Economia Politica - 52021 - Treviglio
Equilibrio Economico Generale
Economia del Benessere
Economia del benessere:
quesiti fondamentali
1. Che cosa accade all’intero sistema economico
quando i singoli individui perseguono il proprio
interesse personale?
2. C’è sempre coincidenza fra interessi personali ed
“interesse pubblico” (o della collettività?
3. Quando ciò non accade esistono degli automatismi
in grado di eliminare la tensione fra interesse
individuale e interesse pubblico?
(C) Anna Maria Grazia Variato 2007
1
Economia Politica - 52021 - Treviglio
Economia del benessere:
alla ricerca delle risposte
1. La composizione dell’interesse personale, attraverso i
2.
3.
mercati, per giungere al sistema nel suo complesso
viene studiata nell’analisi di equilibrio economico
generale (EEG)
Il potenziale conflitto fra interesse privato e pubblico
viene studiato nell’economia del benessere e
nell’economia pubblica
Se il mercato non è in grado di eliminare spontaneamente la tensione fra interesse individuale e interesse
pubblico si parla di “fallimento di mercato”, rispetto al
quale l’autorità di politica economica può decidere di
intervenire
Economia del benessere:
la potenza della Mano Invisibile
ƒ
ƒ
Nel 1776 Adam Smith nella “Ricchezza delle Nazioni” definì
in concetto di Mano Invisibile, in base al quale il libero
operare delle forze di mercato, a loro volta dirette
dall’agire di individui “egoisti”, promuove la crescita
economica e con essa l’interesse pubblico…
Oggi sappiamo che solo sotto opportune e particolari
condizioni la Mano Invisibile garantisce il raggiungimento
automatico del massimo benessere collettivo. Tali
condizioni sono formalizzate nei teoremi fondamentali
dell’economia del benessere che si riconducono
principalmente ai contributi di Pareto e Walras.
(C) Anna Maria Grazia Variato 2007
2
Economia Politica - 52021 - Treviglio
Economia del benessere e equilibrio generale
„
L’efficienza è un processo attraverso il quale i
consumatori ottengono il massimo dalle risorse
presenti nel sistema
L’efficienza allocativa (o Paretiana) si ottiene quando non è
possibile riorganizzare la produzione o il consumo in modo
tale da incrementare il soddisfacimento di un individuo
senza ridurre quello di un altro.
“Sequenza” dell’equilibrio generale
1.
2.
3.
4.
Domanda e offerta concorrenziali determinano p* e q* nei vari mercati
Le curve di domanda di mercato derivano da utilità marginali dei beni
I costi marginali dei beni determinano le curve di offerta
Le imprese calcolano i costi marginali e prodotti marginali in termini di
valore dei fattori, scegliendo livelli di input ed output che
massimizzano profitti
5. La somma dei prodotti marginali in valore di tutti gli input determina la
domanda dei fattori di produzione
6. La domanda di tutti i fattori interagisce con l’offerta così da
determinarne il prezzo (rendita, salari e tassi di interesse)
7. I prezzi e le quantità dei fattori determinano i redditi, che a loro volta
sono essenziali per poter determinare la domanda di cui ai punti 1 e 2.
(C) Anna Maria Grazia Variato 2007
3
Economia Politica - 52021 - Treviglio
Caratteri dell’equilibrio generale concorrenziale
Per sapere se un’economia di mercato è efficiente occorre:
1. Descrivere i presupposti dell’equilibro generale
2. Descrivere le caratteristiche di tale equilibrio, sia da un punto di vista
logico che da un punto di vista formale
3. Spiegare perché un equilibrio generale prefettamente concorrenziale
sia efficiente
Le condizioni formali dell’equilibrio generale
„
„
„
L’equilibrio generale si instaura attraverso la
composizione delle interazioni fra consumatori e
produttori (si compongono gli equilibri parziali)
I consumatori distribuiscono il loro reddito fra i
diversi beni (presenti e futuri) cercando la massima
soddisfazione, che si ottiene quando le utilità
marginali in valore degli stessi sono identiche
I produttori, che mirano alla massimizzazione del
profitto, fissano il livello di output in modo che il
costo marginale di produzione eguagli il prezzo di
vendita; a sua volta il livello di output è ottenuto
impiegando fattori produttivi, la cui domanda è
determinata dal prezzo degli stessi
(C) Anna Maria Grazia Variato 2007
4
Economia Politica - 52021 - Treviglio
Le condizioni formali dell’equilibrio generale
Equilibrio del consumatore
UMG1 P1
=
UMG2 P2
Equilibrio del produttore
Mercato dei prodotti
Mercato dei fattori
(PMGK1 )P1 = PK
(PMGL1 )P1 = PL
(PMGK2 )P2 = PK
(PMGL2 )P2 = PL
PMGK1 PK
=
PMGL1 PL
PMGK 2 PK
=
PMGL2 PL
CMG1 P1
=
CMG2 P2
CMG1 UMG1
=
CMG2 UMG2
PMGK1 PMGK 2 PK
=
=
PMGL1 PMGL2 PL
Efficienza dell’allocazione perfettamente
concorrenziale
Poiché in un sistema concorrenziale il prezzo dei beni eguaglia
il costo marginale ed il prezzo di ciascun fattore produttivo eguaglia
la sua produttività marginale (in valore) si raggiunge l’efficienza nella
produzione.
Inoltre poiché il prezzo relativo dei beni eguaglia l’utilità marginale
relativa dei consumatori si raggiunge anche l’efficienza nel consumo.
Pertanto l’allocazione delle risorse determinata da un sistema
perfettamente concorrenziale, nella quale i consumatori massimizzano
l’utilità ed i produttori massimizzano il profitto è nel suo insieme
Pareto-efficiente: non è cioè possibile migliorare le condizioni di
qualcuno senza peggiorare quelle di qualcun altro.
(C) Anna Maria Grazia Variato 2007
5
Economia Politica - 52021 - Treviglio
Primo teorema dell’economia del benessere
Poiché i prezzi fungono da indicatori della scarsità per i
produttori e dell’utilità sociale per i consumatori, un
meccanismo di prezzi concorrenziali consente di produrre
la combinazione migliore di beni e servizi avvalendosi delle
risorse e della tecnologia a disposizione della società.
Secondo teorema dell’economia del benessere
(o dell’equivalenza fra economia totalmente
centralizzata e totale decentralizzazione)
In un sistema economico perfettamente
concorrenziale è possibile raggiungere qualsiasi
allocazione efficiente delle risorse. Pertanto la
combinazione di una distribuzione del reddito
efficiente e della concorrenza è sufficiente per
ottenere un’allocazione efficiente delle risorse
(assenza di conflitto fra equità ed efficienza
e assenza di conflitto fra mercato e pianificazione)
(C) Anna Maria Grazia Variato 2007
6
Economia Politica - 52021 - Treviglio
E se ci sono imperfezioni?
„
„
„
„
Se l’economia reale non ha tutti i caratteri della concorrenza
perfetta, gli equilibri da essa prodotti saranno più o meno
distanti dall’efficienza paretiana
Come dovremo considerare tali equilibri?
Se l’imperfezione considerata è ineliminabile si raggiungerà
una configurazione detta di efficienza paretiana vincolata
(non si può parlare di inefficienza perché è ovvio che il mondo
reale sia meno che perfetto)
Se l’imperfezione considerata potrebbe teoricamente essere
eliminata, ma di fatto viene solo ridotta, si ha una allocazione
inefficiente rispetto all’ottimo paretiano; tuttavia, se tale
allocazione è comunque la migliore allocazione che si possa
raggiungere, si parlerà di equilibrio di second-best.
I fallimenti del mercato
Si producono perché il meccanismo di mercato non è in
grado di portare automaticamente alla coincidenza fra
costi/benefici individuali (o microeconomici) e costi/benefici
sociali (o sistemici)
„
„
„
„
„
Monopolio
Esternalità
Beni pubblici
Informazione asimmetrica ed incertezza
Immobilità dei fattori e inerzia
(C) Anna Maria Grazia Variato 2007
7
Economia Politica - 52021 - Treviglio
Esternalità
Quando le azioni di produzione e consumo individuale
influenzano il benessere di altri individui senza che il
mercato possa tenerne conto, non si raggiunge
un’allocazione efficiente
In tal caso il costo (beneficio) marginale sociale non
coincide con il costo (beneficio) marginale privato
„
„
Si possono avere (in relazione al tipo di divergenza
fra BMG e CMG)
Esternalità positive o negative
Esternalità di produzione o di consumo
Esternalità
Produzione
Positive
EFFETTO
Negative
ORIGINE
Consumo
Addestramento addetti con
competenze trasferibili
Vaccino contro malattia
contagiosa
Quartier generale di una
impresa con edificio di alto
valore estetico
Giardino curato del vicino di
casa
Inquinamento aria, acqua
acustico
Smaltimento rifiuti
Congestione
Rumore telefoni
cellulari
Fumo di sigaretta
(C) Anna Maria Grazia Variato 2007
8
Economia Politica - 52021 - Treviglio
Esternalità negative di produzione
„
„
„
„
CMGS>CMG
Il prezzo pagato dai consumatori riflette il
beneficio marginale
Il mercato è perfettamente concorrenziale
Non vi sono esternalità di consumo →
BMGS=BMG
Poiché il produttore non “paga” per intero il costo
relativo alle sue decisioni si ha sovrapproduzione
rispetto all’ottimo sociale
Esternalità negative di produzione
Es. impresa che inquina ambiente
CMGS
Risorse sprecate
Costi, benefici
CMG
p=BMG=BMGS
qsociale
(C) Anna Maria Grazia Variato 2007
qmercato
q
9
Economia Politica - 52021 - Treviglio
Esternalità positive di produzione
„
„
„
„
CMGS<CMG
Il prezzo pagato dai consumatori riflette il
beneficio marginale
Il mercato è perfettamente concorrenziale
Non vi sono esternalità di consumo →
BMGS=BMG
Poiché il produttore non riesce ad ottenere
l’intera copertura dei costi sostenuti si ha
sottoproduzione rispetto all’ottimo sociale
Esternalità positive di produzione
Es. impresa che non riesce a
“brevettare” innovazione
Costi, benefici
CMG
CMGS
Risorse inutilizzate
p=BMG=BMGS
qmercato
(C) Anna Maria Grazia Variato 2007
qsociale
q
10
Economia Politica - 52021 - Treviglio
Esternalità negative di consumo
„
„
„
„
BMGS<BMG
Il prezzo pagato dai consumatori riflette il
costo dell’uso del bene
Il mercato è perfettamente concorrenziale
Non vi sono esternalità di produzione →
CMGS=CMG
Poiché il consumatore non deve pagare per intero
quanto consumato, si ha sovraconsumo rispetto
all’ottimo sociale
Esternalità negative di consumo
Es. eccesso di consumo di
farmaci in presenza di esenzioni
da ticket
BMGS
BMG
Costi, benefici
Risorse sprecate
p=CMG=CMGS
qsociale
(C) Anna Maria Grazia Variato 2007
qmercato
q
11
Economia Politica - 52021 - Treviglio
Esternalità positive di consumo
„
„
„
„
BMGS>BMG
Il prezzo pagato dai consumatori riflette il
costo dell’uso del bene
Il mercato è perfettamente concorrenziale
Non vi sono esternalità di produzione →
CMGS=CMG
Poiché il consumatore non riesce ad incamerare
interamente il beneficio derivante dal consumo si ha
sottoconsumo rispetto all’ottimo sociale
Esternalità positive di consumo
Es. Vaccino contro malattia
contagiosa
BMGS
Risorse inutilizzate
Costi, benefici
BMG
p=CMG=CMGS
qmercato
(C) Anna Maria Grazia Variato 2007
qsociale
q
12
Economia Politica - 52021 - Treviglio
Beni pubblici
„
„
Le caratteristiche fondamentali dei beni pubblici
sono:
non-rivalità nel consumo
non-escludibilità
questa caratteristica fa sì che non sia possibile
escludere dal consumo chi non ha contribuito al
pagamento del bene (problema di free-riding)
In questo caso i benefici marginali sociali sono talmente
elevati rispetto ai benefici marginali privati che il
mercato non produce autonomamente questo tipo di
beni
Beni Pubblici & Privati
Mele
Automobili
Costo marginale
del consumo
(rivalità)
Libri
Pompieri
Visite dentista
Cinema
Parchi
Musei
Autostrade Ponti
Aria Pulita
Parchi Nazionali
Sanità
Difesa Nazionale
Stabilità Monetaria
Pragramma TV
satellitare criptato
Escludibilità
(C) Anna Maria Grazia Variato 2007
13
Economia Politica - 52021 - Treviglio
L’intervento dello Stato nell’economia
„
„
„
Nel valutare l’opportunità dell’intervento dello
Stato nell’economia si pongono i seguenti quesiti:
quale è lo strumento più opportuno per
ripristinare l’efficienza allocativa?
l’intervento dello Stato è efficace o produce
distorsioni più ampie di quelle che intendeva
risolvere?
Stato e Mercato
– Perche’ lo Stato dovrebbe
intervenire: giustificazioni “antiche” e
recenti
– Tipi di intervento
– Problemi legati all’intervento dello
Stato
(C) Anna Maria Grazia Variato 2007
14
Economia Politica - 52021 - Treviglio
Motivazioni dell’intervento statale
Giustificazioni
“antiche”:
Giustificazioni recenti:
8 Monopoli
►
8 Difesa/Sicurezza
nazionale
►
8 Polizia e giustizia
8 Sanita’
►
Distribuzione del
reddito (equità)
Fallimenti di mercato
(efficienza sociale)
Stabilizzazione
(politiche anti-cicliche)
Efficienza sociale
Per massimizzare il benessere sociale è
necessario considerare i costi e i benefici
marginali sociali della produzione/consumo di
un dato bene:
„
„
„
Se BMGS>CMGS → la quantità prodotta o consumata
deve essere aumentata
Se BMGS<CMGS → la quantità prodotta o consumata
deve diminuire
Se BMGS=CMGS → il livello corrente di produzione o
consumo è adeguato
(C) Anna Maria Grazia Variato 2007
15
Economia Politica - 52021 - Treviglio
Tipi di intervento statale
„
„
L’intervento pubblico può avere diverse modalità:
Intervento diretto: lo Stato si sostituisce al
mercato fornendo beni e servizi che non sarebbero
forniti dai privati, o lo sarebbero solo in condizioni di
monopolio
Intervento indiretto: lo Stato tenta di indurre gli
individui a determinati comportamenti, utilizzando
tasse, sussidi, leggi e istituendo autorità di
regolamentazione (questi interventi mirano a portare
alla coincidenza fra costi-benefici marginali individuali
e costi-benefici marginali sociali)
L’utilizzo di tasse e sussidi
Tasse e sussidi possono essere utilizzati per
raggiungere l’uguaglianza tra costi e benefici
marginali sociali e quindi risolvere i problemi che
scaturiscono dalla presenza di esternalità
„
„
Normalmente:
Si prevede l’imposizione di tasse su beni prodotti
in quantità eccessiva rispetto all’ottimo sociale
Si concedono sussidi su beni prodotti in quantità
insufficiente rispetto all’ottimo sociale
(C) Anna Maria Grazia Variato 2007
16
Economia Politica - 52021 - Treviglio
Tasse e sussidi per correggere le esternalità
„
„
Nel caso di esternalità negative (positive) di
produzione lo stato introduce una tassa (un
sussidio) pari alla differenza tra costo marginale
sociale e costo marginale privato
Nel caso di esternalità positive (negative) di
consumo lo stato concede un sussidio (impone
tassa) pari alla differenza tra beneficio marginale
sociale e beneficio marginale privato
L’introduzione di una tassa
Esemplificazione relativa al caso di
Esternalità negativa di produzione
CMGS= (CMG0 + t) = CMG1
Costi, benefici
CMG0
Ora il costo di produzione del
bene include anche il danno
generato → non vi è più
sovrapproduzione del bene
t
p=BMG=BMGS
qsociale = qmercato
(C) Anna Maria Grazia Variato 2007
q
17
Economia Politica - 52021 - Treviglio
Tasse e sussidi
„
„
„
VANTAGGI
Sono compatibili con
un’economia di mercato
Sono strumenti flessibili
Inducono
comportamenti virtuosi
nel lungo periodo
„
„
SVANTAGGI
È impossibile imporre
tasse e sussidi diversi a
seconda delle differenti
esternalità e forme di
mercato
È difficile determinare
con precisione
l’ammontare di tasse e
sussidi necessari a
raggiungere l’ottimo
sociale
Leggi e regolamentazioni
„
„
„
Possono avere differenti finalità:
Proibiscono o regolamentano comportamenti che
generano esternalità negative
Scoraggiano le imprese dal fornire informazioni
false o fuorvianti
Regolamentano monopoli e oligopoli o ne
impediscono la costituzione
(C) Anna Maria Grazia Variato 2007
18
Economia Politica - 52021 - Treviglio
Le restrizioni legali
VANTAGGI
Sono semplici e
relativamente facili da
amministrare
È più sicuro vietare
determinati
comportamenti di cui
non sono ben noti gli
effetti piuttosto che
ricorrere alla tassazione
Sono più indicate
quando è necessario
agire tempestivamente
„
„
„
„
SVANTAGGI
Sono armi deboli senza
un meccanismo che ne
garantisca l’osservanza
Altri strumenti a disposizione dello Stato
„
„
„
Estendere il contenuto del diritto di proprietà
Fornire maggiore informazioni
Fornitura diretta di beni e servizi
oltre ai beni pubblici puri lo stato può decidere di
fornire beni anche per i seguenti motivi
– giustizia sociale
– beni caratterizzati da forti esternalità positive
– individui dipendenti da decisioni altrui
– ignoranza
(C) Anna Maria Grazia Variato 2007
19
Economia Politica - 52021 - Treviglio
Caso
Il caso delle politiche ambientali
8 Valutazione contradditoria del degrado ambientale
8 Valutazione dell’impatto ambientale nazionale vs.
globale
8 Conseguenze dell’inquinamento vs. distribuzione del
reddito
Caso
Strumenti di policy
Controlli Amministrativi
8 Costi di gestione elevati
8 mancanza di flessibilità nell’implementazione
8 effetti perversi sugli incentivi all’innovazione
8
8
8
8
Incentivi di Mercato
tasse sull’inquinamento
sussidi
sistemi di deposito-rimborso
permessi negoziabili
(C) Anna Maria Grazia Variato 2007
20
Economia Politica - 52021 - Treviglio
Caso
Regolamentazione vs. tassa
Profits costs
of pollution
(£ per unit)
Fixed emission
standard
MP
MSC
R
R’
0
E
Q* Qp Q
Output of paper mill (units)
Adapted from R Turner, D Pearce and I Bateman, Environmental Economics: An Elementary
Introduction (Hemel Hempstead:Harvester Wheatsheaf, 1994)
Caso
Il “Polluter Pays Principle” (a favore della tassa)
„
„
„
Genera incentivo per
l’impresa a ridurre
inquinamento
„
Riduce costi di
monitoraggio
Incentivi all’innovazione
e costi di inquinamento
incorporati in segnali di
mercato
(C) Anna Maria Grazia Variato 2007
„
L’inquinamento
potrebbe non essere
costoso o impossibile da
misurare accuratamente
Diminuisce il controllo
sulla quantità di
inquinamento generata
21
Economia Politica - 52021 - Treviglio
Caso
Quando preferire la norma
„
Elevati rischi per la salute pubblica
„
Presenza di elevati rischi di catastrofe ambientale
„
Difficoltà a misurare con esattezza la quantità di
inquinameto prodotta dal singolo
Lo Stato può sempre ripristinare l’efficienza?
„
L’intervento pubblico può avere alcuni effetti negativi:
portare effetti distorsivi sull’allocazione delle risorse
portando a:
„
„
„
„
„
eccessi di domanda e/o di offerta
non corrette valutazioni del benessere sociale (e dunque
dell’entità degli interventi) se non sono noti tutti i costi e i
benefici associati all’intervento stesso
generare costi amministrativi
ridurre o eliminare gli incentivi di mercato
ridurre la libertà degli individui nel prendere decisioni
economiche
(C) Anna Maria Grazia Variato 2007
22
Economia Politica - 52021 - Treviglio
Fallimento dello Stato
„
„
L’ipotesi secondo cui l’intervento dello Stato è
necessario al fine di prevenire o correggere
fallimenti di mercato è stata qualificata da:
preoccupazinoni in merito a fallimenti dello Stato
possibilità che il mercato sia in grado di ripristinare
autonomamente efficienza (Teorema di Coase).
Teorema di Coase
Le esternalità non richiedono
necessariamente l’intervento dello
Stato.
Il Mercato può correggere le
esternalità, purchè I diritti di
proprietà siano definiti e I costi di
transazione siano bassi
(C) Anna Maria Grazia Variato 2007
23
Economia Politica - 52021 - Treviglio
Fallimento dello Stato
Il Fallimento dello Stato si origina quando i costi
legati al tentativo di “correggere” le distorsioni
del mercato si rivelano più elevati del costo della
distorsione originaria.
Cause del Fallimento dello Stato
8 Assenza della ‘mano invisibile’
8 Informazione incompleta (anche lo Stato e’ ignorante)
8 Teoria della scelta pubblica
‘I partiti politici formulano le proprie politiche per vincere le elezioni,
invece di vincere le elezioni per formulare le proprie politiche’ Prof.
Anthony Downs
8 Distorsioni create da tasse e sussidi
(società che beneficiano di posizioni di rendita e presenza di
‘grantepreneurs’)
(C) Anna Maria Grazia Variato 2007
24
Economia Politica - 52021 - Treviglio
Soluzioni al Fallimento dello Stato
„
Strategia 1: Riduzione della fornitura diretta
„ privatizzazioni
„ out-sourcing
„ imposizione di standard
„ regolamentazione
„ Strategia 2: Uso di incentivi di
mercato invece della norma ove
possibile
„ Riforma del settore pubblico
utilizzando vantaggi del settore privato
8 Management per obiettivi
8 Incentivi
Dalla micro alla macroeconomia
L’analisi di equilibrio generale è sufficiente a spiegare
in modo esauriente gli equilibri che si instaurano nel
sistema economico?
C’è coincidenza fra analisi di equilibrio generale e
Macroeconomia?
(C) Anna Maria Grazia Variato 2007
25
Economia Politica - 52021 - Treviglio
Il Ragionamento economico richiede la comprensione
simultanea di fatti contradditori
Lo scrittore americano F. S. Fitzgerald scrisse:
“Il test per valutare una mente di prima qualità è l’abilità
di gestire due idee contraddittorie nello stesso istante”
A questo punto del vostro percorso di microeconomia vi
è richiesto di gestire simultaneamente tre caratteristiche
in un certo senso conflittuali rispetto al meccanismo di
mercato
Fonte: Economics 3° Edition, Professor Timothy Taylor pp. 104-105
1: I Mercati sono istituzioni straordinariamente utili,
attraverso cui la società può allocare risorse scarse.
2: I Mercati talvolta producono risultati indesiderati.
(In altre parole) I mercati non sono in alcun modo
perfetti.
3: Lo Stato può talvolta agire per ridurre i problemi del
Mercato, ma il fallimento dello Stato può rendere lo
scenario ancora più complesso. Perciò anche l’azione
dello Stato è imperfetta.
Fonte: Economics 3° Edition, Professor Timothy Taylor pp. 104-105
(C) Anna Maria Grazia Variato 2007
26
Economia Politica - 52021 - Treviglio
La sfida è nel restare pragmatici:
9 Essere specifici rispetto al problema del mercato
9 Essere specifici rispetto alla soluzione
9 Essere realistici rispetto a quanto lo Stato sta facendo
effettivamente
9 Affrontare rischi e trade-off apertamente
Se agite in questo modo, se pensate in questo modo,
vi state comportando come un’Economista.
Fonte: Economics 3° Edition, Professor Timothy Taylor pp. 104-105
(C) Anna Maria Grazia Variato 2007
27
Scarica

Equilibrio Economico Generale Economia del Benessere