Spieghiamo la cartina: l’aria umida viene bloccata dalle montagne, sale e, siccome con l’altitudine la
temperatura dimunuisce, si raffredda, si condensa e piove. Sull’altro versante arriva quindi aria secca e
piove meno.
1. In quale zona climatica rientra l’Europa? Quali sono le sue caratteristiche? L’Europa rientra nella
zona temperata boreale, perché è, a parte le regioni più settentrionali, lontana sia dal polo Notrd
sia dall’Equatore; quindi non fa né troppo caldo né troppo freddo.
2. Quali sono i fattori climatici locali che influenzano maggiormente il clima delle regioni europee?
L’Europa è vicina in gran parte del suo territorio al mare (oceano Atlantico, mar Mediterraneo, mar
Nero, Mar Baltico…); è lambita dalla corrente calda del Golfo (viene dal golfo del Messico); ci sono
catene montuose che in alcune zone bloccano i venti del Nord; nel corso dell’anno si alternano alte
e basse pressioni a causa dei due anticicloni (che portano alta pressione) siberiano e delle Azzorre.
3. Come influiscono l’oceano Atlantico e il Mar Mediterraneo sul clima delle regini che vi si affacciano?
Mitigano il clima e lo rendono più fresco d’estate e più caldo d’inverno; nell’oceano Atlantico c’è la
corrente del Golfo che mitiga il clima fino all’estremo Nord.
4. Quali venti spirano sull’Europa?In quale modo influenzano il clima? I venti che spirano dall’Atlantico
portano umidità, quindi sulle coste dell’Atlantico piove molto; da nord e da est vengono venti
freddi come la bora; dall’Africa vengono venti caldi come lo scirocco.
5. In quale modo gli anticicloni russo-siberiano e delle Azzorre influenzano il clima dell’Europa?
L’anticiclone (aria calda) delle Azzorre d’estate si sposta sul Mediterraneo e porta tempo caldo e
secco; l’anticiclone siberiano si sposta in inverno sull’Europa centrale, arrivando anche in Italia e
porta aria fredda e secca.
6. Come si spiega la differenza climatica fondamentale tra Europa del Nord (più fredda) ed Europa del
sud (più calda)? Anzitutto la latitudine (= distanza dall’Equatore), poi la disposizione delle
montagne (Alpi e Pirenei) che bloccano l’aria fredda del nord e quella calda del sud.
7. In una tabella descrivi due regioni climatiche a tua scelta e l’ambiente corrispondente.
Ambiente
temperature
inverno
estate
Precipitazioni
Vegetazione e animali
Regione
subartica
Basse tutto
l’anno
Rigido e
lungo
Breve e
fresca
Scarse e nevose
Tundra: muschi e
licheni.Lemming, volpe artica,
renne, buoi muschiati
Regione
atlantica
Bassa
escursione
termica
mite
fresca
Abbondanti tutto
l’anno; nebbie
Brughiera: erica, ginestra, brugo.
Cervo, perice bianca, gatto
selvatico, uccelli rapaci
8. In quali regioni climatiche europee è compresa la Penisola Italiana? L’Italia è compresa nella
regione climatica mediterranea e in parte in quella continentale
9. Quali sono i fattori climatici che influiscono sul clima dell’Italia? Il clima dell’Italia è molto vario,
perché è molto estesa in latitudine, ci sono zone sul mare e zone lontane, ci sono catene montuose
molto elevate, ci sono venti freddi che soffiano da nord come la tramontana e la bora e venti caldi
che spirano dall’Africa come lo scirocco. Le temperature sono più fredde a nord, dove piove anche
di più; poi ci sono gli anticicloni delle Azzorre e siberiano di cui abbiamo già detto.
10. In quali regioni climatiche possiamo suddividere la Penisola Italiana? Regione alpina, ligure
tirrenica, appenninica, padano veneta, adriatica, calabro-insulare
11. Descrivi sinteticamente i caratteri climatici di ciascuna regione, in una tabella se preferisci
Regione
inverni
estati
precipitazioni
Alpina
Lunghi e freddi
Brevi e freschi
Abbondanti in primavera e autunno, neve in
inverno; nevi perenni sopra i 3.000 gradi;
temporali estivi
Liguretirrenica
Miti
Calde e secche
Maggiori sulle coste
Appenninica
Freddi
fresche
Nevicate sul versante adriatici; piogge in
primavera e autunno; nebbie e foschie nelle
vallate interne
Padanoveneta
Freddi
Calde e afose; notevole
escursione termica
In autunno e primavera; nebbie
Adriatica
Freddi
Calde e asciutte;
notevole escursione
termica
In autunno e primavera; temporali estivi
Calabroinsulare
Inverni più miti
del resto
d’Italia
Calde; c’è al minore
escursione termica della
penisola
Scarse soprattutto sul versante adriatico,
perché gli Appennini bloccano i venti umidi
occidentali
Scarica

Spieghiamo la cartina: l`aria umida viene bloccata dalle montagne