UFFICIO STAMPA
10 gennaio 2011
RICERCA SUI FARMACI, IL SAN CARLO AI PRIMI POSTI TRA I RECLUTATORI IN
EUROPA
L’Ospedale San Carlo di Potenza si riconferma centro di eccellenza per la ricerca e la
sperimentazione farmacologia in ambito oncologico. Tra i venti studi clinici attivi presso l’Unità
Operativa di Oncologia Medica, che assicurano l’opportunità per numerosi pazienti lucani di
accedere a nuove terapie d’avanguardia, ce n’è anche uno sugli effetti critici per l’apparato
cardiocircolatorio dell’Herceptin, seguito direttamente dal direttore dell’Unità Operativa di
Oncologia, dottor Domenico Bilancia.
Questo farmaco, usato come terapia a bersaglio molecolare per un particolare tipo di tumore della
mammella, inibisce l’HER2, un recettore del fattore di crescita epidermale la cui iperespressione si
manifesta nel 20-25% dei casi.
Alla ricerca hanno partecipato circa cinquecento centri europei, di cui un centinaio in Italia. Il San
Carlo pur avendo aderito al protocollo di ricerca dopo un anno e mezzo dal suo avvio, con 48
pazienti reclutate, si colloca al nono posto in Europa e al secondo posto in Italia dopo l’Istituto
tumori di Candiolo (Torino) ed ex aequo con il regina Elena di Roma, due Istituti di ricerca a
carattere scientifico oncologici.
E’ evidente che l’efficacia di questi studi richiedono una sufficiente massa critica. Il San Carlo, nel
corso del 2010, ha registrato 220 nuovi casi di tumore alla mammella.
Non è comunque l’unico caso di rilievo per l’Oncologia di Potenza nella ricerca farmacooncologica. Nello studio internazionale sul Casopitant, un antiemetico (controllo di nausea e
vomito) usato per i pazienti sottoposti a chemioterapia, il San Carlo, con 44 pazienti, si è collocato
al secondo posto al mondo.
Nello studio “Star” di chemio-radioterapia preoperatoria in pazienti affetti da tumore del retto, il
San Carlo ha avuto ancora una volta un ruolo di rilievo (4° posto in Italia nell’arruolamento) e i
risultati saranno pubblicati sulla maggiore rivista di settore, The Journal of Clinical Oncology
organo ufficiale della società americana di oncologia medica.
“L’attività di ricerca e di sperimentazione in ambito oncologico – ha dichiarato il direttore generale
dell’AOR San Carlo, ing. Giovanni De Costanzo – consente di offrire ai pazienti lucani l’accesso a
UFFICIO STAMPA
10 gennaio 2011
protocolli terapeutici d’avanguardia a livello internazionale. Con le azioni messe in campo dalla
direzione strategica nel corso dell’ultimo anno, dalla costruzione del Centro Pancreas in rapporto
con il polo veronese all’affidamento del servizio di Radioterapia, si è ulteriormente rafforzata la
vocazione di eccellenza della struttura potentina, che si conferma così in ambito nazionale”.
Scarica

10 gennaio 2011_Ricerca sui farmaci_Il San Carlo ai primi posti tra i