600/97
A.A. 1997/98
CORSO DI DIPLOMA
PROGRAMMA DEL CORSO DI
DOCENTE
UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI TRIESTE
INGEGNERIA LOGISTICA E
DELLA PRODUZIONE
TECNOLOGIE SPECIALI - D.U
Franco Di VALENTIN
GENERALITA’
Classificazione delle specie arboree – Angiosperme e Gimnosperme – Monocotiledoni
e Dicotiledoni – Legno di Conifera e di Latifoglia – Vari tipi di Tessuti –
Macrostruttura del legno: Sezione assiale (trasversale) – radiale – tangenziale –
Midollo – Raggi midollari – Anelli annuali – Durante – Alburno – Microstruttura
delle Angiosperme e Gimnosperme: Costituzione cellulare – divisione cellulare –
parete primaria e secondaria – zona esterna, mediana ed interna della parete cellulare
(S1 – S2 – S3) – Punteggiature – vari tipi – Struttura legno di Conifera: Tracheidi –
assiali e radiali – tessuto parenchimatico – canali resiniferi – Struttura Legno di
Latifoglia: Vasi (porosità) – fibre – Tracheidi – Fibrotracheidi – Parenchima assiale,
paratracheale – Parechima radiale – Raggi uniseriati e pluriseriati – Caratteristiche:
Odore – colore – lucentezza – tessitura – Fibratura – Vari tipi di fibratura – Venatura
– Disegno – Figura.
Chimica del legno: Sostanze macromolecolari – Cellulosa – emicellulosa – lignina –
sostanze pectiche – amido – Sostanza a basso PM: Tannini – coloranti – Terpeni – Oli
– Cere – Sostanze minerali.
Descrizione caratteristiche macroscopiche dei principali tipi di legni – Legni di
Conifera: Abete rosso – Abete bianco – Pino Marittimo – Pino Silvestre – Abete di
Douglas – Larice – Legni di Latifoglia: Acero – betulla – Ciliegio – Faggio Frassino –
Noce Europeo – Pioppi – Rovere – Legni esotici.
Difetti del legno: Legno di reazione (Compressione e tensione) – Nodi – Tipi di nodi –
Fessurazioni – Irregolarità struttura – Difetti di segagione: deformazioni – Sistemi di
segagione: a tavole parallele – con preventive prismature – segagioni di quarto ecc. –
Norme UNI per la classificazione del legno – Classificazione dei segati di pini ed
abete svedesi – Collaudo di legname di Latifoglie americane.
CARATTERISTICHE CHIMICO – FISICHE E TECNOLOGICHE
Interazioni acqua – legno – Acqua libera ed acqua legata – Punto di saturazione delle
fibre – Umidità di equilibrio – Umidità del legno e suo utilizzo – Misure di umidità –
Metodo per pesata (peso allo stato secco) – elettrico – per distillazione azeotropica –
Diagramma di equilibrio (Umidità aria – umidità legno – temperatura) – Stagionatura
ed essiccamento del legno – Umidità allo stato secco, allo stato normaleed allo stato
fresco – Massa volumica allo stato secco, umido e fresco – Densità basale - Densità in
funzione umidità – Adsorbimento e deadsorbimento ciclo di isteresi – Variazioni
dimensionali dovute ai suddetti processi rispetto allo stato umido ed allo stato secco –
Variazioni dimensionali dovute ai suddetti processi rispetto allo stato umido ed allo
stato secco – Ritiro e Rigonfiamento: assiale, radiale e tangenziale – volumetrico –
Calcoli – Ritiro e deformazione in elementi ricavati in varie posizioni di una sezione
trasversale del tronco.
PROPRIETA’ MECCANICHE DEL LEGNO
Tipi di sollecitazioni: statiche – dinamiche cicliche – Diagramma Stress – Strain –
Comportamento viscoelastico del legno – Resistenza e Compressione parallela alla
fibratura e perpendicolare – Fattori che influenzano la resistenza alla compressione.
Resistenza a trazione parallela fibratura del legno e trasversalmente – Resistenza a
flessione statica (UNI ISO 3133) Modulo elasticità a flessione statica – Durezza
Brinnel e Janka (UNI ISO 3350) – Resistenza al taglio longitudinale e trasversale –
campionamento e valutazioni statistica dei dati – I difetti del legno – i nodi – lesioni
varie – Influenza dei difetti sulle proprietà meccaniche del legno – Durabilità del
legno e sue alterazioni – Durabilità alburno e durante – Durabilità comparata – Azioni
degli insetti, funghi e batteri – Funghi che distruggono il legno (Carie bruna – bianca e
secca) e Funghi Cromogeni (Funghi azzurramento ecc.). Carie soffice – Muffe –
Deteriorameno dovuto ad Insetti: prima utilizzo e dopo utilizzo (Lietidi – Anobidi
(Tarlo) – Termiti) – processo di invecchiamento del legno in presenza di agenti
atmosferici – Trattamenti preventivi – trattamento di essiccazione (Klin Dried) con
Umidità <20% - Effetto dei trattamenti preventivi sulle caratteristiche meccaniche del
legno -–Preservazione chimica del legno; Preservanti a base di prodotti oleosi
(Creosoto) – Fenoli clorurati (Pentaclorofenolo) – Composti organici dello stagno –
Composti organici del Rame – Sali minerali in veicolo acquoso (CCA) – Composti a
base di boro – sali ammonici quaternari – Esteri fosforici – Carbammati – Tiocinati
ecc. Applicazione; a vuoto e pressione – A pressione e decompressione.
LAVORAZIONE DEL LEGNO
PANNELLI DI PARTICELLE
Definizioni e Classificazione – Requisiti generali: Caratteristche – Uso strutturale in
ambiente secco ed in ambiente umido – Requisiti generali e Controllo –
Campionamento ed espressione risultati: Spessore – Umidità – Massa volumica –
Resistenza alla flessione – Modulo elasticità – Resistenza alla coesione –
Rigonfiamento all’acqua – Coesione dopo bollitura – Estrazione viti – Formaldeide –
Classi E1 – E2 – E3 – Prove di Laboratorio con Dinamometro – Diagramma di flusso
per la produzione di pannelli di particelle – Fasi: Cippatura – trucilatura –
Essiccazione – Raffinazione – Selezione – Incollaggio – Tipi di colle: caratteristiche
di resistenza dei vari tipi di colle – classi di resistenza – Trattamento con sostanze
idrorepellenti, antimuffa ed ignifuganti.
PANNELLI DI FIBRE
Definizioni – Classificazione – Pannelli ottenuti per via umida: Pannelli teneri –
Pannelli semiduri – Pannelli duri – Pannelli di Fibra ottenuti per via secca – Pannelli
di fibra a media densità (MDF) – Vari tipi di pannelli MDF – Caratteristiche fisico
meccaniche: Tolleranza di spessore, di formato, di Squadro – Assorbimento acqua –
Rigonfiamento dopo 24 h – carico rottura per flesione – modulo elasticità per
flessione – resistenza a trazione – Tenuta viti – Stabilità dimensionale – Emissione
formaldeide – Assorbimento superficiale
Produzione: 1) Pannelli ottenuti per via umida 2) Pannelli ottenuti per via secca –
Cippatura – Vagliatura – Preparazione Pasta: Processo Termomeccanico (Defibrator)
– Processo per esplosione (Masonite) – Processo meccanico – Processo semichimico
– Essiccazione e Stoccaggio – Nobilitazione di Pannelli con tranciati.
PANNELLI DI LEGNO COMPENSATO
Generalità – classificazione: compensato – Paniforte (Listellare e lamellare) –
compensato composito – Per uso in condizioni asciutte, in condizioni umide e per uso
esterno – Terminologia – Pannello di legno compensato – Pannello di legno
compensato bilanciato – Piallaccio – Strato – Anima – Multistrato – Paniforte
listellare – Paniforte lamellare – Pannello di legno compensato composito – Pannelli
di legno compensato pre-finito – pannello di legno compensato rivestito – Selezione
sfogliati – Preparazione pacco – Adesivi e incollaggio – Pressatura.
Scarica

346/94 - UniNa STiDuE