al caldo lume dei cento candelieri d'argento
splendevano a ogni gesto le brusche d'oro delle pianete tra la spuma dei preziosi merletti del mensale.
- E per costoro - disse Gesù entro di me - sarei contento, se per la prima volta io nascessi veramente
questa notte.
Uscimmo dalla chiesa, e Gesù, ritornato innanzi a me come prima posandomi una mano sul petto
riprese:
- Cerco un'anima, in cui rivivere. Tu vedi ch'ìo son morto per questo mondo, che pure ha il coraggio di
festeggiare ancora la notte della mia nascita. Non sarebbe forse troppo angusta per me l'anima tua, se
non fosse ingombra di tante cose, che dovresti buttar via. Otterresti da me cento volte quel che
perderai, seguendomi e abbandonando quel che falsamente stimi necessario a te e ai tuoi: questa città, i
tuoi sogni, i comodi con cui invano cerchi allettare il tuo stolto soffrire per il mondo... Cerco un'anima, in
cui rivivere: potrebbe esser la tua come quella d'ogn'altro di buona volontà.
- La città, Gesù? - io risposi sgomento. - E la casa e i miei cari e i miei sogni?
- Otterresti da me cento volte quel che perderai – ripeté Egli levando la mano dal mio petto e
guardandomi fisso con quegli occhi profondi e chiari.
- Ah! io non posso, Gesù... - feci, dopo un momento di perplessità, vergognoso e avvilito, lasciandomi
cader le braccia sulla persona.
Come se la mano, di cui sentivo in principio del sogno l'impressione sul mio capo inchinato, m'avesse
dato una forte spinta contro il duro legno del tavolino, mi destai in quella di balzo, stropicciandomi la
fronte indolenzita. E qui, è qui, Gesù, il mio tormento! Qui, senza requie e senza posa, debbo da mane a
sera rompermi la testa.
(Luigi Pirandello, Sogno di Natale)
MEGResponsabili n° 5 – 14 dicembre 2012
Movimento Eucaristico Giovanile – via San Saba,17 – 00153 Roma – Tel. 06.64580149 – Fax 06.64580148
e-mail [email protected] - indirizzo internet www.meg-italia.it
AVVENTO-NATALE
Tempo di gioia, tempo dello Spirito
12
COLLAGE DI ATTIVITÀ
Come ogni anno, nel tempo di Avvento-Natale non proponiamo nessuna
nuova attività per le branche, sostenendo fortemente l’idea che ogni comunità
si debba mettere a disposizione del proprio parroco e coinvolgersi
attivamente nelle iniziative delle propria parrocchia.
Qui di seguito, però, un breve dossier di esperienze degli anni passati per chi
avesse necessità di attingere qualche idea…
Uno schema semplice aiuta a portare l’attenzione su due figure importanti nel quadro della natività: i pastori
e i Magi. Mettiamoci di fronte a queste figure o, meglio ancora, proviamo ad identificarci con esse… In che
cosa assomigliamo loro? In che cosa ci sentiamo lontani da essi?
pastori
C’erano in quella regione
alcuni pastori che,
pernottando all’aperto,
vegliavano tutta la notte
facendo la guardia al loro
gregge.
Un angelo del Signore si
presentò a loro e la gloria
del Signore li avvolse di
luce. Essi furono presi da
grande timore, ma
l’angelo disse loro: «Non
temete: ecco, vi annuncio
una grande gioia, che
sarà di tutto il popolo:
oggi, nella città di
Davide, è nato per voi un
Salvatore, che è Cristo
Signore.
Questo per voi il segno:
troverete un bambino
avvolto in fasce, adagiato
in una mangiatoia».
magi
Nato Gesù a Betlemme
di Giudea, al tempo del
re Erode, ecco, alcuni
Magi vennero da oriente
a Gerusalemme e
dicevano: «Dov’è colui
che è nato, il re dei
Giudei?
Abbiamo visto spuntare
la sua stella e siamo
venuti ad adorarlo».
All’udire questo, il re
Erode restò turbato e con
lui tutta Gerusalemme.
Riuniti tutti i capi dei
sacerdoti e gli scribi del
popolo, si informava da
loro sul luogo in cui
doveva nascere il Cristo.
Gli risposero: «A
Betlemme di Giudea,
perché così è scritto per
mezzo del profeta: “E tu,
Betlemme, terra di
Giuda, non sei davvero
l’ultima delle città
principali di Giuda: da te
infatti uscirà un capo che
sarà il pastore del mio
popolo, Israele”».
sottolineatura
Dei “vicini”, ma non
interessati e dei “lontani”
alla ricerca, del nuovo re
dei giudei, disposti a
mettersi in gioco
I vicini preoccupati di altro
(il gregge da vegliare) ma
subito disponibili
Il messaggero è un angelo,
nella tradizione biblica; e
manifesta la gloria di Dio
(una stella nella cultura non
ebraica); la relazione è con
i potenti del tempo
Il timore è comune: nei
pastori e in Erode, e in
Gerusalemme
Al timore si contrappone
l’annuncio di una grande
gioia, da condividere: è
nato il Salvatore
Un segno umanissimo,
normale, comune a
qualsiasi altro figlio di
gente modesta
La parola di Dio - scrittura
riletta dalla comunità mette assieme il puzzle che
la stella aveva fornito agli
studiosi venuti da oriente
noi
MEGResponsabili n° 5 – 14 dicembre 2012
Movimento Eucaristico Giovanile – via San Saba,17 – 00153 Roma – Tel. 06.64580149 – Fax 06.64580148
e-mail [email protected] - indirizzo internet www.meg-italia.it
AVVENTO-NATALE
Tempo di gioia, tempo dello Spirito
13
COLLAGE DI ATTIVITÀ
E subito apparve con
l’angelo una moltitudine
dell’esercito celeste, che
lodava Dio e diceva:
«Gloria a Dio nel più alto
dei cieli e sulla terra pace
agli uomini, che egli
ama».
Allora Erode, chiamati
segretamente i Magi, si
fece dire da loro con
esattezza il tempo in cui
era apparsa la stella e li
inviò a Betlemme
dicendo: «Andate e
informatevi
accuratamente sul
bambino e, quando
l’avrete trovato, fatemelo
sapere, perché anch’io
venga ad adorarlo».
L’annuncio si allarga: la
gloria di Dio è cantata
dall’“esercito celeste” e la
notizia contenuta nella
Scrittura è messa in luce e
collegata al segno apparso
in cielo: si conosceva, ma
adesso è evidente a chi è
disponibile ad ascoltarla; lo
Spirito rende viva la Parola
Appena gli angeli si
furono allontanati da
loro, verso il cielo, i
pastori dicevano l’un
l’altro: «Andiamo
dunque fino a Betlemme,
vediamo questo
avvenimento che il
Signore ci ha fatto
conoscere». Andarono,
senza indugio,
e trovarono Maria e
Giuseppe e il bambino,
adagiato nella
mangiatoia.
E dopo averlo visto,
riferirono ciò che del
bambino era stato detto
loro. Tutti quelli che
udivano si stupirono
delle cose dette loro dai
pastori.
I pastori se ne tornarono,
glorificando e lodando
Dio per tutto quello che
avevano udito e visto,
com’era stato detto loro.
Udito il re, essi partirono.
Ed ecco, la stella, che
avevano visto spuntare, li
precedeva, finché giunse
e si fermò sopra il luogo
dove si trovava il
bambino. Al vedere la
stella, provarono una
gioia grandissima.
Si muovono gli uni e gli
altri: vanno verso Betlemme
Per attuare la prima
“epifania”: ai vicini, il
popolo eletto, anche se a
partire dai “lontani”: i
pastori; poi la seconda
epifania: ai non ebrei: i
magi
Entrati nella casa, videro
il bambino con Maria sua
madre, si prostrarono e lo
adorarono. Poi aprirono i
loro scrigni e gli
offrirono in dono oro,
incenso e mirra.
La ricerca porta al bambino
(con Maria e Giuseppe per i
pastori; solo con sua madre
per i Magi)
La tradizione parla dei doni
dei pastori che invece sono
chiaramente presentati dai
magi
Avvertiti in sogno di non
tornare da Erode, per
un’altra strada fecero
ritorno al loro paese.
Il ritorno è pieno di gioia e
di lode a Dio: ciò che
hanno visto, ma soprattutto
quanto hanno udito (anche
da testi sacri per i Magi)
diventa motivo di una nuova
scoperta: porta alla fede?
Nel senso simbolico gli uni
e gli altri sono segno della
fede del popolo eletto e di
tutti i popoli
Strade diverse, per persone diverse, con possibilità, interessi, preoccupazioni diverse… ma si può arrivare
alla stessa meta se non si è chiusi e interessati a ben altro (come, per esempio, Erode)
Magi: luoghi di origine – colore della pelle - diversi, età diverse (tutta l’umanità)
Noi giovani: alla ricerca/che diamo tutto per scontato; Interessati/distratti; coinvolti /assuefatti; persone di
gioia/noia; annunciatori/chiusi in noi stessi; quali doni portiamo/aspettiamo per questo Natale?
Nell’anno della fede, il Natale quale speciale significato assume per noi?
MEGResponsabili n° 5 – 14 dicembre 2012
Movimento Eucaristico Giovanile – via San Saba,17 – 00153 Roma – Tel. 06.64580149 – Fax 06.64580148
e-mail [email protected] - indirizzo internet www.meg-italia.it
AVVENTO-NATALE
14
Tempo di gioia, tempo dello Spirito
COLLAGE DI ATTIVITÀ
GIOCHI A SQUADRE. Ogni bambino deve avere il vangelo per la lettura, poi ciascuno autonomamente
risponde. I primi due giochi sono a tempo, al termine si controllano le risposte e si assegnano i punti. Il
terzo gioco si fa tutti insieme, prenotando la risposta, ma parla solo il caposquadra. Come ultimo gioco ogni
squadra deve cantare a turno una o più canzoni di Natale.
IL NATALE NEI VANGELI
In dieci minuti, leggi i brani del Vangelo che parlano del Natale
Capitoli 1 e 2 di Matteo
Luca capitolo 2 versetti 1-20
1. C’È O NON C’È… IL PRESEPIO DICE LA VERITÀ?
Le tradizionali figure presenti nel nostro presepio sono realmente menzionate nei vangeli?
Le squadre si consultano ad ogni personaggio presentato
1: asino e il bue
2: i tre re Magi
3: gli angeli
4: i pastori
5: la grotta
6: Giuseppe e Maria
7: l’albergatore che non li accetta
8: la cometa
9: le pecore
10: la mangiatoia
2. L’ALFABETO DEL NATALE
MEGResponsabili n° 5 – 14 dicembre 2012
Movimento Eucaristico Giovanile – via San Saba,17 – 00153 Roma – Tel. 06.64580149 – Fax 06.64580148
e-mail [email protected] - indirizzo internet www.meg-italia.it
AVVENTO-NATALE
15
Tempo di gioia, tempo dello Spirito
A: cosa fecero i Magi alla vista di Gesù?
ATTIVITÀ
(adorarono)
B: in quale città nasce Gesù?
(Betlemme)
C: Cosa decreta Cesare Augusto?
D: di quale re Gesù è discendente?
(censimento)
(Davide)
E: Come si chiamava il re al tempo di Gesù? (Erode)
F: Gesù, Giuseppe e Maria sono la Santa….
(famiglia)
G: La regione in cui si trova Betlemme:
(Giudea)
H: Casella Jolly. Scrivi la parola Natale in una lingua straniera:
I: un dono dei Magi
(incenso)
L: secondo Giovanni, Gesù viene nel mondo per portare che cosa?
(luce)
M: l’evangelista che parla dei Magi:
(Matteo)
MEGResponsabili n° 5 – 14 dicembre 2012
Movimento Eucaristico Giovanile – via San Saba,17 – 00153 Roma – Tel. 06.64580149 – Fax 06.64580148
e-mail [email protected] - indirizzo internet www.meg-italia.it
AVVENTO-NATALE
16
Tempo di gioia, tempo dello Spirito
N: La città dove Gesù passa l’infanzia
ATTIVITÀ
(Nazareth)
O: un dono dei Magi: (oro)
P: Gloria a Dio e…. in terra dicono gli angeli
(pace)
Q: il governatore della Siria in quell’anno
(Quirinio)
R: titolo attribuito ai Magi:
(re)
S: Dio parla a Giuseppe attraverso i …
(sogni)
T: come restò Erode?
(turbato)
U: a chi pace in terra dicono gli angeli?
(uomini)
V: il libro che narra il Natale
(Vangelo)
Z: l’anno di nascita di Gesù:
(zero)
3.
QUIZ A GARA (OGNI SQUADRA SCEGLIE UN SUONO PER PRENOTARE LA RISPOSTA)
1. IL NOME DELL’ARCANGELO CHE PORTÒ L’ANNUNCIO A MARIA
2. IL NOME DELLA CUGINA DI MARIA
3. IL NOME DEL FIGLIO DI ELISABETTA
4. LA CITTÀ DOVE VIVEVA MARIA
5. LA CITTÀ DI ERODE
6. IL LAVORO DI GIUSEPPE
7. CHI ANDÒ ALLA GROTTA
8. CHI NON ANDÒ ALLA GROTTA
9. CHI CANTAVA NEI CIELI
10. COSA FA MARIA NEL SUO CUORE
Soprattutto per in questo tempo di avvento (e poi nel tempo libero e festoso del Natale) invitiamo i
ragazzi a trovare un impegno che dica, a livello comunitario, il loro stile “incarnato” come stile
evangelico. Certamente la parrocchia starà organizzando un’azione di solidarietà in questo
Avvento – magari per tutto l’anno. Nessuno può dire “sono troppo piccolo”; certo serve innanzitutto
il volto e il cuore della disponibilità. Troviamo insieme il modo di collaborare per dare anche noi il
nostro apporto alla realizzazione di qualcosa che faccia star bene chi è in difficoltà.
1. Una comunione speciale
I parroci, i diaconi, i ministri straordinari dell’Eucaristia vanno spesso a far visita ai malati della
MEGResponsabili n° 5 – 14 dicembre 2012
Movimento Eucaristico Giovanile – via San Saba,17 – 00153 Roma – Tel. 06.64580149 – Fax 06.64580148
e-mail [email protected] - indirizzo internet www.meg-italia.it
AVVENTO-NATALE
Tempo di gioia, tempo dello Spirito
17
ATTIVITÀ
parrocchia nelle loro case e portano loro l’Eucaristia che, viste le loro condizioni, non potrebbero
ricevere nelle celebrazioni in chiesa. Soprattutto vicino alle grandi feste. Perché non andare con
loro, partecipare al momento di visita e preghiera? Pensate alla gioia di queste persone se, con
Gesù, ricevono la vostra amicizia e vicinanza…
2.. “Regali” che diventano “vita”
Ogni anno varie comunità religiose o enti di solidarietà organizzano la raccolta di giocattoli e di
materiale scolastico (quaderni, penne, matite…) da inviare ai bambini che non possono
permetterseli. Possiamo partecipare all’iniziativa o organizzare in parrocchia qualcosa di simile,
invitando in particolare i bambini a portare giocattoli in buono stato, considerando gli altri bambini
come vorremmo essere considerati noi, o materiale utile per la crescita di chi è in condizioni meno
fortunate.
3. Il canto della stella e il presepe (vivente?)
Molte parrocchie organizzano la settimana prima del Natale un gioioso modo di fare gli auguri. Di
solito alla sera, magari con vari strumenti musicali, abbigliati quasi come un presepe vivente,
vanno a fare gli auguri natalizi per le vie e le contrade della parrocchia. Si porta anche un segno
(una candela, un biglietto augurale …) e spesso è l’occasione per suscitare un gesto di carità per
uno scopo ben preciso.Naturalmente c’è anche la tradizione del presepe. Tutte iniziative nelle quali
… basta inserirsi!
4. Recite e celebrazioni doc
Molto lodevoli sono gli allestimenti e le realizzazioni di veri e propri eventi speciali quali recital,
musical o concerti che in occasione del Natale si abbinano quasi sempre ad una promozione di
disponibilità e solidarietà. Anche le celebrazioni natalizie curate e animate sono grandi possibilità:
veglia di Natale, festa della famiglia, giornata della pace, Epifania: c’è l’imbarazzo della scelta!
Perché non prendersi l’impegno magari con il parroco e il gruppo liturgico perché non ci sia un
momento organizzato dal MEG?
MEGResponsabili n° 5 – 14 dicembre 2012
Movimento Eucaristico Giovanile – via San Saba,17 – 00153 Roma – Tel. 06.64580149 – Fax 06.64580148
e-mail [email protected] - indirizzo internet www.meg-italia.it
AVVENTO-NATALE
Tempo di gioia, tempo dello Spirito
18
SULLE ORME DI IGNAZIO
Contemplando il presepio, Gesù nasce nella nostra vita
Uno dei simboli del Natale più amati è il presepio. Ce ne sono di tutti i tipi: piccoli e
grandi, con statue di gesso, di plastica, di legno, presepi viventi, presepi fatti con materiale
di riciclo, o plasmati a immagine di personaggi famosi (avete presente San Gregorio
Armeno a Napoli?). Se fatto con amore per il Signore, il presepio in questa varietà di forme
esprime sempre la nostra meraviglia di fronte al Dio che ha scelto di diventare uno di noi.
Il primo presepio fu costruito da San Francesco d’Assisi e nasceva forse dal desiderio di
trasmettere ad altri il succo della sua esperienza spirituale: mettere Gesù al centro della
propria vita come unico Signore, senza troppi fronzoli!
Questo impegno a mettere Gesù al centro è stato trasmesso dalla storia francescana anche
a Sant’Ignazio e alla spiritualità che nasce da lui (anche il MEG è espressione di questa
spiritualità!). Ignazio, in particolare, lo insegna attraverso gli Esercizi Spirituali. Una delle
meditazioni che propone a chi desidera fare gli Esercizi è di stare a contemplare nella
propria immaginazione la nascita di Gesù a Betlemme. “Contemplare” vuol dire “sognare
ad occhi aperti”, come quando pensiamo all’appuntamento che abbiamo con la nostra
ragazza o il nostro ragazzo, o alle vacanze che abbiamo programmato con i nostri amici, o
alla partita che andremo a vedere allo stadio. Prima che uno di questi incontri diventi
realtà, stiamo lì ad immaginare e a gustarci tutto nei particolari: dove andremo, che
diremo, che faremo o che vedremo.
Allo stesso modo Ignazio propone di fare con i testi relativi alla nascita di Gesù:
1. vedere i luoghi e le persone come se fossero davanti a noi,
2. ascoltare le parole che vengono pronunciate,
MEGResponsabili n° 5 – 14 dicembre 2012
Movimento Eucaristico Giovanile – via San Saba,17 – 00153 Roma – Tel. 06.64580149 – Fax 06.64580148
e-mail [email protected] - indirizzo internet www.meg-italia.it
AVVENTO-NATALE
19
Tempo di gioia, tempo dello Spirito
SULLE ORME DI IGNAZIO
3. osservare i gesti, le azioni che si compiono… stare a vedere che cosa succede e
infine
4. immaginare di partecipare all’azione insieme a Maria, Gesù, Giuseppe e le altre
persone presenti.
Questo modo di pregare aiuta davvero a far nascere Gesù nel concreto della nostra
vita, perché progressivamente ci fa vedere, ascoltare, parlare, pensare, in modo
spontaneo, come Gesù. In un certo qual modo noi diventiamo un vero presepio vivente
(questo modo di pregare potrebbe essere proposto a C.14 e pre-T).
Preghiera di gruppo davanti al presepio (può essere calibrata secondo l’età):
Invitate ognuno a portare a riunione un pezzo del presepio (a cominciare dai
fondamentali: Maria e Giuseppe col bambino, la mangiatoia, la stalla).
Dopo avere allestito il presepio (può essere arricchito disegnando su carta e ritagliando ciò
che manca), può iniziare una preghiera di durata adatta all’età e al gruppo.
Per prima cosa, chi guida la preghiera può chiedere a Dio di saper guardare con gli occhi
di Maria la nascita di Gesù.
Si invita ciascuno a scegliere in silenzio un particolare del presepio (un personaggio o un
altro elemento).
A turno ciascuno dice che cosa lo colpisce, che sentimento gli/le suscita. A partire da
questo esprime ad alta voce una preghiera.
Si conclude con un Padre Nostro e un canto.
Marco Colò
MEGResponsabili n° 5 – 14 dicembre 2012
Movimento Eucaristico Giovanile – via San Saba,17 – 00153 Roma – Tel. 06.64580149 – Fax 06.64580148
e-mail [email protected] - indirizzo internet www.meg-italia.it
Scarica

05 – Natale - Meg Italia