Triennio
2° classificato ex aequo
edizione 2015 -2016
____________________ ________________
Testo n. 77 - Cose perse, persone ritrovate
Motivazione
Avvalendosi di una prosa agile e a tratti divertente, il racconto Cose perse, persone ritrovate si addentra nelle
voragini che possono aprirsi fra i dettagli, rivelando con acume e ironia la natura dei piccoli ostacoli
quotidiani che a tutti noi capita di dover affrontare.
Dal tavolo, il foglio era finito sotto la credenza.
- Credenza, pistis, doxa, Plato.
-Bene, abbiamo capito, la filosofia è la tua materia, però, adesso, è il caso di
riconcentrarci su quanto stavamo facendo, giusto? Hai passato la bellezza degli ultimi
dieci minuti a fissare un tavolo vuoto!
- No, la credenza, fissavo la credenza.
- E cosa c’è sotto la credenza?
- Nulla!
- No! Il tuo foglio!
Del foglio non si vedeva nulla, nemmeno un angolino.
Aveva iniziato a scivolare lentamente verso il bordo del tavolo ed io ero rimasta,
immobile, a seguire con lo sguardo il suo lento declino fino a quando, con un fruscio, era
planato a qualche metro da me, perdendosi in quell’antro buio, delimitato da piedini
metallici così piccoli da risultare ridicoli, in rapporto alle dimensioni del mobile che
reggevano. E così era scomparso, come quando alle elementari, dopo ricreazioni passate
impegnati in certosine operazioni di piegatura, eseguite categoricamente con la punta
tonda della lingua che faceva rosea mostra di sé tra i denti troppo bianchi, l’aeroplanino
migliore finiva sempre nel posto meno raggiungibile.
Erano cambiate così tante cose da quel periodo.
In primis i denti, che erano forse la differenza più evidente. Candidi non lo erano più:
troppi caffè.
- Il caffè!
Forse avrebbe potuto favorirmi la concentrazione. Forse no.
Il mio sguardo corse alle quattro tazze lì allineate, come a creare una barriera tra me e il
resto del mondo.
-Forse no.
L’onnipotenza. Da piccola, indipendentemente da dove fosse andato a imbucarsi
l’aeroplanino, facevo di tutto per ritrovarlo.
Adesso, senza che nulla di ecclatante fosse avvenuto nella mia vita, perfino quella
muraglia di ceramica colorata dotata di manici pareva essere un ostacolo troppo grande
da superare per raggiungere quel dannatissimo foglio.
- Arrivederci al foglio, gente!
Mi alzai e andai in camera.
Se qualcuno avesse dovuto stabilire la mia personalità in base all’arredamento della mia
stanza, temo avrebbe fatto una folle fatica.
Negli anni avevo perso un sacco di cose, che avevo provveduto immediatamente a
sostituire senza preoccuparmi troppo che i nuovi pezzi risultassero uniformi al resto.
Il letto alla francese, con la testata in ferro battuto, doveva essere stata l’unica cosa
rimasta intonsa nel tempo.
Non ricordavo l’ultima volta in cui coperta e cuscino fossero stati abbinati.
Attualmente, la strana coppia si componeva di copripiumone azzurro e federa di
Batman. L’originale azzurra era partita per la tangente ormai anni or sono, quando, dopo
un pomeriggio passato stesa ad asciugare, aveva deciso, approfittando del vento, di far
fuga d’amore con lo scendiletto blu, il cui compagno, quello dal lato sinistro del letto, si
era dunque visto costretto a risposarsi, questa volta, con un peloso tappeto bianco.
Una spada laser aveva sostituito una delle lampade con paralume di carta di riso, e ora si
trovava in aperto contrasto con la collega, residente sull’altro comodino; forse, però, non
tanto quanto Psicopatologia della vita quotidiana che, noncurante della differenza di
contenuto, era andata a occupare, nella libreria, il vuoto lasciato, tra il primo e il terzo
volume di Harry Potter, da La camera dei segreti, il quale, parecchi mesi dopo essere stato
rimpiazzato, era stato scoperto ad amoreggiare con Le ricette di nonna Bertilla, accanto a
quel piantagrane dell’elenco telefonico, in cucina, nella … credenza.
Non ricordavo più cos’ero andata a cercare in camera.
I pensieri si erano affollati da soli nella mia mente.
Ricordi passati, più o meno lontani, fatti curiosi, noiosi, casuali, la consapevolezza
abbastanza sofferta, e raggiunta solo in quel momento, che il motivo per il quale mi
trovavo lì sola, a far passare le ore, non era affatto relativo al mio carattere particolare,
così speciale da dover essere meritato, ma al fatto che, per mantenere le mie amicizie, non
facevo il seppur minimo sforzo. Mi limitavo, invece, ad adottare lo stesso criterio
adottato per la mia stanza, accontentandomi di tappare buchi, arredando la mia vita con
chi si rendeva disponibile per un lasso di tempo, anche breve.
In questo modo la facciata era rimasta, ma a uno sguardo appena più attento si poteva
notare quanto tutto il sistema minacciasse di crollare a momenti.
A questa consapevolezza, però, se ne affiancava un’altra, mille, diecimila volte più
rassicurante: se il sistema stava per crollare a momenti, significava che non era ancora
crollato. Dunque, c’era qualcosa che potevo ancora fare.
Forte di una nuova decisione, ritornai in cucina.
Si era fatto buio e il foglio, attraverso il quale mi ero riproposta di chiedergli scusa,
perché per iscritto mettere da parte il proprio orgoglio era assai più facile che davanti a
quel paio di occhi scuri, profondi, da lupo, era ancora bianco, ben più dei miei denti, e
seminascosto.
E mi ritrovai pancia a terra, a nuotare sul pavimento, ad allungarmi come una squilibrata,
nel vano tentativo di recuperare quel foglio di carta da sotto la credenza.
Poi un rumore di spari fece precipitare la casa nel silenzio, e la luce si accese.
«Eh niente, finisce così. Un film di guerra un po’ brutale, direi. In fin dei conti, non è
proprio un male che tu non l’abbia guardato. Comunque, si potrebbe sapere cosa staresti
facendo?».
«Io … cercavo di recuperare … il mio … foglio».
«Questo?»
Un areoplanino di carta planò leggero fino ad atterrare accanto al mio naso.
«Non dirmi che sei ancora convinta che abbia senso A) chiedermi scusa per iscritto, B)
chiedermi scusa per esserti comportata nello stesso modo in cui ti comporti dal giorno in
cui ti ho conosciuta. Pensavo ci avessi rinunciato ancora al tempo dell’ “arrivederci
foglio”. Cioè, il solo fatto che tu ti renda conto che ogni tanto risulti un tantino irritabile
è ammirevole: non avrei mai pensato che saresti riuscita a sorbirti due ore di sparatorie
ininterrotte con, come premio omaggio, i miei commentini acidi di sottofondo, che
avevano il preciso scopo di infastidirti. Che poi, devo confessarti, la cosa mi aveva
abbastanza incuriosito ed ero andato a recuperare il foglio. Splendide parole, sul serio.
Ammettiamolo, forse la scrittura non è il tuo forte: come dicevo prima, meglio filosofia.
Ripassino?»
Impila le tazze, abbatte la muraglia.
Si siede al tavolo, con il libro davanti.
Il suo sguardo da lupo incontra il mio.
«Non lo so, pensi di rimanere lì ancora a lungo?»
Non posso fare a meno di sorridere.
Scarica

Cose perse, persone ritrovate