ALOGENURI ALCHILICI (R-X): in cui un alogeno sostituisce un atomo di H di un idrocarburo
alifatico. Usati come solventi e reagenti alchilanti grazie alla facilità di reazione (sostituzione
alifatica nucleofila e eliminazione); l’alogenuro organico funge da substrato mentre lo ione
alogenuro da gruppo uscente. Nomenclatura: l’atomo/i di alogeno viene considerato come un
qualunque altro sostituente della catena principale senza modificarne la numerazione.
ALCOLI (R-OH): liquidi e idrosolubili data la polarità del gruppo funzionale. Possono comportarsi
da elettroliti anfoteri deboli (acidiformaz di alcossidi, basiciformaz di residui alchilici).
Nomenclatura: la desinenza dell’idrocarburo corrispondente viene completata con il suffisso –OLO,
la presenza dell’ossidrile modifica la numerazione, in presenza di gr seniori il suffisso può essere
sostituito dal prefisso –IDROSSI.
ETERI (R-O-R’): scarsamente reattivi, polari, volatili, infiammabili, si ottengono per disidratazione
di sue molecole di alcol. Nomenclatura: la radice dol nome chimico è costituita dalla parola ETERE
preceduta dal nome dei due residui alchilici.
ALDEIDI (R-CO-H) & CHETONI (R-CO-R’) (deidrogenazione di alcoli): molecole polari ma
volatili, idrosolubili per i termini + basi, hanno odori caratteristici; la presenza del carbonile li rende
suscettibili ad attacco nucleofilo; le aldeidi originano acidi per ossidazione; entrambe possono
essere ridotti ad alcoli. Nomenclatura: aldeidi suffisso ALE, chetoni suffisso ONE. Il suffisso delle
aldeidi è seniore anche su quello dei chetoni che in caso di composti polifunzionali può esser
sostituito dal prefisso CHETO o OSSO; di norma il carbonile aldeidico è il primo termine della
catena principale.
ACIDI CARBOSSILICI E LORO DERIVATI (R-COOH): acidi deboli, composti polari,
idrosolubili, altobollenti; salificano con idrossidi e ammonio, esterificano con gli alcoli; i termini a
lunga catena costituiscono i comun saponi. Nomenclatura: il nome chimico è preceduto dalla parola
ACID e il suffisso caratteristico è –OICO.
ESTERI (R-COO-R’): si ottengono per eliminazione di H2O da un alcol e un acido; l’esterificazione
riduce la reattività del carbossile; per idrolisi si scindono riformando i composti di partenza. Il
residuo acilico assume la desinenza –ATO
ALOGENURI ACILICI (R-COO-X):esaltano la reattività del carbossile, usati come intermedi di
reazione. X-URO DI- il residuo acilico assume la desinenza –OILE
ANIDRIDI [(R-CO)2O]: si ottengono per eliminazione di H2O da due molecole di acido. Il termine
acido viene sostituito da quello ANIDRIDE.
AMMIDI [R-CO-N-H2(-R2)]: il suffisso –OICO dell’acido viene sostituito da –AMMIDE
AMMINE [R-NH2(-R2)]: composti organici dell’ammoniaca; composti basici, salificano con oli
acidi e dissociano ioni di ammonio quaternario. Nomenclatura: il nome è costituito da quello del
residuo alchilico principale con il suffisso –AMMINA; gli eventuali ulteriori residui sull’azoto
vengono nominati come N-sostituenti;in presenza di gruppi seniori il gruppo amminico viene
indicato con il prefisso AMMINO-
Scarica

biochimica - Radiologia Cremona